Steven Spielberg
La guerra dei mondi

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Come invecchiano male certi blockbuster. Stasera Mentana non fa nessuna maratona, stranamente il lavoro mi dà una tregua e dallo zapping abbacchiato spunta l'occasione per rivedere distrattamente un film di cui è difficile nutrire grandi ricordi.

Uno si impegna anche nel tentativo di apprezzare un lavoro discretamente fedele al romanzo epocale di H. G. Wells. Ma proprio non ce la si fa. E non per una questione di rigore letterario (il romanzo non è un capolavoro in sé, ma è probabilmente il capostipite della fantascienza). No, La guerra dei mondi di Spielberg fa cagare proprio come film. E lo dico a un quarto del minutaggio.

Fa cagare perché nelle sequenze più movimentate si percepiscono nitidamente i movimenti di macchina, i carrelli avanti e indietro, le traiettorie delle comparse. Si ha ben chiaro com'è fatto il set, le pareti di cartone e i punti in cui qualcosa si dovrà rompere in automatico per assecondare la narrazione. Si vedono quasi le linee per terra che gli attori devono seguire, per quanto sono goffi e macchinosi nei movimenti.

Ma anche quando i ritmi calano, le inquadrature continuano a stuccare. Sembra un bigino (al risparmio) delle meccaniche cinematografiche messe a punto in trent'anni di carriera. Un recap esemplificativo per allievi alle prime armi, senz'anima né velleità. I movimenti, gli zoom, le panoramiche, tutto parla di un cinema funzionante ma consunto dall'uso, dal tempo, dal successo. Come le parole si logorano, così le inquadrature. E per quanto belle e funzionali, assomigliano a delle telefonate fatte con largo, eccessivo anticipo. Carrellata indietro, carrellata in avanti, dettaglio, campo e controcampo: il mestiere diventa maniera, inesorabilmente.

È uno Spielberg minore, minimo. Ammansito nello sguardo, riesce a rendere schematica pure la scena di un tripode che ribalta una nave colma di passeggeri. Per di più, le dinamiche di questo romanzo sono tutt'altro che formidabili (il bello sta altrove, vedi oltre) e quindi il vecchio Stefano riempie il fuggi fuggi dai marziani dei suoi più consunti cliché. I bambini, quei cazzo di bambini, il vecchio rancoroso (da screditare). La sequenza claustrofobico-labirintica (le cucine di Jurassic Park rifatte pari pari), la macchina ribaltata e schiacciata (come dal t-rex), la catena umana solidale, la riconciliazione familiare. Pura la beffa dei batteri che annientano i marziani viene riletta in chiave epico-provvidenziale.

Ma dicevo, il cuore dello sforzo immaginifico di H. G. Wells stava nella spremitura degli uomini, coi marziani che si fanno le pere di sangue zuccherino umano. Ecco, Spielberg la censura, mostrandola però nascondendola banalmente dietro a un ostacolo casuale. Sicuramente rispetto a certi altri figli degeneri come Indipendence Day, è una prova di buona fedeltà, ma del tutto sterile. Un disaster movie che si scopre filologico quando ormai il genere è al crepuscolo. Brutta tra l'altro la fotografia, brutti gli effetti speciali, oltre a un Tom Cruise poco significativo e una Dakota Fanning bimba volenterosa. Non emoziona nemmeno il finale coi tripodi che rovinano al suolo.

Questa DeRecensione di La guerra dei mondi è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/steven-spielberg/la-guerra-dei-mondi/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Quindici)

algol
Opera: | Recensione: |
Invece con Tom Cruise ho rivalutato "The edge of tomorrow ". E infatti il regista non è Spielberg. Che ormai è un pachiderma, e ti confesso di non aver mai apprezzato tantissimo nemmeno in passato.
BËL (00)
BRÜ (00)

joe strummer: Quello è molto bellino!
nes
nes
Opera: | Recensione: |
Questo non e' invecchiato male, questo faceva schifo pure al cinema, di buono aveva solo il sonoro (e quello te lo giro solo al cinema)
BËL (02)
BRÜ (00)

nes: "Te lo godi"
aleradio: Sono in spiaggia e me la godo

Sono in spiaggia e me la giro

Va' che sono intercambiabili

Non sono in spiaggia son water
nes: Smetto.
aleradio: Io nooo
Chainsaw
Opera: | Recensione: |
Orrendissimo. Independence Day invece è invecchiato bene e ne sono contento.
BËL (00)
BRÜ (00)

joe strummer: Ma infatti meglio quello pur essendo una porcata. Almeno è gozzo da vedere
Chainsaw: Nel suo genere è ancora adesso la perfezione, basta guardare gli altri film di Emmerich per rendersene conto. Quando finisce Independence Day io ho voglia di sparare per aria urlando "iu-es-ei!", invece alla fine di 2012 io non ci arrivo nemmeno se ho tre carichi di lavatrice da stirare una domenica pomeriggio di pioggia.
JOHNDOE
Opera: | Recensione: |
Troppo severo, lo vidi al cinema quando uscì, però sì ricordo la fotografia di merda ma non tutte le altre cose che hai notato tu chi si ricorda...
BËL (00)
BRÜ (00)

joe strummer: infatti, la realtà è peggio dei ricordi ahah
hjhhjij
Opera: | Recensione: |
Si be, è un film di merda, punto. Forse il più brutto di Spielberg in assoluto.
BËL (02)
BRÜ (00)

Hetzer
Opera: | Recensione: |
Sono d'accordo in parte; il film faceva cacare anche nel 2005, perché non ci azzecca nulla con il romanzo e la sua asciutta bellezza, perché è noioso, già visto, mal recitato.. Wells non ha mai avuto giustizia con il suo capolavoro, perché "War Of The Worlds" non è solo un libro di fantascienza, è un turning point del pensiero vittoriano.. Probabilmente Spielberg e i suoi sceneggiatori se lo sono sentiti in audiolibro mentre discutevano di cachet e percentuali.. Il suo omonimo messicano non iscritto al sindacato avrebbe fatto meglio, ma ci voleva proprio poco..
BËL (03)
BRÜ (00)

joe strummer: E' un libricino breve e abbastanza "piatto" nelle avventure proprio perché guarda altrove. Tutti i significati che ci sono dietro, tipo che i marziani siamo noi fra un po' di anni, Spielberg e soci non se li sono manco sognati, come dici tu.
ALFAMA
Opera: | Recensione: |
Fa schifo in ogni luogo ti trovi
BËL (00)
BRÜ (00)

Abraham
Opera: | Recensione: |
Non saprei. A me è piaciuto, anche se ho riserve sulla scelta del cast. Mi spiego: avrei speso qualche soldino in più per due ruoli chiave: il figlio maggiore, lagnoso e monoespressivo, e Manny il meccanico, campato in aria alla bellemeglio. Non mi ero mai soffermato su alcuni aspetti tecnici, con i quali sono poco affine, da te rilevati. Se estrapolato dall'opera a cui fa riferimento e isolato come creazione a se stante, per me, rimane un buon prodotto.
BËL (00)
BRÜ (00)

proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
hmmm... mai mi sarei aspettato di essere quello col voto più alto su una pagina su Spielberg. Però la domanda sorge spontanea: allora quali sono i disaster movie belli? Perché questo è in assoluto l'unico che ho visto che non era monnezza.
E inoltre, altra cosa: nella recensione stai per caso dicendo che Jurassic Park è bello mentre questo no?
BËL (00)
BRÜ (00)

joe strummer: cazzo apriamo un mega dibattito sui blockbuster ahahha
joe strummer: Io avevo ricordi tiepidi su la Guerra dei monni, ma l'ho rivisto ieri ed è brutto brutto. Jurassic Park 1 è molto bello! non vedo l'ora di litigare :P
joe strummer: La scena quando arriva il t-rex...
hjhhjij: Jurassic Park a questo gli piscia veramente in bocca come film popcornaro ma che oh davvero.
proggen_ait94: boh a ma pare la stessa cosa bros. Come ET e tutto il resto. Tutta roba da famiglia. Cioè, perché questo si e gli altri no? Da come scrivi sembra che sia tornato dilettante all'improvviso.
e la domanda sui distaster movie è seria ahahah
Ho visto da poco La Strada è m'è piaciuto molto, ma non è proprio la stessa cosa
joe strummer: No, leggi bene. È l'esatto contrario: troppo mestiere e inquadrature logore che nei film precedenti funzionavano ma qui sanno di "pilota automatico".
joe strummer: Alla centesima volta che vedo un'inquadratura mi stufo
proggen_ait94: ah ok, sorry. Ma perché qui no e altrove si? Cioé, se è uguale da sempre forse sei solo tu che ti sei annoiato con questo. Perché personalmente questo mi intrattiene mentre jurassic park mi ha sempre fatto dormire della grossa (devo essere sincero, forse questo è il più carino suo che ho visto alla fine. Il resto mi annoia da sempre)
proggen_ait94: poi in realtà di difenderlo frega poco, sono più interessato ai consigli
joe strummer: No ma è un bel dibattito. Io da piccolo ho guardato molto Spielberg e quindi conosco bene i suoi modi. Ho visto anche gli ultimi 5 o 6 film e da adulti li ho apprezzati (moderatamente). S'è rinnovato nello stile puramente registico e tecnico. Questo l'ho visto a suo tempo e poi ieri l'ho rivisto: è proprio piatto piatto come regia, si vede che non aveva voglia di farlo e non c'ha messo creatività. Infatti nello stesso anno uscì Munich, si vede che qui è distratto e va di pilota automatico.
joe strummer: Per dire Ready Player One per me è un film da 6,5 ma come regia a tratti è brillante. Molto più di questo. Anche il GGG che è una bambinata è più fresco, ma di molto.
proggen_ait94: forse, io non lo conosco benissimo. Visto War Horse anni fa e m'ha fatto sboccare
nes: Questo e' il peggior film di Spielberg che abbia mai visto. Vuoi i nostri che fanno brutto, e vuoi Spielberg? Jaws. Vuoi la fantascienza? Minority report. Vuoi un bel film di cassetta? Indiana Jones, vuoi un film paraculo fatto bene? La Shoah in bianco e nero. Ecc...
nes: Ah, non ho mai visto war horse, i cavalli mi piacciono solo a fette nei piatti.
nes: Oddio, forse player One mi ha fatto piu' cagare di questo... E' una bella gara.
proggen_ait94: eh. Minority Report in effetti non è male, ma indiana jones... giusto per dormire. Però Jaws sarebbe da vedere
L0LL0
Opera: | Recensione: |
tutto quello che volete, ma all'epoca metteva ansia
BËL (00)
BRÜ (00)

nes: Eh??? Ah, quello di Wells..
templare
Opera: | Recensione: |
Una boiata come Ultimatum alla Terra. Due boiate. Come rovinare i bei film degli anni '50 e/o '60. Spielberg potrebbe tranquillamente porsi in pensione (Indiana Jones ed i teschi di cristallo ennesima boiata). Si vuole male.
BËL (00)
BRÜ (00)

nes: Indiana Jones e che cosa??? Mai sentito, non esiste quella roba. NON ESISTE!!!
Alfredo
Opera: | Recensione: |
Mah, l'ho rivisto recentemente. E' una fetecchiella, ma pur sempre guardabile per rilassarsi.
BËL (00)
BRÜ (00)

aries
Opera: | Recensione: |
Ho sempre rifuggito dai film di fantascienza di Spielberg (non amo molto il genere, mentre ho un culto per "Duel" e "Schindler's List"). A proposito di questo, sentivo l'odore di baracconata quando uscì e questa recensione mi conferma che posso continuare a fare a meno di vederlo.
BËL (01)
BRÜ (00)

joe strummer: Però Spielberg ha fatto anche roba bellina di fantascienza, qui era proprio svogliato. Che figata Duel
Onirico
Opera: | Recensione: |
IL PIU GRANDE FILME DEL PIU GRANDE REGISTRA AL MONDO COL PIU GRANDE ATORE DEL MONDO DELA PIU GRANDE RELIGIONE DEL MONDO. EBBASTA CON QUESTE CRITICHE ANTIGIUDEICHE. PUNTO.
BËL (01)
BRÜ (00)

algol: Ahahah
nes: E' uscito il film dei tool?
Onirico: Sì, lo dirigerà Neri Parenti: "Tullio and 10'000 days of anal inoculation"
nes
nes
Opera: | Recensione: |
Ho appena scoperto, TREMATE, che e' annunciato un nuovo indiana jones per il 2021. ... ... ...
BËL (01)
BRÜ (00)

nes: Poteva fare un altro tin tin porco il cazzo!!! A proposito lo ho visto solo io? Malissimo, e' divertentissimo.
ALFAMA: ma è postumo ?
algol: Che bella notizia
nes: No ma sul serio, guardate tin tin se non lo avete visto: e' un indiana jones a cartoni animati fighissimo. Violentare ancora ford o peggio ancora: io temo un miserabilissimo reboot; mi pare voler proprio male al proprio pubblico.
Onirico: ...Se Ford non schiatta prima (non gliela tiro, eh)....
joe strummer: Eh lui fa uno e uno. Un film inutile per fare cassa e un film decente, va avanti così
joe strummer: Il problema è che dopo Il ponte delle spie mi pare stia sbagliando un po' anche i film "decenti" se penso a The Post e Ready player One. Tecnica ma poca energia e lucidità sui temi
Onirico: Ready player ce l'ho in lista da un pò, non sapevo ci fosse anche lui.
The Post a me è piaciuto, bel film, ma non mi ricordo di lui nel film. Proprio zero. Che parte faceva?
joe strummer: Ahah no io parlavo di Stefano Spilbergo
joe strummer: Sono film da 6.5 compitini secondo me ma mediocri come "lettura" degli argomenti
nes: Tin tin e' l'ultimo film di spielberg che mi e' piaciuto. Ma mi son perso roba negli ultimi anni, il ponte delle spie ad esempio non l'ho visto.
Onirico: Vabbè Spielberg sul piano "filosofico", almeno i film che ho visto io, non ha mai insegnato nulla (Ora arriva @[nes] e mi passa al tritacarne). il suo limite a livello di "messaggio" è proprio la morale buonista e infarcita di melassa del "volemose tutti bene".... Però ho un ricordo molto sfocato di Schidler's List, e probabilmente, almeno a proposito di quello, ho torto. Comunque, apparte questo "difetto", che non smette di irritarmi in tanti suoi film, è un bravissimo regista. Tanti suoi film sono indimenticabili, tra questi "Duel" e "Prova a prendermi" i miei preferiti, almeno tra quelli che mi vengono in mente ora.
nes: The post manco l'avevo mai sentito nominare.
Onirico: A me the post è piaciuto, più che altro per la recitazione di tom e meryl, ma anche per il fatto storico (anche se non so quanto sia ben reso, sono poco informato).
Onirico: Comunque su SPILBE quest'uomo ha detto tutto UFO & ULI JON ROTH [ DOCTOR, DOCTOR ] REPOST LIVE 2001.
joe strummer: Bellissimo "Prova a prendermi". The post mi è sembrano molto banale e semplicistico soprattutto se confrontato con Il caso Spotlight.
Onirico: vabbe il caso spotlight era molto più serio, talmente serio che non c'ho capito una mazza.
nes: Onirico ho letto due righe del tuo commento e mi salto il resto: se metti su un film di spielberg cercando qualche cosa di piu' dell'intrattenimento stai guardando male i film. Non il film, ma proprio tutti i film in generale. Vuoi qualcuno che ti spieghi la vita? Esci di casa. "Eh ma non e' che allora i film devono essere solo..." ma pkrcaputtana il cristo in croce, Apocalypse now e' bello per la dissolvenza tra il r umore delle pale degli elicotteri e il ventilatore del soffitto, per il napalm la mattina appena svegli, per Oh CRISTO UNA TIGRE!!!! per la gingla muta su un monologo, per la vacca fatta a fette, per "l'orrore..." . Il sottotesto e' dopo. Tanto dopo. E se c'e' siamo contngi, se il film funziona senza, E'UGUALE. Il cinema e' un''arte che per seguirla basta avere la pazienza di star seduti due ore. E' l'intrattenimento piu' passivo che esista, e' piu' basilare come fruizione persino del videogioco. Sentire il bisogno di doverla portare per forza in un salotto, e' patetico. Non solo, genera per forza di cose una critica ignorante. Prima farai pace con questa cosa, primariuscirai a farti una cultura cinematografica e sviluppare un tuo gusto critico che non necessitera' dei consigli altrui (che mi sembra il tuo obiettivo). te lo ripeto: guarda via col vento fino a che non ti piacera'. Magari non di X volte di fila, fai una volta all'anno.
nes: Cosi' parlo' popcornshooter.
nes: Prova a prendermi e' il mio film preferito di spielberg. Ed e' cosi' anche per popcornshooter.
nes: Ok, sono riuscito a scrivere male il mio nik, che @[G] mi banni.
joe strummer: Così è riduttivo. Il grande cinema pretende uno spettatore attivo che completi il non detto del film e ci ragioni su, è così da Quarto Potere. Poi ovvio, c'è anche il banale intrattenimento
joe strummer: Che va benissimo, per carità. Ma non c'è solo quello
nes: Prima di morire: La bella gente da salotto ricordo ci rimase male quando sodeberg dopo erin brokonovich (o quel che e' )se ne usci' con traffic, che fu bollato come "coraggioso MA pesante e impegnativo" cioe', "Traffic" impegnativo... tralasciamo il "coraggioso", che probabilmente e' la stessa gente che preferiva caligari non facesse film, ma pesante e impegnativo traffic??? E come cazzo fai a guardare 2001 se traffic ti ha appesantito???
nes: Joe, il cinema pretende i soldi, tutto il resto lo pretendono solo ed esclusivamente gli spettatori. E il cinema e' intrattenimento, fatevene una ragione.
Onirico: Nes, come al solito prendi fischi per fiaschi. La stessa cosa che hai detto tu a me io stavo cercando di dirla a joe: lui aveva detto che the post e ready player sono "compitini secondo me ma mediocri come "lettura" degli argomenti"; io ho interpretato quel mediocri come lettura come un'insufficienza di "profondità filosofica e del messaggio" e infatti gli ho risposto che "spieberg su quel piano non ha mai insegnato nulla", ripeto: da quel punto di vista (il che sottointende che ci sono altri punti di vista).... dicevo, non è da quel punto di vista che è un grande regista, ma poi ho detto "apparte questo difetto- il buonismo e la melassa- che mi infastidisce, è un grande regista". Cioè, stiamo dicendo la stessa cosa, cavolo. Poi, oh, a te magari no, ma a me quando calcano col tocco buonista con abbracci lacrime e baci, la bandiera americana che sventola e "siamo tutti uomini e patrioti", dà fastidio, ma riconosco che è un gran regista. Su questa storia del cinema è intrattenimento hai ragione in parte. Lo è, ma è anche altro. E io, de gustibus, sono più per l'altro, il che non mi impedisce, una tantum, di intrattenermi. Altrimenti ogni anno gli unici film che uscirebbero sarebbero i disaster movie, i film di supereroi e le commedie con adam sandler. Ogni tanto 'sta roba ci sta: ma dio ci salvi se non esistesse altro.
algol: Tin Tin lo recupero sicuramente
nes: Il problema e' che per voi intrattenimento vuol dire esplosioni (e poi criticate gli effetti speciali perche' sperate di farci bella figura, poppanti) e 2001 un film che non e' intrattenimento perche' "altro" quando 2001 e' uno spettacolo di fantascienza fatto in primis per lasciare il pubblico a bocca aperta. Apocalypse now e' talmente intrattenimento che ci stanno l'attore piu' pagato e in voga del momento e idoors sui titoli di testa. Ma per voi e' altro. Perche' siete delle bestie. Incapaci di aprire cuore di tenebra probabilmente, o perche' un film non propriamente lineare di ente difficile e quindi jon puo' essere intrattenimento, quello lo fanno solo le esplosioni, le trombe d'aria che tirano giu' i palazzi, e batman. e io ti fraintendero' sempre (figliolo, impara a farti capire), maa tu via col nto non lo hai ancora non dico visto, ma neanche recuperato. 10 a 1 (ok, adesso mi dirai che tu lo hai gia' visto, ma sappiamo enrambi essere una pallamcosmica).
Chainsaw: Clip #50: Trump Freaks Out Over Indiana Jones and Female Cast of Ghostbusters
nes: Poi, onirico, ilmdegustibus ci sta tutto. Se ti piace solo il cinema che presenta un sottotesto con letture filosofiche va benisssimo, ma non pensare che il tuo degustibus possa essere esteso a gusto generale, sei tu che hai un gusto cinematografico limitato. E se tu puoi permettertelo, un critico serio no, non puo' permetterselo. Che poi nessuno vive il cinema cosi' tant'e'vero che i giocattolini di Anderson piacciono un sacco pure ai salotti. Che si cercano chissa' quali sottotesti (moonrise kingdom e'l'idea di un ragazzino di quindici anni di cosa sia un sottotesto) ma poi alla fine l'estetica pazzesca glielo butta al culo alla grandissima. Oppure Nolan. Grande nolan, sottotesti da mentecatti, mentecatti veri, non come insulto, ma quanto a messa in scena che cazzo vuoi dirgli. Ma Nolan deve essere apprezzato perche' porta al cinema itrattenimento "intellicgente"... e qui torniamo al pu to di prima, ma se nolan e' intelligente, i film con un sottotesto per tutta sta gente sono totalmente incomrensibili. Ah gia'... siamo nel mondo in cui la gente che vuole qualche cosa che le impegni il cervello non capisce hereditary o sucker punch... poi si lamenta dei transformers e degli slasher.
JOHNDOE: ma nes per te sarà così, infatti citi soprattutto registi che fanno dell'intrattenimento il loro punto di forza
poi però dici che invece hereditary (un horror col diavolo) c'ha il sottotesto
te la canti e te la suoni as usual
come cinemaro sei piuttosto buzzicone che non è necessariamente un male ma non elevare tale "modus vedendi" a parametro universale perchè ce n'è di gente che nel cinema apprezza soprattutto il messaggio la poetica eccetera piuttosto che la resa tecnica
nes: Il messaggio e' sempre figlio della tecnica. In qualsiasi forma d'arte. Se no io che disegno gesu' morto e la Madonna che piange sono Michelangelo. E se faccio una foto ad dacau sono Spielberg.
nes: Oppure faccio un ritratto a mia zia sdentata, e divento Leonardo.
nes: E' cosi' importante la trama nel cinema che un terzo la meta' dei film in circolazione sono trasposizioni di libri o testi teatrali. Copie facili di opere d'arte gia' conclamate nella loro forma originaria...
nes: Un terzo SE NON la meta'...
nes: Prendi drive leggi il testo e figa wow che e', "fastidio & furious 19"?
JOHNDOE: ma no ci sono film fatti con due lire che però sono una bomba, intendo dire con scarsi mezzi tecnici inquadrature fisse eccetera
poi è ovvio che nel cinema la tecnica è parte integrante ma lo è anche in altre forme d'arte quali la pittura
che tu sei lì che vedi un quadro e dici bello poi magari ti informi sull'autore sul periodo storico sul significato dell'opera ed è solo a quel punto che hai fruito ed hai potuto apprezzare in modo significativo tale opera
nes: Il cinema non e' musica, non e' che la tecnica cinematografica sia per forza fare i numeri da circo, avere tecnica nel cinema significa saper amalgamare tutte le differenti tecniche rendendo un'opera coesa e coerente a se stessa. "Difficile" al cinema non vuol dire buona tecnica. Manco nella musica, ma i musicofili son troppo frustrati per capirlo e manco ci provo a spiegarlo, che questa frustrazione non venga portata anche sul piano cinematografico, grazie. Se per tutte di un'opera artistica necessiti di uno spiego e o sei un ciula o l'opera e' poco efficace. Cioe' se te la devono spiegare molto semplicemente non e' arte. E se ti vengono a dire "non l'hai capita" o sei un cretino(ma non e' cosi' comune) o l'opera zoppica. Oppure e' 2001. Che e' l'eccezione e non la regola.
nes: Se per fruire... "Tutte" non so da dove sia uscito
JOHNDOE: Cioe' se te la devono spiegare molto semplicemente non e' arte. E se ti vengono a dire "non l'hai capita" o sei un cretino(ma non e' cosi' comune) o l'opera zoppica. Oppure e' 2001. Che e' l'eccezione e non la regola.

no vabbè così la fai troppo facile, così semo bòni tutti
il cazzo non è arte se te la devono spiegare... ma sai quanti riferimenti, dettagli, significati rimandi e citazioni eccetera eccetera possono esserci in un'opera d'arte che se non te la "spiegano" ne sei all'oscuro? uf a iosa
e anzi spesso ci sono opere d'arte (in ogni campo eh?) che si sono arrivati "dopo" capito come? e no la gente non aveva (ancora) capito perchè era "avanti" o perchè era da un'altra parte
che poi ci sta pure che l'arte non va spiegata ma "subita" parlo del livello emozionale e questo è un altro aspetto ancora
l'arte può essere un prisma, non è una roba che puoi liquidare con 4 sentenzelle in croce
nes: Ne sarai all'oscuro, ma l'arte, lo stupore, il fascino ti arrivano lo stesso. Non la comprenderai al 100% ma non è, che se non capisci l'opera al 100% questa non ti è arrivata. E per liquidare un film bastano tre parole: valido/non valido. Il resto sono seghe, che io adoro, ma seghe restano.
JOHNDOE: seghe dici, chiamiamoli dettagli ma sebbene frase fatta "sono i dettagli che fanno la differenza".

ecco mo m'è venuto in mente quando mi portarono ad una mostra sul cubismo. ero riluttante, pensavo madonna che palle mò vedrò sti quadri che non ci capisco niente e mi fanno schifo. però all'ingresso c'erano le didascalie erano fatte bene e dopo che ho letto ci ho capito qualcosa e i quadri mi sono pure mezzo piaciuti
nes: E identemente sei poco sensibile al cubismo. A me fa cagare e basta A ME, non mi sognerei mai di dire che e' arte minore, per il semplice fatto che non mi tocca. I film di intrattenimento invece dovrebbero essere considerati inferiori al cinema impegnato perche' il cinema impegnato vi tocca (vi piace, e' sempre solo una questione di meri gusti personali) di più? Scusate, ma ci cazzo credete di essere?
nes: Che poi cosa sia l'impegno spesso andrebbe chiarito: ti non so: il cavaliere oscuro di Nolan che cosa avrebbe nel sotto testo di superiore a boh: i guardiani della galassia?
nes: Tipo non so* scusa ma sto cercando di imparare ad usare lo Swift sul cell, mi pare avere un correttore quasi decente.
Onirico: Forse spielberg ha fatto questo film con l'intenzione di stimolare una discussione tra i diversi tipi di cinema, una guerra dei i mondi, quello autoriale e quello blocbasteroso.
nes: avrei preferito un film decente... se poi uno pensa al patrimonio culturale che si porta dietro il titolo, è peggio questo di indiana 4

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: