Sto caricando...

Amyl And The Sniffers
Cesena, 16 giugno 2022

()

Voto:

Per dare al mio alter-ego quel che è suo, mica me la ricordo l'ultima volta che mi sono appassionato talmente ad un concerto, sicuro saranno stati 30 e passa anni fa, azzardo i Jingo De Lunch, Amy come Yvonne, clamorosa l'una come l'altra, devastanti gli Sniffers proprio come i Jinx.

Solo che sui Jinx ci avrei scommesso tutto, sugli Sniffers meno di niente, niente su Amy che arriva a Cesena e quando punta il microfono verso il pubblico, quello ritorna le canzoni urlate da questa “romantica teppista” (la definizione è del Maestro Cilìa e rende benissimo) e non sbaglia una sillaba ...

Amy a Cesena ci arriva da Milano e da una manifestazione figa assai, rock'n'roll duro e puro alla maniera di Virgin Radio, dove lei e gli Sniffers hanno aperto la serata prima che salissero sul palco i patetici Weezer e quei Green Day per cui mi mancano gli epiteti e mi piace credere che lo abbiano fatto solo per onorare un impegno preso due anni fa e poi andato a monte, avrebbe dovuto essere un concerto allora, è solo un concerto oggi, non so se abbiano suonato «GFY» e salutato tutti col dito medio in bellissima evidenza ma sarebbe stato un congedo fantastico, poi Weezer e Green Day per la loro strada a raggranellare presenze oceaniche, Amy e gli Sniffers per la loro strada fatta di un migliaio di affezionati in quel di Cesena.

Soprattutto gli Sniffers a Cesena ci arrivano dopo un anno girovagato per Stati Uniti e Regno Unito: ecco, circa 40 anni fa una simile esperienza fu l'inizio della fine per gente del calibro di Radio Birdman e Lipstick Killers mentre Amyl And The Sniffers ne sono usciti come l'unica speranza che ha il punk di sopravvivere in questo secolo; lo so pure io che il confronto non è proponibile ma comunque dice molto sulla statura di Amy, Bryce, Dec e Gus.

… Una ventina di canzoni, un'ora più o meno ad agitarsi come una forsennata sul palco appoggiata a un muro di suono che fa paura e se Amy ha imparato presto la sua parte, impressiona quanto gli altri tre nell'ultimo anno le sono corsi dietro veloci, e se è merito di un anno speso in giro a fare concerti a giorni alterni o di quella che, a modo suo, è la multinazionale del disco che ha strappato un ingaggio agli Sniffers poco mi importa.

Mi importa solo di quella ventina di canzoni suonate con un veloce e trasandato piglio hard come i Cosmic Psychos negli anni '80 – sempre loro, la fondamentale fonte di attitudine degli Sniffers: a memoria l'attacco di «Gacked on Anger», quella «Security» a metà concerto che ora come un anno fa rimane la roba più bella sentita dai tempi dei Social Distortion di «Don't Drag Me Down» e quel guazzabuglio di punk, hardcore e metal che è «Don't Need a Cunt» e quel testo alla cazzo di cane che Amy ti sbraita contro con adorabile strafottenza e sorriso disarmante mentre gli altri tre montano su la grinta feroce da duro ma si vede pure dall'ultima fila che in quell'istante si stanno divertendo tanto quanto Amy ...

Poi, è vero che la mia da qualche annetto a questa parte è una passione da ultima fila ma sempre passione è, e oggi pure Amy all'alba dei suoi 30 anni non è che si getti dal palco così di frequente come all'esordio, nel senso che in un modo o nell'altro il tempo passa per tutti.

Ma so pure che gli ultimi saranno i primi e allora pesa poco o niente rinunciare all'avanguardia di teste che si dimenano se ho l'occasione di salutare e ringraziare quelli di Area Pirata che sono lì per supportare i Not Moving anche se all'ultimo il loro concerto è cancellato – serata iniziata male – e al diavolo l'avanguardia se poi passano nei paraggi una biondina e tre ragazzotti in maglietta e jeans, altri quattro che di sicuro se ne fregano della prima fila, li guardo fissi perché mi paiono LORO anche se nessuno se li caga, per una volta mando affanculo la timidezza, l'imbarazzo e la paura di fare una figura di merda e quando li chiamo si avvicinano e sorridono quasi stupiti che li abbia riconosciuti – davvero Amy senza trucco e parrucco è tutta un'altra, a mio modo decisamente più carina, e così ho pure dato un tono professionale a questo scempio di paginetta – proprio come quando ai tempi delle cassette casalinghe e dell'intervista si stupivano che qualcuno in Italia potesse conoscere una banda che a malapena conoscevano nel quartiere. Magari i sorrisi, le strette di mano e due parole in croce spiaccicate lì nel mio inglese da brivido significano poco o niente ma un modo migliore per avviarmi verso l'ultima fila nemmeno ora me lo immagino.

… Ma «Pleasure Forever» l'hanno suonata? E «Westgate»? E «Some Mutts», l'hanno fatta «Some Mutts»? E io che ne so, cazzo ho stretto la mano ad Amy e mi è rimasta solo l'impressione di una ribollente colata di magma pesante e squadrata come un monolite, che di sicuro non esiste ma nella mia testa è l'unica cosa che rende l'idea.

Che grandissima banda che sono Amyl And The Sniffers.

Commenti (Quindici)

De...Marga...
De...Marga...
Opera:
Recensione:
Primo!! Prima ancora di leggerla...

BËL 01
BRÜ 00

De...Marga...: Ho i brividi ovunque leggendo le ultime righe...l'incontro con la band. Quanti ricordi giovanili anche nel mio caso. Un abbraccio Pinello!!
DaniP: Guarda che ti dico, che in tutti i concerti dove sono stato solo in due casi mi avrebbe fatto un gran piacere salutare i musicisti, i Dream Syndicate e loro.
Annette
Annette
Opera:
Recensione:
Me la ricordo la recensione. Ah, sì che la ricordo: quella della tua evoluzione dall'innamoramento, all'intransigenza e i dubbi, fino all'amore incondizionato.
Beh, questa ne è il coronamento... e le hai anche stretto la mano... avessi avuto anche il coraggio di chiedergliela, la mano, sarebbe stato un finale degno dei romanzi che tanto ami!😉

BËL 02
BRÜ 00

DaniP: Purtroppo pare, si dice, sembra che stia insieme al bassista Gus e abbiano pure un figlio e io tutto sono tranne che uno sfasciafamigliefelici.
Annette: Non sapevo! Più che altro non sarebbe stato carino farlo proprio sotto gli occhi di Gus, poteva anche prenderla male. Quanto allo sfasciar famiglie, quelle felici non si sfasciano... credo!
DaniP: Riesumo Pinhead, le propongo un'altra intervista e le chiedo così en passant se è impegnata sentimentalmente e se è felice.
Annette: Mi sembra un'ottima strategia!
IlConte
IlConte
Opera:
Recensione:
A parte lo sfiganento da fan - ma chi cazzo sono?! Mica loro, tutti in generale - pagina al solito sublime che RENDE. Mi fa piacere che continuino con coerenza al di là del tanto successo o no.
Per me sono troppo punk-hardcore, savansadir

BËL 01
BRÜ 00

IlConte: *sfigamento
DaniP: A parte che suonano ottima musica, la cosa più bella loro e di pochissimi altri miracolati da un successo imprevedibile è che sono primi a chiderselo "ma chi cazzo siamo" e a rispondersi "nessuno" sennò col cavolo che mi sobbarcavo una passeggiata di 600 chilometri :-)
IlConte: Ahahahahahahah… mi piace quando “monti su”!!!
DaniP: Come ogni fanboy che si rispetti :-)
Almotasim
Almotasim
Opera:
Recensione:
Ahhhhhhhh, bella pagina, altroché! Ah, la “romantica teppista” incontra il "romano trappista" finalmente! Ahhhhhhh e la tua speranza di veder sopravvivere il punk in lei è contagiosissima! Grande Dani P.!!!

BËL 01
BRÜ 00

DaniP: Il romano trappista c'est moi!
imasoulman
imasoulman
Opera:
Recensione:
...che dev'essere stata un po' la mia stessa sensazione quando scambiai cinque minuti di parole, baci ed abbracci con Lydia Lunch, ormai oltre un decennio fa quando suonò per un'ottantina scarsa di presenti coi suoi Big Sexy Noise.
In quella sala ancora semi-deserta, mi venne incontro lei, mi salutò lei per prima e ancora me ne vergogno. Ero quasi paralizzato di fronte ad una persona che avevo idolatrato e non dico me la sognavo di notte ai tempi andati ma quasi ed invece di una mantide risultò essere tanto semplice ed affabile ma allo stesso tempo travolgente d'eloquio, che pure mi disse al termine di quel rapido scambio: 'scrivimi pure...'
Trent'anni di militanza rock'n'roll avevano trovato la loro sublimazione

BËL 01
BRÜ 00

DaniP: Uno, che bel commento.
Due, per me con loro l'emozione è forte soprattutto perché è la prima volta che il mio gruppo preferito me lo vivo in contemporanea, se per te con la Lunch fu una cosa del genere, allora è la stessa cosa.
Tre, letto il commento aspetto con fiducia il ritorno alla recensione, mica dovrò riattaccare con #80x80?
imasoulman: no, non era parte del mio gruppo preferito, neanche ai tempi gloriosi di Teenage Jesus & The Jerks.
ma in quei cinque minuti diventò di colpo una delle mie donne preferite. si parlò fugacemente di come si sentiva a girare il mondo dopo tutto quel tempo, io dissi che anche solo quello era bellissimo, per me.
Mi ringraziò dicendomi semplicemente che sapeva fare quello e io gli dissi: non è vero, sai scrivere libri, video, dipingi...'Oh, ma quante cose sai di me!', disse lei...risata spontanea reciproca...
furono pezzi di vita che s'incontravano così, spontaneamente e senza alcun appuntamento preventivo.
gli incontri migliori, insomma
lector
lector
Opera:
Recensione:
Tzè!
Io (ani ed ani ed ani fa...) sono stato in camerino al Palapartenope con Chrissie Hynde...altro che quella racchia di Amyl!
Comunque, se cucina come canta, stai tranquillo che quel Gus la molla presto...

BËL 02
BRÜ 00

imasoulman: nel camerino? e il trucco dell'ovatta è stato poi scoperto? e quanto ha riso, la chrissie?
lector: @[DaniP] Madonna che zozzeria! E se la mangia pure!
Comunque è meglio come cuoca che come cantante... (e ho detto tutto).
@[imasoulman] Pensa che uscì dalla doccia per venirmi a salutare...
masturbatio: HAHAHA il cooking tutorial è spaziale, credo di essermi innamorato...della cucina australiana
Stanlio
Stanlio
Opera:
Recensione:
Grande Pineddu e che coraggio...

BËL 00
BRÜ 00

DaniP: Infatti mi sono stupito da solo :-)
asterics
asterics
Opera:
Recensione:
This is not exactly my cup of tea, but I have to say bravò!

BËL 00
BRÜ 00

DaniP: Mersì bocù.
luludia
luludia
Opera:
Recensione:
pagina stupendissima....

BËL 00
BRÜ 00

DaniP: E comunque ho atteso Amy leggendo le avventure della tua combriccola alle prese con Julian Cope, grazie della compagnia :-)
luludia: ahahah...spero di essere stato all'altezza della situazione...
TataOgg
TataOgg
Opera:
Recensione:
La signorina mi sta simpatica come poch_. Credo che questa sia una delle poche band sulle quali andremo sempre d'accordo.

BËL 00
BRÜ 00

DaniP: Completamente d'accordo, la signorina e pure i signorini meritano molto come musicisti e come persone, per quanto poco li possa conoscere, mi danno ottime sensazioni.
tia
tia Presidénte onoràrio
Opera:
Recensione:
Sono anni che vengo da quelle parti al mare proprio la seconda di giugno. Quest'anno dopo un filotto manco; sennò ci sarei venuto pure io per fare un pò di casino!

BËL 00
BRÜ 00

DaniP: Mi avete lasciato solo :-(
masturbatio
masturbatio
Opera:
Recensione:
Perché le parti non in corsivo ho fatto fatica a leggerle ? Bo sarò io che mi sveglio alle 5 mi metto a leggere recensioni. Comunque bella pagina, specie l'amore tuo che trasuda per loro e l'amore nei commenti. Li sentivo su Radio Virgin con il singolo che mi piaceva molto: security, che ora mi sto guardando anche il video

BËL 00
BRÜ 00

DaniP: Forse hai fatto fatica a leggere il corsivo perché io ho fatto fatica a scriverlo, non sapevo come integrarlo col resto e allora l'ho lasciato a parte cambiando il formato.
masturbatio: Nono intendevo il contrario ho fatto fatica a leggere il non corsivo, le parti in corsivo sono molto belle e fluide
DaniP: Ah ecco, pensa come sto.
nix
nix
Opera:
Recensione:
Sono andato a farmi un pò di ricerca su un'artista che non conoscevo.
Stranissimo, non credevo che esistesse più gente che fa (ed ascolta) musica del genere. Questa ragazza e la sua band mi hanno riportato per un momento negli anni '80. Mi sono chiesto come è possibile una "macchina del tempo" del genere. Poi ho visto che è australiana. Forse la chiave del fenomeno è proprio quella: l'Australia, paese magico dove accadono cose che noi abbiamo visto 40 anni fa, o dobbiamo ancora vedere, tra 40 anni.
Comunque è tutto estremamente divertente. Complimenti DaniP

BËL 00
BRÜ 00

DaniP: Davvero, per quanto riguarda rock'n'roll e affini l'Australia da 50 anni a questa parte è un'autentica miniera d'oro.
hjhhjij
hjhhjij
Opera:
Recensione:
Fortuna che è in evidenza, l'avevo saltata. Band divertentissima.

BËL 00
BRÜ 00

DaniP: Assolutamente sì.
snes
snes
Opera:
Recensione:
Sarebbe una gran pagina senza i commenti sui gruppi non recensiti. Non perché fuori luogo, ma a inizio pagina danno un taglio sprezzante che non viene però poi seguito da tutto il resto della pagina.
Cioè, sembra l'intro fatta da un appassionato duro e puro di quel rokkenrolle fatto per ammore dell'arte musicale e del rokke anni settanta. La pagina però poi si trasforma in un "io son qui solo per la gnocca, dio quanto la amo 'sta tipa, cos'hanno suonato? E che ne so, io L'HO TOCCATA!!!" che è un atteggiamento anche comprensibile davanti a 'sta fregna, ma è innegabile si addica piu' ad un ascoltatore superficiale piuttosto che non ha un "duro e puro del rokke"
Cioè: boh, m'è parsa un po' confusionaria.

BËL 00
BRÜ 00

DaniP: In effetti stavo in confusione da aprile quando ho comprato il biglietto, però è stato (probabilmente) l'ultimo concerto della mia "carriera" atteso da due anni, concedimi lo stato confusionale pre, durante e post.
Solo una precisazione un po' più seriosa: «dio quanto la amo 'sta tipa» assolutamente sì; «un atteggiamento anche comprensibile davanti a 'sta fregna» assolutamente no, Amy tutto è tranne che questo, su di me stendo un velo pietoso.
C'ho provato a far passare il "concetto", non ci sono riuscito.
snes: Basta che tu ti sia divertito a scrivere, il resto son cazzate

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera