Sto caricando...

Werner Herzog
Cave Of Forgotten Dreams

()

Voto:

Cave of Forgotten Dreams, un documentario di Werner Herzog presentato al festival di Toronto nel 2010, è un film pluri-premiato forse passato inosservato ai più nonostante la paternità, probabilmente per la specificità del tema ma anche per la lentezza (credo funzionale) che lo contraddistingue.

E' girato nel sud della Francia in una località di una bellezza strabiliante, Pont D'Arc (questo posto), sito a circa metà strada tra Montpellier e Lyon, una valle nella quale sono presenti numerose cavità naturali e fra queste la grotta Chauvet.

La grotta prende il nome dal suo scopritore, Jean-Marie Chauvet, che nei primi anni 90 ha intrapreso una campagna di esplorazione nella località, alla ricerca di grotte abitate in epoca paleolitica. L'esplorazione si rivela fruttuosa e dopo una serie di caverne che restituiscono vari reperti archeologici, viene scoperta quella che contiene le pitture rupestri attualmente le più antiche mai trovate, risalenti fino a 36.000 anni fa. All'epoca in Europa siamo in piena era glaciale e l'uomo di Cro-Magnon occupa i suoi territori. Nel film si afferma che, all'epoca di fruizione della caverna, nella zona di Pont D'Arc fossero ancora presenti gli uomini di Neanderthal, informazione che a distanza di 10 anni non sono più riuscita a verificare e ciò mi induce a pensare la scienza sia già andata oltre.

La grotta, dopo la sua scoperta, viene ri-sigillata per evitare le problematiche che hanno causato il deterioramento delle pitture di altre due simili importanti grotte europee (Altamura e Lascaux, oggi chiuse al pubblico) nelle quali luci artificiali e il calore prodotto dalla moltitudine di turisti che inizialmente le hanno visitate, hanno modificato il microclima interno, favorendo la crescita sulle pareti della grotta (quindi inevitabilmente sulle pitture) di muschi e licheni.

La Chauvet, in attesa di nuove e meno invasive tecnologie investigative, viene quindi aperta molto di rado ed esclusivamente per consentire agli scienziati di studiarla.

É durante una di queste rare occasioni di apertura che il Ministero della Cultura Francese invita Werner Herzog a filmare l'interno della grotta, per realizzare un documentario.

La grotta, invero piccola coi suoi 400 mt di sviluppo planimetrico, restituisce una moltitudine di raffigurazioni di animali per la nostra epoca difficile da immaginare: mammut, leoni, rinoceronti, cavalli, bisonti, orsi, uri, cervi, iene, lupi, leopardi, gufi, popolavano infatti in maniera cospicua le nostre lande.

La qualità dei disegni e lo stato di conservazione pressoché totale è dovuto ai depositi di calcite che hanno coperto le pitture come un velo. Una frana imponente avvenuta in epoca remota ha chiuso l'ingresso originario ed è stato questo fenomeno a essere determinante affinchè si verificasse il processo che ne ha favorito la preservazione, quasi a sottolineare che davvero non tutti i mali vengono per nuocere. Almeno non in senso temporalmente assoluto.

Da subito la sensibilità di Herzog permette di apprezzare l'artisticità dell'opera, da buon esperto di arti figurative ed emozionante narratore qual è.

Paralleli improbabili ma assolutamente calzanti tra arte figurativa paleolitica, rituali magici, cinema e avanguardie artistiche vengono proposti con estrema eleganza.

Come in un quadro cubista, sulle pareti molti animali sono rappresentati con più zampe, quasi a simularne il movimento. Le curvature naturali della roccia sono state sapientemente sfruttate dagli artisti del tempo per enfatizzare la morbidezza dei corpi degli animali ritratti nei loro momenti di vita quotidiana. Quindi non scene di caccia nei quali l'uomo risulti banale protagonista, ma leoni che stanno vicini come a riposare e ignari di chi li osserva, cavalli che nitriscono, rinoceronti immortalati nel momento in cui cozzano i corni. Ma non solo, c'è tanto, tanto altro...

Herzog, narratore in prima persona, non può sottrarsi alle riprese, così come il direttore alla fotografia e un tecnico costituiscono, insieme agli studiosi, il cast di attori. (*)

Gli scienziati fin dai primissimi istanti del film vengono “guardati” con affetto, mentre si recano all'ingresso della grotta sembrano bambini che vanno al parco: piedi nel fango, tute da speleologo sporche, caschetti in testa e zaino in spalla. Scherzano e ridono, sono e sanno di essere dei privilegiati. Nessuna vanità e nessun copione da studiare, tutto è spontaneo come ci si aspetti da persone normalmente lontane dai riflettori.

La passione e l'entusiasmo per ciò che loro analizzano, nei pochi giorni di apertura della grotta, traspare in ogni istante sotto “l'occhio paterno” del regista. Vengono intervistati sulle scoperte fatte ma vengono loro poste anche domande sulla vita privata in relazione alla professione. É emblematico il caso dell'archeologo che era stato giocoliere in un circo (la sua è stata forse una vocazione mistica? Sembra suggerirlo). Si prova l'impulso di abbracciare l'archeologo che si occupa di ricostruire le armi preistoriche, che nel bel mezzo di una vigna tira una lancia e corre a riprenderla, incurante o temporalmente ignaro della sua età, mentre ride della sua stessa goffaggine.

Che sentissi una fortissima empatia per queste persone è stato Herzog stesso a pianificarlo? Qual'è e quanto è forte il potere del cinema? E la sua musica (Ernst Reijseger, qua o qui), quanto influisce? Il film scorre placido come il lavoro degli studiosi, la pazienza che usano nel loro lavoro potrebbe rivelarsi la giusta chiave di lettura dell'intero racconto.

Non si può restare indifferenti di fronte al finale inaspettato, nella riflessione amara sulla percezione di quanto scoperto si rivela l'occhio chirurgico dell'intellettuale che guarda commosso ma allo stesso tempo fortemente disilluso su tutto quanto ha potuto osservare da sé medesimo.

E' difficile in questi giorni arrivare a chiudere un qualsiasi discorso in modo definitivo, la concentrazione manca, il tempo si è dilatato e in verità, personalmente, non ho più tante parole. Viviamo dentro una bolla, in una situazione simile a quella descritta all'interno della grotta Chauvet, nel tentativo di fermare il tempo. E parlare di questo film risveglia in me sempre molte riflessioni, su cosa siamo, sulla fragilità della nostra natura, sulle battaglie che l'essere umano ha dovuto affrontare per progredire a cui ora si somma un nuovo capitolo della Storia. Nella caverna Chauvet erano umani che sapevano raccontare la loro umanità, coi propri mezzi e con le proprie emozioni e mi chiedo se saremo in grado di fare lo stesso di questi giorni difficili. Ma ho paura che narrare dei flashmob di questi giorni non porterà la stessa poesia di una pittura rupestre. E la mia vicina diggei&urlante al balcone mi è testimone.

(*) La troupe era seriamente ristretta, tanto da costringere Herzog stesso a reggere le luci necessarie per le riprese. Queste luci, costituite da attrezzature minimali, sono state montate all'interno della stessa grotta (la polvere è una costante col quale fare i conti) in quanto, in questo caso l'ingresso ma più in generale passaggi molto angusti, rendono il trasporto di ogni oggetto ingombrante estremamente complesso, talvolta impossibile. Era inoltre vietato toccare le pareti della grotta e si muovevano costretti sulla passerella larga 60 cm più volte inquadrata durante le riprese. Per chi non conoscesse il mondo ipogeico si tratta di un ambiente estremo, in cui è molto impegnativo fare anche delle semplici foto sia a causa dell'umidità elevatissima sia, naturalmente, per l'assenza completa di luce.

Commenti (VentiSette)

JonatanCoe
JonatanCoe
Opera:
Recensione:
Qualsiasi cosa quest'uomo faccia è un capolavoro. Bella proposta.
ps. La ballata di Stroszek è tra i miei 5 film da isola deserta.


PVC: L'ignoto spazio profondo (The Wild Blue Yonder) e The White Diamond sono altri due bellissimi documentari (?)
realizzati da Herzog. In questa anomala forma di documentario e fiction, Herzog ha trovato una seconda giovinezza artistica
TataOgg: Il film da isola deserta é questo per me. Visto innumerevoli volte, credo che andiamo oltre 10.
The Wild Blue Yonder vorrei vederlo presto e poi seguiranno gli altri. Voi che lo conoscete bene sapete dirmi se questo é l'unico vero documentario?
JonatanCoe: La sua pagina wikipedia è ben dettagliata da questo punto di vista, ma occorre dire che spesso il confine tra documentario e film è invisibile. Un esempio è 'L'ignoto spazio profondo' film del 2005 girato come un documentario, consigliatissimo se non l'hai ancora visto.
TataOgg: Sì sì, é il prossimo della lista. Il compositore della colonna sonora é pure lo stesso e sono curiosa di vedere il loro primo sodalizio.
PVC: @[TataOgg] Ernst Reijseger e il coro di Orosei
TataOgg: ... già 😉
Grande stupore, questo l'ho scoperto la settimana scorsa!
Raskolnikov1789
Raskolnikov1789
Opera:
Recensione:
Ho visto questo Herzog parecchio tempo, mi è rimasto impresso il fascino delle grotte. Due anni fa ho, poi, avuto l'onore di visitare la grotta di Font de Gaume (con tutta una serie di accortezze credo che sia una delle poche ancora visitabili). Un'esperienza davvero speciale che non si riesce ad esprimere bene con le parole. Mi impressionò come quella grotta, che noi percorrevamo i piedi, i nostri progenitori la percoressero accovacciati, strisciando fino alle viscere delle terra per lasciare questi segni che rappresentano l'essenza stessa dell'uomo. Altro particolare, più si andava avanti e più si appalesavano le creature più terribili. Eppoi, un volto, raffigurazione molta rara; e le impronte delle mani..
Mi viene, infine, una bella canzone di Capossela che si intitola 'Uro'.
Grazie mille per la recensione, che mi ha rievocato sensazioni molto positive!


Raskolnikov1789: Mi scuso per la forma che grida vendetta
TataOgg: Caro Rodion, non so spiegare l'emozione che provo a trovarti tra i miei commentatori... Sei uno degli eroi letterari della mia adolescenza (allegriaaaa!)!
Scherzo, ma complimenti per il nome :)
Ho già controllato, la grotta che nomini é ancora aperta al pubblico, sono molto felice all'idea di poterci entrare anche io un giorno e ti ringrazio immensamente per questa segnalazione. Questo film evoca sensazioni positivissime, grazie!
Pinhead
Pinhead
Opera:
Recensione:
E chi li aveva mai sentiti nominare gli uri, fino a 5 minuti fa. Bella.


TataOgg: Animaletti da compagnia 🙃
Pinhead: Stessa cosa che ho pensato quando ne ho visto una rappresentazione ieri sera. Peccato che sia estinto, altrimenti un uro in giardino sarebbe stato il mio sogno da realizzare.
TataOgg: La cosa davvero importante sarebbe stato non abituarlo a saltare in braccio per le coccole.
Tutto il resto in discesa....
macaco
macaco
Opera:
Recensione:
Lettura avvincente!


TataOgg: Grazie Macaco :)
Vedrai il film? Prometti di sì!
snes
snes
Opera:
Recensione:
di documentari di herzog ho visto solo questo e "Il mio nemico più caro". trovo che riesca a raccontare e raccontarsi meglio nei documentari che non nei film. Che insomma: sono comunque film di Werner Herzog...


TataOgg: Come ho scritto più su, tra i documentari ho visto soltanto questo.
E, se devo dire la verità, questo documentario lo preferisco di gran lunga ai film. Che rimangono comunque film di Werner Herzog...
Se aggiungi altro lo ripeto, siamo troppo d'accordo. :)
HOPELESS: D'accordo con te snes, i documentari sono veramente interessanti. Guardati FILMSTUNDE, Anche i Nani Hanno Cominciato da Piccoli, How Much Wood Would a Woodchuck Chuck (l'ho dovuto copiare -su venditori scioglilingua stupefacenti) e soprattutto FATA MORGANA con molti pezzi di Leonard Cohen, se posso suggerirti qualcosa. Bye.
snes: Il tempo di vedere roba e' passato purtroppo. O meglio:"il tempo per recuperare cose" è finito.
TataOgg: Può essere solo la risposta di uno che ha troppo da vedere di nuovo o che ha deciso di non guardare mai più nulla. Mi siedo, incrocio le gambe e aspetto dato che propendo per la prima ipotesi.
snes: Non ho voglia di rimettermi a trovare i siti di aottotitoli, non ho voglia di mettermi a scaricare 3 volte lo stesso film per trovare quello in sincrono coi sottotitoli. E, dio mio, non uso servizi di streaming gratuiti (cineblog et simili) che quelli fan male a internet in generale oltre che ai film in sala e di riflesso al cinema tutto.
TataOgg: .. note dolenti quelle. La ricerca è spesso sfiancante...
lector
lector
Opera:
Recensione:
Mi hai messo una gran voglia di vederlo.


TataOgg: Quanto mi fai felice... Mi dirai se ti é piaciuto?
lector: Se riuscirò a guardarlo, certo!
tia
tia Presidénte onoràrio
Opera:
Recensione:
In questo luogo di cavernicoli troverai terreno fertile.!! Sono andato a vedere alcune immagini della grotta e sembra di aprire un libro sulle avanguardie del Novecento e più precisamente Il futurismo.. C'è un dinamismo in queste pitture rupestri e dei colori da togliere il fiato! Per non parlare della qualità del tratto; sembrano disegnati con il carboncino o con la sanguigna ...Che poi qs ultima è ematite e quindi forse non è che sembrano ma sono essendo l'ematite un minerale ferroso..
Vi saluto, scendo in garage ad imbrattare i muri (disegnerò tanti coronavirus..) e chissà che fra altri 36.000 anni qualcuno trovandoli non si chieda di che strambi animalitti era popolata la terra..


tia: Bell sis!🤘
TataOgg: Bella Bro 🤘🏼
Impressionante eh? Vedilo, vedilo il film... Parla anche di questo!
Sì anche a me ha fatto pensare in realtà più al futurismo, ma non ricordo perché ho deciso di parlare di cubismo (la rece era in bozza da mesi sul PC). Comunque é una domanda che mi sono già posta in passato al quale ho dato una risposta. Forse che questo stile viene inventato per la prima volta dai cubisti e quindi precedente ai futuristi? Può darsi....
Caspasian
Caspasian
Opera:
Recensione:
Piacevolissima lettura l' inseguire conferme "definitive" darwiniane. Dopo "Fata Morgana" e i nani tutti i miraggi successivi sono "scherzosi".


TataOgg: Non hai mai visto questo film? Caspy, ascolta la colonna sonora, secondo me potrebbe piacerti tanto questo compositore, é sufficientemente "stonato" come richiedono le nostre orecchie.
Caspasian: 👍👂
De...Marga...
De...Marga...
Opera:
Recensione:
Che bella pagina...


TataOgg: Grazie caro Dema! Se lo vedrai, potrai osservare un pezzettino piccolo del mio mondo... Che mi manca già.
JOHNDOE
JOHNDOE
Opera:
Recensione:
Altra grandissima recensione, sta morendo un cazzo... se mi capita lo vedrò.


TataOgg: Tu DEVI vederlo!
Lo trovi anche su rai play, son sicura.
Ma grazie... 💚
Almotasim
Almotasim
Opera:
Recensione:
Che mito Herzog! Che mito quella caverna!


TataOgg: Davvero... Che sogno quella caverna... :)
imasoulman
imasoulman
Opera:
Recensione:
che bella pagina, cerco subito, DeBaser in certi casi sa essere davvero 'Servizio Pubblico'.
PS: se avrò la fortuna di trovarlo, ripasso...


TataOgg: Certo che lo trovi! Anche su rai play.... C'è sicuro. La prima volta l'ho visto sottotitolato e mi pare non tagliato (di gran lunga meglio della versione doppiata).
imasoulman: ma grazie! salvo e visiono!
IlConte
IlConte
Opera:
Recensione:
Non so nulla e faccio fatica a “concentrarmi” ... ma tutto mi sembra interessante, Nobile Fanciulla...


IlConte: Fosse un libro non potrei farcela ma un documentario me lo posso pappare...
TataOgg: Sì, anche secondo me... Dai! :)
CosmicJocker
CosmicJocker
Opera:
Recensione:
Minchia che proposta interessante! Comunque percuno che gira (tra le altre cose) "Fitzcarraldo" le aspettative sono sempre altissime..


CosmicJocker: *per uno
TataOgg: E lo spirito giusto! La colonna sonora ad esempio sappiamo già che fa al caso tuo... 😉
TataOgg: *É
CosmicJocker: Sentiti ora i link che hai messo: sì, direi proprio di sì!
luludia
luludia
Opera:
Recensione:
sono sempre stato affascinato dalla pittura preistorica, immagini che hanno una vividezza pazzesca...sapevi che le grotte di Altamira son state scoperte grazie a una bambina che ci è cascata dentro infilandosi in un buco esattamente come alice inseguendo il bianconiglio?...anche herzog è un grande amore...la tua pagina fila via liscia che è un piacere...


TataOgg: siiiii! credo di averlo anche sognato tanto tempo fa, quando lo seppi.. una storia fantastica per cui provo tantissima invidia. Perchè a me non succede?
Grazie Lù ♥
luludia: ma grazie a te, fantasmino...
algol
algol
Opera:
Recensione:
Beh ... almeno quella ciurma di speleoarcheologi non ha deciso di mettere su una band.
Spero.
Sarebbe piaciuto molto anche a Platone quest'antro ancestrale, con ancora impressi i bagliori del tempo che fu.
Credo che lo vedrò con mio figlio artisticoliceale.


TataOgg: ahahahaa I Batsalsa! Qualche settimana fa avevano annunciato di essere rientrati in saletta...
Chissà che Platone non si sia ispirato a qualche grotta reale... un'altra di quelle cose che non sapremo mai.
Da vedere con la famiglia, sicuramente!
algol: come dimenticare i Batsalsa :-)
Bubi
Bubi
Opera:
Recensione:
Questo non l ho visto, il mio nemico più caro si ed è bello. Picasso era un grande ammiratore questi artisti e disse che lui e i pittori cosiddetti di avanguardia, dei primi del secolo scorso, non avevano inventato nulla. Questi "cavernicoli" non ci avrebbero invidiato nulla, credo.


TataOgg: Forse per questo ho citato I cubisti e non i futuristi? Sicuramente si. (leggi @[tia] )
E come non essere d'accordo con Picasso? Se non lo sa lui.... ;)
Bubi: Nel frattempo ne ho visti altri di Herzog e devo dire che mi piace sia quando si cimenta nei documentari che nei film. Grande regista
TataOgg: Indubbiamente. Produzione vastissima e pochi colpi a salve.
IlConte
IlConte
Opera:
Recensione:
Comunque tu sei brava, simpatica, sveglia e arguta... però qui c’è “voglia” di Gnocca, pure virtuale. È un fatto gioioso e spontaneo...


sfascia carrozze: Sfacciato!
UH!
IlConte: Schietto...
JOHNDOE: ha ragione

tata scrivigli le zozzerie in pm :)
sfascia carrozze: Comunque Vernererzog mi sembra un nomenclativo fikissimo per un diserbante da vigneto da sspargere tra i filari del Brunello di Montalcino.
algol: Diciamo che la pheegapenia cronica che affligge il debasio solitamente induce un eccesso di indulgenza, tale da suscitare ondate di consensi anche verso la più capra delle utenti. Insomma, il sessismo al contrario.
Ma qua siamo di fronte ad indubbia capacità, femminile o maschile che sia non importa. Ci sono idee e la capacità di esporle. E questo allieta.
IlConte: Ma infatti, ci mancherebbe ... se una Fanciulla non è di livello in tutti i sensi infatti qui dentro dura un attimo e vola via in malo modo ... sono qui da pochi anni ma ricordo parecchie ex de utenti durate pochissimo per ignoranza e saccenza.
Mi dispiace per Sofista, giovane e sveglia quanto bastava.
La mia era solo una “precisazione” nel merito.
algol: Oddio, Sofista. Fammi ricordare, era quella che cambiava l'immagine profilo con la stessa frequenza con la quale ci si cambia abito? Per farci vedere quanto era pheega (ammesso fosse proprio lei eh ...).
Ecco, hai appena confermato una delle leggi di algol: l'accondiscendenza verso l'utenza sul deb è direttamente proporzionale al suo coefficiente vaginale.
Nello specifico la bella Sofista si distinse per una manciata di ottimi ascolti (parecchi affini ai miei), di roba straconosciuta da gran parte dell'utenza che contribuisce per davvero al sito.
Insomma ... un pò pochino per farsi rimpiangere.
Eh
IlConte: No, sinceramente io la ricordo anche per commenti arguti e “sinceri”... poi magari sbaglio eh?!
Lo dico perché ha “lasciato” dicendo che non stava bene, tutto qui...
algol: oh ... niente di male eh. Chi non è sensibile alla pheega? Sul deb cerco di non dare peso alcuno al genere, ma ci sta.
Guarda, altro caso eclatante secondo me fu quello di Serenella, con le sue dotte masturbazioni auto promozionali. Tutti prostrati a spellarsi le mani, ma se lo stesso soggetto si fosse presentato sotto maschili spoglie sarebbe stato il lancio di guano. Grazie al cielo (ma anche a me) se n'è andata fuori dalle palle.
IlConte: Con Serenella ho avuto da dire persino prima di te... anche se alla fine penso non fosse così ma si era presentata malissimo... da professorina...
Ma il top l’ha toccata quella poco tempo fa tutta carica come una molla che diceva di avere seimila lauree e di abitare in America mi sembra a cui ne ho dette di ogni... poi G mi sembra becco’ che la foto non era lei ma una pubblicità ahahahahahahah... non si è più vista...
algol: ahahhahah ... ricordo. Quella puzzava di fake lontano un miglio. Di Sofista ti dirò che secondo me era fake pure lei. Troppo giovane e troppi ascolti collocati su un determinato periodo storico incongruo. La scia di bava dietro di lei rimane una delle cose più sgradevoli mai viste sul deb. Ad ogni modo hai ragione, i commenti testimoniavano che non era una stupida/o. C'era arguzia.
algol: ahahhahahahahhhh. Stregazzurra. Hahahhahahahah. Grazie Conte, avevo dimenticato il nome.
De...Marga...: Divertitevi e credete al Vangelo!! Non c'è più tempo...agire adesso zozzoni!!!
De...Marga...: Convertitevi...correttore del cazz...
TataOgg: Sofista era una ragazza troppo giovane, lo sapeva perchè stava qua? mah... Sempre che fosse una ragazza, pareva sincera ma con voi diavoletti tutto può essere.
Molto difficile rispondere alla vostra discussione, è un problema che mi sono posta spesso e i primi tempi ho seriamente pensato di farmi passare per uomo. Ma è troppo difficile... io mi sento e sono donna, quindi perchè diavolo avrei dovuto farmi una violenza simile? Sono arrivata alla conclusione che è più un problema vostro.
Mi dispiace davvero se qualcuno parla con me o al contrario non mi manda a fanculo se lo merito, solo perchè sono femmina. Come mi dispiace che non ci sia nessuna ragazza regolarmente presente, non credo di averle spaventate io. Sono qua per confrontarmi su qualcosa che mi piace e che mi interessa, o per scoprirla seguendo le vostre vie tortuose, leggo Debaser da anni per questo.
Vi ringrazio per questi bei complimenti, devo ammettere di non essere molto sicura della vostra sincerità (mi state corrompendooo??!!eh?) ma mi fa davvero piacere considerato che voi e tutti quelli che son passati a commentare sono quelli che normalmente leggo con estremo piacere.
Siete voi i bravi.
TataOgg: ps. secondo me Sofista mandava gli ascolti dei genitori, che infatti avranno la mia o la vostra età, forse una via di mezzo.
Quindi Stregazzurra era Serenella? L'avete fatto proprio incazzare.... ahahaha
IlConte: Posso:
Sinceri qui è il minimo, pure troppo - io e algol
Tu devi essere come sei si fa per parlare
Di fanciulle “storiche” ce ne sono ... dicevo le “nuove”
E quelle che rimangono sono molto cazzute, ma molto
Io se ti devo mandare a cagare lo faccio senza pensarci un secondo e pure se scrivi da culo...
IlConte: No no parlavamo di entrambe
IlConte: Non so Sofista era un po’ che diceva che aveva problemi di salute poi è andata senza nessuna discussione, anzi...
Spero nulla...
TataOgg: le fanciulle storiche è vero ci sono, ogni tanto ne individuo una.. ma io ci interagisco molto raramente e comunque in maniera quasi casuale.
Caro Nobile, so che sei sincero al massimo se devi esprimere un parere... Ti apprezzo tantissimo per questo .. e ti temo, anche. Aahaha
(p.s. ieri notte pensavo... ceeeeee chissà che scriverà il Nobile!!! aiutoooo.. ahahahaa )
IlConte: Madooooooooooooo che incubo!!! Una volta facevo un altro effetto ora L’arterio ha il deciso sopravvento ahahahahahahah.
Anche io che sono entrato da alcuni anni le “conosco” poco tranne Heart che si è data da fare davvero per il deb, ora è incasinata col lavoro ma vabbè... aveva fatto con Pinhead le interviste ad alcuni di noi... ahahahahahahah, follia ... Lei e il grande Pinhead “radio delirio” il gruppo mi sembra, bellissimo.
Il deb, per quanto mi riguarda che non ho niente di social e ho la misantropia ai massimi livelli, è una super valvola di sfogo in senso positivo e poi ho conosciuto più musica qui in pochi anni che nei trenta e passa precedenti ma davvero. Considero la media degli utenti veramente in gamba, pure quelli con cui non mi trovo ... perché ci può stare, anzi.
Poi col mio carattere devo prenderlo con le molle... non avendo mezze misure ci vado dentro al massimo come in tutte le cose e ogni tanto devo staccare...
tia: Ehi men! Giù le mani dalla sister speleologa!!!🤙 ;) ..Comunque spezzo una lancia in favore di Sofista; era simpatica e postava un sacco di bella musica, donna o ometto che fosse e credo che fosse anche sincera.. Poi chissà per quale motivo io non metto mai in dubbio l'identità di nessuno, è una cosa che francamente non mi interessa dubitare dell'altro..! Ciò a dire: a me non verrebbe mai in mente di farmi dei profili alternativi, voglio essere talmente me stesso che ho messo pure la foto.. Poi se c'è qlcuno (e sicuramente c'è) che si diverte a creare più identità per creare scompiglio, dire cazzate, fanculare e via discorrendo lo lascio fare e tiro dritto, compatendolo...E' evidente che nella vita reale non ha un cazzo di meglio da fare e ciò è molto triste. Minchia che pippone ho scritto; dù palle!
algol: fossero tutti come te tia ...
IlConte: Uguale, uguale, uguale a tia...
Neanche sapevo cosa volesse significare fake fino a quattro anni fa...
De...Marga...: La parola fake l'ho scoperta anch'io qui, ai tempi della mia prima recensione sui Primus. Se ben ricordo mi pare fosse Opal a citarmi come fake...ma che cazzo voleva dire? mi chiesi per qualche tempo..
TataOgg: Bella Brò! UH
Ho visto che avete fatto una bella incursione.. bravini! Sofista forse imparerà la lezione e si re-iscriverà ma con un nuovo fake e una nuova foto che le piace, scaricata dal web. Forse.
Io sono un fake, ecco perchè ho un lenzuolo in testa, però virtualmente son uguale alla me stessa che ho abbandonato perciò non avete nulla da temere.
Se qua si usasse la propria foto sarebbe normale, ma di norma non uso foto profilo e nome vero nemmeno su fb dove tutti sanno chi sono, piccolo particolare. Magari un giorno mi mostrerò anche qua ma non ho fretta.
Del resto in questa discussione solo Tia e DeMa sono se stessi, forse tra i pochissimi che potrei riconoscere per strada e non ho dubbi: li fermerei per appurarlo, senza carnevalate che non ho 12 anni. Son fatta così.
IlConte: Io sono FIN TROPPO me stesso... fidati...
JOHNDOE: tata per come funziono io non c'è nessuna "lezione" da imparare ma vabbè la chiudo subito che non c'ho voglia ...basta che hai capito ;)
TataOgg: Mi fido caro, ecco perché ti temo. 🙃
dsalva: Interessante.....comunque a me la figa non interessa
Farnaby
Farnaby
Opera:
Recensione:
Anch'io come @[snes] prediligo l'Herzog documentarista ma questo mi manca...provvederò.
Recensione super...chi meglio di te poteva raccontarci di quest'opera e di questi luoghi. Brava!


TataOgg: Sarebbe dovuta essere la mia prima recensione, sarebbe stato giusto, ma mi sono distratta...
Grazie Farny :)
imasoulman
imasoulman
Opera:
Recensione:
visto ogg(i)
bellissimo, emozionante come pochi, grazie


TataOgg: Grazie a te, é stato un piacere condividerlo 💛
HOPELESS
HOPELESS
Opera:
Recensione:
Herzog diceva che per fare il regista per come lo faceva lui bisognava essere per prima cosa un atleta, la sua lentezza è sublime. Basterebbero i titoli delle sue opere per fare delle vere e proprie poesie in cut-up.

"Nell'età dell'oro l'uomo e la donna vivono in armonia. Ora per esempio sono ripresi dall'obiettivo della macchina da presa tutti e due con la morte negli occhi, il sorriso sulle labbra e le mani protese verso la vita. Il correre ha il potere di ritemprarli entrambi, anche il sollevamento pesi è salutare. Addirittura balsamico sarà per loro il salto dal faro nel nulla." (FATA MORGANA)


TataOgg: Che meraviglia questa citazione, Mi fa venir voglia di uscire :(
E' trascorso un lungo periodo in cui ho annullato il bisogno di 7°arte ma ora basta, i tempi sono maturi per riniziare e penso ripartirò così, da Herzog.
"Sublime" è il termine esatto. Non tutti sanno apprezzare la lentezza, ho fatto vedere e ho parlato di questo film a molte persone perchè lo trovo davvero-profondamente-commovente, complice questo suo incedere più maestoso che atletico. La gente normalmente si divide tra chi si addormenta (e mi odia per avergliene imposto la visione) e chi lo trova stupendo.
La "Grotta dei Sogni Dimenticati" è proprio un titolo magico.
Grazie
Caspasian: "La grande estasi dell' intagliatore Steiner"
Caspasian: "Paese del Silenzio e dell'oscurità"
Stanlio
Stanlio
Opera:
Recensione:
Cacchio, pensare che 36.000 anni fa ci stavano i rinoceronti a cozzarsi in Francia mi fa lambiccare il cervellino solleticandolo non poco.

Brava! (vado a preferirla)


TataOgg: 🦏 La Belle Vie!
Grazie Stanly (ma quindi non ci DeAmavamo già ?😯)
dsalva
dsalva
Opera:
Recensione:
Bella rece, complimenti


TataOgg: Grazie!😊
gaston
gaston
Opera:
Recensione:
Ho letto la tua recensione che mi ha entusiasmato ed incuriosito al punto che sono subito andato a vedere il documentario.
Solo la ripresa iniziale che dalla vigna ci porta alla grotta vale le mie 5 stelle.
Quindi brava Tata e bravo Werner. Brava pure la natura. Mica male la grotta e tutto quello che ci sta intorno.
E l'uomo di Cro-Magnon? Perchè è andato a scarabocchiare le pareti della grotta? Per esprimere la sua vena artistica?
Per marcare il territorio? Mi sembra di aver capito che la grotta non fosse destinata ad uso abitativo. Per tramandare al futuro la situazione faunistica del tempo? Lo chiedo perchè la prima impressione che ho avuto è stata quella che qualcuno fosse entrato in quella grotta, meravigliosa opera della natura, e ne avesse violato, deturpato la bellezza.
Poi, visto l'entusiasmo generale di scienziati, speleologi e forse anche di Werner, questo pensiero mi ha abbandonato.
E mi sono gustato questo fantastico documentario. Poi il finale,invece, sembra stia lì a testimoniare come l'uomo di Cro-Magnon sia stato solo l'inizio...della fine (?)


TataOgg: Ah! Belle domande... Tutte belle. Però penso che se avessero solo voluto marcare il territorio avrebbero fatto la pipì all'ingresso, come tutti, e buona!
Innanzitutto ti dico che L'artista col dito storto potrebbe essere stata una donna ma non ricordo più dove l'avevo letto..
Il finale é terribile, sapere che nonostante gli sforzi forse non sapremo davvero mai nulla e che non capiremo perché "oltre" quel mondo, quella dimensione, c'è qualcosa di incomprensibile... Tu hai mai pensato a cosa pensa un animale? Non mi sento superiore a lui ma siamo comunque diversi, cioè che ne so dei sentimenti di un gatto se non capisco veramente neanche quelli di un uomo? Figuriamoci capire i sentimenti di un uomo vissuto 36000 anni fa e neanche della mia specie.... L'unica cosa certa di quelle pitture é che chi le ha fatte provava delle emozioni ma magari non é così che le chiamava lui.. era qualcosa e basta... E la grotta poteva essere una scuola per giovani cacciatori e avevano anche il calendario porno. E noi lí coi sogni dimenticati e i coccodrilli... seeee..
Tutto é l'inizio della fine, bisogna imparare e saperlo accettare.
Mi fa piacere tu abbia guardato il doc, davvero. Grazie
gaston: Ah ah hai involontariamente centrato il problema. Mi sono scaldato tanto con i Cro-Magnon proprio perchè c'è un gatto che da alcuni giorni mi sta pisciando sul vaso delle rose. Non ho nulla contro i gatti, ma quando fanno così...li butterei nella vasca degli alligatori albini.
Scherzi a parte, grazie davvero per avermi fatto conoscere tutta sta storia.
Vado a finire il disegno sulla parete, prima che torni mia moglie.
TataOgg: Sarà felice.. usa tutti i colori, mi raccomando!
gaston: eh sì...:) Tanto non mi può buttare fuori di casa, che se no ci fanno la multa...
TataOgg: ahahahah
giusto!
666cosasei
666cosasei
Opera:
Recensione:
Se non avessi letto la tua recensione, probabilmente non mi sarebbe venuto in mente di vederlo. Ora invece sono talmente stregata dalle tue parole che lo cercherò,e magari rimarrò anche delusa perché c'è più magia in quello che hai colto ed espresso tu che nel film stesso.
Chapeau!


TataOgg: Ma Grazie!
Corri, corri a vederlo! Su rai play lo trovi di sicuro e poi fammi sapere 😉
MrDaveBoy73
MrDaveBoy73
Opera:
Recensione:
Ciao Cercherò di vederlo hai scritto con tanta passione che m ihai trasmesso la (quasi) voglia di avere una TV. ciao


TataOgg: Puo vederlo sul pc e forse anche sul telefono sul sito rai... lo trovi! grazie Dave :)
MrDaveBoy73: Grazie a te
Fratellone
Fratellone
Opera:
Recensione:
Brava, stasera lo guardo sicuramente. Una rece che invoglia ad approfondire merita il 5!


TataOgg: Grazie, mi fa piacere. E' un film bellissimo, per me.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Cave Of Forgotten Dreams è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link