Sinister
Syncretism

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Esiste una band che da sola rappresenta gran parte della storia europea del Death Metal: gli olandesi Sinister.

Non hanno mai ceduto a tentazioni "commerciali" nell'arco di una carriera prossima ai trent'anni.

Sempre e solo fottuto Death Metal. "Syncretism" è il tredicesimo album di questi autentici veterani del macello sonoro.

Solita copertina blasfema il giusto.

Solite tematiche contro qualsivoglia religione.

Melodie (nell'accezione più pesante del termine) infernali, ritmiche da vertigine, riff oscuri pregni di malvagità, improvvise e psicotiche accelerazioni che ti segano in due: questi gli spropositati ingredienti di un disco tormentato, cinico che non conosce la parola tregua nel suo opprimente sviluppo temporale.

"Splatterano" (maronna che termine!!) nove brani per quasi cinquanta minuti frenetici, caotici. Ma si tratta di un chaos organizzato visto la valenza tecnica della band. La prestazione del batterista è semplicemente spaventevole.

Nota di merito per il vocalist Adrie "Aad" Kloosterwaard, l'unico rimasto della line-up originale: un demone posseduto capace di vomitare un growl pesantissimo, primordiale, putrido, offensivo.

Sinistri racconti dal nero abisso.

Non serve altro; inutile segnalare anche un solo brano. Disco Death Metal del 2017...DIABOLICAL SUMMONING...

Diabolos Rising 666.

Questa DeRecensione di Syncretism è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/sinister/syncretism/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sette)

sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
Ah! Ma trattasi addirittura di disco nuovo? Io pensavo si fossero sciolti intorno al 1995. Per quel poco che ricordo mi son sembrati un'entità di seconda fascia (anche terza, và) all'interno del rigoglioso calderone thrash/death europeo. Mò gli do un assaggio fùgace (tanto sarà una emerita..) e poi torno a massacrarLa per benino. UH!
BËL (01)
BRÜ (00)

GenitalGrinder: Vai a dare un'occhiata al video che ho appena postato!! Assolutamente di prima fascia gli olandesi per me cazzarolllla.
sfascia carrozze: Cacchio.. avevo scritto un commentone luuuuuuuuuungo con un sacco di scemenze da paura e... il DeBasio se l'è inghiottito senza pubblicar(me)lo. Non ho voglia di ripensarlo/riscriverlo. Sunto: il brano, in effetti, non suona "male" ma potrebbe essere di chiunque. Se si candidano per la Anonima li prendano al volo. Il video, soprattutto l'intro (tutto fuoco & flames), ma-anche-no. UH! E poi non dica che non sono un guerrafondaio gentiluomo.
The Decline
The Decline Divèrs
Opera: | Recensione: |
Finalmente qui si risentono badilate di death all’europea come (da loro) non se ne sentiva da un pezzo. Poi che c'entra, Hate o Cross the Styx valli a pescare ma, rispetto a quei recenti minestroni insostenibili tirati alla cazzo, qui almeno si arriva in fondo scapocciando dignitosamente.
BËL (02)
BRÜ (00)

The Decline: E comunque prima di etichettare un qualsiasi disco death come ''disco death dell'anno'' si va sempre a controllare se gli Immolation hanno fatto uscire qualcosa di nuovo
GenitalGrinder: Sinister, Obituary ed Incantation: ecco il mio podio Death Metal 2017. Onestamente non ho ancora ascoltato il nuovo Immolation, giovine e virgulto The Decline.
Almotasim
Opera: | Recensione: |
Ecco subito dopo un bel pranzetto con pasta al ragu' e paninetti multicerealosi con salame di cervo leggere di avventurosi voli pindarici, un tantino sanguinolenti, di death metal, di qualsiasi fascia elastica esso sia, non e' l'ideale. Ma si puo' ancora evitare l'ascolto, come inevitabilmente accade al cervo summenzionato. Quindi, signor GG, sappia che apprezzo che la band in questione abbia esperienza di mulini a vento, di biciclette che frenano pedalando all'indietro, di formaggio Edammer e Gouda.
BËL (02)
BRÜ (00)

GenitalGrinder: Non credo che i Sinister si dilettino con quanto tu affermi nell'ultimo rigo.
Almotasim : Che peccato. Cade un mito (che trascendeva il taleggio).
IlConte
Opera: | Recensione: |
"Non hanno mai ceduto a tentazioni commerciali", basta e avanza per me Nobile, Chapeau ad entrambi. Domattina dall'ufficio voto che dal tablet non riesco, ha i demoni come il suo "titolare".
BËL (01)
BRÜ (00)

GenitalGrinder: Non ascoltarli, è meglio....
spiritello_s: Sul commerciale non sono d'accordo...e l'ho scritto dopo.
IlConte: Ho riportato demarga e che cazzo ne so io dei Sinistri o Sinistrati o similari ahahah
lector
Opera: | Recensione: |

BËL (01)
BRÜ (00)

GenitalGrinder: Ci può stare il paragone lector!!
spiritello_s
Opera: | Recensione: |
Non conosco 'sti Sinistri ma non importa. L'importante è diffondere il morbo satanico in tutto il mondo...ma poi mi dico...il satanismo è o non è comunque alla fine una religione neppiù e nemmeno come quelle su cui si sputa (certi scaracchi non vi dico...) sempre e dippiù per banale scelta commerciale? Poi son anche olandesi...vabbè lasciamo fa' non si spara sulla croce d'ossa.
BËL (00)
BRÜ (00)

De...Marga...: La mia "non commerciabilità" era senz'altro riferita al loro sound che non è cambiato di una virgola rispetto agli esordi; certamente le tematiche affrontate nei loro testi sono sempre le medesime. Ma è fuori discussione che questi spaccano di brutto. Se vuoi partire con il loro approfondimento parti dal terzo album "Hate" pubblicato nel 1995 quando l'attuale cantante era impegnato alla batteria.
GenitalGrinder: Dovevo scriverlo io il commento sopra...azz. Che cazzo vuole sto DeMarga!!!!
IlConte: Ahahahahahahahah, anche io su vi ho confusi ziobestia!
De...Marga...: Ahahahahahaha come invecchiamo male vecchio mio!!!!!!!
spiritello_s
Opera: | Recensione: |
Si ho capito. Per me commerciale è ogni cosa sia in vendita quindi anche questo genere di musica. Poi ci sono le categorie e le scelte di affrontare temi o "settori" musicali di nicchia (ad esempio i più coraggiosi Meshuggah). Trovo più "originale" un album degli Atheist per scelte e tematiche di un qualsiasi gruppo satanico....anche se ciò non toglie che molti gruppi noti rientrino fra i miei preferiti. Sinceramente il metal satanico aveva senso alla fine degli anni 80 ed inizio 90...oggi mi pare appunto "una comoda scelta commerciale" per andare sul sicuro....ma agli albori dell'estremismo c'era la volontà di spingersi oltre e proporre nuovi strazi per schiaffeggiare il pubblico benpensante...oggi si dovrebbe avere un capellino più coraggio e proporre qualcosa di "diverso" o almeno sforzarsi di andare fuori dal solco tracciato dai mostri sacri. Ma è solo il mio parere di nostalgico.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: