Brand New
Science Fiction

()

Voto:

Tutto è destinato a finire. Tutto ha un inizio e una fine. I Brand New sono nati quasi per caso. Erano ragazzi spensierati, con la voglia di fare musica, poi la vita gli è arrivata dritta in faccia e hanno dovuto affrontarla. Tra urla e sofferenze sono andati avanti, sempre più deboli ad ogni fatica, sempre più disillusi, ma sono andati avanti, fino ad oggi. Probabilmente la migliore band emo del ventunesimo secolo ha scritto la parola fine sulla loro storia. Ma come lo ha fatto! Science Fiction è forse il disco più sofferto che i Brand New abbiano mai scritto, il più cupo. Una sofferenza dettata anche e soprattutto dalla maturità che Jesse e soci hanno raggiunto. La rabbia, quella urlata, quella triste, che un tempo ha fatto la loro fortuna lascia spazio ad un'atmosfera pervasa di rassegnazione quasi.
Jesse scrive ancora di sé, in modo ancora più personale, ancora più crudo. I suoi disturbi emotivi, la sua depressione, tutta la negatività che sente e che il mondo attorno a lui gli fa percepire sono in questo disco. Quando malinconicamente dolce, quando funereo, il disco va avanti e non fa altro che suonare come un addio. Un addio a qualcosa che hai amato in modo incondizionato, ma che sai di dover lasciare andare. E alla fine resta solo un vuoto, da colmare con immagini dal passato.

Questa DeRecensione di Science Fiction è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/brand-new/science-fiction/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti anonimi. Quindi Accedi!


Commenti (Cinque)

Chainsaw
Opera: | Recensione: |
Non sono un grande fan dell'emo ma sto disco scivola via che è un piacere: chissà che non cresca con gli ascolti e che io mi appassioni un po' di più al genere
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Taurus
Opera: | Recensione: |
Questo avevo in mente di recensirlo io con calma. Sostanzialmente è proprio così: il loro disco più slow, più psicologico ed introverso. Avresti potuto sviscerarlo meglio però. Se sarà l'ultimo è comunque un signor disco. La prima parte è veramente ottima, e la seconda si difende bene. Uno dei migliori dischi ascoltati quest'anno finora.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Divodark
Opera: | Recensione: |
Vabbè, inutile ripetermi dicendo che reputo The Devil and God il miglior disco emo degli ultimi 17 anni. Daisy non ha avuto lo stesso impatto e quando un disco esce a distanza di tanti anni, il rischio di partorire qualcosa di insulso è enorme. Non nascondo nemmeno che al primo ascolto questo Science Fiction mi ha lasciato un pò perplesso. Con gli ascolti però è cresciuto, liricamente il disco più "pesante" e opprimente dei Brand New. Non esagero se dico che per me è il miglior disco del 2017.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Johnny b.
Opera: | Recensione: |
Dopo otto uscirsene con un album del genere è cosa rara. Lo sto` ascoltando da ieri e mi sembra più che ottimo.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

MikiNigagi
Opera: | Recensione: |
Prima o poi dovevo dirlo: mai piaciuti.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Johnny b.: E che male c'è. Chissa quante cose che piacciono a te non piacciono ad altri. Per me la musica è qualcosai più soggettiva che oggettiva. Non ho mai capito chi difende troppo i propri gruppi di gradimento.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: