Swallow The Sun
New Moon

()

Voto:

Ascoltare gli Swallow the Sun è come sottoporsi ad una catarsi

Ascoltarli distrattamente, magari in macchina e per un breve tragitto per giunta, è inutile: solo spreco di tempo. 

Sedersi, invece, in un pomeriggio come questo, a far girare il loro "New Moon" nello stereo per dieci, cento volte, magari accompagnadolo con massicce dosi di teina e nicotina, è quanto mi sento sinceramente di consigliare: gli Swallow the Sun sono una band "da meditazione". Non mettetevi a ridere per favore. Parlo in maniera maledettamente seria. 

Il loro genere, derivato dalla commistione più perversa tra Death e Doom, può sembrare granitico al primo colpo "d'orecchio", impastato, difficile addirittura, ma vi assicuro che questo è amico della pazienza e della passione più di ogni altra cosa. Bisogna infatti ascoltarli e riascoltarli per sentirsi presi dai lancinanti spunti tragici e tristi che il loro suono fagocita senza sosta, bisogna assaggiarlo a poco a poco e andare oltre l'amaro livore degli scream furiosi, addentrarsi attraverso il loro growl cavernoso (per inciso uno dei migliori sulla piazza) che sembra "far tremare la terra", e assoggettarsi alle loro atmosfere repentinamente cangevoli come in un caleidoscopio.

A quel punto ci si trova completamente immersi in paesaggi che sì, molti obietteranno siano stereotipati e ormai triti e ritriti, ma che, dati con una simile dose di raffinatezza e con un simile piglio, diventano qualcosa di affascinante ed eterogeneo, completamente staccato dalla filosofia di base che vuole debba porsi la melodia come magnete per attirare l'attenzione e destare interesse in chi ascolta. In questo album è esattamente l'opposto. In questo lavoro sono le dissonanze, smussate dalla loro tagliente, seppur presente ferocia, a miscelarsi e a diventare un impianto melodico, a tingersi di un nero profondo ed impenetrabile, coi contorni, però, brillanti e preziosi di sensazioni ed umori negativi e tristi che accompagnano la mente in luoghi sconosciuti, persi chissà dove o irriconoscibili, anche se già parecchie volte percorsi.

Questo sono gli Swallow the Sun in questo album: l'alchimia perfetta tra il piombo pesante ed oppressivo delle tenebre e l'oro dell'esorcizzazione delle paure più recondite, della nostalgia, della tristezza, di più: della disperazione.

"Empty, Gloomy and Despair". Tre parole che alla perfezione vestono la musica degli Swallow the Sun e che in New Moon hanno raggiunto l'apice compositivo, la loro summa espressiva ed incredibile. Duole solo essere consapevoli che, purtroppo, meglio di così difficilmente si potrà fare, e dunque in futuro non sapremo cosa dovremo aspettarci da questa band, per ora invece, in questo momento, non dobbiamo fare altro che, appunto, sederci, chiudere gli occhi e godere appieno delle canzoni che ci vengono offerte.

Nessuna di esse, e sottolineo proprio nessuna, scade in un seppur sfuggente momento di noia: tutte sono pensate e scritte per rappresentare un lungo monologo. Sempre lo stesso, ma dato in chiavi differenti, che parte, per esempio dalla loro prova migliore in questo contesto "Falling World", dove, tra le altre cose, la voce quasi sottotono e sussurrata del cantante Mikko Kotamäki compie un lavoro sognante ed etereo, in pieno contrasto con la base strumentale che pur avendo parecchi spunti melodici preserva sempre quella parte graniticamente bestiale marchio di fabbrica degli Swallow the Sun.

Altre chiavi, poi, possono essere rappresentate dalla lunga ed estenuante "Weight of the Dead", dove invece viene in mente qualcosa a cavallo tra un Suicidial Black Metal e un Funeral Doom di matrice Tyranny. In entrambi i casi il risultato, se non si fosse capito finora, è eccezionale. E questi miei sono solo esempi, che volutamente tralasciano il resto della track-list di proposito, proprio perché chiunque ascolti questo album (e mi auguro siano in molti), possa trarne qualcosa da serbare gelosamente per se stesso. Come è capitato al sottoscritto ascoltando, infine l'omonima "New Moon".
Proprio quello che mi aspettavo da una band come gli Swallow the Sun insomma.

Per quanto mi riguarda questo è il miglior lavoro dell'anno, che si pone di prepotenza in concorrenza con l'ultimo lavoro dei Paradise Lost, con un indice che punta decisamente verso il presente. Non per le differenze stilistiche palesi che tutti possono evincere, ma bensì perché questo, stando sempre al discorso "emozionale", riesce a donarmi in maniera più massiccia, proprio quello che io vado cercando in un genere musicale che preventivamente e genericamente io definisco "oscuro".

Spero molto, quindi, che "New Moon" giunga alle orecchie di chi, leggendomi, avrà capito di cosa ho parlato finora. 

Questa DeRecensione di New Moon è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/swallow-the-sun/new-moon/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti anonimi. Quindi Accedi!


Commenti (Diciannove)

casamorta
Opera: | Recensione: |
Più di qualcosa è giunto alle...mie orecchie! Mi fido della tua recensione, perciò vado a porcurarmelo ad occhi chiusi. Ciao
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Hell
Hell Divèrs
Opera: | Recensione: |
Sapevo che l'avresti fatta tu :)) adesso non mi resta che seguire l'esempio di casamorta..
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

geb
geb
Opera: | Recensione: |
bella rece, solo un pò lunghetta. La proposta mi intriga, ma mi sa che non potrò soddisfare le modalità di ascolto che tu consigli: causa il poco tempo a disposizione, la musica l'ascolto quasi sempre in macchina (diciamo 80% in macchina, 20% a casa in cuffia, sennò la mia dolce metà mi caccia). Quindi, che fare? mi sa che passo, considerando l'enorme mole di musica ancora da ascoltare archiviata nel pc. Ancora complimenti, comunque
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

voodoomiles
Opera: | Recensione: |
Schivo l'ascolto ma chiedo : la copertina proviene dalla Stamperia Infernale di William Blake?
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

casamorta
Opera: | Recensione: |
non ho resistito alla tentazione, e sto ascoltando qualcosa adesso dal Tubo ed è veramente bello!!!Io con album così me ne vado in fissa per giornate intere e finisco per ascoltarli di continuo, anche in macchina o sotto la doccia o mentre lavoro, perchè mi rilassano e aiutano la tristezza a fluire via, altrimenti resta dentro e diventa rabbia ed aggressività gratuita... Guarda Ozzy, secondo me questo lavoro e l'ultimo Paradise Lost hanno moltissimo in comune, tracciano entrambi la strada più elegante per la musica decadente che tanto ci piace. Peccato per i Katatonia, che occasione sprecata...
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

MaTaCà
Opera: | Recensione: |
Non male come recensione. Il genere non è tra i miei preferiti ma chissà che non riesca a dargli un ascolto un giorno o l'altro. Ah, se usi "ma" poi non usare "bensì" perchè hanno esattamente lo stesso significato e valore sintattico. :) consiglio pignolo
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

ale9t0
Opera: | Recensione: |
beh, mi aspettavo una tua recensione sugli swallow the sun ed eccola! fatta magistralmente come solo te sai farle tra l'altro. il disco me lo procurerò a breve e devo dire, che mi conforta sapere che almeno gli swallow, a differenza della maggior parte delle band tanto attese nel 2009, hanno fatto un gran lavoro.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Heaven in Black
Opera: | Recensione: |
Ascoltai un paio di volte Hope...disco carino, ma che non mi disse molto:). Questo invece, ancora lo devo ascoltare:)
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

OzzyRotten
OzzyRotten Divèrs
Opera: | Recensione: |
A quanto pare sembra che io sia diventato prevedibile. :)) Be', niente da dire. Spero solo che, come ho scritto, questo disco piaccia a chi questo genere lo mastica. Questo ed anche un altro, di cui, credo, vedrete presto. Ringrazio tutti per i complimenti. Lo faccio sempre troppo poco, e adesso ne colgo l'occasione. A presto.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Hell
Hell Divèrs
Opera: | Recensione: |
Comunque sentivo la necessità di una nuova (ed ottima) uscita death/doom. Quando fra qualche giorno avrò la testa un po' più libera da studio e smazzate varie potrò fagocitare con calma questo nuovo gourmet...
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Coelum
Coelum Divèrs
Opera: | Recensione: |
Doomdeath, eh? Il monicker è favoloso, ad un ascolto volante sembrerebbero niente male, anche se ogni tanto gli inserimenti gothic mi fanno storcere il naso. La rec è un po' troppo lunga (e un po' troppo pomposa) :)
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

kosmogabri
kosmogabri Divèrs
Opera: | Recensione: |
bella recensione, bellissima copertina, but not my cup of tea.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

JURIX
JURIX Divèrs
Opera: | Recensione: |
Bea recenZion, validissima proposta. L'ho riascoltato per l'occasione, se musicalmente è stupendo, in alcuni tratti è il cantato (troppo in clean?) a non prendermi. Comunque gran disco, atmosfericamente cupo, bellissime le parti arpeggiate.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

fede
Opera: | Recensione: |
...mi limito a ripetere quanto scritto per la rece sui November's Doom... Ascolti(amo) un genere molto di nicchia, ma è bello anche per questo, è un metal che, se fatto bene, trovo estremamente romantico (nel senso letterario del termine)... Lo cerco!
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

fede
Opera: | Recensione: |
ps che doppietta di recensioni!!
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Gasta
Opera: | Recensione: |
"Ghosts Of Loss" non mi dispiaceva affatto, e "The Morning Never Came" nemmeno, ma ho ascoltato entrambi troppo superficialmente. Li devo approfondire.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Workhorse
Opera: | Recensione: |
Ah bello, il seguito di "Twilight"!
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Stanne90
Opera: | Recensione: |
Bellissimi. Sia la rece che il disco.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Coelum
Coelum Divèrs
Opera: | Recensione: |
Ecco qua, sentito e ri-sentito, non mi sono risentito. Disco che non esiterei a definire "molto bello". Il suono poi, pulitissimo, gran produzione!
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: