Sto caricando...

Romina Falconi
Certi sogni si fanno attraverso un filo d'odio

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Certi sogni si fanno attraverso un filo d’odio


“Ti bastano i capelli per pensare che son scema

ma é per sopravvivere che Circe entra in scena

non sembro mai credibile allora me la gioco

tra una battuta e un’altra , io sorrido e faccio fuoco”

da “Circe”

Valutare un album d’esordio é sempre un po’ difficile. Valutare un album pop-dance in italiano é ancora più difficile.

Un primo disco porta con sé tante aspettative, la voglia di mostrare al mondo intero tutto quello che si ha da offrire. A volte ci sono pezzi che rimangono nel cassetto per anni, in attesa di un album in cui essere inseriti e risultare organici. Altri nascono in pochi minuti e finiscono lì. Insomma, un esordio é un po’ un “o la va o la spacca” e Romina Falconi l’ha capito, avendo atteso a lungo questo momento. Per questo motivo, ci ha infilato un po’ di tutto quello che aveva scritto nell’ultimo decennio.

Con questi 19 brani la Falconi si butta senza riserve. In alcuni casi atterra sul morbido con pezzi che, nel loro sound pop-dance, fanno centro (ad esempio “Il mio prossimo amore”; “Eyeliner”, “Circe”), mentre in altri episodi si disintegra al suolo con pezzi meno riusciti (“Mi trovi qui”, “Viva lei”). Non é un album che fa della continuità concettuale o sonica il suo punto di forza (al contrario del suo successore).

Il meglio del disco arriva quando la cantante romana si allontana dai territori della canzone italiana per inoltrarsi in territori di oscura dance-elettronica (“Circe” e “Lista nera” sono due esempi molto potenti) creando un’atmosfera notturna molto intrigante.

Un altro pregio di “Certi sogni” é la maniera in cui la cantautrice riesce a racchiudere i concetti che vuole esprimere in frasi che colpiscono al primo ascolto e spingono l’ascoltatore a premere repeat varie volte (cosa che a parare mio é sinonimo di buon pop). Il ritornello di Playboy (“ed é come andare a zoccole e pretendere le coccole”) ne é uno degli esempi perfetti.

Romina é a parer mio una delle poche che porta avanti un discorso di pop-underground in Italia con coerenza e caparbietà. Le idee sono tante, così come é elevate la dose di coraggio. Inversamente proporzionale é la quantità di mezzi a disposizione dell’artista. Questo é un chiaro esempio di come, anche grazie al web, con le idee chiare si può essere vincenti e creare una propria nicchia dal (quasi)nulla.

Qui il testo di “Lista nera” che é un breve sunto dell’atmosfera dell’intero album:

C'è una serie di persone da evitare;
Amanti, buchi neri, gente intestinale...
Crocerossina mia, adesso ascoltami:
Tu non lo salverai. Dai scappa! Arrenditi!

Il "logorroico" vuole aggiungere un concetto,
Io gli direi: "Sì, t'ho capito ma che hai detto?"

L'uomo "interruptus ", tira su col naso che è un folletto,
è tossico giorno guasto a letto!

L'"anaffettivo" ti ricoprirà di ansie
E se gli dici "Ti amo" ti risponde "Grazie"!

Il "possessivo" è un succhia-cuore e non si arrende
Non ti stupire se hai le spie nelle mutande!

Lui...
Mi ha detto addio
Mi amava troppo
Com'è che non scoppio

C'è il tipo "carpe diem", sta fermo lì,
Diventi vecchia se aspetti che lui si sblocchi!

Vattene via! E' meglio così!
Vuoi restare amico, ma amico di chi?
No, no, no... Lista nera...
Finisce qui! E' meglio così!
Non è colpa tua se sei nella mia lista nera!
Lista nera

L'"artista incompreso" non può starti dietro
Si vende anche la mamma pur di essere noto!
C'è il "maledetto", poi, che beve come un lavandino
Non tocca e ti mitizza e lui oltre il giardino!
L'uomo "Fantozzi" ha una moglie che non vuole,
Dei figli che non vuole, ma senza te, lui, muore...
Chissà perché non fa progetti ma ti dice "Ti amo"
Sceglierà sempre "lei" e stare sul divano!
L'uomo "dissenteria" è quello che dà ai nervi
S'accorge che ti ha perso quando è ormai troppo tardi!
Poi c'è il bugiardo, quant'è carino...
è capitato a tutte... l'"Aladino"!

Lui...
Mi ha detto addio...
Vuole il suo spazio...
Gli metterei un razzo...

L'uomo "revivial", non so, ti pensa e poi
Tornerà quando sarai guarita da lui!

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sei)

G
G Alto Papàvero
Opera:
Recensione:
Gli metterei un razzo...


JOHNDOE: razzo? la R è abbastanza vicina alla C sulla tastiera... errore di battitura? XD
Sullenboy: "lo vuoi tutto intero o ti basta il pensiero?" cit.
Sullenboy
Sullenboy
Opera:
Recensione:
Flame
Flame
Opera:
Recensione:
scrivi bene, ma ha un po' dell'annuncio promozionale. Ho sentito il pezzo sotto la copertina e sinceramente non mi è piaciuto niente, odio le canzoni troppo verbose


Sullenboy: Lei é un pezzo de core in effetti. Può essere che sia molto protettivo.

Io amo la verbosità, quando le parole sono messe al posto giusto.
IlConte
IlConte
Opera:
Recensione:
Sinceramente questa non mi è piaciuta molto.
Scrivere benino non porta automaticamente belle recensioni, soprattutto qui. Mettere tutto un testo... mah.
Ma magari non ho capito io... che è molto probabile.
Il pezzo è terribile, quanto più lontano da ciò che io penso sia buona musica rock ... o pop.


Sullenboy: Capisco e in realtà non si tratta di capire o non capire, ma di diversi modi di sentire. Pensa che stavo per fare la recensione solo con il testo che per me bastava a descrivere il tutto. 😊
Sullenboy: Comunque in quale delle tipologie di animali nel testo ti ritrovi? Io un po' in tutte
Sullenboy: 😀
IlConte: Ora io non so quanti anni abbia la ragazza e quanti tu
Lo dico perché a me questo testo mi sembra infinitamente infantile - tipico della classica 35enne più o meno mezza esaurita (in senso buono eh, io sono esaurito e nevrotico da sempre, figurati) -
Mettersi a fare l’elenco delle tipologie degli uomini incontrati... lo si può fare giusto per ridere con le amiche alla classica cena annuale di sbrago totale.
Detto ciò sono l’ultimo che vuole dare giudizi soprattutto quando non conosco. Il pezzo non mi piace proprio per nulla ma magari altri si.
Ah dimenticavo che dei testi comunque non me ne frega nulla di nulla.
Sullenboy: Non ti preoccupare, puoi pure dare giudizi, siamo qui per questo. Ma quante canzoni di uomini che stilizzano le donne secondo schemi ben precisi (mamme, porche, salvatrici, demoni?). Che le donne possano fare lo stesso senza dover scadere nel cliché della trentacinquenne scelerata mi sembra sacrosanto. Esiste un cliché dell‘uomo 35 enne sclerato. Non credo, ma se esistesse, ne sarei un buon esempio.
IlConte: Forse non mi sono spiegato… per me l'uomo è molto peggio, ci mancherebbe
io odio l'essere umano e la sua ignoranza, figurati
Fossi una donna piuttosto che farmi solo toccare dal 99 per cento di questi ridicoli mi masturberei con felicità e allegria sempre e comunque!!!
Lao Tze
Lao Tze
Opera:
Recensione:
la conosco solo per la collaborazione con Immanuel Casto, dubito riuscirei a reggere un disco intero.


Eneathedevil
Eneathedevil Divèrs
Opera:
Recensione:
Ehi, Sullen, un giorno devi spiegarmi perché sprecare così tante volte l'accento acuto per "é" se in realtà si scrive "è". A Rominuccia, lo sai, voglio bene più di quanto ne meriti e mi chiedo se tu non straveda un po' troppo. Però "Mister no", dico la verità, mi garba a modino. Baci.


Sullenboy: Ahah perché ho la tastiera tedesca e faccio minchiate.

È vero Romina è un mio weak spot, ammetto che queste recensioni su di lei sono più un atto d’amore che delle vere recensioni. Comunque Mister no ❤️

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Certi sogni si fanno attraverso un filo d'odio è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link