Morose
People Have Ceased to Ask Me About You

()

Voto:

Versioni: v1 > v2

Il bello di certe persone è che non si finisce mai di conoscerle.
L'ho incontrato anni fa, per caso, ma mi era sempre rimasto un po' indifferente: non dico antipatico eh, nemmeno simpatico però. Lo sguardo buono ma sfuggevole, il sorriso timidamente appena abbozzato quando ci incrociavamo, il suo fare un po' solitario che lo portava a rifuggire i gruppi numerosi. Che poi la cosa bella era che, tutte le volte che ci parlavo venivano fuori sempre conversazioni interessanti, segno che cose da dire e idee da condividere ne aveva, le teneva per sé forse. Al tempo pensavo che mai e poi mai avrei voluto scambiarmi con lui, mi era sempre apparso un po' solo e infelice, il mio esatto opposto in quel momento. Poi come spesso succede si cresce anche quando si pensa di essere già maturi, la vita ci cambia in modi non comprensibili, ci adattiamo al flusso degli eventi, ci pieghiamo per sopravvivere anche, ci trasformiamo. Ed ecco che, dopo anni che non ci vedevamo, l'ho incontrato nuovamente, ed è stato come guardarsi allo specchio: di colpo io ero come lui, ci siamo salutati con lo stesso identico sorriso timido e abbozzato, ci siamo scambiati due parole di circostanza, eppoi discorso dopo discorso è passata un'ora senza che nemmeno me ne rendessi conto. Il cielo grigio e monotono di una fredda giornata di metà dicembre si sposava perfettamente con il freddo pungente di un vento che sembrava portarsi la neve di lì a poco: appoggiati ad un muricciolo abbiamo ripercorso tutti gli anni durante i quali ci eravamo persi. Abbiamo parlato di come siamo chiusi in noi stessi, di come abbiamo costruito una fortezza nella quale abbiamo incluso solo alcune persone scelte, lasciando fuori tutte le altre, alle quali timidamente sorridiamo, per poi passare oltre. Abbiamo parlato di qualche acciacco che ci sta martoriando ma che non ci ha ancora bloccato dal fare quello che ci piace e che ci regala gioia, pace e libertà; ci siamo confessati la lacrima facile che abbiamo sviluppato nel vedere certi film che una volta avremmo rifuggito come la peste (quanti pianti su "Il favoloso mondo di Amélie"!); ci siamo confessati che a volte ci sentiamo soli, che proviamo nostalgia. Ma è una nostalgia strana, è sia di cose già vissute che di cose che non abbiamo vissuto affatto, ma che ci mancano in qualche modo. Non ci siamo definiti infelici eh, solo, ecco, tremendamente nostalgici e malinconici: ma non siamo riusciti a capire se sia un male o un bene, in fondo per adesso stiamo bene così.
Ci siamo salutati, promettendoci di non perderci di nuovo, poi ognuno per la sua strada: a un certo punto mi sono voltato per vedere dove stesse andando, ma era sparito nel nulla, volatilizzato, come se non fosse mai esistito. Mi sono detto che forse è normale per lui, sparire così senza che nessuno se ne accorga, ma sono comunque convinto che ci rincontreremo presto.
Vengono da La Spezia i Morose, e non sono poi una novità per me, avendo avuto modo di apprezzare e amare a suo tempo "On the Back of Each Day", il successore del qui presente "People have ceased to ask me about You". Proprio con questo album i Nostri sviluppano quel genere tutto loro che poi sarà riproposto anche successivamente, un mix di cantautorato, folk apocalittico à la Black Heart Procession, minimalismo di reminiscenze Nick Drake, post rock e slowcore. Se ne ottiene un disco tardo invernale, riflessivo, malinconico ma non triste: per qualcuno sarà magari spallamento e nenia-rock, ma sono convinto che in certi momenti, o in giornate fredde e nuvolose di fine autunno, un disco del genere può essere un valido specchio per fermarci e riflettere un po' su noi stessi. Con un timido sorriso.

Questa DeRecensione di People Have Ceased to Ask Me About You è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/au-506319/people-have-ceased-to-ask-me-about-you/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Dieci)

Ashbringer83
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «Corretti alcuni refusi». Vedi la vecchia versione People Have Ceased to Ask Me About You - Morose - Recensione di Ashbringer83 Versione 1
BËL (00)
BRÜ (00)

Carlos
Opera: | Recensione: |
Lagna. Lagna-rock è più calzante. Comunque oh non prendertela ma "(quanti pianti su "Il favoloso mondo di Amélie"!) mi ha fatto pisciare addosso dal ridere ;DDDDDD Sarà che per me è inconcepibile piangere per un film...
BËL (01)
BRÜ (00)

Ashbringer83: Ohhhh bravo, "lagna rock"! Ci ho pensato tantissimo ma non mi ricordavo il termine esatto, lo avevo riletto da qualche parte ma non mi tornava in mente!
Ahahahah lascia stare, in questo senso ho pianto guardando anche alcuni cartoni animati non faccio molto testo 😁
RinaldiACHTUNG
Opera: | Recensione: |
recensione azzeccata per il disco in questione, anche meglio in realtà
BËL (01)
BRÜ (00)

Ashbringer83: Grazie!
Falloppio
Opera: | Recensione: |
Bravo. Incipit prezioso.
Mi sono rivisto in tanti atteggiamenti che hai descritto.
BËL (01)
BRÜ (00)

Ashbringer83: :-) grazie del commento!
masturbatio
Opera: | Recensione: |
Bel racconto a tinte grigio chiare, per coincidenza sto vivendo le stesse sensazioni con una lei. Penso questi incontri capitino più spesso di quanto uno immagini, però sono essenziali, avvicinarsi dopo una distanza rende l'incontro speciale.
BËL (01)
BRÜ (00)

Ashbringer83: Sottoscrivo tutto!
CosmicJocker
Opera: | Recensione: |
Molto molto bella..Non li conosco ma ho idea che potrebbero piacermi assai (e poi hai citato i black heart procession)..
BËL (01)
BRÜ (00)

Ashbringer83: Al tempo quando li ascoltai la primissima volta (con il disco successivo, "On the back of each Day") ancora non conoscevo i BHP e li scoprii proprio grazie a loro. Diciamo che hanno in comune certe atmosfere fumose e indefinite, o di "marcetta grottesca". Grazie!
luludia
Opera: | Recensione: |
potrebbero piacermi...intanto mi è piaciuta la pagina...
BËL (01)
BRÜ (00)

Ashbringer83: Grazie! Se li ascolti poi fammi sapere!
ALFAMA
Opera: | Recensione: |
con in sottofondo la musica è altra storia
BËL (01)
BRÜ (00)

Ashbringer83: L'idea sarebbe quella infatti! Anche io scrivo tenendo il disco in sottofondo... Spero ti sia piaciuto!
proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
Aria fresca, grazie, lo cerco subito.
BËL (01)
BRÜ (00)

Ashbringer83: Grazie del commento, fammi sapere poi se ti va!
proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
Molto particolare, è come uno slowcore molto molto rarefatto. Non mi sembra molto riuscito purtroppo, la chitarra è debole debole, le percussioni cromatiche non ci stanno col tipo di musica, ma alla fine non si può dire che è un disco senza visione o che questa visione non si sia realizzata. In Italia non riusciamo ad avere un act di vero slowcore comunque oh, sono sempre o più verso il cantautorato o verso l'ambient. In ogni caso le tracce con i sample sono molto particolari.
BËL (01)
BRÜ (00)

Ashbringer83: Grazie di essere tornato! Dunque non entro molto nel tecnico perché non ne avrei le capacità, a me ha colpito l'atmosfera generale, rarefatta appunto, che nel momento in cui l'ho scoperto ben si sposava con il mio stato d'animo. Non so se hai provato ad ascoltare anche il successivo "on the back of each day", magari ha spunti che qui non hai trovato! Per lo slowcore italiano concordo: pur ammettendo che è un genere che non seguo assiduamente noto una certa carenza in Italia, maggiormente propensa al cantautorato, giusto.
proggen_ait94: Ci stavo pensando ad ascoltare pure l'altro, comunque sono bravi. A naso mi ricordano Boduf Songs
Ashbringer83: Mi hai fornito il nome di un gruppo che da quel che leggo pare essere interessante, e che approfondirò sicuramente!

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: