Ryan Bingham
Mescalito

()

Voto:

C'è un'America che amo e allo stesso tempo odio, un po' come Peter Fonda che in "Easy Rider", strafatto e abbracciato alla statua nel cimitero, farfuglia: " Come hai potuto farti odiare tanto...... non mi hai mai amato ... fa che io ti ami ...quanto ti odio ...Io ti amavo ... e tu sei così stupida mamma!". E' l'America il cui "progresso civile" sta nell'automobile che schiaccia il vecchio cowboy Cable Hougue nel film di Sam Peckinpah, nella polvere della frontiera che avvolge la vita dei giovani John Grady e Rawlin nel romanzo di Cormac McCarthy, nei destini incrociati e maledetti di Pancho e Lefty nella ballata di Townes Van Zandt.

Adesso è anche un po' l'America di questo ragazzo, Ryan Bingham, che non riesce a nascondere i suoi venticinque anni nonostante la voce arrochita dalle notti trascorse a dormire nell'umido della roulotte di famiglia al seguito dei rodei in lungo e in largo il Texas. Il juke box nel bar dello zio gli aveva fornito la "materia prima" per ispirarsi nelle notti trascorse con la chitarra appesa al collo e la sua bravura gli valse un ingaggio per i fine settimana in una ballroom di Stephenville.

Ed eccolo qua Ryan, senza nessuna ruffianeria come purtroppo l'omonimo Adams, vestito con gli stessi sdruciti jeans di Willie Nelson e di Billy Joe Shaver e che per il suo esordio sulla lunga distanza scomoda personaggi del calibro di Terry Allen e Joe Ely, che sono garanzia di assoluta autenticità.

La produzione di Marc Ford, già chitarrista dei Black Crowes, assicura quella modernità che tanto fa piacere a noi ascoltatori che non abbiamo mai frequentato rodei o roadhouse e sogniamo ad occhi aperti un bivacco lungo le rive del fiume. Basta il primo brano per innamorarsi del disco e l'armonica in apertura di "Southside of Heaven" lascia il posto a una ballata che richiama il nostro eroe Steve Earle con tanto di mandolini e banjo che sembrano non aver voglia di lavorare fino allo splendido finale in progressione sonora. Ancora non basta, perché la slide di Marc Ford insiste a declinare accenti southern in "The Other Side" e in "Bread and Water" dove i fantasmi degli allievi del professor Skynyrd danzano avvolti nella vecchia bandiera confederata. La struggente calma acustica di "Don't wait for me " e "Long way from Georgia", con la bella voce in primo piano, non debbono ingannare: Ryan con "Hard times", dove la scura slide di Ford è ancora in evidenza, e soprattutto con "Take it easy Mama" mette giù il vecchio lercio rock and roll che gli Stones dispensano a piene mani da decenni e con "Boracho Station " è pericolosamente vicino al Mark Lanegan ubriacone che ha passato il confine del Rio Grande. E in "Ghost of Travelin' Jones" rende omaggio alle grandi ballate country del maestro Terry Allen che gli fa l'onore di intervenire con la sua voce ad ammonire che non bisogna mai vergognarsi delle proprie origini.

Così Ryan non si vergogna di intitolare e cantare rabbiosamente una canzone "For What it's Worth" proprio come avevano fatto i Buffalo Springfield quarant'anni prima, quando quell'America sembrava poter essere madre benevola di tutti i captain America e i Billy che solcavano le sue strade a bordo di un chopper, una roulotte o un pullmino Volkswagen colorato come quello dei Merry Pranksters.

E allora non è per vergogna che in copertina Ryan Bingham nasconde la sua faccia sotto il cappello da cow boy, ma soltanto perché non ha importanza metterla in mostra, potrebbe essere quella di uno dei magnifici perdenti come Cable Hougue o John Grady, di Pancho o di Lefty, e sarebbe la stessa cosa.

Questa DeRecensione di Mescalito è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/ryan-bingham/mescalito/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sedici)

MAH!
Opera: | Recensione: |
Bella rece davvero e non ci saranno neanche handicap in futuro, e' un 5 tondo tondo. p.s. A quale Adams ti riferivi?
BËL (00)
BRÜ (00)

odradek
Opera: | Recensione: |
Questo invece, a differenza di altri troppo "ruvidi" per il mio attuale umore d'anzianotto che spesso recensisci, so già che mi piacerà. Grazie per la dritta. Forte, Joe Ely, che fine ha fatto?
BËL (00)
BRÜ (00)

bjorky
Opera: | Recensione: |
ciao amore! che copertina fica!
BËL (00)
BRÜ (00)

odradek
Opera: | Recensione: |
Ecco fatto: parte già benissimo, semplice e sincero, con Southside of Heaven, e McCarthy sullo sfondo. Si, credo mi piacerà...
BËL (00)
BRÜ (00)

ecioso
Opera: | Recensione: |
buono ,questo mi manca...ho letto belle cose sul Buscadero di novembre....speriamo
BËL (00)
BRÜ (00)

currahee72
Opera: | Recensione: |
Ottimo artista e buon disco. Se mi aiuti potremmo riempire Debaser con le recensioni di Joe Ely,James Mcmurtry,Steve Earle,Towes Van Zandt,Uncle Tupelo,Guy Clark,Lyle Lovett,John Prime,John Hiatt,Lucinda Williams,Joe Henry,Mavericks,ecc...
BËL (00)
BRÜ (00)

puntiniCAZpuntini
Opera: | Recensione: |
Non sò, gli manca qualcosa. Magari devo solo sentirlo nel momento giusto, voterò in seguito (se mi ricorderò)
BËL (00)
BRÜ (00)

shooting star
Opera: | Recensione: |
bella recensione e gran gran bel disco!! finamente anche lui
BËL (00)
BRÜ (00)

OleEinar
Opera: | Recensione: |
Potrebbe piacere anche a me, vedro' di verificarlo. Pagina splendida, e' sempre piu' un piacere leggerti, super. Per te, come per qualche altro DeRecensore, i complimenti non saranno mai abbastanza.
BËL (00)
BRÜ (00)

supersoul
Opera: | Recensione: |
Troppo buoni, per verificare se vi piace o meno basta cliccare a latere su "more info". E' il sito di Bingham dove si può ascoltare in streaming tutto il disco e nella sezione media vi sono dei video (no MTV!!!) documentari del making of. Questo ragazzo ha fatto un bel disco, speriamo non si rovini.
BËL (00)
BRÜ (00)

fusillo
Opera: | Recensione: |
Sentito qualcosa sul sito... Sembra davvero bravo.
BËL (00)
BRÜ (00)

fusillo
Opera: | Recensione: |
maxklimt
Opera: | Recensione: |
Sangue,sudore e Messico....avvolte intimista avvolte arioso mai pomposo....CHICKEN SKIN MUSIC!
BËL (00)
BRÜ (00)

Lewis Tollani
Lewis Tollani Divèrs
Opera: | Recensione: |
Cazzo supesoul... questa l'avevo persa per strada. A parte il disco in questione, che stasera ascoltero' attentamente, nella rece fai riferimento a talmente tante cose che bisogna essere un po' spostati per conoscerle tutte (è un complimento che mi/ti faccio)... 100 anni della migliore storia americana... WOW
BËL (00)
BRÜ (00)

Lewis Tollani
Lewis Tollani Divèrs
Opera: | Recensione: |
Sto ascoltando ora Southside of heaven... grazie supersoul era proprio quello di cui avevo bisogno...
BËL (00)
BRÜ (00)

Vì
Opera: | Recensione: |
bel disco 3.5, ma solo per una questione di gusti, molto genuino.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: