Blackfield
Blackfield V

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Il motivo per cui il quarto capitolo non era piaciuto tantissimo rimarrà per sempre uno dei misteri irrisolti dell’universo, materiale per Roberto Giacobbo insomma; ma intanto ecco che Steven Wilson torna ad essere compositore in pianta stabile nei Blackfield per questo quinto capitolo del progetto che lo vede coinvolto assieme all’israeliano Aviv Geffen.

La formula non cambia e quindi la proposta è sempre orientata verso un rock melodico, leggero, semplice ed essenziale ma senz’altro di qualità; ho sempre definito i Blackfield come il nome da consigliare a chi volesse un rock melodico e diretto e questo disco lo conferma. Qui si osa di meno rispetto al precedente, lì fra soluzioni nuove e svariati guest vi era un po’ più di coraggio a quanto pare non molto ripagato.

13 brani che scorrono piacevolmente fra armoniose e leggere parti di chitarra, arrangiamenti d’archi consistenti ma delicati, atmosfere rilassate e primaverili, nonché malinconiche.

Ma come sempre nelle composizioni del duo la semplicità diventa anche classe, anche nella semplicità riescono a trovare quel qualcosa che li rende unici e difficilmente imitabili nel soft-rock; il sostenuto riff di chitarra di “Family Man”, gli arpeggi molto alternative di “We’ll Never Be Apart”, il connubio ritmo sostenuto-melodia struggente di “Lately”, il giro di piano classicheggiante di “October”, la strumentale “Salt Water”, le ritmiche e i suoni soffusi quasi trip-hop di “Lonely Soul”, le melodie notturne di “From 44 to 48”… sono tutti esempi delle doti dei Blackfield. Le caratteristiche che rendono adorabili i Blackfield ci sono tutte e direi senza problemi che questo disco non ha nulla da invidiare a lavori considerati più importanti come i primi due… tranne per chi cerca sempre il pelo nell’uovo!

Eh sì, secondo me chi si trova a valutare i Blackfield lo fa basandosi troppo sui primi due album e cercando inutilmente il pelo nell’uovo, e ciò finisce per influire negativamente sul giudizio. Invece bisognerebbe prenderli per la loro semplicità ed ascoltarli senza troppe seghe mentali e pregiudizi.

E “Blackfield V” richiede esattamente quest’approccio, un approccio di leggerezza che non deluderà!

Questa DeRecensione di Blackfield V è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/blackfield/blackfield-v/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Tre)

mrbluesky
Opera: | Recensione: |
Hai ben sottolineato l'approccio da avere con questo gruppo,personalmente li ho sempre considerati una versione piu accessibile dei PT.La qualità è certamente una costante di Wilson che svolge un lavoro egregio per mantenere in vita questo genere e quando possibile aggiungere anche qualcosa di nuovo
BËL (00)
BRÜ (00)

dsalva
Opera: | Recensione: |
Assolutamente inferiore ai precedenti, ma gran disco comunque. Sia bluesky che tu in coda alla recensione, avete colto perfettamente. E' il lato tenero dei PT, la parte "defaticante" delle imprese Wilsoniane. Avercene di questi tempi.
BËL (00)
BRÜ (00)

DEDAVE
Opera: | Recensione: |
A me è piaciuto molto quest'album nella sua orecchiabilità e leggerezza, purtroppo devo ancora recuperare gli album precedenti, quindi non posso fare un confronto. Però posso dire per certo che non è una delle opere meno riuscite di Wilson
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: