Boduf Songs
Stench of Exist

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Roba che non si può ascoltare di giorno.

Sarò brevissimo. Qui un -ascoltate e stop- sarebbe il modo migliore di dire la cosa.

Sole e Mad Sweet non vanno d'accordo. Ciò succede da quando il monicker Boduf Songs ha fatto la sua comparsa, 10 anni fa, entrando in punta di piedi nel mondo del cantautorato più isolazionista, minimale e sonnolento. Da allora, le cose sono cambiate ma non troppo. Lo slowcore dei primi eccelsi lavori non è scomparso, per niente. E neanche tutto il fare ipnagogico della sua musica. Si è solo messo ad aggiungere, a rendere meno rarefatto ma ugualmente etereo il suo suono.

A quest'album ha portato la strada intrapresa dal 2008, anno del bellissimo "How Shadows Chase the Balance". Nuovo senso di espansività, tappeti di elettronica sfocata ed elegante, percussioni che accompagnano senza fretta un'incedere lento e bellissimo. Tutto con la sua summa in "Modern Orbita".

Ascoltatelo prima dell'alba.

Questa DeRecensione di Stench of Exist è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/boduf-songs/stench-of-exist/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sette)

TSTW
Opera: | Recensione: |
Madonna che cazzata che ho fatto.Non so neanche perché ho voluto scrivere sta roba.Sto disco meriterebbe molto di più che un commentino striminzito di due righe.

G: Bahh... a me piace la sintesi!
nes: ascolta il signor galbusera!
nes
nes
Opera: | Recensione: |
li ho beccati per sbaglio un mesetto fa o poco più, mi sono ascoltato una smadonnata di brani sparsi. un pezzo alla volta vanno più che bene, anzi, goduria pura. Belle canzoni e bell'atmosfera. Ma già solo tre pezzi di fila sfangano le balle a non finire. Non vorei bestemmiare che magari li ho ascoltati veramente nei pezzi sbagliati, ma oltre che qui ho letto un po' ovunque "slowcore", e a me sembra in realtà folk fatto e finito. C'è da dire che penso la stessa cosa dei belle e sebastien, e c'è da dire che se è vero che questi vengono illuminati solo da luci artificiali e che hanno una dimensione sensata solo dopo la mezzanotte, mentre i B&S coprono un arco temporale decisamente più cromatico, a me pare che facciano la stessa identica roba: folk nel duemila e qualche cosa.

nes: oddio, poi magari non so semplicemente cosa sia lo slowcore...
proggen_ait94: Non so questo disco, ma ciò che conosco io dei Boduf me li farebbe classificare sì come slowcore (tematiche, lentezza, l'essere dimessi ecc) ma anche folk, principalmente perchè la chitarra è acustica. Lo slowcore classico avrebbe bisogno dei riverberoni
nes: quindi ci avevo preso dai, per capire meglio che magari invece non ho capito niente, lo slowcore è figlio dello shoegaze o sbaglio?
proggen_ait94: in realtà non tanto, anche se tipo i Galaxie 500 sono stati importanti... per capire il genere in realtà è sufficiente un disco solo, Frigid Stars dei Codeine, un capolavoro Codeine - D
proggen_ait94: la definizione più calzante che ho trovato in rete dello slowcore è "grunge in negativo"
nes: ok, sto sentendo frigid stars e sinceramente resto dell'idea che 'sti boduf songs faccian folk, poi magari sono io ad esser sordo, ma appunto 'sto frigid stars mi pare abbia più punti in contatto con loveless, per dire, piuttosto che non con un brano a caso che ho sentito dei Boduf....
nes: poi sì, non è che ne abbia poi così tanti di contatti con loveless, ma qualche cosina io ce la sento.
nes: qui pure più di qualchecosina... Codeine - Second Chance
proggen_ait94: diciamo che lo stile dei codeine in particolare può ricordarli... in generale il genere non c'entra con il gaze però
Don_Pollo: io sostengo da sempre che lo slowcore nasce con On the Beach di Neil Young. quindi sì, il folk. ma poi ognuno lo fa a modo suo
hjhhjij: Semmai nasce con "Tonight's the Night" regstrato l'anno prima :D Comunque la title-track di "On the Beach" ci sta tutta come proto-proto slowcore, immenso Neil.
nes: si va beh ho capito, si chiama slow core ma non vuo, dire un cazzo. non è il primo e non sarà certo l'ultimo.
Don_Pollo: insomma, dello slowcore è sicuro che sia lento e depresso. ad esempio gli escape the day non si sa se siano slowcore o post-rock, magari entrambi
proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
Ah, è uscito, bene. Ascoltiamo.

SilasLang
Opera: | Recensione: |
Prossimo acquisto. Il loro "Lion Devours The Sun" mi ha stregato. "How Shadows Chase The Balance" altro disco bellissimo. Staremo a sentire...

Buzzin' Fly
Opera: | Recensione: |
Sicuramente prossimo ascolto, se poi come dici il suono si è arricchito seguendo il sentiero del precedente tanto meglio.

Dragonstar
Opera: | Recensione: |
Disco notturno, proprio come dici tu. In effetti hai fatto bene a descriverlo con poche parole, quasi fosse un richiamo alle atmosfere musicalmente scarne e rarefatte di questo disco. Tutto molto interessante, approfondirò al più presto, e forse acquisterò dacché l'assaggio che mi ha offerto la rete mi ha decisamente appagato.

proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
Torno in eccelso ritardo a dire che è bruttino secondo me. Ha dato preferenza ai rumorini più che alla chitarra, che a mio parere è tanto sacrificata

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: