Agitation Free
Malesch

()

Voto:

Sarà che a Berlino all'Aegyptisches Museum si può essere stregati e trascinati lontano dall'incorruttibile profilo di Nefertiti, o che per le vie della città si può, a detta degli stessi immigrati, gustare il migliore kebab acquistabile al di fuori dei Paesi arabi, ma sulla capitale tedesca spira a volte un vento d'oriente così forte da animare nei suoi già poco razionali abitanti l'urgente desiderio di viaggiare lontano, fisicamente o virtualmente. Fortunati, a questo punto, gli Agitation Free, che nel 1972 riescono ad intraprendere entrambi i tipi di viaggio e a consegnarcene in questo "Malesch" il diario cosmico/krautrockettaro con lo scopo marcatamente dichiarato di rapirci definitivamente dalle nostre sedie.

Reduci da un viaggio in Egitto, il gruppo berlinese (di cui, a onor del vero, si sente parlare più per il fatto di aver passato ai Tangerine Dream il buon Chris Franke - prima loro batterista - ed estemporaneamente anche il loro synthesista Michael Hoenig) decide di redigere una sorta di "blog" puramente musicale: come, infatti, nei diari elettronici ci si diverte ad integrare esternazioni, ricordi, foto scattate durante l'ultima vacanza e colori vari, gli Agitation Free fanno convogliare in Malesch le loro impressioni di viaggio insieme a frammenti sonori registrati per le strade del Cairo e delle altre tappe del loro itinerario, realizzando un album "on the road" per molti versi ineguagliato e ineguagliabile. Accade, così, che nell'iniziale "You play for us today" si senta un componente del gruppo rivolgere questa stessa domanda ad una banda di suonatori di strada, per poi venire proiettati in un brano psichedelico a metà strada fra i Pink Floyd di "A Saucerful..." (anche se sapientemente meno pomposi), scale orientali e spirito west-coast e finire con le percussioni e i pifferi arabi della suddetta banda. Il tutto senza soluzione di continuità e, sorpresa, senza accorgerci di essere passati dalla strada allo studio di registrazione e viceversa!

Questa magia continua per tutto l'album, suddiviso in canzoni come se si trattasse dei capitoli di un libro, che comunque deve essere letto e considerato per intero (benedetto a tale proposito chi ha inventato i CD!). Così, fra brani più rock/psichedelici e passaggi cosmico/elettronici si può avere l'impressione di camminare nei vicoli più segreti della Kasba, di stare distesi nell'enigmatico sarcofago della Grande Piramide o di accamparsi con una tribù di nomadi nel bel mezzo del Sahara. "Sahara City" rapisce nelle sue spire cosmiche, reminescenti dei Tangerine Dream di "Atem", per poi farci atterrare dolcemente in un rock più deciso, squisitamente impressionista. Come se niente fosse il gruppo ci delizia con strutture di tastiere iterative alla Terry Riley in "Ala Tul" e l'ossessivo incidere elettronico quasi industriale - ma in realtà molto lontano da tale prospettiva - di "Pulse", dove il VCS3 di Hoenig ci regala colpi nervosi e dinamicissimi, quasi la partitura fosse scritta in un'improbabile misura in 1/4. I pensieri sembrano sollevarsi fino a farci vedere il mondo dall'alto con gli echi ben amministrati di "Khan el Khalili" e l'improvvisazione free form, mai ossessiva e davvero trasognata, della title track.

E mentre quest'ultima sfuma sul rumore del vento del deserto, quasi non ci si aspetta l'ingresso deciso di un brano come "Rücksturz", inno al limite del lo-fi e della new-wave ante litteram, intriso contemporaneamente di passeggiate al Tiergarten e gorghi di persone in un qualsiasi Suq mediorientale, in modo che la carovana immaginaria degli Agitation Free possa terminare il suo viaggio in qualche luogo perso fra le nostre anime e terre lontane...

Questa DeRecensione di Malesch è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/agitation-free/malesch/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Venti)

S L B
Opera: | Recensione: |
disco a tratti difficile, forse lo riascolto..
BËL (00)
BRÜ (00)

Spaccamascella
Opera: | Recensione: |
bel disco e bella rece, bravo!
BËL (00)
BRÜ (00)

psychopompe
Opera: | Recensione: |
troia puttana eva mi ha cancellato il messaggio!!!! Vabbe in soldoni era: " complimenti Beenees disco che stavo cercando di far recensire a mastro Tollani senza esiti purtrooppo. Tu sempre bravo soprattutto perchè copri lacune imperdonabili nel database di deb. Disco che aspetto di comprare da un anno, in negozio costosissimo su amazon meno ma ancora troppo per le mie tasche. E del suddetto viaggio c'è un simpatico etnovideo proprio qui:

BËL (00)
BRÜ (00)

Eneathedevil
Eneathedevil Divèrs
Opera: | Recensione: |
Grandioso, finalmente qui su Debaser. La cosa che credo li distingua dal resto della truppa del Krautrock è l'elemento orientale, difficilmente presente altrove e qui perfettamente miscelato. Tra l'altro è digeribilissimo, molto meglio, a mio sindacabile giudizio, di certe lunghe orge Gottschingiane o sessions di Czukay e soci. Bravo beenees
BËL (00)
BRÜ (00)

the green manalishi
Opera: | Recensione: |
devo risentirlo
BËL (00)
BRÜ (00)

Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera: | Recensione: |
Proprio bella! Brav_! Pure io me lo riascolterò stasera!
BËL (00)
BRÜ (00)

puntiniCAZpuntini
Opera: | Recensione: |
Bellissimissimo.
BËL (00)
BRÜ (00)

emanuele
Opera: | Recensione: |
wow...sono senza parole bravissimo
BËL (00)
BRÜ (00)

Festwca
Festwca Divèrs
Opera: | Recensione: |
Uno dei pochi classici che mancavano ancora su DeB, ottimo.
BËL (00)
BRÜ (00)

Nixon
Opera: | Recensione: |
Tsk tsk tsk
BËL (00)
BRÜ (00)

OleEinar
Opera: | Recensione: |
Bella pagina.
BËL (00)
BRÜ (00)

TheJargonKing
Opera: | Recensione: |
Bravo, bravo. Mancava ed era un peccato.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ghemison
Opera: | Recensione: |
bellissima recensione! loro mai sentiti, ma prometto di provvedere presto!
BËL (00)
BRÜ (00)

psychopompe
psychopompe Divèrs
Opera: | Recensione: |
uscita ieri riedizione della SPV tetesca, con bonus track live e il video di cui avevo messo il link + sopra.
BËL (00)
BRÜ (00)

pi-airot
Opera: | Recensione: |
Oh bella, Berlino orientale... l'album è un trip non indifferente!
BËL (00)
BRÜ (00)

agitationfree24
Opera: | Recensione: |
preferisco 2nd
BËL (00)
BRÜ (00)

the green manalishi
Opera: | Recensione: |
Buonissima la recensione, ma sinceramente il disco non è che mi dica granchè... non saprei neanche che voto dargli
BËL (00)
BRÜ (00)

BARRACUDA BLUE
Opera: | Recensione: |
Recensione che tocca tasti importanti x la comprensione dell'intero genere. Nello stesso periodo Florian Fricke & soci daranno la loro rilettura immaginifica della Valle dei Re in quel IN DEN GARTEN PHARAOS mentre i Gila del Popol-Guitarist Conny Veit si spingeranno ancor piu' lontano ad analizzare la triste sorte dei Nativi-Americani in BURY MY HEART AT WOUNDED KNEE. Quella scena tedesca, anche allo scopo di spazzare via il loro schifoso passato recente, ha giustamente reso omaggio in modo assolutamente sincero a popoli e civilta' sepolte da tragici avvenimenti.
BËL (01)
BRÜ (00)

jdv666
Opera: | Recensione: |
krrrraut power!
BËL (00)
BRÜ (00)

lector
Opera: | Recensione: |
Non ci sono più le recensioni di una volta! Gran disco....
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: