Trepaneringsritualen
Perfection & Permanence

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Dopo più di un anno senza recensioni, voglio ritornare con il botto, un botto assordante.

"Trepaneringsritualen", è questo uno degli pseudonimi dello svedese Thomas Martin Ekelund: un nome, tutto un (bellissimo) programma. Il rituale della trapanazione del cranio.
Come si può già immagine, è questo l'intento di questo progetto: annientare l'ascoltatore quando vengono messi in atto questi 'rituali', che potrebbero essere un disco oppure una live performance; proprio durante l'esperienza dal vivo, Ekelund vuole annientare al massimo delle sue potenzialità e possibilità una buona parte degli organi di senso: udito, vista e olfatto.

Prima di affrontare il campo uditivo, però, mi sembra giusto spendere due parole su vista e olfatto. Perchè? Perchè la presenza scenica di Ekelund nelle sue performance è estrema, sicuramente ispirata dagli atti Black Metal più leggendari, cospargendosi e sporcandosi di sangue animale la faccia, talvolta riempiendo pure le proprie iridi di quello stesso sangue di animali misti, compreso il proprio. Dello stesso sangue, probabilmente, è impregnato una specie di cappuccio di juta (un piccolo sacco di patate, praticamente) che viene indossato alle sue entrate in scena... l'odore si può solo immaginare.

Ma torniamo a "Perfection & Permanence", uscito nel 2014, ma scoperto da me in tempi molto recenti, ahimè.
Si potrebbe riassumere tutto così: Ekelund è una iena affamata, ferita ma esaltata dal dolore, che si muove in una fabbrica semi-deserta in notturna, sempre in allerta. Un ambiente ostile per una iena ma non questa, pronta a sbranare e divorare fredde lamiere, cavi elettrici e tutto ciò che le si potrebbe presentare davanti.

La voce sprigionata è come la sinistra risata della iena, sempre pronta a sferrare un attacco mortale, capace di risucchiarti dentro ad un buco nero. Gli assalti sonori creano atmosfere funeste e angoscianti, creando quella sensazione di debolezza e incapacità di reagire a ciò che potrebbe accadere da un momento all'altro.

Obbiettivamente, al contrario di quel che si potrebbe immaginare, si tratta di un prodotto anche relativamente accessibile, se confrontato con altri esempi appartenenti a tali sonorità; consiglio "A Black Egg", "Alone/A/Cross/Abyss" e "The Seventh Man" per chi volesse dare una chance a questa creazione infernale. Se preferite accompagnarvi con un video di un suo concerto, ancora meglio!

Galensorg is back...?

Questa DeRecensione di Perfection & Permanence è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/trepaneringsritualen/perfection-and-permanence/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Dodici)

algol
Opera: | Recensione: |
Insomma ... una roba tranquilla.
BËL (01)
BRÜ (00)

Galensorg: C'è roba più devastante... mettiamola così! Ahahah
algol: Trasmette forte alterazione, ma sembra troppo "rumoristico" per i miei gusti. Ma sentirò qualcos'altro.
Interessante però, e finalmente ... bentornato.
algol: veramente roba che sembra biascicata da un'altra dimensione. Ostile.
Galensorg: Caspita, decisamente! A me piacciono un sacco le sonorità Power Electronics, specialmente così oscure, e lui è un grande.
Ti ringrazio tanto, algol!
algol: sono sonorità piuttosto inedite per me. Fossero accompagnate da una struttura musicale leggermente meno dronica e più articolata entrerei subito in sintonia. Ma non escludo che possa riuscirci anche con queste, c'è un fascino sinistro e perverso che mi attira.
Galensorg: Sei sulla strada giusta per entrarci dentro allora, secondo me. :-D Ma capisco perfettamente ciò che dici.
algol: Nel caso esiste qualcosa di questo tenore ma leggermente piu strutturato? Spero di essermi fatto capire.
Galensorg: Ti sei fatto capire benissimo! Sicuramente c'è ma non saprei chi consigliarti, perchè il caos sonoro è proprio una caratteristica di queste sonorità.
Forse potrebbe interessarti un genere correlato e sicuramente più strutturato e più elettronico, cioè il Rhythmic Noise. Prova a sentire se può fare più al caso tuo:

Imminent Starvation - Lost Highway 45
algol: Prendo nota e ringrazio. E mi rallegro del tuo ritorno in veste recensorea. Sinceramente mi mancavi.
Galensorg: Sempre un piacere, figurati! Ti ringrazio davvero tanto, algol. Lo scorso anno il lavoro mi ha tolto tutto il tempo per le mie passioni, cosa che mi ha buttato giù non poco.
Quel lavoro l'ho lasciato un mese e mezzo fa.
algol: Cavolo. Ti auguro il meglio, si lavora per vivere, non il contrario. E sebbene siamo tutti in condizioni di moderna schiavitù spero veramente che sia la meno peggiore possibile. E che il nuovo impiego ti permetta anche di esprimere il tuo meglio, oltre al sacrosanto fottuto tempo per vivere davvero
Galensorg: Grazie fratello! Mi sono permesso il "lusso" di lasciarlo dopo attente valutazioni anche per via del fatto che ho quasi 24 anni e ho in mente diverse cose e voglio provare a realizzarle.
Al momento sto finendo il primo disco del duo di cui faccio parte, già un ottimo traguardo! Poi se dovessi trovare un lavoro che mi permetta di fare ciò che amo sarebbe fantastico.
algol: Questa si che è una progettualitá virtuosa. Spero di ascoltare quello che realizderete, magari nell'apposita de-sezione.
Galensorg: Siamo già in contatto con delle etichette indipendenti papabili! Senz'altro lo farò ascoltare: sarà un misto di Punk (Pop e Hardcore melodico), Dream Pop, Shoegaze, Rock alternativo... non abbiamo un genere prefissato, come puoi notare.
algol: Tutti generi potabili. Sono curioso.
RinaldiACHTUNG: ti auguro anche io io meglio galen, sto lavorando come te ad un qualcosa di simile
Galensorg: Grandissimo Rinaldi! Dai che ci facciamo un tour assieme! :D
tia: Son curioso d'ascoltarvi! Please De_samples!
Galensorg: A breve esce tutto, aprile/maggio! :-) Grande tia!
HOPELESS: @[Galensorg] & @RinaldiACHTUNG vi auguro il meglio per i vostri progetti, mi raccomando rendetecene partecipi che vi recensiremo (Paura ehhhh). Se posso.. come si chiamano i vostri gruppi?
PS: Galen questo non lo conosco, prometto che in questi giorni l'ascolto e ti do un'impressione ;-)
RinaldiACHTUNG: grazie mille hopeless; io per adesso non ho nomi, sto registrando delle robe
Galensorg: @[HOPELESS] Ti ringrazio un casino, Hope! Certamente, appena esce digitalmente (all'inizio), lo spammerò pure qui. :-) Il mio è un duo praticamente, siamo i Cold Visions.

Non ricordo se possa rientrare nei tuoi gusti, nel dubbio, provalo! :D
algol: dai dai cazzoooooooooo .... che vi stronchiamo. Ahahahah
Galensorg: Probabile, algol! Ahahahah tutti pronti con il mitra in mano!
ALFAMA
Opera: | Recensione: |
ma cosa mangiano in Svezia ?
Ok me lo ascolto con tranquillità.

BËL (01)
BRÜ (00)

Galensorg: Sono gli effetti del surströmming!
ALFAMA: del ?????????
ALFAMA: ecco , che molte cose si spiegano.
De...Marga...
Opera: | Recensione: |
Ola Galensorg!! Ho appena ascoltato A Black Egg ed è stata una bella mazzata sui denti! Come dice al gol un po' troppo sintetici e rumorosi. Mi hanno ricordato un pazzesco incrocio tra i Sumac ed i GreyMachine. Bel rientro il tuo a livello scrittorio. Bravo il mio ragazzo☠☠
BËL (02)
BRÜ (00)

Galensorg: Il buon caro DeMa! Ti ringrazio per le belle parole!
Mi rendo conto che non sia proprio accessibilissimo da certi punti di vista; in effetti qualcosa dei GreyMachine ricorda, le sonorità!
sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
Finalmente del sano Pop in CasaPagina.
BËL (02)
BRÜ (00)

Galensorg: Vero, sfascia? Non se ne poteva più di quella musica spaccatimpani!
sfascia carrozze: E' qvesto il Pop givsto!
lector
Opera: | Recensione: |
E allora?! Te ne vai, torni, non ti fai sentire, non telefoni, recensisci come e quando ti pare.....QUESTO SITO NON E' UN ALBERGO!
Per quanto riguarda la trapanazione del cranio, te ne parlo per esperienza diretta, non è proprio il massimo del divertimento.
BËL (03)
BRÜ (00)

Galensorg: Caro Lector, hai ragione pure te... mi sono comportato malissimo! :-(
Ah sì? Quando l'hai provata? :D
lector: Circa tre settimane fa....
Galensorg: Cade a puntino la recensione allora!
PS: scherzi, vero? :-)
lector: Non proprio.... ma di 'sta cosa ne ho parlato pure troppo, ultimamente.
Galensorg: Caspita, mi dispiace davvero Lector!!
lector: Ma no! C'è di peggio....
Questo disco, per esempio :-))
Galensorg: Ahahahah mi hai ucciso!
Caspasian
Opera: | Recensione: |
Mi fai ricordare quando agli inizii degli anni '90 mi sentivo in po' di roba della novella, al tempo, etichetta svedese (anch'essa) Cold Meat Industry. Tra i gruppi che mi ricordano il tuo truculento vichingo, gli In Slaughter Natives e specialmente i Brighter Death Now...

BËL (02)
BRÜ (00)

Galensorg: Esattamente, hai colto pienamente nel segno! Brighter Death Now è un progetto che già conosco; ma visto che citi la Cold Meat Industry, bisogna citare i Mz.412!
Caspasian: I Maschinenzimmer 412, che mi fai ricordare...
Galensorg: Beato te che le hai vissute quelle annate!
Caspasian: Beh il problema è che per forza te li dovevi comprare, vista l' assenza del web, con salassi non indifferenti, ma ne valeva la pena. Bei tempi.
Galensorg: Guarda, sto spendendo un pochino pure ora per avere certi vinili e/o altre uscite del genere.
Caspasian: Non dirlo a me, sono irrecuperabile.
RinaldiACHTUNG
Opera: | Recensione: |
ma bentornato! comunque a me non dispiace
BËL (01)
BRÜ (00)

RinaldiACHTUNG: mi ricorda i primi amori, e il vento estivo tra i capelli mentre cammini per la spiaggia ;D
Galensorg: Ahahahah idolo! Grazie mille Rinaldi! :D
CosmicJocker
Opera: | Recensione: |
Sì, però adesso non è che ci fai aspettare un altro anno eh ;) !..e il disco mi interessa..
BËL (01)
BRÜ (00)

Galensorg: Ahahah speriamo proprio di no, Cosmic! :D
Stregazzurra
Opera: | Recensione: |
Bel disco ottima recensione!!!
BËL (01)
BRÜ (00)

Galensorg: Ti ringrazio molto, Strega!
tia
tia
Opera: | Recensione: |
Preso nota; domenica lo metterò come sottofondo per il pranzo con i parenti. Recenzia ben scritta ed in misura con le mie attuali capacità di attenzione!
BËL (01)
BRÜ (00)

Galensorg: Preparati a mangiare tutto quello che resterà sopra la tavola quando tutti saranno scappati! :-)
E grazie mille tia!
ALFAMA
Opera: | Recensione: |

Io con molta tranquillità, da poco tempo, mi son raschiato i timpano con questo Svedese /Danese che si muove in queste acque, quindi guardandomi indietro come ben dice @[Caspasian] alla scuola della Cold Meat industry che ha sfornato uno dei dischi Ambient dark da me preferiti, ora non ricordi il titolo

BËL (01)
BRÜ (00)

ALFAMA: parlo di" Entbraled by the wind of lonetienes" ( o qualcosa di simile) di Raison D'ètre , perla nera ambien dark, fra i preferiti del genere e consigliato ai cuori solitari.
proggen_ait94: ^^^^ bellissimo disco
Caspasian: Bella Alfama, tutta quella roba della Cold Meat Industry all' inizio del nuovo millennio l' ho rottamata, mi ero addirittura fatto spedire la maglietta col logo che ho regalato al mio amico macellaio. Mi sono tenuto solo Prospectus I dei Raison D' Etre, appunto, e Dark Age Of Reason degli Arcana. Ciao.
proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
Ieri mi sono sentito per la prima volta un disco di Gnaw Their Toungues, ho dovuto chiudere a metà della prima traccia per sopravvenuta vertigine. Quindi è il momento giusto per certe frangie
BËL (02)
BRÜ (00)

Galensorg: Ma sai che lo conosco da un po' ma non ho ancora ascoltato nulla di quel progetto? Dovrei recuperarlo perchè potrebbe certamente fare al caso mio!
Secondo me questo disco potrebbe essere digeribile a molti, per cui te lo consiglio. :D

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: