Sto caricando...

Stephane Batut
Vif Argent

()

Voto:

Versioni: v1 > v2

Abbiamo visto un pallido ragazzo, vestito come Marc Almond, vagare tra i mercati di Parigi ed il parco Buttes Chamont, il suo passato irreversibilmente smarrito ed il suo presente sospeso, come nel cinema vero ed autentico, tra la realtà ed il suo doppio, tra il Reale e Fantasmagoria.

La sera della Prima a “Le Champo”, eclissati in un angolo buio della sala, si dice che in quell’attimo sincopato tra un applauso e l’altro potessimo scorgere i sospiri di Jean Vigo, mentore, ispiratore e Premio di questo primo film di Stefan Batut – Vif Argent – che dallo stile fluido, acerbo ed indipendente di Vigo ha tratto fonte ed ispirazione .

Nella fantasmatica storia di Juste la sua memoria azzerata rivive attraverso i ricordi e le testimonianze delle anime che traghetta, da novello Caronte parigino con blazer in lamè. Registicamente ed inconsapevolmente perfetto Batut nella descrizione dei tragitti, che condurranno al Giudizio, paesaggi onirici realmente vissuti da anime che talvolta scelgono anche di ritardare il loro percorso e mirare la bellezza dei vivi e non solo ma sfiorare anche i loro capelli ed il loro corpo…

Ottima la fotografia di tale Celine Bozon che ricama di sogno ed arpeggia nella vita quotidiana di Parigi, perfetto l’incastro tra immagine ed il relativo cromatismo che flirta sempre con una dimensione straniata ed onirica.

E se tutto potrebbe sembrare anche ancestralmente ordinario ed anche Juste potrebbe dare l’impressione ogni mattina di timbrare compassato il suo cartellino prima di imbarcarsi per lo Stige, la mirabilia della vita ( terrena ) ed i suoi ricordi che affiorano inesorabilmente strapazzeranno ancora il cuore pulsante del jeune fantome, alla visione di Agathe …

Ed in un finale pirotecnico, dove l’essenza del sogno perde irreversibilmente tutti i suoi granelli di substrato materico, Batut ci fa riprendere il fiato e sospende silenziosamente la transizione costante, tra carne e spirito che aleggia in tutto il film.

Illuminando in quella notte fragrante di eternità, con il chiaror dele lucciole, il disperato e lirico abbraccio tra Juste ed Agathe, tra la pietra ed i mattoni del Ponte dei Suicidi, l’ultimo sublime incanto di una realtà capovolta, dove i vivi scompaiono tra le ombre della notte, dopo quel tuffo nell’acqua, liberatorio di Juste .

E Jean, da quell’angolo scuro della sala, sobbalza e sorride d’incanto.

Commenti (Cinque)

lector
lector
Opera:
Recensione:
Bella segnalazione


Conteverde: originale opera prima, mi sa che lo rivedo, grazie sire.
JonatanCoe
JonatanCoe
Opera:
Recensione:
Un tipo alla Almond, Parigi e il grandissimo Jean Vigo (L'Atalante tra i miei film preferiti di sempre) bastano e avanzano per convincermi a vedere la pellicola. Ottimo ragazzo!


Conteverde: Beh, diciamo che Almond è più che altro una mia reverie.
Qualcosa c'azzecca, o forse no, quasi come in una delle ( innominabili) e ( sontuose) Ri-Parodiax.
JonatanCoe: Le sfumature più belle sono nelle visioni e la tua è molto suggestiva e affascinante, fattelo dire da un visionario come me!
Caspasian
Caspasian
Opera:
Recensione:
"Cosa ce ne facciamo delle armonie degli angeli quando abbiamo trovato gli angeli in persona?" Quando si parla di Anima mi ci tuffo.


Conteverde: Secondo me , siamo circondati da Angeli. Però dovremmo anche avviare la disconnessione e la dissolvenza.
Almotasim
Almotasim
Opera:
Recensione:
Bella pagina Conteverde!


Conteverde: Ci proviamo, sempre, è dura ma, doucement e di traverso, contro la corrente. merci.
Conteverde
Conteverde
Opera:
Recensione:
Modifica alla recensione: «Vif Argent 4,5». Vedi la vecchia versione Vif Argent - Stephane Batut - recensione Versione 1


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Vif Argent è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link