The Coral
Move Through The Dawn

()

Voto:

"Move Through The Dawn" è il secondo album di un'ipotetica "fase due" dei The Coral, iniziata col precedente (e convincente) "Distance Inbetween", primo disco del dopo Lee Southall (dipartita che si aggiunse a quella ben più pesante del chitarrista Bill Ryder-Jones nel 2007).

Due anni fa "Distance Inbetween" si presentò al pubblico come una forte dichiarazione d'intenti; era un disco molto scuro, stranamente heavy per gli standard della band britannica, e ruotava intorno a fascinazioni psych rock insolite. Adesso, col nuovo disco, è il momento di tornare definitivamente alla luce, e James Skelly e soci confezionano un assoluto gioiello, probabilmente il miglior disco della band dal capolavoro "Butterfly House".

Il lead single "Sweet Release" aveva erroneamente fatto pensare ad un'ulteriore spinta verso il rock 'n roll fatto e finito; in realtà nel resto dell'album i ragazzi tornano a riproporre strade già battute, ma lo fanno con una classe ed un'ispirazione che non avevano da anni ed una solarità ritrovata, certificata dal dittico iniziale "Eyes Like Pearls" / "Reaching Out For A Friend". Su tutte, brilla la stella di una "Eyes Of The Moon" davvero clamorosa, un pieno ritorno alle atmosfere sonore e soprattutto all'ispirazione di quel gioiello assoluto che fu "Magic & Medicine".

Se "Outside My Window" è l'unico brano a recuperare davvero il sound psych del disco precedente, "Strangers In The Hollow" e soprattutto "She's A Runaway" riportano le lancette al periodo "Butterfly House" senza che il songwriting difetti in smalto o ispirazione rispetto ad allora. "Stormbreaker" prosegue più o meno sulla stessa falsariga, aggiungendo qualche strizzatina d'occhio al prog, prima della chiusura con il secondo singolo "After The Fair", cesellato su di un gradevolissimo ed azzeccato finger picking.

Con questo nuovo lavoro i The Coral tornano decisamente a livelli più consoni al proprio talento; grande notizia, visto che a pieno regime si tratta di una band capacissima di produrre instant classic di assoluto livello. Bentornati, decisamente.

Traccia migliore: "Eyes Of The Moon"

Questa DeRecensione di Move Through The Dawn è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/the-coral/move-through-the-dawn/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Quattro)

madcat
Opera: | Recensione: |
Meglio Butterfly House o Magic and Medicine per approfondire con loro (come sai ho solo l'esordio)
BËL (01)
BRÜ (00)

madcat: *?
GrantNicholas: Entrambi fondamentali. Diciamo così: se proprio devi scegliere, Magic And Medicine (il loro vero grande classico), ma dovresti davvero sentire entrambi. Se ti avanza tempo, anche The Invisible Invasion.
ALFAMA
Opera: | Recensione: |
Bel gruppo anche se ormai perso per strada. Bella segnalazione
BËL (01)
BRÜ (00)

Falloppio
Opera: | Recensione: |
Glen Grant hai messo sul piatto un bel disco. Molto piacevole. Bravo te e bravo me....
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte
Opera: | Recensione: |
Qualche pezzo ascoltato... decisamente orecchiabili ai miei vecchi rincoglioniti padiglioni.. Quindi quel “Butterfly...” è il loro meglio?!
BËL (01)
BRÜ (00)

GrantNicholas: Più o meno alla pari con Magic & Medicine

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: