Sneaker Pimps
Bloodsport

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


"Mia madre non mi ha mai detto che l'amore e' uno sport sanguinario" (Chris Corner)

Gia', e la mia non mi ha mai avvertito che e' difficile resistere ai luoghi comuni.

Faccio un esempio: diciamo che negli anni '90 nell'ambiente elettronico a farla da padrone e' il Trip-Hop e prendiamo due ragazzi (che poi diventeranno quattro) di Reading, Inghilterra con una passione per la nobile arte del Disc-Jocking (passatemi il neo-logismo) e una viscerale attrazione per i Depeche Mode, pensiamo che dopo un po' di underground in vari club e cantine riescano a metter su un progetto e per renderlo appetibile(dati i tempi) spruzzino qua e la sonorita' trippy e affidino il cantato a una dolce donzella come vuole la moda del tempo (1996).

Incredibile a dirsi ma se dentro l'album in questione (Becoming X) la canzone di punta si chiama "6 Underground" il gioco e' fatto: passaggi in Heavy-rotation, un jingle pubblicitario, la presenza in una colonna sonora (Il Santo) e una collaborazione, con un altro pezzo, con il Reverendo Manson nella colonna sonora di "Spawn", si, insomma, le cose vanno bene… e poi… e poi.. e poi niente gli anni '90 finiscono, il Millenium Bug porta via con se il dominio dei club calcistici italiani in Europa, il grunge e anche il Trip-Hop.

Peccato che i nostri di queste origini ne abbiano ben poche ma il rischio di collassare con tutto il sistema e' grande, e poi si sa, anatomicamente e mentalmente la verginita' non si ricrea, ma i nostri ci provano lo stesso: allora via Kelly Dayton(la cantante), che a dire la verita' mal si adattava al suono del gruppo e al suo posto il fondatore Chris Corner, ben piu' adatto all' interpretazione delle proprie liriche e Liam Howe (l'altro giovanotto di cui si parlava prima) di nuovo ad un lavoro piu' da tastierista che da disc-jockey.

Ma ormai la frittata e' fatta e i Sneaker Pimps gia' belli archiviati (e dimenticati) nel calderone Trip-hop… Una disdetta, perche' i lavori successivi degli ex Frisk qualcosa da dire pur ce l'hanno: infatti, se comunque non e' presente in questi un cambio trascendentale di suono, l'abilita' nel muoversi nell'elettronica e una ricerca piu' articolata nelle melodie fanno si che un calore nuovo avvolga i nuovi lavori. Il risultato e' che la voce piu' duttile di Corner e un arrangiamento finalmente un po' meno "artificiale" e piu' strumentale contraddistinguono sia "Splinter"(1999) e, soprattutto, "Bloodsport" (2002).

Qui scattano i miei dolori: "quale recensire prima?", beh! Dopo un rapido esame di coscienza prendo atto che il "su e giu'" emozionale che propone il secondo lo rende favorito in una mia potenziale scala affettiva. "Su e giu'" emozionale si diceva e in effetti quello che si nota gia' ad un primo ascolto e' il costante cambiamento d' umore da una track all' altra, se infatti il suono rimane sempre in ambiente dark-elettronico (ampi riferimenti ai gia' citati Depeche Mode, ai Joy Division ma anche ai Cocteau Twins) ci sono canzoni come "Loretta Young Silks" che propongono ritornelli accattivanti, ma anche pezzi come "Small Town Witch" e la stessa title-track che invece puntano piu' su "rebounds" ritmici, si orecchiabili ma sicuramente intrisi di una malinconia che ha il suo apice nella bellissima "Grazes".

Altra caratteristica fondamentale di questo lavoro e' il suono uptempo che lo riveste, da prima aggressivamente (le iniziali "Kiro Tv" e "Sick") per poi attenuarsi gradualmente nel corso dell'opera, fino a diventare un contorno che serve solo a contestualizzare meglio un lavoro che altrimenti suonerebbe un po' troppo retro'. Dentro a questo apparente concept spicca la diversita' di "Fuel", canzone che propone ritmi veramente taglienti e in cui si nota una certa riverenza per il sound di Gore & co., ma il bello e' che rimane appunto citazione e non sicuramente plagio. Molto interessanti le liriche che per lo piu' parlano di frustrazioni sentimentali e si trovano bene nell' ambiente musicale costruito dal quartetto inglese.

Insomma, un album diverso, poco convenzionale ma sicuramente non ostico, in cui ci trova spesso a battere il tempo involontariamente, grazie ai vari riferimenti dance che comunque si trovano abbondanti ma mai invadenti.

Purtroppo, come gia' detto, il disco non ebbe troppa fortuna commerciale, anche se registro' qualche buona critica, ma forse allora (e probabilmente anche adesso) i tempi eran poco adatti. per fortuna l'LP non corre il rischio di invecchiare precocemente percio' resta in paziente attesa, intanto Corner ha intrapreso un altro progetto chiamato "IAMX" e chissa' che un giorno…

Questa DeRecensione di Bloodsport è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/sneaker-pimps/bloodsport/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Undici)

sylvian1982
Opera: | Recensione: |
Bella recensione e buon disco. Non mi sembra però che lo stacco da Becoming X sia così netto. Splinter non ce l'ho ma dovrò sicuramente recuperarlo. Commercialmente stanno a zero e pure a critica non è che stanno messi molto bene.
BËL (00)
BRÜ (00)

Qzerty
Opera: | Recensione: |
Conosco solo la title track ed è un gran bel brano. La recensione è un pò lunga, comunque ottima segnalazione. 1 alla madre di Chris per la grave mancanza!
BËL (00)
BRÜ (00)

happypippo
Opera: | Recensione: |
questa recensione è nelle mie cord, complimenti. anche se non so niente di questo gruppo
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
Opera: | Recensione: |
Ringrazio tutti per i commenti. Ciao!
BËL (00)
BRÜ (00)

coso
Opera: | Recensione: |
Secondo me invece lo stacco tra "Becoming X" e i successivi c'è... nel senso che se il primo disco sfruttava (molto bene) il trend musicale di quegli anni, già in "Splinter" il gruppo virava su sonorità più emozionali, cariche di un certo "spleen". Guarda caso dopo il botto di "Six Underground" sono stati drasticamente dimenticati, non solo dal mercato (e questo ci può stare), ma anche dalla critica (e questo è un peccato). Personalmente preferisco il loro secondo album, che mi sembra più compatto e suggestivo, oltre che molto ben prodotto, con quella particolare compresenza di chitarre acustiche e tastiere misticheggianti ad affiancare l'esile voce sofferente di Corner...comunque anche questo è un bel disco e bene ha fatto il recensore a riportarci alla memoria questa band, ingiustamente assente su debaser. Bravo.
BËL (00)
BRÜ (00)

hugoniot
Opera: | Recensione: |
pensavo di aver già inserito un commento da quel dì..e quando in macchina ho riascoltato questo album mi è venuta in mente proprio questa rece..album molto bello per alcune tracce..altre le trovo banalotte
BËL (00)
BRÜ (00)

kk_dee
Opera: | Recensione: |
Bella recensione anche se a me è piaciuto più Splinter, nel complesso. Concordo pienamente con te che Grazes risulta essere, a mio avviso, un capolavoro. Quell'assolo di ghitarra distorto-elettronico mi fa veramente impazzire.
D'accordo anche sul fatto che la voce di Corner meglio si adatta al genere.
BËL (00)
BRÜ (00)

emofiliaco
Opera: | Recensione: |
Grazie! (sono il recensore..)
BËL (00)
BRÜ (00)

kk_dee
Opera: | Recensione: |
I voti... :-)
BËL (00)
BRÜ (00)

alia76
Opera: | Recensione: |
questo disco l'ho scoperto per caso ed è stata una rivelazione. davvero notevole
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Se t'interessa ora Corner suona sotto il nome IAMX. Grazie per esser passato
BËL (01)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: