Arca
Arca

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Per recensire un disco del genere non credo servano introduzioni ad effetto o giri di parole inutili, quindi inizierò direttamente dal cuore della questione: “Arca” è un disco di una sincerità disarmante. E lo faccio perchè il disco in sè non è altro che una ricerca pura e disidratata del concetto di “canzone”, è uno stoico e doloroso rifiuto dell’involucro, della coperta, del vestito. Arca ci lascia di fronte alla nudità totale del suo processo compositivo, le sue canzoni qui appaiono come dei mucchi di ossa, dei fasci di nervi, dei giocattoli smontati e ridotti alla loro materia prima. Questa materia prima è senz’altro la voce, protagonista quasi incontrastata di quest’opera che molto spesso come in un canto gregoriano è ritmicamente e armonicamente libera. Di conseguenza gli arrangiamenti sono volutamente scarni ma molto solidi e incisivi, perlopiù subordinati al lirismo spietato di Arca che, a volergli proprio trovare un difetto, talvolta cede a una tendenza eccessivamente melodrammatica.

Il capolavoro del disco è sicuramente “Sin Rumbo”, il brano in cui la scarnificazione della forma-canzone è definitiva e quasi soffocante: non c’è altro che un canto ai limiti della monodia e un arrangiamento spettrale e quasi inesistente, ma con una forza e una violenza tale da far pensare che in fondo non ci sia bisogno d’altro, che un’idea musicale possa essere effettivamente bastevole a sè stessa nella sua completa nudità, bellissima e terrificante come ogni nudità umana.

Questa DeRecensione di Arca è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/arca/arca/recensione-fonopticon

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Cinque)

RinaldiACHTUNG
Opera: | Recensione: |
sai l'hai descritto davvero bene in poche righe; l'ho conosciuto grazie alla precedente recensione di kloo; non è però una novità poiché è uscito nel 2017

proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
il DeDatabase dice che votai 2 quest'opera. Quale imbecillità. Tra 2014 e 2017 Arca era tutto quello che un producer doveva/poteva essere

ALFAMA
Opera: | Recensione: |
il disco mi piaceva

IlConte
Opera: | Recensione: |
“Nuovi suoni”... ok
Il Conte t.f.

Farnaby
Opera: | Recensione: |
Terzo disco di questa splendida artista/producer (al lavoro, tra gli altri, anche con Bjork e FKA Twiggs) dopo i già pregevoli "Xen" e "Mutant".
Gran bell'album da te ottimamente "raccontato". Grazie.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: