Aliceversa
ore disturbate

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Un amico mi ha prestato questo oscuro CD, lavoro di una band italiana che, come tante altre, non è andata oltre il debutto, nonostante le ottime capacità.

Da quel poco che ho capito, gli Aliceversa erano un gruppo piemontese, precedentemente noto con il nome di Alice In Sexland.

Nel 1995 pubblicarono questo "Ore Disturbate" e, per qualche tempo, sembrava si trattasse di una nuova promessa del rock alternativo italiano. Nulla di tutto ciò.

Impaziente, inserico il disco nel lettore e inizio ad ascoltare questi mattacchioni.

Dunque: qui c'è molta psichedelia, alcuni riff metallici e un approccio alternativo (ai tempi non si parlava ancora di indie!) alla materia musicale. In questo senso, possono far venire in mente gruppi come i vecchi Marlene Kuntz o i primissimi Bluvertigo. Ma ancora più ricercati e, in alcuni punti, ancora più acidi.

Ottimo lavoro di chitarre e basso, una voce sinuosa, testi intelligenti e mai banali e una forte propensione "progressiva". Ovviamente non stiamo parlando di gruppi come la PFM o il Banco, quanto del tentativo di superare determinati limiti e steccati sonori.

Un disco cupo, contorto ma mai noioso. Alle volte, credeteci o no, risulta perfino divertente. Una valida alternativa ai nomi più importanti del rock tricolore targato anni '90.

Io, in tutta onestà, sono rimasto colpito dalla bellezza di canzoni come la title track, "dentro fuori", "inferno" o "mai memorie corte".

A voi la fortuna di scoprirlo perché , effettivamente, è disponibile solo su discogs.

Una prova talentuosa che non ha trovato alcun seguito. E poi ci si chiede perché cazzo in Italia le cose vadano sempre per il verso sbagliato!

Questa DeRecensione di ore disturbate è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/aliceversa/ore-disturbate/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Cinque)

tia
tia
Opera: | Recensione: |
Che flash!! Non mi ricordo il come ed il perché ma io possedevo una cassetta degli alice in sexland! Bel recupero..
BËL (01)
BRÜ (00)

tia: Adesso però devo scavare nella mia memoria.. alla ricerca delle coordinate del grupppo. Mi butto sul tubo magari mi aiuta ..
tia: suonarono alla mitica Tasca di Olginate. Credo fosse l'88-89...
odradek
Opera: | Recensione: |
lector
Opera: | Recensione: |
Gli Alice in Sexland credo di ricordarli: garage e psichedelia. Non male. Non sapevo di questa loro seconda vita. Da ascoltare, grazie per la segnalazione.
BËL (01)
BRÜ (00)

Herviet
Opera: | Recensione: |
Queste dovrebbero essere le rece da fare sul deb, dischi sconosciuti o che hanno poca visibilita'. Bravo!
BËL (02)
BRÜ (00)

Johnny b.
Opera: | Recensione: |
Si fa ascoltare con piacere dal sound tipico di quel periodo.
BËL (01)
BRÜ (00)

tia: ma si! ce l'ho in sottofondo al pc mentre lavoro e mi garba...

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: