Sto caricando...

Steve Hackett
Under A Mediterranean Sky

()

Voto:

Ogni tanto il buon vecchio (ormai son 71 suonati) Steve si ricorda A) di farsi una bella vacanza lontano dalle folle dei suoi concerti, B) che è un eccellente chitarrista classico, quando accade salta fuori un lavoro come "Under a Mediterranean Sky" e le due circostanze finiscono inevitabilmente per mescolarsi come in questa occasione. Ecco allora che vediamo nel booklet associato al doppio album, tutte le mete dei suoi viaggi mediterranei e ne ascoltiamo gli echi.

In realtà l'ultima fatica di Hackett si apre con un brano sinfonico di ampio respiro, a mio parere, ispirato dai Concerti per chitarra di Rodrigo sicuramente arcinoti al nostro eroe, anche se poi il primo titolo è "Mdina" ovvero la città fortificata di Malta, anziché la patria del grande compositore spagnolo; niente di grave anzi per rendere il brano ancora più amichevole Steve ci sbatte una bella ed ampia citazione di Tchaikowsky, citazione non citata.....cosa invero abbastanza normale sin dai tempi della celeberrima "Horizons" chiaramente tratta dalla Suite n° 1 di Bach (Preludio). Va beh ninte di grave, purché la Musica vada avanti! E così è con una bella composizione per chitarra solo ispirata a Steve dai profili montuosi della costa croata che certamente a qualcuno parra un po' noisetta, ma che fortunatamente lascia presto il passo a "Sirocco" brano decisamente orientalizzante con supporto d'orchestra e tabla, volto a ricordarci le atmosfere del deserto fra Giordania ed Israele fino all'Egitto e poi il lontano Marocco.

Il passaggio al lato B è molto carino ed azzeccato, negli arpeggi di Steve si sente davvero la "Gioia di Vivere" che a sua detta caratterizza lo spirito francese e le sue principali peculiarità: vino, cibo, musica popolare e pittura. Netto il contrasto con la successiva "The Memory of Myth" decisamente struggente e melanconica, in grado di richiamare perfettamente la Culla della nostra Civiltà, ma anche patria della Tragedia, della Poesia, della Prosa nonchè appunto dei Miti quali quello d'Ulisse: incarnazione per eccellenza della sete di Sapere umana.

E finalmente arriviamo a Casa Nostra, stavolta con un'ottimo arrangiamento (citato) di una sonata di Domenico Scarlatti, affiancato se non altro nei natali a due giganti dell'epoca che certamente, vedi sopra, Hackett conosce decisamente bene: Bach ed Handel. Da Napoli luogo di nascita di Scarlatti, a Pompei il passo è decisamente breve e giunto nel sito archeologico più celebre al mondo l'autore ci vuol far saper d'essere rimasto "incantato" (parole sue) dalla minuscola statuetta del Fauno nella villa omonima grazie ad un brano molto delicato, che ci mette tutti d'accordo!

E arriviamo all'ultimo lato del vinile, il terzo, con un nuovo passaggio forte in Turchia alla danza dei Dervisci richiamata in maniera fra il nostalgico e il melanconico, prima d'immergerci nel ritmo assolutamente fedele a quel rito d'origine persiana, tagliato è proprio il caso di dirlo, dall'irrompere dell'orchestra in chiave decisamente epica. Un brano molto ricco e complesso questo "The Dervish and the Djin", a mio pare il più riuscito anche per l'aderenza all'ambiente evocato a me abbastanza famigliare. Giusto per la cronaca i Dervisci sono una casta monacale islamica di cui i celebri danzatori rotanti rappresentano una specializzazione turca ed in particolare della scuola coranica di Konya sita nel centro dell'Anatolia, mentre Djin sta ad indicare un genio del male, da noi comunemente definito demone che il Derviscio vuole scacciare col suo esauriente ed estenuante rituale.

Si ritorna sulla terra (musicale) con "Lovato" che ci da il terzo punto e la vittoria sugli altri paesi mediterranei, ritraendo con un delizioso arpeggio la terra di Romagna raffigurata dalla bella Sant'Arcangelo, dove certamente Steve è tornato più e più volte, anzi in una di queste ci siamo pure visti in quel di Sogliano, qualche anno or sono. Ultima terra mediterranea ad essere omaggiata non poteva che essere la Spagna e segnatamente l'Andalusia il cui cuore musicale non può che portarci a Granada e la sua Alhambra dove molto naturalmente Hackett si scatena in un arpeggio decisamente complesso ed arricchito dal contributo dell' orchestra di Roger King.

Finale dedicato al richiamo del Mare (Mediterraneo) abbastanza di circostanza.

Morale? Un buon lavoro, curato e sentito, decisamente lontano dallo stereotipo del Pilastro portante dei Genesis che furono e dei lavori prog dello stesso Hackett. Ottima confezione dei 2 vinili corredati da CD per tutte le esigenze d'ascolto, cui non assegno il massimo punteggio prevalentemente per la mancanza d'originalità di quest'opera.

Commenti (Quattro)

Stanlio
Stanlio
Opera:
Recensione:
Da come lo descrivi sembrerebbe abbastanza commestibile agli amanti della sei corde.


silvietto: Lo è! L'impegno per l'acustica è notevole, l'impiego dell'orchestra è giusto per "muovere un po' le acque......
sergio60
sergio60
Opera:
Recensione:
Ciao Silvietto.. Ogni tanto ti fai vedere...


silvietto: Hai ragione Sergio, anche voi mi mancate!
sergio60: E allora vieni.... Tuffati nel gran marasma del debaser.. 😜
silvietto: Caro Sergio, hai ragione, vi seguo sai; purtroppo sto maledettissimo virus mi ha complicato parecchio il vivere quotidiano! (e sicuramente non solo a me....). Questa recensione era obbligatoria, vista la mia stima d'antica data per Hackett che è direttamente proporzionale alla tua per i Purple. Con affetto.
sergio60: Bhe... I Purple mi piacciono ma non sono tra i miei preferiti, Nell hard rock ho 2 gruppi preferiti i Sabbath e gli inossidabile e inarrivabili zeppelin... E comunque Hackett piace molto anche a me..
silvietto: Certo Sergio, ricordavo bene! Quella sui Purple era una "provocazione" ad un vero amante degli altri 2 pilastri della santissima trinità del rock, mi pare poi fossi più per i Zep che per i Sabbath.......... In quanto ad Hackett, una volta lasciati i Genesis si capì chi ne era veramente l'anima!
London
London
Opera:
Recensione:
Pur apprezzando i suoi dischi fino al 1981 lo ritengo limitato nelle idee, sempre quelle e girate e rigirate.


silvietto: Dai su ha fatto qualche cosa di buono anche dopo, più che buono ce ne fossero!
dsalva
dsalva
Opera:
Recensione:
Bene, seguirai la mia rassegna allora
#horizons
Non l'ho ancora acquistato, lo farò perché di Hackett non si butta niente e si prende a scatola chiusa. Passo anche a deamarti che non l'avevo ancora fatto...romagnolo pure tu mi pare, giusto?


silvietto: Lugo. Grazie per l'affetto.
dsalva: Faenza, grazie a te

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Under A Mediterranean Sky è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link