Sto caricando...

Shiva Burlesque
Mercury Blues

()

Voto:

Ed ecco un altro secondo lavoro che in tanti, erroneamente secondo me, hanno etichettato inferiore all'esordio. Immediata la bellezza al primo impatto che viene supportata, dopo alcuni ascolti, dall'interfaccia intima che poi non ti molla più.

Tutti i pezzi coinvolgono e raccontano vari livelli di percezione in maniera diretta, partono chitarre acustiche, trombe, archi, che creano un'atmosfera profonda ma dinamica. Siamo in pensieri che sublimano il ricordo della nostra traversata oceanica in nave, indi lanciati nella polvere del viaggio sopra una diligenza che ci trasporta non si sa dove. Il distacco è dolce.

La voce di Jeffrey Clarke (musica e testi quasi tutti da lui) rimanda a doorsiani ricordi ma l'originalità e l'imprinting sono tutti suoi. E capiamo che belle ossa si è fatto Grant Lee Phillips, poi Buffalo, anzi oserei dire che con questi due lavori con gli Shiva è partito col botto, conseguenziali poi i suoi lavori solistici con una così intensa gavetta attiva con Clarke.

E mentre il primo disco ci estasiava con ballate onirico psichedeliche tutto sommato apolidi, in questo qui si gusta un suono che devia su trascendenza western, che ci fa vedere l'altra faccia della frontiera, quella favoleggiante, imperlata della magia degli orizzonti infiniti americani ammirati nella fretta, essendo impegnati a costruire la sopravvivenza.

Partite a poker giocate nel deserto dentro miraggi di saloon, il succo di cactus è riconciliante dalla fatica pionieristica. È tutto lì davanti, cristallino, e la notte le stelle si vedono tutte. Nel ricordo del dolore provato sorridiamo felici. PEACE!

Commenti (Dieci)

Caspasian
Caspasian
Opera:
Recensione:
Disco qui, raccomandato!
Prima di continuare su YouTube


Caspasian: Mi sono auto votato per sbaglio la mia recensione, si può togliere? @[sfascia carrozze]
Caspasian: E mi raccomando recuperate assolutamente anche il primo:
Shiva Burlesque
sfascia carrozze: Penzo di no.
Però se vuole posso compensare io con un sano 1+1
Mi facci sapere, eventualmente.
Caspasian: Facci(amo) un 2+0 e via? Visto il suo derango con l'uno mi ritrovo al Polo Sud e avrei già fatto il cambio di stagione...
sfascia carrozze: O accetta il metastatico 1+1 o non se ne fa gnente!
UH!
Caspasian: Non posso accettare l'uno agli Shiva Burlesque... 😉
MarkRChandar: Per me rimani sempre il migliore!
Caspasian: Qui siamo tutti i "migliori". 🙃
macmaranza: Siete degli aulici fabbricatori. E con questa cazzata, lo so, mi sono giuocato pure la mia residua autostima. Poveromac!
Caspasian: @[macmaranza] ⭐ grazie.
fedezan76
fedezan76
Opera:
Recensione:
Anche io preferisco questo al precedente.


Caspasian: Un esordio coi fiocchi l'altro. Grazie.
ZiOn
ZiOn
Opera:
Recensione:
"ballate onirico psichedeliche tutto sommato apolidi".

Un 5 trascendente a te.


sfascia carrozze: Anche io trovo superlativa qvesta afasia comunicativa.
Falloppio: Apolidi non so che sia.
Siete tutti dei bifolchi snob
Caspasian: Vaghiamo tutti in un certo senso. Grazie.
Falloppio
Falloppio
Opera:
Recensione:
Top of the Top


Caspasian: Concordo, da brividi. Grazie.
Almotasim
Almotasim
Opera:
Recensione:
"Siamo in pensieri che sublimano il ricordo della nostra traversata oceanica in nave, indi lanciati nella polvere del viaggio sopra una diligenza che ci trasporta non si sa dove. Il distacco è dolce". Ecco, mi sento già a casa.


Caspasian: Už jsme doma, děkuji.
lector
lector
Opera:
Recensione:
E che copertina!


Caspasian: Sembra fatta col pongo. Grazie.
Marcorock
Marcorock
Opera:
Recensione:
in equilibrio tra piu' stili. Il secondo mi risulta essere la coerente conseguenza del primo. 4 stelle ad entrambi. Bravo


Caspasian: "E Roma risorgerà più bella e più superba che prìa!" Grazie.
Caspasian: Due dischi da avere, ti rinfrancano con una sospensione che coinvolge tutti.
Marcorock: Con i 5 stelle, Roma deve proprio risorgere. L'hanno distrutta, annientata
luludia
luludia
Opera:
Recensione:
peace...


Caspasian: Ever... Thanks.
Conteverde
Conteverde
Opera:
Recensione:
Il primo , non credo di averlo mai ascoltato, dopo qst bella rece credo di rimediare, quel mondo " western"che descrivi cosi' bene sarebbe proprio da riscoprire alla guida di un van...


Caspasian: Tutte e due una bella esperienza. Grazie.
Farnaby
Farnaby
Opera:
Recensione:
Adorabile Grant Lee...in tutte le sue forme.
Bella riscoperta...bravo...


Caspasian: Li comprai appena usciti, appena 34 anni fa... Grazie.
Farnaby: Grazie a te...
Marcorock: 34 anni... sembra ieri. Quando, adolosecente negli anni 70, ascoltavo i gruppi degli anni 60,li immaginavo lontani negli anni, lontanissimi, quasi preistorici. Ma erano solo di 10 anni prima. in quest'ottica 34 anni acquisiscono hn significato incredibile ed non è incredibile che ancora se ne parli (e scriva).
Caspasian: La portata di questa "trance californiana" mette da parte il contare il tempo. Se penso a un disco tipo quello dei Doubting Thomas (Another Way of Knowing) è fantascienza...

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Mercury Blues è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link