Sublime
Robbin' the Hood

()

Voto:

- summertime and the livin’ is easy cantavano in tanti, dipende mi vien da dire, di certo siamo nel pieno della stagione delle cose alla mano, del sole, del maggior numero di birre, dei polveroni di terra e dei sublime; poi, la calura estiva, i corpi che scivolano, le cicale che ridono, il caldo che stira i neuroni, l’amore che fa passare il tempo, il tempo che fa passare l’amore, e mentre in testa questi trentotto gradi hanno già fatto un brodo di sinapsi al solito la musica aiuta.

questo robbin’ the hood è una raccolta di brani destinati a sbattere negli angoli di chissà quanti cassetti, si piazza tra due non indifferenti disconi che solo qualche disgraziato potrebbe dimenticar, e come le buone bande del cuore mi risulta difficile sceglierne un preferito; millenovecentonovantaquattro, la forma tarantinesca in copertina può rendere l’idea delle condizioni di registrazione, aria casareccia, registrazioni di campo, collage senza freni, o pochi ed arrugginiti; un disco che scoppia di brani, tutti da sputare in strada, farcito di semi-tracce, intermezzi e schizofrenici soliloqui, tra i vari bassi fluidi, chitarre che pulsano ed umore estremamente sciallo; abbozzi di idee in decoupage, poi ska, dub, reggae, elettronica, punk ed acustica che non diventa mai lagna rock;

It's so nice, I wanna hear the same song twice, it's so nice don't wanna hear the same song twice

è tutta fisolofia di corpo, dei sorrisi quando in realtà si è tristi, un flusso di musica eterogeneo come può essere una stagione di abbondante cazzeggio, riesce a coprire le malinconie senza nasconderle; good music comes from who are relaxed, ci credo alla grande e più rilassati di così si evapora; profondo nel suono, tutto tende e divani, sicuramente meno ganja di altri sublimi lavori, sfama la voglia di brani senza un verso ed altri con l’intro dellamadonna; emozioni contrastanti, butto là una delle migliori salse di questa steppin' razor, c'ho delle storielle e mi fa un po’ piangere le orecchie, ma la dritta è casuale come un po’ tutte le meraviglie uscite da questa crackhouse;

comunque, sono felice quando la musica divaga in continuazione, tra riferimenti, auto riferimenti, interessevoli samples e strabilievoli cover; sublimi sublime, tanta stima per una banda che ha passato anni di concerti prima di incidere, tagliando e cucendo musica per batterla sull’asfalto, rubarla per darla ai poveri, questo resta il loro episodio lo fi, ssuper consigliato

LP

Questa DeRecensione di Robbin' the Hood è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/sublime/robbin-the-hood/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Quattro)

gate
gate Divèrs
Opera: | Recensione: |
Dai, basta
BËL (00)
BRÜ (00)

ziltoid: eh però spiegami il bastacome ed il bastadove
emgag
Opera: | Recensione: |
Che bellezza i Sublime! E Lou Dog soprattutto!!
BËL (01)
BRÜ (00)

ZioJack
Opera: | Recensione: |
Una delle mie tre bande preferite.
Ogni Estate li ripesco e torno malinconico ma sorridente.
A questo non ho mai dato troppo peso, anche se adoro il suo essere lofi già dalla copertina (self produced 4 track <3).
Approfitterò della tua recensione per riascoltarlo
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte
Opera: | Recensione: |
Cavolo Nobile mi era sfuggita. Di quei sound che ascolto pochissimo ma adoro.... particolarissimi e bravissimi. Tu e loro.
BËL (01)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: