Sto caricando...

Sabina Fedeli; Anna Migotto
#AnneFrank. Vite Parallele.

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Pensato come punto d'incontro, all'apparenza impossibile, tra le vite parallele dei sopravvissuti alla shoah e quelle delle nuove generazioni, "# AnneFrank - Vite Parallele" ci ricorda l'importanza fondamentale della parola testimonianza , l'unica in grado di alimentare la memoria .
Emblema della testimonianza è, sicuramente, il "Diario di Anne Frank". Su di esso ruota l'intera opera cinematografica, mostrando contemporaneamente il parallelismo/non parallelismo tra la vita e i racconti della giovane Anne Frank , la vita e i racconti di altre donne sopravvissute alla Shoah e l'incidenza di questi racconti sulla vita delle nuove generazioni. I tre piani narrativi delineano una traiettoria specifica, da non dimenticare, che parte dal passato , arriva al presente e prosegue dritto verso il futuro .
La giovane Anne voleva avere uno scopo, voleva essere utile anche dopo la sua morte; il suo Diario e, di conseguenza, questo film non fanno altro che dimostrare il suo successo, l'aver raggiunto il lodevole e memorabile obiettivo.
Dalla visione di questo film emergono due concetti base: 1) la Shoah è un'onta indimenticabile; 2) distruggendo l'infanzia si distruggono infinite possibilità.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Tre)

Martello
Martello
Opera:
Recensione:
Bella #Zot


JOHNDOE: troppo lunga per essere considerata zot
123asterisco: Stavo scrivendo la stessa cosa.
Martello: Giusto. Però ha buone intenzioni da #Zot
123asterisco: Questa cosa dei link che rimandano a instagram non l'ho capita.
IlConte: Io non ho capito nulla di nulla ma preferivo rimandi a dei pompini con classe, savansadir
DDQ: @[123asterisco] non so neanche io come cazzo ho fatto ad inserire quei link che rimandano ad Instagram... lasciateli perdere
123asterisco: Ahahahahaahahahaha
IlConte: Ahahahahahahah
proggen_ait94
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
"Dalla visione di questo film emergono due concetti base: 1) la Shoah è un'onta indimenticabile; 2) distruggendo l'infanzia si distruggono infinite possibilità."
nel seguito, #abbasso_hitler_kawaii, altre preziose rivelazioni come "la guerra uccide", "followatemi", "no ai cattivi"

che ve possino


snes: l'audacia e la lungimiranza di certi registi e distributori italiani.
DDQ: Premetto che non stiamo parlando di un film capolavoro ma, detto questo, credo che l'idea di avvicinare un pubblico più giovane attraverso l'utilizzo di un linguaggio diverso (l'hashtag nel titolo ne è l'evidenza), attraverso l'utilizzo di una giovane protagonista, attraverso l'utilizzo di escamotage narrativi legati all'universo adolescenziale etc... non sia poi così malvagia. Inoltre, tutto questo crea il parallelismo/non parallelismo di gioventù: Anne Frank morta giovane, giovane scrittrice che si rivolge a giovani contemporanei. Se non si fosse capito, il film è pensato per i giovani, mi pare evidente. E sono i giovani a dover imparare ed assorbire il ricordo, la memoria. Questo era l'obiettivo. Poi, non sono da trascurare le bellissime testimonianze presenti nel film. Quindi, sicuramente non un capolavoro ma un film godibile.
snes: credo che l'unico obiettivo che centrino queste operazioni sia quella di far dire a chi le subisce: "sì, grazie per averci detto che gli ebrei son stati perseguitati, grazie, è una cosa che non avevamo mai sentito."
snes: cioè: tu non devi far capire niente a nessuno, le cose comprensibili, la gente le capisce. punto. e non tutti la pensano come te, quindi c'è pure gente che l'olocausto lo ricorda con gioia, e non è facendo un film che queste cose cambieranno. però se ti presenti con l'idea di un film sulla shoa un produttore e un distributore li trovi con meno difficoltà di chi magari vuol girare un film sulle persecuzioni subite dal popolo Rom, o che magari vuol solo girare qualche cosa di più simile a un film e meno ad una predica, che ne so, un film di fantascienza. l'ultimo film di fantascienza italiano cos'è, Nirvana (1997)? E anche lì, se non c'era il nome di Salvatores col cavolo che qualcuno lo produceva.
DDQ: Quindi a un ragazzo di 14 anni tu diresti di non andare a scuola perchè tanto "non devi far capire niente a nessuno, le cose comprensibili la gente le capisce"? Questo film è pensato per i giovani, ai giovani le cose vanno insegnate. Se ti aspettavi un film del livello di "Apocalypse Now" per un pubblico giovane...beh, secondo me non era proprio questo l'obiettivo.
snes: no, a scuola ci deve andare e gli devono spiegare l'olocausto, è il posto corretto in cui farlo. è nel tempo libero che se gli ripeti quello che gli han detto a scuola, è molto probabile che il giovine ti mandi affanculo.
DDQ: Questo film mi sembra una buona integrazione. A volte un'immagine può rimanere molto più impressa di un testo scritto, così come una testimonianza reale di una persona che ha vissuto quei momenti.
proggen_ait94: Non dico neanche che hai torto, solo che l'olocausto è veramente una delle tre robe che tutti conoscono e a nessuno annoia (infatti di film a tema ne escono una dozzina all'anno giesubbello), quindi alla fine il film capitalizza sulla banalità e gioca facilissimo nella speranza, probabilmente, come dice nes, che i soldi rientrino. Solo che secondo me sto film non lo guarderà nessuno.
Oh, invece mi sono visto l'adattamento dell'invasione degli orsi in Sicilia, quello di Buzzati, veramente un bel film d'animazione italiano come non ne vedevo da anni.
123asterisco: @[proggen_ait94]: per forza, è di Mattotti, uno dei più grandi disegnatori viventi!
snes: L'invasione ce l'ho da vedere da mesi. Appena inizio le ferie me lo guardo.
123asterisco: Se hai tempo e riesci a trovarli, ti conosco di leggerti qualche suo fumetto: Jekyll e Hyde è tra i più belli, ma tutti meritano.
(https://it.wikipedia.org/wiki/Lorenzo_Mattotti)
DDQ: @[proggen_ait94] "La famosa invasione degli orsi in Sicilia" lo volevo vedere al cinema ma poi, purtoppo, non c'è stata occasione. Mi ispirava moltissimo! Lo recupererò senz'altro, è già nella lista :D
proggen_ait94: grazie 123*, lo aggiungo alla listona che mi fece nes
Gran bel film, narrato poi da Camilleri voce narrante bello biascicone e terronissimo (i suoi libri mai mi interessarono ma adoro sentirlo parlare)
proggen_ait94: madò, vedo ora che ha incassato meno di 1/10 del budget e che ha disintegrato lo studio francese che l'ha prodotto...
sfascia carrozze
sfascia carrozze Divèrs
Opera:
Recensione:
Mi perdoni la DeDomanda ma essendo poco (anzi nvlla) "social" Le chiedo:
a cosa servono tutti qvesti #ascitagghi presenti nella DePagina?
Così, #persaperlo


DDQ: Avevo già risposto sopra: non so neanche io come cazzo ho fatto ad inserire quei link (perchè non ho usato hashtag)...lasciateli perdere. E' un complotto di Debaser :D

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di #AnneFrank. Vite Parallele. è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link