Sto caricando...

Blur
The Great Escape

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Il tempo passa per tutti:

come vedevamo negli anni '90 i protagonisti degli anni '60 e '70 con una certa freschezza nonostante il non poco tempo passato, in questo tocca ai protagonisti di un periodo per noi allora di adolescenti con la stessa percezione del tipo di artisti prima nominati.

25 ANNI si avvicinano dalla pubblicazione di 'The Great Escape' dei Blur, uscito insieme a '(What's The Story) Morning Glory?' degli Oasis e battuto nella famosa 'Battaglia del Britpop' in Inghilterra fra Agosto e Settembre di quell'anno con le maggiori vendite in una settimana, preceduto dalla vittoria di 'Country House' contro 'Roll With It' degli Oasis - per i singoli - nello stesso tipo di competizione.

I Blur che con il loro classico precedente 'Parklife' avevano creato un capolavoro di equilibrio fra Pop, sperimentazione ed estetica, in 'The Great Escape' seguono la stessa strada ma con risultati molto meno convincenti, tranne il singolo 'Stereotypes', un buon mix dei tre elementi.

Nel lavoro più Pop come suoni i brani più 'sperimentali' migliori sono 'He Thought Of Cars' e 'Yuko And Hiro' (secondo brano con titolo giapponese nella storia della musica Pop inglese, dopo 'Teo Torriatte (Let Us Cling Together)' dei Queen - da 'A Day At The Races' [l'album di 'Somebody To Love'] del 1976).

'The Great Escape' suona convincente nei singoli Pop 'Country House', 'Charmless Man' e soprattutto il pezzo più 'orchestrato' della loro fase Britpop: 'The Universal'. Fra i brani minori, 'Best Days'.

Anche i video musicali di tutti i singoli citati non sono male (dopo quelli di 'For Tomorrow' e 'Sunday Sunday' di 'Modern Life Is Rubbish' e 'Girls And Boys' e 'Parklife' dell'omonimo album).

La sconfitta storica del gruppo per la posizione di principale riferimento nella scena musicale di casa e la fine del genere da loro stessi creato sarebbero stati quasi subito di beneficio per una maggiore affermazione sulla scena internazionale, a partire dall'album 'Blur' di due anni dopo (soprattutto per 'Song 2' - 'When I feel Heavy Metal...Whoo Whoo!').

Molto del merito a Graham Coxon, il chitarrista, stanco della scena Britpop, più di spettacolo che di suoni.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Tredici)

templare
templare
Opera:
Recensione:
Spiace. Per me insopportabili. Ma è un problema mio.


madcat
madcat
Opera:
Recensione:
Sono sempre in imbarazzo quando mi chiedono quale preferisco tra Parklife e The Great Escape, perché per me sono allo stesso livello qualitativo, sostanzialmente (che da Modern Life is Rubbish in poi hanno mantenuto immutato, con degli apici da capogiro). Quindi 5 al disco, mentre sulla rece si poteva fare di più (3.5 arrotondato). Il mio amato Coxon è stato senza dubbio la chiave per la svolta (nel suono) di Blur e 13, ma la loro forza sta proprio nelle 2 anime del gruppo (Albarn/Coxon), così diverse e così complementari


scummyman
scummyman
Opera:
Recensione:
Uno dei loro più belli imho


IlConte
IlConte
Opera:
Recensione:
Non li conosco a fondo ma mi gustano davvero. Suono pop/rock mai banale. Per quel che ne capisco, pochissimo o nulla savansadir, molto più vari degli oasis, meno rock-classico. A me il Brit pop non dispiace però normalmente dopo le tre canzoni mi annoia, loro no.


IlConte: Il disco non cello’, ma ho una raccolta dove ci sono vari pezzi
musicalrust
musicalrust
Opera:
Recensione:
Anche io preferisco ,ma di poco, Parklife. Coxon chitarrista poco appariscente ma Geniale.
Buona rece.


nangaparbat
nangaparbat
Opera:
Recensione:
ha alcuni picchi superiori rispetto a parklife ( "stereotypes" e "The universal" in particolare) ma è meno compatto e piu0 sfilacciato, non a caso dopo questo comunque bel disco cambieranno parecchio.


Sullenboy
Sullenboy
Opera:
Recensione:
Amoli sempre.


Carunchio
Carunchio
Opera:
Recensione:
Disco che ricalca i passi pop di 'Parklife' ma senza la sua sobrietà e freschezza e ancora sono lontane le brillanti "sperimentazioni" di 'Blur' che uscirà due anni dopo. Schiacciato da quelli che, con tutta probabilità, sono i migliori in assoluto della band, resta un buon album di transizione.


Mike76
Mike76
Opera:
Recensione:
Io sono scappato prima.


Senmayan
Senmayan
Opera:
Recensione:
Il loro migliore, la perfezione pop rock per me l'hanno raggiunta già con "modern life is rubbish" dove si sono dimostrati i veri eredi degli xtc (che non a caso hanno coverizzato la mitica cooling), un album incredibile. Coi successivi si sono mantenuti sempre ad alti livelli compreso questo The great escape che come è stato detto nei commenti è un po' troppo sfilacciato, però sempre piacevole


Senmayan: Volevo dire "hanno coverizzato coping"
madcat: Coping coverizzata in che senso?
madcat: Perché di Coping esiste semplicemente una versione prodotta da Partridge (Non quella sul disco)
London
London
Opera:
Recensione:
e "Hiroshima Mon Amour" degli Ultravox! dove la mettiamo?


London
London
Opera:
Recensione:
e "Masoko Tanga" dei Police?


SilasLang
SilasLang
Opera:
Recensione:
'95 o su di li avevo completamente abbandonato il 'rock' per dedicarmi anima, corpo e (soprattutto) mente alla "scena" rave. TeKno, Jungle e Dn'B in primis quindi non li ascoltai in tempo reale (a parte i singoli che passavano in radio/tv, tra loro, Oasis, Pulp, Sleeper, Cast e 200 altre meteore di cui non si ricordano nemmeno le proprie madri)), ma li ripresi all'alba del nuovo millennio. Nsomma questo. Dei Blur preferisco l'omonimo e soprattutto mi piacque 13. Ma si tratta di gusti personali e nulla più.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di The Great Escape è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link