Sto caricando...

AA.VV.
A Guitar Supreme (Giant Steps in Fusion Guitar)

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


L’elite del chitarrismo mondiale si raduna in un tributo ad una delle figure più imponenti della storia del Jazz.
A riunire un Dream-team di tal genere non poteva che essere lui, Mr. Mike Varney, talent scout numero uno della chitarra rock-fusion.

Che ci "azzeccano", penserà qualcuno, rockettari come Steve Lukather, Greg Howe ed Eric Johnson con la musica del vecchio Trane? Eppure gli spunti più interessanti di questo disco provengono proprio dai chitarristi meno avvezzi a contesti Jazzy.
Se non ci si aspettava alcuna conferma dai "Maestri" Stern, Gambale e Coryell (che pure ci regalano assoli di grande feeling) era lecito nutrire qualche scetticismo ad esempio verso il leader dei Toto Steve Lukather, il quale invece sfodera un avvincente solo rock-blues su "Crescent", qui riproposta in chiave Funk. Fraseggio melodico e soprattutto suono strepitoso, invece, nel fraseggio di Johnson su "Resolution", mentre Ford reinterpreta "Village Blues", facendola "cantare" in maniera incredibilmente "bluesy". La vera rivelazione è però Greg Howe; il pirotecnico axeman californiano si sceglie una bella gatta da pelare: "Giant Steps", uno dei pezzi armonicamente più complessi della discografia "coltraniana". Una valanga di accordi sul quale il nostro si destreggia con grande gusto, una tecnica incredibile ed un timing da vero bopper.
Di ottima fattura anche gli arrangiamenti del disco (curati interamente da Jeff Richman) che adattano ogni pezzo allo stile del chitarrista di turno.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Quattro)

dreamwarrior
dreamwarrior
Opera:
Recensione:
Mah, Howe fa ultimamaente solo album fusion e, quindi, non mi sembra così lontano dal genere...


Lordsandreik
Lordsandreik
Opera:
Recensione:
Ma una decina di righine in piu' per raccontare i pezzi..le impressioni...le similitudini con altri lavori...il fatto che questo titolo puo essere apprezzato solo da una fascia di ascoltatori?..no??


Carillon Infernale
Opera:
Recensione:
hai ragione in effetti il disco meriterebbe una descrizione piu' dettagliata, io mi sono limitato a dare un impressione dei pezzi che piu' mi hanno colpito. Riguardo al fatto che il disco puo' essere apprezzato da una fascia di ascoltatori... e per quale motivo???allora il discorso vale per ogni recensione!e comunque il disco è apprezabile da tutti secondo me.


nightwalker10
nightwalker10
Opera:
Recensione:
Ti sorprendi di Steve Lukather???...uno dei chitarristi più preparati del globo?
Ma sei rimasto fermo ad "Africa"?
;)


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di A Guitar Supreme (Giant Steps in Fusion Guitar) è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link