Steno
La Patata Bollente

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Film del 1979 diretto e sceneggiato da Steno (Febbre da cavallo, 1976), interpretato ottimamente da Renato Pozzetto, Edwige Fenech e Massimo Ranieri.

E' la storia di un operaio, uomo tutto di un pezzo, soprannominato dai compagni (è proprio il caso di dirlo) Ghandi. Ghandi (Pozzetto) è un grosso sostenitore del partito comunista e della causa operaia e si occupa da buon sindacalista dei problemi dei colleghi (comabattendo con la classe dirigente per ottenere un depuratore da piazzare nella fabbrica di vernice dove lavora). E' fidanzato con una meravigliosa Edwige Fenech, un po' annoiaita dal suo essere spesso fazioso e monotematico, ma innamorata e con progetti concreti. Una sera Ghandi, tornando a casa, accorre in difesa di un giovanotto (Massimo Ranieri) pestato da una banda di teppisti nazisti, ed una volta fatti scappare ospita il malcapitato a casa sua. Non ci vorrà molto per scoprire che Ranieri è omosessuale.

La frequentazione del Ghandi farà vacillare la sua reputazione tra amci, colleghi e fidanzata. Un viaggio ricostituente nella patria comunista per eccellenza, la vecchia unione sovietica, lo aiuterà a rivedere le sue posizioni sessuali, sulle quali lui stesso aveva cominciato a dubitare. Si riapproprierà con forza della propria immagine e virilità, continuando con forza a sostenere la causa del più debole e discriminato amico omosessuale.

Il film vuole illuminare sulla questione omosessualità e sottolineare la necessità di una presa di posizione del partito comunista anche rispetto a categorie dimenticate. Pozzetto è superuomo e paladino della difesa dei deboli e degli emarginati. Si vede accusare su tutti i fronti di essersi schierato a sostegno di figure discriminate e disprezzate, ma darà una lezione di carattere e porterà fino in fondo le sue idee e farà valere il suo carisma, contro tutti gli scettici. La recitazione è assolutamente convincente, soprattutto il cast maschile. Le tematiche, per l'anno in questione, fresche e significative.

Un capitolo di spessore della commedia italiana.

Questa DeRecensione di La Patata Bollente è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/steno/la-patata-bollente/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Tredici)

Slim
Opera: | Recensione: |
Gran Film! Bravo!
BËL (00)
BRÜ (00)

c'è
Opera: | Recensione: |
bello il film ma molto meglio il libro
BËL (00)
BRÜ (00)

iside
Opera: | Recensione: |
però la Fenech può competere con la Muti ("c'è" che c'è??)
BËL (00)
BRÜ (00)

happypippo
Opera: | Recensione: |
Pozzetto simpatico, Ranieri credibile, Fenech due tette così. Tra i meno peggio anche se tutto sopra le righe e scivolamenti nel dramma all'acqua di rose. Ma siamo nel decente intrattenimento. Visto al cinema Centrale nel '79 8Dio che vecchio che sono). In fondo mi sono divertito.
BËL (00)
BRÜ (00)

happypippo
Opera: | Recensione: |
Gandi, e Steno la sapeva lunga, è il comunista macho protoleghista. profetico
BËL (00)
BRÜ (00)

uxo
uxo
Opera: | Recensione: |
Omaggio a Gonzo: bè bù bààà!!!
BËL (00)
BRÜ (00)

Mopaga
Opera: | Recensione: |
Molto bella la sposa olandese di Ranieri :-)
BËL (00)
BRÜ (00)

M.Poletti
Opera: | Recensione: |
Credo sia uno dei pochissimi film di Pozzetto guardabili (insieme a "Da Grande" ed al poco conosciuto "Saxophone"). Grandissimo Steno.
BËL (00)
BRÜ (00)

Skyvalley
Opera: | Recensione: |
Renato-"non sono un culattone"-Pozzetto è cult

BËL (00)
BRÜ (00)

Slim
Opera: | Recensione: |
Mitico "Saxophone", anche "Sturmtruppen" è meraviglioso!
BËL (00)
BRÜ (00)

iside
Opera: | Recensione: |
ma saxophone bell'animalone???
BËL (00)
BRÜ (00)

mario1
Opera: | Recensione: |
boh....................... troppo nel genere e non mi ha fatto neanche ridere.
BËL (00)
BRÜ (00)

vellutogrigio
Opera: | Recensione: |
Miglior film di Pozzetto, accanto al quasi coevo "Sono fotogenico" ('80) ed al di poco precedente "Ecco noi per esempio" ('77). Mi piace rimarcare la bravura dei caratteristi, oggi purtroppo scomparsi: gli eccellenti Clara Colosimo e Luca Sportelli nella parte dei portinai curiosi ed impiccioni, e l'ottimo Mario Scarpetta (nipote di Eduardo...) nella parte dell'amico e collega Walter. Bella anche la colonna sonora, specie il must "Tango diverso" [Tanto languido e sia/contro l'ipocrisia/dare scandalo è l'unica via/rose rosse per te/raso rosa per me....]. Sento la mancanza di artigiani come Steno, e come lo stesso Pozzetto, nell'attuale panorama cinematrografico
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: