Veronique Chalot
La Chanson De Provence

()

Voto:

Voglio parlarvi di un disco che mi è capitato tra le mani quasi per caso: "La Chanson De Provence" di Veronique Chalot. A dire il vero, dal punto di vista visivo quel dischetto non era una novità per me. Già altre volte l'avevo notato, dimenticato in qualche angolo di casa mia. Misteriosa provenienza. Non mi era mai venuta in mente l'idea di ascoltarlo. Sarebbe stato così semplice farlo ma ero solo un bambino e la copertina, sinceramente, non mi attirava. Qualche mese fa, mio padre lo mise dentro al lettore e il disco partì dopo tantissimi anni di crudele inattività.

Cos'era quella musica? Da dove proveniva quel suono sacro che odorava di antico? Rimasi incantato ad ascoltare in silenzio. Ero incatenato a quel suono così secco e maestoso. Ero emozionato per la nuova, preziosa scoperta ma non volevo darlo a vedere. Ormai quel dischetto impolverato apparteneva a me e solo a me. Una volta finita la riproduzione l'avrei furtivamente rimesso nella sua custodio e l'avrei portato al sicuro, in camera mia.

Il disco è stato inciso nel 1975, in Italia, dalla giovanissima Veronique Chalot che propone 10 brani tradizionali, antiche ballate provenzali e bretoni, dal XIII° al XVI° secolo. E' musica di una purezza sbalorditiva. La strumentazione è essenziale ma incredibilmente completa e precisa. La voce è sicura ma rimane morbida e controllata; Veronique Chalot tira fuori dei suoni che sembrano arrivare direttamente dal passato, al sicuro da qualsiasi altra contaminazione.

Vi consiglio vivamente questo disco che per me è stato una piacevolissima scoperta. Un piccolo tesoro rimasto tra la polvere per troppi anni.

 

Questa DeRecensione di La Chanson De Provence è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/veronique-chalot/la-chanson-de-provence/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Undici)

Hal
Hal Divèrs
Opera: | Recensione: |
interessante, grazie
BËL (00)
BRÜ (00)

rupertsciamenna
Opera: | Recensione: |
suono secco e maestoso, voce morbida e controllata, strumentazione essenziale: devo averlo. (la copertina è orrenda)
BËL (00)
BRÜ (00)

telespallabob
Opera: | Recensione: |
Non conosco l'argomento in questione (e potrebbe interessarmi)
BËL (00)
BRÜ (00)

Seb
Seb
Opera: | Recensione: |
Esiste anche un altra copertina credo :) questa è quella del disco che ho io.. l'ho dovuta scannerizzare perchè in rete non l'ho trovata... grazie per i commenti e i voti :)
BËL (00)
BRÜ (00)

Core-a-core
Opera: | Recensione: |
Interessante. Grazie per la segnalazione.
BËL (00)
BRÜ (00)

giola
Opera: | Recensione: |
Mai sentita la mademoiselle trovatora e troviera. Inusuale segnalazione che meritava più attenzione secondo me. Nonsolorock, quindi, ma anche folk nudo e crudo.
BËL (00)
BRÜ (00)

Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera: | Recensione: |
Pagina molto bella. Essenziale, ma con fascino. Brav_
BËL (00)
BRÜ (00)

kosmogabri
kosmogabri Divèrs
Opera: | Recensione: |
è interessante (oltre alla proposta ovviamente!) la questione della copertina. Visto che sono una pignola ed mi ha incuriosito il fatto che quella da te scannerizzata fosse scritta in italiano, nonostante lei sia francese, sono andata a cercare online, e ho trovato l'altra versione (vedere qui: link rotto deduco quindi che: il disco è stato registrato al Folkstudio di Roma, che oltre alla chitarra la Chalot suona il dulcimer (una specie di arpa tradizionale che si suona in orizzontale) e che gli altri musicisti che l'accompagnano sono italiani (ne ha fatti tre di dischi in Italia, sempre accompagnata da questi musicisti). Una bella storia insomma... ciao.
BËL (00)
BRÜ (00)

Seb
Seb
Opera: | Recensione: |
si... il disco che ho io probabilmente è uscito come allegato a qualche rivista (nel 93 mi pare, ora non ce l'ho davanti)recuperato dagli archivi del folkstudio. La copertina probabilmente è stata ristampata per quest'occasione... Mio padre deve averlo comprato senza badarci troppo e come spesso succede in questi casi, l'avrà ascoltato una volta al massimo da quando ce l'ha... grazie a tutti per i commenti :)
BËL (00)
BRÜ (00)

aries
Opera: | Recensione: |
Il disco uscì come allegato a una rivista nel '97. Anche per me fu una scoperta molto piacevole, per la maestosità dei suoni, così suggestivi e davvero capaci di proiettarti nella Provenza del Medio Evo, e per la sicurezza e la purezza cristallina della voce.
La Chalot, poi, si fermò in Italia e registrò poco altro (del resto, purtroppo, si tratta di un genere molto di nicchia), dedicandosi soprattutto all'insegnamento.
BËL (00)
BRÜ (00)

Seb
Seb
Opera: | Recensione: |
Aries grazie mille per il tuo commento e per le informazioni,avevo immaginato che fosse un allegato... io nel '97 avevo solo 8 anni :)Comunque le ho mandato una richiesta di amicizia su facebook qualche tempo fa e l'ha accettata... è molto gentile e mi ha confermato che incide ancora dischi.. (che ancora non sono riuscito a procurare)... ciao
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: