Stratovarius
Eternal

()

Voto:

Redenzione.

Era di questo che gli Stratovarius necessitavano da molti anni, di un qualcosa che potesse riuscire a farli rinascere in senso artistico, oltre che riassestarsi in quei rapporti umani che troppo avevano danneggiato il gruppo negli ultimi quindici anni. Ma poteva un gruppo come quello dei finlandesi, proprio di natura musicale come genere restio a cambiamenti, riuscire a trovare una soluzione?

La chiave per poter andare avanti, e spiace a dirlo, era proprio Timo Tolkki. Autore di veri e propri pilastri del Power Metal come "Episode", "Visions", e "Fourth Dimension", Tolkki non si può definire certo un musicista passato per caso, ma da quello che è trasparito negli ultimi ann, la sua eccessiva voglia di cambiare, il mettere nel mezzo delle composizioni i propri problemi personali, e la devastante depressione che lo colpì nel 2004 in seguito ad un accoltellamento durante un concerto, non migliorarono la situazione.

In aggiunta a tutto ciò, le ultime uscite degli Stratovarius fra il 2000 e il 2005 rappresentarono, come non se bastasse, la goccia che fece traboccare il vaso. Disfattasi la band poco dopo il termine del tour per "Elements: Pt. II", e riformatasi poi agli inizi del 2005 con la pubblicazione dell'omonimo "Stratovarius", i risultati furono peggiori di quanto ci si potesse aspettare. Troppe sperimentazioni inutili, una band che ormai ruotava attorno solo all'egocentrismo di Timo Tolkki, che più volte nelle interviste si riferirà al gruppo non come un insieme di musicisti, ma come un prodotto sul quale cercare di recuperare popolarità.

Nel 2008 Tolkki abbandona volontariamente gli Stratovarius, cedendo senza troppe pretese il nome del gruppo ai suoi ormai ex compagni, e si ritirerà in vari progetti solisti, i quali non vedranno più brillare quell'anima geniale che negli anni 90' diede vita a veri e propri capolavori, ma solo un'ombra rinchiusa nella sua autoconvinzione di superiorità. Gli Stratovarius nel Giugno dello stesso anno decidono di continuare, con il cantate Timo Kotipelto e il tastierista Jens Joahnsson rimasti come membri originali, senza l'apporto di Tolkki al gruppo. Andare avanti senza colui che aveva apportato quei cambiamenti che avevano permesso al gruppo di farsi conoscere, senza quella persona che era dietro ad ogni pezzo degli Stratovarius, ma che allo stesso tempo era diventata troppo instabile. Scelta giusta o stupida? In un primo momento avrei optato per la seconda, ma il passare degli anni ha dato ragione a Kotipelto e soci, ma andiamo con ordine.

Dopo la pubblicazione di "Polaris" nel 2009, e "Elysium" poi nel 2011, al quale seguì l'anno dopo un DVD live, gli Stratovarius avevano ritrovato dopo parecchie fatiche il loro sound tradizionale, ma se i due album citati servirono perlopiù come un gradevole ritorno, il successivo avrebbe dovuto avere il ruolo di confermare lo stato in cui la band finlandese si trovava, e nel 2013 con l'uscita di "Nemesis" ci riuscì a pieno. Un disco che suonava fresco di ispirazione e di ritrovata capacità creativa, che sembrava quasi persa dai tempi di "Infinite".

Nel 2015 esce "Eternal", disco che ha il compito di continuare a proporre lo stesso livello di qualità del precedente, cosa non da poco. L'album, seppur non si avvicini agli standard di "Nemesis" riesce comunque a farsi più che apprezzare, in generale per varie scelte. Una è quella di Kotipelto di cantare su tonalità più basse, in modo da dare ad ogni pezzo un atmosfera diversa, senza sforzarsi eccessivamente con il rischio di risultare piatto, come su pezzi passati come "Find Your Own Voice". La seconda è stata la volontà iniziale di non voler pubblicare un altro album in stile Power Metal, ma di voler sperimentare, via che è stata però subito messa da parte e che, a testimonianza di Joahnsson, potrebbe essere ripresa nella successiva uscita.

"Eternal" riesce comunque ad ottenere un'ottima impressione, grazie a pezzi in pieno stile Stratovarius, come "My Eternal Dream", nel quale le tastiere non giocano per la prima volta un ruolo principale, andando ad offuscare le chitarre e gli altri strumenti, ma andando a creare un ottimo contorno, o ancora "In My Line Of Work", dove calza a pennello la scelta di Kotipelto per la voce, scritta sopra. Mediocri e in gran parte prevedibili le due semiballad, scritte entrambe da Joahnsson, "Man In The Mirror" e "Fire In Your Eyes", con la seconda che sarebbe accettabile per un gruppo alle prime armi, ma da un gruppo come gli Stratovarius non è che la solita minestra già riscaldata. Funziona più che bene "Few Are The Those", che ha dalla sua uno dei più bei riff dell'album, e che mette in risalto il mixaggio pressochè perfetto che è stato fatto per la batteria, e discorso similare può farsi anche con "Shine In The Dark", più orientata sui mid tempo nelle prime parti, ma che tutto sommato risulta più che buona. "The Lost Saga" è uno dei pezzi dal minutaggio lungo, in questo caso 11 minuti, che gli Stratovarius hanno sempre messo nei loro album, e quest'ultimo non si discosta molto dai suoi precedenti, molto evocativo nella prima parte grazie a un bellissimo lavoro di Jens dietro le tastiere, e una parte centrale da brividi.

Se non vi sono mai piaciuti gli Stratovarius, non cambierete certo idea ascoltando questo "Eternal", e anzi, forse resterete sempre più convinti di non dover mai necessitare di sentirli. Per chi invece non disdegna questo tipo di sonorità, potrebbe trovarsi davanti un album suonato in maniera più che ottima, riuscendo a far rivivere per quasi un'ora di ascolto i bei tempi che furono per questo gruppo, con uno sguardo al passato, ma eivtando di fossilizzarsi nella nostalgia.

E forse è proprio questo il miglior pregio degli Stratovarius odierni, aver avuto il coraggio di cambiare e andare avanti, con una lenta ma graduale risalita musicale, senza un fardello che li opprimesse. Ottimo lavoro.

Questa DeRecensione di Eternal è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/stratovarius/eternal/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Otto)

puntiniCAZpuntini
puntiniCAZpuntini Presidénte onoràrio
Opera: | Recensione: |
Gli Stratovarius sono uno di quei pochi casi in cui puoi dire "minchia chemmerda" senza risultare snob o pretenzioso.
Sono un po' i Vanzina del Metal, se mettessero qualche scureggia e due tette negli assoli, sarebbero perfetti.
BËL (02)
BRÜ (00)

Harlan: Sulle scureggie eviterei, sulle due tette invece sarebbe apprezzabile effettivamente...
GenitalGrinder: Visti dal vivo un paio di volte in festival Metal negli anni novanta; uno dei peggiori gruppi che mi sia mai capitato di ascoltare. Quoto il presidente ed il suo caloroso commento.
Almotasim
Opera: | Recensione: |
Bella pagina, bravo Harlan.
BËL (01)
BRÜ (00)

Harlan: Grazie Almo! ^
Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera: | Recensione: |
Sono irrimediabilmente legati ad una fase della mia adolescenza in cui non avrei trovato da scopare nemmeno se dal lombrico che mi penzola dal pube fosse dipesa la stessa sopravvivenza del genere umano. Oggi, che continuo a non scopare perchè felicemente coniugato con prole, non posso che guardare a questi poracci con anche un pizzico di affetto e nostalgia. Quindi, dopo avere letto la recensione, sono andato sul tubo ad ascoltarmi il disco. Avendo solo mezzo ascolto in cantiere - e visto che non credo che andrò molto oltre - mi limito a dire che i suoni sono una roba raccapricciante. E' come se ci fosse uno strano ponte spazio temporale che unisce il power anni 90', certe sonorità medal anni '00 e l'elettronica cafona anni '80, quella con i tastieroni a forma di chitarra che usava Sandy Marton. Anche un pezzo per certi versi interessante come Lost without a trace non riesce a fare a meno di oscillare tra il Bon Jovi super cotonato di Livin' on a prayer e quei gruppi giapponesi ultratecnici e ultrafinocchi vestiti da nobildonne del '700, che piacevano tanto a panapp. Soprattutto i tastieroni sono una roba davvero invadente: sono circa 20 anni che non ascolto un disco degli Stratostronzi e mi pare di capire che Johansson non si sia spostato di un centimetro da quelle cazzo di scale neoclassiche a duecento allora che faceva nel '97, peraltro usando lo stesso identico effetto "clavicembalo" che ai tempi faceva produrre litri e litri di inutilizzato smegma in noi poveri power medallini occhialuti e che oggi lo fa sembrare un maniaco dei videogiochi in fissa con gli emulatori e il retrogaming... sono sconcertato.
BËL (04)
BRÜ (00)

De...Marga...: Già codesto commento si candida come il più migliore del 2018-2019!!! Commento che condivido, (non) scopate comprese, in toto.
puntiniCAZpuntini: << quei gruppi giapponesi ultratecnici e ultrafinocchi vestiti da nobildonne del '700, che piacevano tanto a panapp >> Sì sì, quelli!
Harlan: Sono sincero @[Bartleboom] , la prima frase mi ha fatto pensare che forse dovrei smettere di ascoltare gli Stratovarius a questo punto, ahahaha!
NeKro
Opera: | Recensione: |
Non sono mai stato un appassionato di power metal. È innegabile però che gli stratovarius erano, al tempo, una spanna sopra gli altri. Detto questo, non sono mai riusciti ad essere simpatici come gli helloween e non sono mai stati in grado di costruire pezzi strutturati come le zucche di Amburgo. Aggiungo anche che malmsteen ste cose le faceva meglio e senza metterla giù dura (per essere malmsteen😅)
BËL (01)
BRÜ (00)

Harlan: Sì, forse da un punto di vista per alcuni gli Stratovarius in alcune parti possono risultare "freddi" come suono, rispetto agli Helloween che (a mio parere) sono sempre più apparsi più simpatici, come dici. Malmsteen non l'ho mai digerito, eccezion fatta per i primi due, il resto non mi ha mai attirato più di tanto..
De...Marga...
Opera: | Recensione: |
Sai già come la penso (malissimo) su certi suoni che proprio non digerisco da sempre; ricordo che una ventina di anni fa suonarono, in un afosissimo pomeriggio milanese, ad un Gods of Metal. Nemmeno il primo pacchianissimo brano riuscimmo ad ascoltare, io e quella masnada di metallari che erano con me quel giorno. Ed allora, felicemente, ci buttamo per ingannare l'attesa su di un certo tipo di sigarette fatte a mano!! Il buon Bartolo, con il suo stile scrittorio neoclassico, ti ha ampiamente spiegato l'indecenza di tali suoni per noi vecchi quarantenni-cinquantenni cresciuti con ben altre sonorità in quelle annate. Detto questo ci metti tanta passione quando scrivi; passione che deve comunque essere premiata. Ciao ragazzo.
BËL (01)
BRÜ (00)

Harlan: Grazie mille dei complimenti Dema! Ma comunque posso capirti, tu prediligi altre sonorità e capisco che il Power, sopratutto con voci acute come quella di Kotipelto, possano risultare raccapriccanti. E chissà che fra un paio d'anni non mi penta anche io di queste sonorità, tutto è possibile.
perfect element
Opera: | Recensione: |
Episode è un disco discreto. Il resto, per carità....
BËL (01)
BRÜ (00)

Harlan: E dici poco, è proprio con Episode che li ascoltai per la prima volta. Eternity mi spiazzò fin da subito.
Johnny b.
Opera: | Recensione: |
Bravo altra ottima recensione. Gli darò un'ascoltata.
BËL (01)
BRÜ (00)

Harlan: Grazie a te Johnny, fammi sapere!
Johnny b.: L'album non mi dispiace e non conoscendoli mi evita pregiudizi. Anche se queste tastiere sempre in primo piano mi hanno stancato nella seconda parte dell'album. Tre stelle e mezzo .
Knolthom
Opera: | Recensione: |
Non amo nemmeno io il power metal, ma un pò di rispetto per i gusti altrui senza fare del sarcasmo proprio no eh?
BËL (02)
BRÜ (00)

Harlan: Sono gusti @[Knolthom] , io il Power lo devo prendere a piccole dosi per esempio, altrimenti mi stanca facilmente, ad altri annoia subito. Ma il mondo è bello anche per questo.. Grazie del voto!
Knolthom: Infatti hai ragione, sono gusti. Ma quando qualcuno vuole far passare i propri per grande verita' denigrando quelli degli altri mi da un fastidio enorme. Cioe' chi sono loro per dire che i loro ascolti sono giusti e quelli degli altri sbagliati?
Harlan: Ho letto svariati commenti sul sito, sopratutto nelle recensioni passate, su come il Power non sia un genere diciamo ben apprezzato qui, ma ognuno scrive di ciò che gli piace, poi le opinioni scorrono.. ^

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: