Sto caricando...

Atomic Rooster
Death Walks Behind You

()

Voto:

Siamo sotto Pasqua e mi sento in pace con me stesso. Allora con un pò di tempo a disposizione mi metto a riascoltare qualche vecchia perla del passato. Spesso mi compiaccio a vedere quanta bella musica ho acquistato in questi anni e non mi pento assolutamente del denaro speso. Tra queste mie personalissime chicche spunta anche questo capolavoro di quella che fu una delle più controverse e fondamentali bands dell'hard-rock progressivo degli anni 70: il galletto atomico.
Con questo secondo album i nostri galletti fanno centro.
E' il 1971 e la formazione vede alla tastiera-organo Vincent Crane (genio assoluto) John Cann alla chitarra e Paul Hammond alla batteria (che sostituisce niente meno che Carl Palmer presente nel primo album).
Questo nuovo organico sfiora anche la top ten (n.11) nel dicembre del 1970 con il 45 giri di "Tomorrow Night" singolo uscito prima dell'album che vede la luce nel gennaio 1971, con la copertina che presenta un inquietante dipinto di W.Blake. La chitarra dura, graffiante e psichedelica di Cann apporta importanti novità nel suono del gruppo e, a differenza di quanto accaduto per l'album di esordio dove il materiale era quasi esclusivamente scritto da Crane, lo stesso chitarrista è responsabile della composizione di ben tre brani e parzialmente della title track. Voi direte ma le parti di basso? Queste sono rilevate da Crane, che le esegue con l'ausilio dei pedali e delle tonalità di basso dell'organo Hammond.
Tomorrow Night risulta essere un intelligente parto di chiara impostazione commerciale, ma gran parte del restante materiale di questo disco evidenzia una netta virata verso pesanti atmosfere dark.
La grave introduzione del piano di Crane nella title track, conduce l'ascoltatore in una gotica atmosfera dall'opprimente tono oscuro, ribadita e rafforzata dai monolitici riff di chitarra di Cann e da parti vocali dure e tenebrose.
La mini suite "streets" è forse il capolavoro dell'album. Composta da Cann questa traccia è elaborata sulla fusione di tre differenti riff della sua chitarra, la musica sorge e si spegne sulle solenni note dell'organo da Chiesa di Crane che conferisce un aspetto maestoso e classico alla canzone.
Pure di Cann sono il tipico hard psichedelico di "slleping for years" che presenta un vorticoso assolo di chitarra e la discreta "i can't take no more", in origine pensta come singolo e poi inclusa nell'album.
Un album che esprime tutta la maturità espressiva di questo super-gruppo e che lascia chi ascolta paralizzato dall'ìnquietudine che suscitano alcune sue parti.
Spesso paragonati ai più famigerati Black Sabbath, io non mi sento in grado di pronunciarmi su questo accostamento, ma posso dire solo che l'unico tratto che potrebbe unire queste due bands sta nell'atmosfera cupa e diabolica che pervade la loro musica. Musicalmente parlando Gli AR sono un gradino più su, se non altro per la vena creativa.
Parte del merito dell'immensità di questo combo sta nella genialità di Crane, pazzo tastierista mezzo psicolabile che da sempre sofferente di crisi depressive si suiciderà il 14 febbraio 1989, il giorno di S.Valentino quasi ad immolarsi per la cosa che più amava: la musica.
Non vi pentirete dei soldi spesi.

Commenti (VentOtto)

fosca
fosca
Opera:
Recensione:
Non li conosco! Mi perdoni??


VxS
VxS
Opera:
Recensione:
"Gli AR sono un gradino sopra i Black Sabbath". Questa non te la perdono, ma l'album è un capolavoro.


NickGhostDrake
NickGhostDrake
Opera:
Recensione:
Bella davvero, humax. Loro, però.... ehm... oddio... alcuni tratti mi fanno venire il prurito... :)


puntiniCAZpuntini
puntiniCAZpuntini
Opera:
Recensione:
caz! questi non li conosco, se li paraganano ai Sabbath li devo avere!


kosmogabri
kosmogabri
Opera:
Recensione:
La leggo stanotte Hummy, perdona non ho tempo oggi. :))


humax4
humax4
Opera:
Recensione:
per ozzycat: se leggi ho messo un gradino più su gli AR solo per la vena creativa e la genialità...è chiaro che i BS hanno reppresentato di più nella storia musicale..ma la mia è pura opinione personale.
per caz: il paragone non calza c'è scritto quindi non farti un idea sbagliata.
la similitudine è calzante solo per l'aspetto atmosferico diabolico della loro musica proprio come per i primi BS...ma oggettivamente la musica è diversa.


Hal
Hal
Opera:
Recensione:
Tiger, tiger, burning bright, In the forest of the night, What immortal hand or eye, Could frame thy fearful symmetry? ...


Rocky
Rocky
Opera:
Recensione:
Bravo, però preferisco di gran lunga il primo


Rooster
Rooster
Opera:
Recensione:
EHI HUMAX! HA CHI HAI DATO DEL GALLETTO?.......................... ....Comunque questi li conosco solo di nome, però mi hai incuriosito.


Rooster
Rooster
Opera:
Recensione:
Che cazzo ho scritto???!!! HA CHI......???!!!!


psychopompe
psychopompe
Opera:
Recensione:
trovato usato a poco mi sa che allora me lo prendo. Arigato!


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
un capolovoro peccato che pochi lo conoscono


Antonino91
Antonino91
Opera:
Recensione:
nessuno ci crederà ma io lo conosco.Death walks behind you è magnifica e spettacolare,con il suo potente riff.Non posso giudicare il disco xkè ho sentito solo quella,ma so che non mi deluderà...Recensione trainante ;-)


squallor
squallor
Opera:
Recensione:
la migliore recensione del forum complimenti.
il disco e' stupendo,da annoverare tra i capolavori dell'hard rock.


Moonchild
Moonchild
Opera:
Recensione:
ma quanto bello è?


Lewis Tollani
Lewis Tollani
Opera:
Recensione:
D'accordo in toto.


BeatBoy
BeatBoy
Opera:
Recensione:
Di un pizzico migliore dell'esordio....per i capolavori "Tomorrow Night", "Nobody Else" e "Gershatzer". Recensione all'altezza.


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Capolavoro assoluto... loro e i Black Widow erano le vere alternative ai più blasonati Sabbath... peccato che dopo si siano un pò persi.


franc'O'brain
franc'O'brain
Opera:
Recensione:
La cosa migliore per conoscere il gruppo è comprare l'antologia 'Atomic Rooster: Heavy Soul - The Anthology'. Sono 2 CD che contengono il meglio dai loro primi 5 album. In pratica si tratta di prog blueseggiante. Umori dark, potenti riff e l'organo che fischia a tutto spiano. E' bene conoscerli. Ma attenzione: con i Sabbath hanno poco a che vedere; semmai con i primissimi Purple. E, in un certo qual senso, con i Blue Cheer (band psichedelica californiana tutta da riscoprire).


OleEinar
OleEinar
Opera:
Recensione:
Grandissimo capolavoro di hard-prog-dark. Non so se siano un gradino sopra, ma secondo me il paragone con i Sabbath ci può stare: riff da paura, atmosfere dark-gotiche... di diverso c'è un atteggiamento più "progressivo" e un organo hammond in più;) In ogni caso, da ascoltare.


Alphy86
Alphy86
Opera:
Recensione:
Stò disco è un capolavoro...per quanto riguarda gli Atomic Rooster un gradino sopra ai Black Sabbath...uhm non saprei dire...per creare atmosfere tenebrose erano due ottimi gruppi, i primi in modo più raffinato, forse, i secondi in modo più duro...comunque c'era da menzionare quel gran pezzo che è "Nobody Else" traccia dalla struggente melodia e dall'alternarsi dal malinconico ai riff di chitarra!


Defender85
Defender85
Opera:
Recensione:
conosciuti tramite una cover di "Death Walks Behind You" fatta dai Death SS, li sto ascoltando adesso.. veramente forti!!


extro91
extro91
Opera:
Recensione:
Grandissimo lavoro!!!


DELETERIORIVOLI
DELETERIORIVOLI
Opera:
Recensione:
io l'ho ascoltato 4-5 anni fa e non mi pare affatto da 5 stelle aldila'di tutto,cmq.migliore del primo


Peppe Weapon
Peppe Weapon
Opera:
Recensione:
Dopo 3 ascolti già sapevo tutto l'album a memoria.
Conosciuti da poco, anche se l'affermazione del gradino sopra i Black Sabbath è un po' generalizzata, li ho trovati abbastanza diversi come sound in generali, hanno in comune l'atmosfera cupa dei testi e di alcuni riff, ma gli AR erano più vicini alle tastiere che ai Sabbath.


Mr. Money87
Mr. Money87
Opera:
Recensione:
Recensione che sinceramente non mi piace granché. Il paragone con i Black Sabbath era evitabile. Disco che a me piace veramente tanto (mi piace anche l'omonimo, ma questo è indubbiamente superiore). Dispiace molto che gli Atomic Rooster siano cosi sottovalutati, avrebbero di certo meritato più popolarità.


Defender85
Defender85
Opera:
Recensione:
...a quasi 4 anni di distanza riconfermo il voto a questo disco superlativo! Band sfortunatamente sottovalutata, certo non ne ha giovato l'autostima del povero Vincent Crane (R.I.P.)...


jdv666
jdv666
Opera:
Recensione:
quoto mr money, gli atmoci rooster meriterebbero sicuramente una maggiore visibilità! cmq quanti bei dischi che ci ha donato il prog :)


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Death Walks Behind You è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link