Sto caricando...

A.S.A.P. (Adrian Smith And Project)
Silver And Gold

()

Voto:

GENERE: AOR

Qui si parla di una vera e propria perla. L'Adrian Smith del project in questione è proprio lui, lo storico chitarrista dei Maiden dai gilè improbabili e che in quegli anni si ostinava a tagliarsi i capelli come il miglior Littbaski. "Silver And Gold" però è quanto di più lontano dalla musica degli Irons si possa immaginare, non fatevi ingannare dal background del nostro axeman.

Con quest'album Adrian Smith è tornato al suo primo amore, vale a dire l'hard rock un po' sporco di matrice USA, tanto che è la sua voce, roca e piena di malinconia, ad essere la vera protagonista dell'album. Del resto la malinconia può essere considerata la cifra di tutta la produzione di Adrian Smith, anche per quanto riguarda le sue composizioni con i Maiden (le sue canzoni hanno sempre toni e sfumature più profonde e mature rispetto allo standard del gruppo, così come i suoi assoli si sono sempre distinti per una classe ed un gusto personalissimi). Il dischetto in questione comunque, come ho precisato prima, è bellissimo: si parte con "The Lion", ottimo brano contraddistinto da un riffone portante ed una linea melodica essenziale. E proprio l'essenzialità è una delle chiavi di questo album (che avrebbe meritato una produzione di maggior livello), che continua con "Silver And Gold", brano che smorza un po' il ritmo e che ci introduce in un mondo venato di malinconia. Ancora una volta la voce di Adrian graffia e lascia il segno. Anche con "Down The Wire" il ritmo si mantiene smorzato e la canzone scivola via lungo in binario che ormai è definito in maniera molto netta. Il disco prende poi respiro con "You Could Be A King", che apre la strada alla parte centrale dell'album, compatta e come sempre ben costruita.

D'obbligo segnalare la canzone di chiusura, "Blood On The Ocean", in cui si manifesta in tutta la sua malinconia la poetica di Adrian. L'aspetto più affascinante è che più si ascolta questo album e più ci si rende conto di quanto essenziali siano le ritmiche: suoni e riff così ben costruiti che ad un primo ascolto possono sembrare quasi invisibili, tanto si fondono in maniera perfetta con le canzoni che gli sono state costruite intorno. Una piccola curiosità: il disco all'epoca (1989) è passato completamente inosservato, e vorrei proprio sapere quanti lo hanno comprato (io me l'ero registrato da un amico che aveva comprato la cassettina originale... grande Millo!).

In sintesi un disco da ascoltare tutto d'un fiato, perfetto per un viaggio in auto da soli, quei viaggi in cui si parte senza sapere bene dove si vuole andare ma sapendo bene cosa si ha lasciato alle spalle. (Quasi) Poetico.

Commenti (Tredici)

ocram
ocram
Opera:
Recensione:
mumble mumble... me lo procurerò... adoro l'aor... e adoro smith...


Shine
Shine
Opera:
Recensione:
Non sono mai riuscito a trovarlo in nessun negozio; tra l'altro sono molto curioso di ascoltare qualcosa. L'unica volta che ho sentito Adrian cantare era in Reach Out, b side di un singolo di Somewhere in time: per la prima e unica volta in una canzone suonata degli Iron a cantare non era il lead singer. E la sua voce mi è sembrata davvero buona. Il genere AOR non è il mio preferito, ma sono ugualmente curioso. Qualcuno può mettere dei samples?


let there be rock
Opera:
Recensione:
recensione originale per un disco altrettanto originale!! bravo


gbrunoro
gbrunoro
Opera:
Recensione:
mi sono accorto che il disco è in fase di ripubblicazione: dovrebbe uscire a dicembre una nuova versione rimasterizzata contenente anche qualche extra. al momento si può pre-ordinare su amazon et similia. attendiamo con ansia


Adriano Bernard
Adriano Bernard
Opera:
Recensione:
MoonWolf
MoonWolf
Opera:
Recensione:
Disco molto interessante e recensione ben fatta,a quanto pare non solo Bruce Dickinson se la sà cavare da solista


carloirons
carloirons
Opera:
Recensione:
bella rece....x moonwolf: occhio che sa si scrive senza accento!=)


Babel
Babel
Opera:
Recensione:
mi sono fermato al nome del recensore


peterwanz
peterwanz
Opera:
Recensione:
è vero!!! ahahaha


Adriano Bernard
Adriano Bernard
Opera:
Recensione:
genere:aor commento: aor: merda.


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
de-utente: Adriano Bernard commento: Adriano Bernard: merda


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
stupendo, Adrian ha una voce incredibile


johnny melodic
johnny melodic
Opera:
Recensione:
Album strepitoso, purtroppo molto sottovalutato. Adrian Smith, ci credeva veramente in questo progetto ed è riuscito a creare un album di aor/hard melodico molto personale dove si cercava di sperimentare qualcosa di nuovo, senza per questo evadere dai confini del genere. La sua unica disgrazia è stata per l'appunto quella di essere realizzato da un chitarrista che fino all'anno precedente si cimentava in un genere musicale differente, per questo molti (purtroppo) hanno storto il naso.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Silver And Gold è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link