Ulrich Schnauss
Far Away Trains Passing By

()

Voto:

L'elettronica dal volto umano: è quella che si incontra lungo le tracce di questo lavoro di Ulrich Schnauss, il primo firmato a suo nome dopo una gavetta costellata di uscite con vari pseudonimi. Tanto stridulo e pieno di consonanti il nome del musicista tedesco, tanto è pulito, affabile e comunicativo il suono di questo album uscito nel 2001, con quel titolo così intimista.

Sei brani, tutti programmaticamente di durata compresa tra i 6-7 minuti e con una struttura comune: uno spunto melodico di buona cantabilità affidato al pianoforte digitale o alle tastiere, più una tessitura ritmica che supporta l'intelaiatura del pezzo; graduale stratificazione delle parti fino a raggiungere una discreta articolazione interna.

Tutto piuttosto semplice, si direbbe, senonché a volte la semplicità è un obiettivo molto difficile da raggiungere: Ulrich Schnauss ci riesce in questo album che ha nella leggerezza (non nella superficialità, attenzione) uno dei suoi punti di forza.

Lanciate "Knuddelmaus", il brano di apertura: positivo e ottimista, viene voglia di alzare il volume! Passate al successivo "Between Us and Them": più disteso e quasi epico, con una ritmica sostenuta. Segue "...Passing By", dalle delicate linee melodiche innestate su un intreccio percussivo quasi retro nelle sonorità. E così via.

43 minuti che scivolano via che è un piacere, tanto che nel 2005 l'album è stato ripubblicato per l'edizione americana con un secondo bonus cd. Ma anche solo nella sua versione originale, "Far Away Trains Passing By" è una gradevole raccolta di bozzetti sonori, un'elettronica ambient techno che funziona tanto in un affollato lounge bar quanto durante un attento ascolto domestico.
 

Questa DeRecensione di Far Away Trains Passing By è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/ulrich-schnauss/far-away-trains-passing-by/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Tre)

Kurtd
Opera: | Recensione: |
molto interessante, ascolterò
BËL (00)
BRÜ (00)

mattyonweb
Opera: | Recensione: |
Non ho mai ascoltato il disco in questione, ma da come ne parli sembra proprio quello che stavo cercando. Bravo!
BËL (00)
BRÜ (00)

TheJargonKing
Opera: | Recensione: |
serviva anche a me una cosa del genere, provo a vedere se è quello che cerco. Grazie per tutti gli spunti intriganti che pubblichi.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: