Takeshi Kitano
Sonatine

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Spesso nei romanzi e nei film c'è molto di più di quanto s'intenda realmente trasmettere o può anche essere che tutto questo noi lo immaginiamo, è una trappola in cui è facile cadere. Chissà... In "Sonatine" non è solamente della Yakuza, quella che solitamente viene definita la mafia giapponese, che si parla. C'è qualcosa in più che Kitano ci vuole mostrare e riesce a trasmettere al suo pubblico.

La storia è questa: il capo di una potente Yakuza, Kitajima, manda uno dei suoi luogotenenti più fidati, Murakawa (interpretato dallo stesso Kitano), ad Okinawa dove si sta scatenando una guerra tra bande. La situazione non sembra così pericolosa ma Murakawa è preoccupato, avrebbe voglia di lasciare, il suo sesto senso lo invita ad essere prudente e si porta dietro solo i suoi uomini più fidati. L'accoglienza laggiù è esplosiva, letteralmente, e quindi è costretto a rifugiarsi con i suoi uomini in un piccolo casolare sul mare (uno degli elementi costanti dei film di Kitano), lontano dalla città. E' lì che si sviluppano le situazioni chiave del film, grazie anche ad un incontro con una ragazza che perde la testa per Murakawa. La guerra tra bande e tutto il resto improvvisamente spariscono dalla sua mente e comincia a divertirsi con i suoi uomini, sparandosi botti artificiali di notte, guardando i suoi uomini fare sumo e irridendoli fingendo di ucciderli quando è cosciente che la pistola è scarica.

Questo idillio però viene interrotto da un uomo che passeggia senza farsi notare e da uno strano incubo: una roulette russa che si conclude con l'uccisione di Murakawa. Lo stesso gioco che rivela le angosce dei protagonisti, come in un altro famoso film: "Il Cacciatore" di Micheal Cimino. A pensarci hanno molti elementi in comune: le inquietudini sono simili, c'è un comune senso di svuotamento della vita e di sofferenza. Ci sono i modi e i tempi delle organizzazioni criminali che permeano i personaggi e oramai li hanno costruiti, la ribellione è costituita da uno strano ritorno all'infanzia e da un'armonia che si può rompere solo con il sangue. Oltre a Murakawa sono due gli altri ruoli fondamentali: il più giovane dei suoi uomini, alla sua prima esperienza di questo genere, e Miyuki. La ragazza. In loro due c'è un atteggiamento diverso verso le armi, la vita e nel rapporto con le persone ma paradossalmente sono legati da un impercettibile e sconvolgente fil rouge.

Parliamo di un film e, prima di un attore, di un grandissimo regista. Kitano si conferma un grandissimo maestro d'inquadrature, con una fotografia superba e con un montaggio a completare il tutto (Kitano scrive la sceneggiatura e fa anche i montaggi, insomma tutto in prima persona). Tutto questo va sommato con delle musiche straordinarie di Joe Hisaishi, di grandissima atmosfera, che nascono e muoiono al momento giusto.

Un capolavoro, non l'unico del Maestro giapponese. Una classifica in questo senso è impossibile

Questa DeRecensione di Sonatine è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/takeshi-kitano/sonatine/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Venti)

Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera: | Recensione: |
Bellissimo. Di poco inferiore a Hana Bi, che - a mio avviso - rimane il vertice poetico di Kitano.
BËL (00)
BRÜ (00)

gnagnera
Opera: | Recensione: |
Bellissimo e sono d'accordo sul fatto che sia impossibile stabilire una classifica dei capolavori di kitano, toccano corde troppo intime e personali
BËL (01)
BRÜ (00)

The Punisher
The Punisher Divèrs
Opera: | Recensione: |
Mi annoiai dopo 30 minuti ma forse non era la serata buona... comunque ci ho rinunciato.
BËL (00)
BRÜ (00)

macaco
Opera: | Recensione: |
Ignoro il tutto.
BËL (00)
BRÜ (00)

Nosebleed
Opera: | Recensione: |
Interessante! Come dico spesso, poi a volte vado anche a vedere.
BËL (00)
BRÜ (00)

algol
Opera: | Recensione: |
Si, anche per me non è il preferito e hai inquadrato benissimo l'opera. Tiè.
BËL (00)
BRÜ (00)

MuffinMan
Opera: | Recensione: |
Beat è un grandissimo, poesia e crudezza dentro una sola inquadratura... Hana-Bi il più esplicito (forse troppo) e proprio per questo lo trovo meno devastante rispetto a questo o ad altri suoi, per chi non ha mai visto un suo film e non vuole di quelli troppo "filosofico/poetici" consiglio il divertentissimo "Brothers" (il Beat in trasferta americana)
BËL (00)
BRÜ (00)

Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera: | Recensione: |
A me invece Brothers non è piaciuto moltissimo... E' volutamente "coatto" e patinato, ma finisce per essere una specie di ibdrido che non mi convince. Molto più divertente, secondo me, Zatoichi!!
BËL (00)
BRÜ (00)

telespallabob
Opera: | Recensione: |
Ringrazio gli intervenuti. Era una sorta di nuova prima volta, visto che non avevo mai scritto di film in vita mia. Mi sembra sia andata discretamente e sono contento. Magari ci riproverò, con qualcosa di meno "importante"
BËL (00)
BRÜ (00)

joker
Opera: | Recensione: |
Le scene sul mare sono le mie preferite..un abbandono verso il mondo incantato della giovinezza con, sullo sfondo, storie di morte che attendono pazientemente.
Splendido
BËL (00)
BRÜ (00)

MuffinMan
Opera: | Recensione: |
Bart, infatti non ho detto uno dei suoi capolavori, ma per me è un film divertente con dentro delle belle sorprese, e che ad un pubblico più "americanizzato" potrebbe coinvolgere di più, poi che sia inferiore ad altri è indubbio, già Zatoichi è troppo particolare...
BËL (00)
BRÜ (00)

miramar
Opera: | Recensione: |
brao gnaro!
BËL (00)
BRÜ (00)

apocalisse
Opera: | Recensione: |
ottimo..uno dei miei preferiti di Kitano insieme ad "Hana-bi" e "Dolls"
BËL (00)
BRÜ (00)

bilquis
Opera: | Recensione: |
Ottima. Lo cercherò
BËL (00)
BRÜ (00)

Igordimi
Opera: | Recensione: |
Capolavoro cinematografico rivalutato dai più qualche anno dopo l'uscita. Recensione molto piacevole che rende assai bene l'opera. Per chi ha il cuore tenero e non si vergogna a piangere davanti al grande schermo o alla tv consiglio "il silenzio sul mare"
BËL (00)
BRÜ (00)

SUPERVAI1986
SUPERVAI1986 Divèrs
Opera: | Recensione: |
il mio regista preferito giapponese dopo il grande Kurosawa....
BËL (00)
BRÜ (00)

geb
geb
Opera: | Recensione: |
oltre a quelli citati, aggiungerei "Violent Cop". Bello tosto. Kitano è un grande. Questo non l'ho ancora visto, provvederò. Buona rece, buon esordio "oculistico" :)
BËL (00)
BRÜ (00)

trickykid
Opera: | Recensione: |
...per me il più bello di Kitano e proprio SONATINE. Grande recensione.
BËL (00)
BRÜ (00)

teenagelobotomy
teenagelobotomy Divèrs
Opera: | Recensione: |
Mashi
Opera: | Recensione: |
"Ma che cazzo di camicia ti sei messo? Ahahaha" (cit)
Uno dei miei registi preferiti; mescola tutte le passioni umane senza che nulla risulti mai fuori posto... e senza troppe menate.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: