silvietto la sua scheda

DeRango: 0.29 | DeContrasto: 0.15 | DeEtà™: 1307 giorni

Classe '56. Esordio d'ascolto '70 1° ELP 1.700 CD.Stop.

Saluta con gioia!

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

I saluti che quest'utente ha voluto ricevere

sergio60
Ah silvie....ma sto pupo sei tu allora oppure è tu fijo....me sa ch è tu fijo.eh....
BËL (00)
BRÜ (00)

silvietto: Dai sergio come puoi pensare fossi io? Prima che tu nascessi non si usava la macchina fotografica con pellicole a colori! Le reflex le avrebbero inventate in seguito. E' mia figlia Sofia a 2 mesi, quando il suo papà la fotografò in buona, ormai diversi anni fa.
sergio60: Bhe complimenti ..ha un sorriso che mette pace...al contrario io non poddo inserire foto ne mie ne dei miei due figli non mi riesce di postare un audio figurarsi una foto....e si che se mettessi una foto di Bea ...ci sarebbe la fila per chiedermi l amicizia..credimi non è amor paterno ....è che è bella davvero. ...fine sbrodata "i miei figli"....
silvietto: Sono "piezze core"! Beh anche Sofia ha i suoi ammiratori........però meglio che non si montino la testa. Credo di essere uno dei pochissimi ad aver inserito una foto domestica (scattata con culo pazzesco perché per avere un'espressione del genere puoi anche stare ore inutilmente), anche se davvero datata.
Non è difficile, Sergio, basta personalizzare il tuo profilo con una immagine in formato jpeg, se l'ho fatto io che sono più anziano.........
sergio60: No guarda c ho provato in tutte le salse...ma è probabile che dipenda dal pc è vetusto e non supporta diversie app
sergio60
ehi qualcuno più vecchio di me!....un abbraccio ..Sergio
BËL (00)
BRÜ (00)

silvietto: Beh, non sarò mica il solo! Qui dentro ce ne sono anche più in la di me con l'età, non è mica grave, anzi del tutto naturale direi. Ed anche quelli che hanno più album di noi due messi assieme........ Come gusti siamo lì salvo forse che nella classica io sono per i grandi Russi, magari è solo colpa di EL&P. Ricambio "spina".
sergio60: Ciao...bhe sai. ...non so per te ,ma a me capita ,quando mi reco dal mio spacciatore di vinile,di parlare con avventori solitamente molto più giovani di me, e questo di solito fa che la discussione finisca quasi sempre con me a dare dritte su Cosa avere e cosa evitare....è si piacevole e stimolante ma mi manca quel particolare in cui ci si scambia le informazioni ....coda che su questo sito invece avviene....ecco perché ,pur sapendo che ci sono persone della mia età ,la cosa mi ha fatto piacere. ..la scuola russa....non ho preclusioni verso quella scena. ..ma non è un caso per me il fatto che adoro stravinsky ma il resto mi limito ad ascoltarlo se capita ....non so come spiegarti. ...non mi ga impazzire l uso degli ottoni nelle sinfonie russe....hai presente prokofiev? .....ho invece una smisurata adorazione per bach....a distanza di quasi 300 anni la sua musica è di un attualità imbarazzante. ..sarà perché ha codificato in maniera definitiva la scrittura con "l invenzione "dei semitoni sarà che il suono delle sue opere è collocabile in quell epoca solo per gli strumenti usati ,visto che le partiture sono senza tempo,emerson docet...a parte questo ...si lo penso anch'io abbiamo più o meno le stesse fisse...una domanda vorrei fartela se permetti....a che numero sei arrivato con i dischi?.....io più o meno tremila....tra lp e cd...
silvietto: Certo coi giovani si gioca facile, specialmente ai concerti.
Di Bach se n'è accorto più Hackett (Horizon è un netto plagio) che Emerson, più orientato proprio ai grandi Russi Mussorgsky e quel Prokofiev che ti piace.
Gli LP non li conto più ed ascolto solo quando voglio fare il salto di qualità acustico, ovvero quando c'è un "The Court of Krimson King" per esempio, per i CD il conto è quello sopra. Complessivamente siamo lì.
Adoro gli ottoni, ma ci vuole un bel finale di potenza e casse adeguate, oltre ad una stanza ben insonorizzata se no con la "Sinfonia dal Nuovo Mondo" o "La Grande Pasqua Russa" rischi di litigare col vicino di casa..........
sergio60: già ..a me capita di mettere la Carmina BUrana di Orff a tutto volume solo per provare i diffusori ...stando a quelli bravi se il tuo impianto non fa fatica a dare il coro in tutto lo spettro acustico con una risoluzione ottimale e senza distorsioni a più o meno 3 db di pressione( che equivale a poco più di metà volume)e senza impasti sfocati del pieno orchestrale ...vuol dire che l'impianto è ben equilibrato e con ottima resa su tutte le frequenze...io ci ho provato con tre testine diverse e devo dire che è vero! la stanton 881EEE è risultata migliore della Ortofon concorde 30 e di una shure che non ricordo il mod ,tanto che ne ho fatto dono a mio fratello che ha le orecchie foderate e non distingue un oboe da un controfagotto...
silvietto: Si, hai ragione anche i "Carmina Burana" sono un bel test, però dipende anche dall'edizione. La Stanton cui ti riferisci è la 681 EEE, mentre la celebre Shure che ricordi è la V15 IV, forse (ho scritto forse, eh e non certo per gli ottoni) più equilibrata con la Classica, ma per il resto non c'è storia! Ovviamente sono gioielli che hanno raggiunto quotazioni di rilievo, ma la V15 IV risente molto di più il peso degli anni e trovarne una OK è praticamente impossibile. Io usavo anche un'AKG per la Classica, ma se l'è fottuta qualche ammiratore......
sergio60: Si la stanton è la 681....ha ormai trentadue anni e ancora suona divinamente...la shure proprio non la ricordo...non mi ha mai fatto impazzire ,aveva ,per me,un suono troppo metallico con un enfasi sui toni acuti che tende a smorzarecun poco i medi con coseguente arretramento delle voci....mio fratello l ha abbinata a un acustimass bose ....gli è uscito un aborto ...ai difetti endemici delle bose ha unito il particolare duono della shure ,con il risultato che i bassi sembrano bidoni i medi intuisci che ci sono ,ma non li trovi e gli acuti stridenti. ..no grazie le shure vanno bene con diffusori tipo b&w o tannoy o warfedale dal tipico timbro british un po piatto dai medi in su...il mio impianto pur essendo ormai datato fa ancora la sua porca figura ...piatto luxman pd 288 ..ampli due luxman un l 314a e un 512 ...diffusori canton 510 con woofer da 31cm di diametro con l unica pecca di svere un impedenza di 4hom che ne penalizza un po il limite di sopportazione del volume ...la casa li da per 140watt ma su 4 hom con i miei luxman posso pilotsrlebin modo adeguato perche uno ha 28 watt effettivi e laltro poco piu di 35...ho anche un thorens td145 con testina ortofon lm30 della serie concorde ...insomma per avere trenta e più anni va ancora da dio e avendo una discoteca piuttosto varia dalla musica da camera ,sinfonica , jazz , rock, blues , prog,folk , contemporanea non mi da problemi con nessun genere ,quando decisi di assemblarlo con questi pezzi non pensavo che avesse l equilibrio che poi ha rivelato ...un bel colpo ..si ..
silvietto: Concordo pienamente con la tua diagnosi delle problematiche d'accoppiamento della Shure che in effetti era "tarata" su diffusori inglesi, piuttosto che squillanti come le Bose, fra l'altro mai piaciute. Impianto datato ma griffato, inutile ostentarne la vetustà con me che uso 2 TD 125 mkII..... e non mi sono mai azzardato d'andare oltre, ad esempio sulla trazione diretta..... Non hai un lettore di CD? Spesso gli assemblaggi (come nel mio caso con casse canadesi, finale inglese, pre giapponese, giradischi svizzero e testina statunitense.....) danno proprio luogo ad un equilibrio soddisfacente o più!
sergio60: si certo che ce l'ho ne ho due e pure un registratore a cassette ,per il digitale ho preso due Philips il cd 580 che è registratore e come lettore ho un cd105 ,mi dirai il perchè di questa scelta,per quanto riguarda il cd105 era il più piccolo della casa e fece un flop commerciale perchè tutto in plastica con colori pastello (il mio è rosso!)ma, c'è un ma...un giorno dovendo decidere su quale lettore…
sergio60: ehm scusa il cdr è 880...o 850..bhe non mi sovviene la sigla però era quello più "grande" in listino
sergio60: bhe il mio pd 288 è a trazione diretta ..ma ha un rumore di fondo praticamente inesistente e un wow and flutter tra i più bassi di tutti ,il tipico pregio delle elettroniche giapponesi di livello medio alto quasi perfette concettualmente e a livello di risultati ,ma con costi non proibitivi il che li fa perfettamente perfetti
silvietto: Insomma sul digitale zoppichi in po' caro sergio, capisco eppure ci vuole anche quello..... Io ho un Sony X7ESD del '90 che va assai meglio del recente (e costoso) Marantz acquistato per quelle poche decine di SACD che ho avuto l'ardire di non farmi mancare.
Già i Registratori a Cassette, che storia e cultura, nel '71 acquistai un Philips 2400 uno dei primi stereofonici: allora si registrava ponendo i 2 microfoni ad una certa distanza dalle casse.......non c'erano cavi di collegamento con gli amplificatori! Eppure ci pareva ORO, certo c'era altra Musica sui piatti.
pippo 70
Per caso ti ricordi se Collage fu utilizzata come sigla di qualche programma televisivo della RAI? Mi pare di avere letto qualcosa in merito tempo fa, ma non ricordo con esattezza. Una buona serata.
BËL (00)
BRÜ (00)

silvietto: Può essere che ai bei tempi andati, "Era Inverno" sia stata utilizzata per uno speciale sull'argomento che tratta, però non ci metterei la mano sul fuoco e comunque sarà stata molto sfumata, magari mettendo in risalto solo la fatidica strofa "10.000, 20.000 nelle mani del cliente.....". Ciao
silvietto: Può essere che ai bei tempi andati, "Era Inverno" sia stata utilizzata per uno speciale sull'argomento che tratta, però non ci metterei la mano sul fuoco e comunque sarà stata molto sfumata, magari mettendo in risalto solo la fatidica strofa "10.000, 20.000 nelle mani del cliente.....". Ciao
sergio60: Salve ....ricordo che fu usata "aliante" da contappunti per una sigla rai di un programma pomeridiano .....non ricordo come la trasmissione si intitolasse né di cosa trattasse ,ma ricordo bene il particolare perché non è che la rai fosse prodiga verso la scena rock e mi rimase impresso...come per esempio ricordo perfettamente le sigle del programma per ragazzi"avventura" che erano due canzoni di joe cocker ...e um altro programma per ragazzi aveva living in the past oppure il programma di politica oggi al parlamento che aveva per sigla l allegro fi Concerto grosso dei new trolls....
Dislocation: Ciao, Sergio, Io sono più giovane di te di soli tre anni e ricordo che la RAI aveva usato di Joe Cocker "She Came In Through The Bathroom Window" (dei Beatles di Abbey Road") per "Avventura", nella "TV dei Ragazzi". Poi usarono anche "A Salty Dog" dei Procol Harum come sigla di chiusura della stessa trasmissione, dovevano essere i tardi '60 o i primi '70, le mie cugine più grandi mi passavano i loro dischi a 45 ed a 33 giri e io scoprivo da bambino i Beatles, i Cream, Hendrix, EL&P e decine d'altri....
Ricordi anche che "Tank" dal primo disco di EL&P fu usata come sigla di G7 (mi pare si chiamasse così)?
E che dire di "Father's Sout" da Atom Heart Mother usato nella pubblicità dell'acqua minerale Fiuggi?
pippo 70: "Propiedad Prohibida" di Battiato se non erro fu la sigla di TG2 stanotte. E che dire di "One OF These Days" dei Pink Floyd, sigla di Dribbling?
silvietto: Che bello questo Amarcord delle sigle televisive! Credo che i più "usasti" in assoluto siano comunque stati i Pink Floyd ed in particolare sia "Money" che "Time", direi che si prestano abbastanza!
sergio60: propiedad ..è la sigla di speciale tg ,..allora un frammento di karn evil nine pt 3 è la sigla di un programma del primo canale della radio nazionale ...la sigla della domenica sportiva è baba o rylei degli who,e la colonna sonora delle calze sisi negli anni 70? living loving maid ..zepp. e father band son usata per una pubblicità di una assicurazione? i free di all right now per citroen c3...nick drake per poste italiane...i focus di house of king per voi ed io alla RADIO D'ANTAN...i mariachi per la pubblicità della poste pay..( in verità è perchè il trombettista è un mio cliente)...troppe ce ne sono....e @dislocation..non avevo citato i titoli perchè non mi venivano in mente ....e si ...era a salty dog la sigla di chiusura di avventura....caspio...mi vien da piangere...e greensleve? sigla di A come agricoltura? e la sagra della primavera per l'approdo? hai voglia a ricordare....non so se ricordi ..per un ciclo di sapere venne cooptata la n.c.c.p che sciorinarono tutto il loro repertorio in una serie che non ricordo cosa trattasse ..
pippo 70: "Child in Time" recentemente è stata utilizzata per una pubblicità di un profumo femminile di cui mi sfugge la marca.
sergio60: Non è che ti sbagli con schizoid man ?de ne sente un frammento nella pubblicità di un noto profumo ....come per i Depeche mode utilizzati per dior con personal jesus...ricordo uno spot della dheer che utilizzò un frammento di epitaph qualche anno fa....
sergio60: Era la birra Dhreer
Dislocation: E tutto questo significa che nella perenne cecità (o sordità?) al nuovo in RAI evidentemente esisteva qualche programmatore che, anziché usare come sigla un brano tratto dalla Classica si "permetteva" di scomodare Floyd, Procol, Cocker ed altri Santi, immettendoli a "pillole" nelle sigle, magari della TV dei Ragazzi, compiendo così un atto di divulgazione niente male.....
Per quanto riguarda i classici o meno classici del Rock usati nelle pubblicità (se le chiamo réclame qualcuno si risente?) il discorso è se possibile ancor più dirompente a livello di divulgazione, tanto che anche i giovincelli nutriti a suon di Ed Sheeran e Miley Cyrus assorbano una strofetta, ad esempio, di "20th Century Schizoid Man".... bene, no?
sergio60: si c'erano delle anime pie che provvedevano a divulgare il nuovo verbo musicale...ricordo Paolo Giaccio ,che curava popoff e per voi giovani,il problema tutto sommato non era la più o meno ostinazione a delimitare lo spazio a nuove tendenze,,ma essendo una radio generalista come deve essere una radio Pubblica,il tempo da dedicare era ovviamente limitato,ricordo le istanze che si leggevano sul Ciao2001 riguardo questo tema,dal ns punto di vista "avevamo "ragione...ma noi si tendeva a…
silvietto: Sergio, mi stai facendo venire le lacrime agli occhi, mi viene da pensare che oltre che piacerti tu sia un "Living in the Past" e scusa la battuta! Certo esistevano trasmissioni radiofoniche volte a divulgare nuove idee musicali, ma pensate su che mazzo di scelta potevano contare fra il '68 e diciamo il '74......... Adesso potrebbero fare altrettanto solo con della spazzatura rap nordamericana.
sergio60: eh..non è che sono io a vivere in the past.....ma ti sei dato da solo la risposta giusta ...vuoi mettere a confronto il decennio 66/76 con l'attuale scena a partire già dal 1980 ad oggi?....se tutto quello che viene editato oggi avesse il 10% della spinta innovativa e parte degli sbocchi creativi di allora staremmo a parlare di un'altra storia,e sai forse un blog come questo neanche avrebbe modo di esistere,perchè staremmo ancora a parlare di un qualcosa in movimento partito da lì e in espansione come l'universo....ed invece stiamo quasi facendo un lavoro di archeologia ,pensa a quante energie positive andate disperse ...il rap mi dici...io l'ho sempre liquidato così" sembrano tanti Lama,Benvenuto,Camusso,che parlano parlano e non dicono un bel niente ,solo che a differenza dei politici o sindacalisti rompono pure i maroni con quel ritmo scheletrico , ossessivo e rincoglionente" .Aho! sarò io de coccio,ma si vojo scassamme metto tribuna elettorale!!
Dislocation: @sergio60: Per quanto riguarda il Rap sono perfettamente d'accordo con te...sono chiacchiere senza neanche il distintivo..... Ci ho provato, a suo tempo, giuro che ci ho provato a capirlo, se non proprio ad assorbirlo almeno a capirlo....Pensavo che forse ero io che, dall'alto della mia sterminata collezione audio, mi permettevo di fare lo snob verso un genere, il rap/hip hop, che aveva magari solo la pecca di essere "nuovo" e che ero io a non…
sergio60: Ho da darti parzialmente ragione. ..poiché negli anni 80 qualcosa è avvenuto , ma pensaci bene ...era fisiologico, sono fermamente convinto che il decennio 66/76sia stato il big bang della cultura musicale ,se guardi con occhio critico noterai che tutto lo scibile umano/musicale si intreccia e dipana in quel ristretto limite temporale per farti un esempio ,prendi Hendrix, è il "caso"..nel senso che prima di lui c erano molti ottimi chitarristi ,ma lui fece tabula…
sergio60: Voglio darti una dritta. ..cerca il libro "il libro degli Area" è una vera miniera di informazioni relative a quanto esposto sopra ed ha il pregio di essere facilmente collocabile in quanto fa riferimento alla scena italiana e visto che più o meno abbiamo la stessa età ritroverai cose e umori passati molto familiari ...
Dislocation: @sergio60 Sì, sì, sono d'accordo con te, non mi passa neanche per le meningi di negare o minimizzare l'importanza del decennio da te descritto, anzi, siamo perfettamente in sintonia...solo volevo, e l'hai capito, sottolineare quanto il panorama, invero un pò asfittico, dgli ultimi '70 fosse, come sai, superato, rinvigorito e riconcimato, dall'ondata Wave di cui dicevamo...Era certo inevitabile, fisiologico, come dici tu, che questo succedesse, e riconosciamo anche, in misura non minore, la valenza che gli stilemi della Disco ebbero su tutta la musica, rock, pop, wave... mi interessa un tuo parere su questo....
Il libro che hai citato l'hocercato tempo fa e non l'ho trovato, ma ci riprovo, è da tempo nel mio mirino, solo per il titolo varrebbe la spesa....
Quanto a "Freak Out" è per me un capitolo della Bibbia, alla stregua di Revolver, Highway 61 Revisited, John Barleycorn Must Die, Electric Ladyland, EL&P, Wheels of FIre, LarksTongue in Aspic e tanti, tanti altri, magari per altri meno pietre miliari ma per me così significativi.... Il brano che citi è uno dei parti migliori della mente del Zappa, al solito innovatore serio ma allegro, dissacratore ma mai stupido (qualche anno dopo ricordi "Ship arriving too late......?), gran mescolatore e quindi, in buona sostanza, innovatore...
Quel che mi è sempre piaciuto di lui, a parte il doveroso rispetto che glisi deve per quanto ha portato a conoscenza del genere umano, sono poi i mischioni, come per tanta altra gente di levatura che unisce al suo genere altri generi ed imbastardisce, cioè impreziosisce e rafforza, il genere da cui è partito.... Ricordi cosa successe quando i Weather Report usarono un ritmo disco in River People?
A presto!
sergio60: Ciao...guarda con Zappa sfondi una porta aperta...ho tutto e di più tra ufficiali bootleg e video libri e pure il tour program dell'ultimo concerto che fece a Roma sono uno zappiano non di ferro ma d'acciaio inox....mi citi i Weather Reporter....pure qui non mi sono fatto mancare nulla....pure il live in Tokio chimera di molti appassionati per decenni ..non ho idea di dove tu possa vivere ma per il libro degli area prova da feltrinelli io l ho ordinato li e tempo una settimana lo avevo tra le mani....ma comunque ogni libreria che si rispetti con un acconto può fartelo avere ....se vuoi posso inviarti casa editrice e nr catalogo ,il titolo lo conosci e potresti provare tramite sito web della casa...
Dislocation: Ah, Sergio, quanti bei ricordi, sigh! Ancora dopo tutto questo tempo non mi capacito della morte di Jaco, mio idolo assoluto, e delle circostanze che ce l'hanno portato via.... Il Live in Tokyo lo ricordo bene,, per ragioni, come capirai, anagrafiche, l'ho scoperto da un amico nel '77, o giù di lì, che me ne ha fatto due cassette che ho ancora, inascoltabili, da qualche parte, hanno fatto anche il servizio militare insieme a me....Poi, un quindici anni fa ho preso il doppio cd da Fnac, bruttissima confezione ma.... come si fa a non ammirare il lavoro di Vitous sotto, e a volte sopra, gli altri che ci danno come matti? Ben diverso dallo stile di "8:30", anni dopo,disco bello ed all'altezza della fama planetaria dei WR, ma un tantino troppo "rock" (mi perdoni l'esagerazione" per chi i WR li conose da tempi non sospeti.... però Jaco......

PS Sono di Genova, mi hai tanto incuriosito, dopo tempo, e mò me lo compro....
sergio60: Ciao...pensa io Pastorius l ho visto dal vivo un piu o meno un anno prima del tragico epilogo della sua vita..benché strafatto e accompagnato da musici non al suo livello fornì uno show di tutto rispetto e ricordo con piacere la sua versione di third stone from the sun di Hendrix ...poi ho avuto modo di vedere i weather report ..con la formazione di "procession" ..ecchetelodicoaffa....una vera macchina da guerra e non oso pensare cosa sarebbe stato vedere la formazione precedente! Bei concerti..si...uno che mi deluse fu Billy Cobham il suo show sembrava una lezione di percussioni piu che un concerto i soli brani che scaldarono la platea erano gli estratti da spectrum ....in compenso aveva come gruppo spalla il Mike Stern group che fece un'esibizione maiuscola e li scoprì un grsnde chitarrista ..Stern
sergio60: Ma facevi riferimento a live in tokio ? Non mi pare che abbia una cover inguardabile...la mia copia la presi grazie ad un mio amico commesso presso uno store di musica...ne avevano prese alcune copie d'importazione direttamente dal Giappone sapendo che ero malato per i W.R.il buon Massimo ne occulto una copia per me e me la porse al momento in cui entrai nel negozio ....tutto bene solo che sborsai una cifra spropositata ...ben 25000 mila lire quando un lp costava in media tra le 5000 le 6000mila lire! Ma mai spesa fu più benedetta ..non ho più visto una copia di questo disco fino a tempi recenti complice la Sony che distribuisce i suoi titoli del catalogo giapponese in tutto il mondo ..
sergio60: Ah...rigorosamente in doppio vinile....resa audio superiore a un cd...
sergio60: Allora ...il libro degli area di domenico coduto editrice auditorium www auditorium edizioni.it euri 12,50....buona caccia
sergio60: Bada l indirizzo email è tutto attaccato non so perché mi è sndsto a capo spezzando la frase
Dislocation: No, caro Pippo, parlavo della copertina del doppio cd, male stampata e peggio copertinata.... Ma comunque non è che la cover originale fosse chissà cosa....ma rimane uno di quei cd che si ascoltano sempre sognando....Ho già cercato su Internet il libro, mi pare che ovunque sia esaurito, mi sono iscritto alle varie newsletter per avere notizia quando torna reperibile... Ti invidio se hai visto i WR e Jaco, e che cacchio....Saluti e rispetti....
pippo 70
Il professor farina ha scritto "Santo dio", eppure dovrebbe sapere che Dio si scrive sempre maiuscolo. Ciao ancora Silvietto, scusa se ti ho disturbato. Ti scrivo in privato, onde evitare che il farina ci accusi di essere amanti.
BËL (00)
BRÜ (00)

silvietto: Già, così ti rendi conto del motivo per cui cerco di contrastare questa superbia e presunzione comune a diversi primi della classe che si sentono in dovere e capacità di demolire tutto quanto altri scrivono. Nel merito e da Cristiano, posso essere pure moralmente offeso! Ma in tutte le cose c'è il Bene ed anche il male, a te stabilire a chi appartenga il primo e a chi il secondo....... Speriamo poi che ppf non mi venga a salutare, perché quel sospetto si crescerebbe.
pippo 70
Caspita, che siparietto ridicolo è scaturito da una mia recensione. Sulle prime non avevo dato alcun peso alle critiche rivoltemi, giuste, forse espresse in malo modo; devo riconoscere che, vista la lunga coda di commenti che ne è seguita, mi sono reso conto quanto sia spocchioso tale pierpaolofarina, mi hai incuriosito, devo proprio andare a guardare i commenti sulla tua recensione degli Iron Butterfly. A presto, buon pomeriggio
BËL (00)
BRÜ (00)

pippo 70
Ciao Silvietto. Ho provato a cimentarmi con le mie prime due recensioni, dal momento che ti ritengo persona estremamente competente, sarei lieto di avere un tuo parere.
BËL (00)
BRÜ (00)

Kism
No conosco solo "Nel cielo e nelle altre cose mute" ,lo ascoltero' assieme a "Canto di primavera" sono gli unici che non conosco bene.Ti faro'sapere...ah l'album per la Manticore del '75 l´ho trovato in vinile ,cercando in un negozio di dischi usati in Germania!
BËL (00)
BRÜ (00)

silvietto: Ah quello che ho recensito: una vera e rara chicca. Io ho sia il vinile che il CD giapponese, cosa vuoi che ti dica continuo a preferire il primo forse perché son troppo vecchio oramai per le novità...........
sergio60: Cribbio rega....il prog italico.....quale virus risvegliate in me.....vi dico solo questo. ...il mio primo lp acquistato fu ,ed è,in concerto delle orme...
Kism
Per le prossime ,mi prendo piu' tempo ,comunque ho fatto gia' diverse recensioni ,con giudizi diversi ,spesso dipende dallo stato di forma ,il tempo a disposizione o l'entusiasmo.Mi piacciono molto Le Orme ,da quando li vidi da bambino a Sanremo con "Marinai" ,non poteva mancare "Elementi".Il Banco mi piace talmente ,che mi faccio piacere anche gli album degli anni '80 ,il mio preferito rimane "Io sono nato libero" ma mi piace molto anche "Come in un ultima cena".Rimanendo agli anni '70 mi piacciono anche PFM,New Trolls,Alberto Radius e gli Area.
BËL (00)
BRÜ (00)

silvietto: Uhm: Le Orme a San Remo nell'82 una debolezza comprensibile, se eri bambino significa che i mitici anni '70 non li hai vissuti (musicalmente), a differenza di chi scrive: cui viene da dire purtroppo per ragioni anagrafiche, ma per fortuna dal punto di vista musicale. Ebbene del Banco c'è un album che trovo assai sottovalutato per i pochi che lo conoscono è ".......di terra", lo hai mai ascoltato?
Dislocation: Scusate l'intromissione, ma ricordo bene di aver acquistato l'LP di "... Di terra" quando avevo quindici anni ed aspettavo fremente un degno successore di "Come In U'Ultima Cena" e, naturalmente, ne restai deluso e lo misi da parte, anche rinfrancato poco dopo da "Canto di Primavera"... Insomma, lo riprendo sei o sette anni dopo e....Meraviglia!!! Non potevo capirlo a quindici anni, anche venendo da ascolti plurimi e ripetuti di tutto lo scibile allora disponibile,,, Ora giace, pluriascoltato e con solchi dovuti a puntine così così..... quando lo ripresi in considerazione capii quanti passi avanti aveva fatto il Banco, anche senza la voce di Di Giacomo che in "Di Terra" in pratica non c'era proprio, erano suoi i titoli dei brani, strumentalmente era un album stupendo, con tanto di Orchestra sinfonica, poco adatto al Bel Paese ma direi anche a molti altri, forse un pelo pretenzioso, ma con "Canto di primavera" sarebbero poi riatterrati, per poi scivolare negli anni 80 dove, se possibile, avrebbero combinato nefandezze anche peggiori dei compagni di viaggio come Orme, New Trolls e Premiata...
Saluti ad entrambi e scusate ancora per l'intromissione!
silvietto: Prego, fa come se fossi nel tuo sito, non c'è problema! Specialmente in quest'ultimo intervento dove hai sollevato il velo su uno dei miei album preferiti e che ho appena dovuto ricomprare per lo stesso motivo per cui faresti bene a farlo anche tu. Ebbene "....di Terra" è uno dei migliori lavori del Banco se non addirittura non il migliore, ma se vai a vedere cosa se ne scrive su questo sito troverai che molti "ragazzini" non lo possono comprendere o altri pretendono di farlo dopo un paio d'ascolti magari distratti. Insomma per affrontare ed apprezzare la Musica ci vuole preparazione e pazienza! Pazienza significa spesso, non tanto ascoltare un'opera 50 volte, quanto "accantonarla" magari per qualche, o più anni, e riscoprirla com'è capitato a te, con la maturità che s'acquisisce ascoltandola e concentrandosi su ciò che esce dagli altoparlanti. Scusato!
Dislocation: @silvietto: Totalmente ed incondizionatamente d'accordo con te. "... Di Terra" ricomprato ieri, in Cd, 12 euri spesi non bene, di più..... Saluti e rispetto.
Kism
Grazie per la solidarieta'!Le critiche sono comunque condivisibili ,volevo solo rendere giustizia ad un album non presente sul sito ,l'unico delle Orme.
Lo scritta in dieci minuti ,per gli altri di Aldo Tagliapietra prendero' piu' tempo."L'infinito" lo devo ascoltare meglio.
BËL (00)
BRÜ (00)

silvietto: Hai fatto bene. E' ovvio che risulta notevolmente più facile recensire i lavori migliori, ma la completezza vuole che ci siano anche gli altri e quelli, ho visto tende a non filarseli nessuno. Insomma a quasi tutti piace salire sul carro dei vincitori.
Bravo! E quando hai fatto avvertimi così cerco d'essere il primo tuo lettore. Certo l'Infinito ha bisogno di maturazione, non sono mica canzonette. Ti piace il Banco?