Amanda Palmer & The Grand Theft Orchestra
Theatre Is Evil

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Sarebbe interessante prendersi la briga di raccontare la genesi di questo disco partendo da molto distante. Certo, non partendo dal suo ex (?) gruppo (The Dresden Dolls) o dal funambolico litigio con la RoadRunner ma per esempio dalla nascita del suo Blog (circa 4 anni fa)  e della relativa newsletter, a cui io mi iscrissi non consapevole che sarei stato coinvolto in aggiornamenti bi(e qualche volta tri)settimanali.  Sarebbe interessante anche analizzare il fenomeno “Kickstarter” (cui la nostra ha aderito) ma siccome la noia incombe mi limiterò a rimandarvi a questo articolo abbastanza esaustivo di cui voglio solo sottolineare la frase “Come si suole dire: la ragazza si è sbattuta, parecchio. E non si è abbattuta dopo i primi mesi, nemmeno quando c'era chi la trattava un po’ come un freak digitale.

Quindi mi limiterò a parlare di questo disco (suo terzo solista): dopo l’esordio “Who Killed Amanda Palmer” (dove si faceva assassinare ma nei live di quel Tour veniva resuscitata tramite seduta spiritica “preconcerto”)  e gli altri progetti successivi era difficile immaginare con cosa la cantautrice newyorkese c’avrebbe deliziato visto  la complessità e la diversificazione stilistica  (spesso decisamente “freak” tipo nel progetto “Evelyn Evelyn”) intraprese negli anni  e, a dire il vero, anche dopo vari ascolti non è che sia così facile avere un’idea ben precisa se non una persistente perplessità euforica (o euforia perplessa come sarebbe più ontologicamente corretto).  Intendiamoci: non è un disco di avanguardia né, ovvio, particolarmente innovativo, non presenta particolari difficoltà nell’ascolto visto che l’immaginario (e l’immaginato) a cui la nostra attinge è sempre quello della Cultura Pop di marca (anche se sembra un controsenso) “dark e anarchica” (d’altronde non avrebbe coniato  e autoimposto l’etichetta  “Brechtian Punk Cabaret”) mentre musicalmente così ampi sono i riferimenti che si possono cogliere nelle varie tracce (dal solipsismo pianistico alla Amos di “The Bed Song” a quello “manierista”, come non citare Carole King,  di “Trout Heart Replica”, non inganni il titolo,  passando per gli occhiolini “New Wave” di “Want it Back” o “Massachussetts Avenue” senza trascurare il “Blues Elettrico” di “Bottomfeeder” o il “brassdelirium” in “A Grand Theft Intermission”) che la lista sarebbe troppo lunga da stilare. Dire che il tutto brilli per omogeneità quindi sarebbe una bugia ma ammettere che alla fine la sensazione a rimanere è quella di aver assistito a una sorta di strano rito meraviglioso (“It felt like listening to the soundtrack from some wonderfully anarchic musical” Richard Marcus, Music Review) non si fa certo peccato.

Un disco che cresce ascolto dopo ascolto ma che presenta dei potenziali singoli molto interessanti (tralasciando le tracce citate): “The Killing Type” (con quei coretti così “fm friendly” ma anche dei pregevoli pastiche quasi “micromusic”) e quella presa in giro del “MtvPunk” che è “Melody Dean”.

Ogni cosa va valutata secondo il periodo in cui nasce e prospera: non so se tra eoni si potrà dire che “Theatre is Evil” sia stato degno figlio dei suoi tempi (poi dipende anche da come passeranno alla Storia: noi non siamo affidabili vivendoci) io so che la mia sensazione è che, al di la delle inevitabili citazioni (in un altro campo persino Newton ammise che se aveva visto così lontano era perché stava sulle spalle dei giganti) questo sia un album aggressivamente contemporaneo (ovviamente da molti la cosa potrà esser vista come una pecca) “partorito” da una delle migliori artiste di quest’epoca.

Un’artista, la signora Gaiman, che non sembra spaventata dal “fare musica” (paura che insieme all’insoluto di pagamento è il vero male del secolo: alla faccia del relativismo di marca “ratzingeriana”) e questa, dal mio punto di vista, è cosa “buona e giusta”.

Mo.

Questa DeRecensione di Theatre Is Evil è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/amanda-palmer/theatre-is-evil/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Dieci)

jdv666
Opera: | Recensione: |
beh l´esordio da solista, ma ancora piú i dresden dolls, mi piacciono parecchio... evelyn evelyn invece mi ha abbastanza deluso, l´ho ascoltato a fatica un paio di volte prima di accantonarlo. ma il secondo disco solista sarebbe quello mezzo "live" del suo tour australiano/neozelandese? cmq un ascolto lo daró che son curioso
BËL (00)
BRÜ (00)

jdv666
Opera: | Recensione: |
uhm, ho sentito "want it back" é certo che sembra diventata davvero molto poppettara, forse un pelino troppo per i miei gusti, peró per il giudizio definitivo aspetteró di aver sentito tutto l album un paio di volte
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio: Dipende cosa s'intende per Pop. Culturalmente è più Pop che non Rock (e questo è un pregio visti i risultati) ma sarebbe limitato fermarsi li.
Psychopathia
Psychopathia Divèrs
Opera: | Recensione: |
bravo! quasi quasi lo ordino! spero che la tua prossima rece sia su fight like a girl. PS: non c'entra un cazzo ma fa lo stesso... che mi dici del nuovo tori con vecchie canzoni rifatte? esce lunedì ma non credo lo comprerò... come già ampiamente pubblicizzato mi piacciono le prime cose...
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio: Se vuoi ne facciamo una doppia insieme. Il disco di Tori lo commenterò una volta ascoltato. Ciao!
rdegioann452
Opera: | Recensione: |
il disco al primo ascolto me gusta, anche perché non lo trovo troppo pop come magari si può temere. solo non capisco la tua scelta di non assegnargli un voto.
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio: Discorso lungo e complicato: diciamo che da qualche tempo li do in (pure alle recensioni) in casi straordinari e che, in generale, il motivo sta che qui su DeBaser c'è troppa gente che da importanza al "numeretto". Tutto qui.
rdegioann452: ok. fatto sta che vedendo quello zero mi hai involontariamente spinto a leggere la rece, perché sapevo dell'uscita di questo disco e mi aspettavo giudizi più che positivi, riscontrati poi leggendo il resto.
ilTrattoreRagno
Opera: | Recensione: |
mi chiedevo come fosse. e tu mi hai convinto ad ascoltarlo
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio: Contento di esserci riuscito.
extro91
extro91 Divèrs
Opera: | Recensione: |
Non riesco a capire: me la farei o no?
BËL (01)
BRÜ (00)

jdv666: probabilmente no, non é un granché... poi naturalmente un vero gentiluomo non si nega mai al gentil sesso ;)
cptgaio: Non conosco la tua avvenenza fisica ma credo che più che altro il problema sta nel fatto se lei si "farebbe" te e non il contrario. :-D
extro91: Tolto il fatto che non ho preso in considerazione quest'eventualità, credo che il fatto che io sia in dubbio sul farmela stia a significare: "Amanda c'ha tutto da guadagnare."
extro91: PS: la mia avvenenza fisica la puoi vedere tu stesso nella foto del mio avatar...
Psychopathia: e infatti il tuo avatar è bellissimo! (però mi garbano le donne, eh). ti dona. non cambiarlo mai!
cptgaio: Scusami Extro ma continuo a dubitare ;-) Ciao
ZannaB
ZannaB Divèrs
Opera: | Recensione: |
Cazzo! Ho sentito Want It Back sul tubo, mi piace porca vigliacca!! Ma a me non dovrebbe piacere certa roba.... PS: fattela Ext!!!!!
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio: Hai scovato qualche citazione degli After anche qui? ;-)
ZannaB: No, o non ero attento o sei stato più bravo del solito! ;-)
ZannaB
ZannaB Divèrs
Opera: | Recensione: |
Cazzo il voto!
BËL (00)
BRÜ (00)

jdv666
Opera: | Recensione: |
a proposito, sul sito ufficiale si puó scaricare aggratis l´album a 320 kbps... Amanda Palmer
BËL (00)
BRÜ (00)

jdv666
Opera: | Recensione: |
torno per dire che contrariamente alle aspettative mi sta piacendo parecchio, un po´ ruffianotto forse, ma fatto bene e molto vario. per me migliore dell´esordio sicuramente.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: