Carlo Verdone
Bianco, Rosso e Verdone

()

Voto:

Milena Vukotic non andava bene. Lo racconta Carlo Verdone nel suo libro "Fatti Coatti": "A un certo punto della sceneggiatura [...] Mimmo, il personaggio timido legato alla nonna, si fermava con lei in una specie di motel sull'autostrada nei pressi di Orvieto. Dopo aver lasciato Sora Lella a dormire in camera, rimasto solo, scendeva al bar e veniva addocchiato da una prostituta [...] Nell'imbarazzo veniva attratto da una vasca di pesci rossi, si metteva seduto a guardarli, mentre lei cominciava a spogliarsi. Lei finiva con lo spogliarsi del tutto e gli si metteva proprio di fronte, dietro alla vasca dei pesci. Filtrato dal vetro e dall'acqua della vasca il triangolone nero dei suoi peli veniva deformato [...] Ora, per poter essere ingrandito dietro alla vasca, c'era bisogno di una folta peluria femminile. E siccome Milena Vukotic non sembrava avere questo triangolo così enorme, allora Leone disse serio: "Sentite un pò, annateme a ttrovà tre o quattro mignotte, ma che ce l'abbiano bella folta, se no nun se ride qua". [...] Era il momento di girare. La ragazza mette 'sta cosa pelosa davanti alla vasca dei pesci. A Leone però è venuto un dubbio. Grida: "Stoppa! Enzo!!". Enzo, il parrucchiere, accorre prontamente. "Enzo", gli fa, "co' la spazzola, dagli un pò de volume a destra e'n po de volume a sinistra".

Nasce così una delle scene più divertenti di "Bianco, rosso e Verdone", secondo film di Carlo Verdone, dopo il grande successo ottenuto con "Un sacco bello". Il Leone citato è proprio lui, Sergio Leone, padrino cinematografico di Verdone, vero e proprio despota del set. Milena Vukotic invece, era già conosciuta come la "seconda moglie di Fantozzi" (la prima fu Liù Bosisio, da 18 anni voce italiana di Marge Simpson).

"Bianco, rosso e Verdone", forse più di "Un sacco bello", è considerato il film manifesto del Verdone pensiero, una galleria esilarante di personaggi italianissimi, con le loro debolezze ed i loro problemi. Personaggi che, nel corso degli anni, attraverso centinaia di passaggi televisivi, sono entrati nel cuore del pubblico italiano: da Mimmo, il ragazzotto legato quasi morbosamente alla nonna (sgrana gli occhi al cielo e ripete: "Inchessenzo?") a Furio, noiosissimo marito pignolo che porta alla pazzia la povera moglie (il personaggio ritornerà, riveduto e corretto, in "Viaggi di nozze"). In mezzo c'è anche Pasquale, la macchietta meno riuscita di Verdone, anche se, forse per innata simpatia, Verdone gli lascia il burrascoso finale.
Una sorta di road-movie, dalla Germania in Italia, o da Verona a Roma, per andare a votare. Succede, come prevedibile, un pò di tutto: Mimmo e la nonna arriveranno all'agognato seggio elettorale dopo essersi fermati in autogrill, in un motel e persino in un cimitero; Furio finirà all'ospedale perchè, in galleria, ha deciso improvvisamente di accellerare; Pasquale, che era partito dalla Germania con buoni propositi di rivedere la sua Italia, verrà derubato di qualsiasi oggetto e si troverà la macchina completamente distrutta. Sbotterà, nel finale, in dialetto basilisco. Quello che dice è incomprensibile, ma la rabbia è chiara e palese.

Non è un film perfetto "Bianco, rosso e Verdone", dopo un pò il giochetto comincia a mostrare la corda e certe gag sono più noiose che divertenti (certi furti ai danni di Pasquale sono solamente un bel contorno, ma niente di più), e la sceneggiatura di Benvenuti-De Bernardi-Verdone, più che inventare situazioni, accumula gag. Il che non è proprio una bella cosa. Ma, se in "Un sacco bello", ci si divertiva dall'inizio alla fine, qui Verdone innesta, per la prima volta, anche dei momenti, per così dire, "drammatici": le considerazioni della nonna durante il tour al cimitero o il finale in cui la Sora Lella, la nonna, muore all'interno della cabina elettorale. Ma allora, come mai, questo film, tutto sommato normalissimo, ha avuto un così vasto successo di pubblico? Semplice: il Verdone attore è pressochè incontenibile nelle sue scorribande linguistiche, perfetto nel delineare le psicologie di tre personaggi tanto divertenti quanto estremamente solitari (alla fine, tutti perderanno un qualcosa di caro, Furio la moglie, Mimmo la nonna e Pasquale la macchina), e certe battute, certi modi di dire, sono entrati nella memoria collettiva, come il dialoghetto che Furio inscena ogni due per tre con la moglie: "Magda, tu mi adori?", "Sì", "E allora lo vedi che la cosa è reciproca?".

Accanto ad uno scatenatissimo Verdone, Leone scelse una serie di caratteristi di navigata esperienza: la già citata Milena Vukotic, Mario Brega (il burbero manesco della trilogia leoniana del dollaro), Angelo Infanti ed Irina Sanpiter, la moglie di Furio, oggi organizzatrice di concerti rock. La nonna di Mimmo è, invece, l'indimenticabile Elena Fabrizi, sorella di Aldo, grande caratterista, famosa a Roma per essere la proprietaria di un ristorante molto frequentato all'Isola Tiberina.
Pur non essendo un capolavoro, ma un film tutto sommato modesto, "Bianco, rosso e Verdone" è un film senza dubbio divertente, non volgare, e costruito molto meglio di tutte le pellicole italiane di quel periodo, (Pozzetto, Celentano, Montesano), tranne qualche rara eccezione (Troisi, Benigni).

Questa DeRecensione di Bianco, Rosso e Verdone è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/carlo-verdone/bianco-rosso-e-verdone/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Cinquanta commenti su NovantaQuattro

PA0L0PF2
Opera: | Recensione: |
Ma cosa e' successo a Verdone Venditti Vasco Rossi e al loro talento ? Halzeimer precoce ? troppa droga sesso alcol? Morte cerebrale? Pensare che se fossero mancati prima dei quaranta staremmo a parlare di geni mentre ora sono solo dei coglioni bravi a far soldi...Che peccato!
BËL (00)
BRÜ (00)

nofake
Opera: | Recensione: |
Sinceramente faccio fatica a comprendere la considerazione secondo me esagerata in cui è tenuta la questione del voto all'opera recensita. In ogni caso vorrei osservare che la maggioranza dei commentatori a questa recensione, che hanno voluto lasciare il proprio voto, ritiene che il film recensito sia molto buono (otto voti con punteggio 4) ovvero eccellente (otto voti con punteggio 5). Questo fino al post di @hugoniot "sarò un veggente..."
BËL (00)
BRÜ (00)

hugoniot
Opera: | Recensione: |
io non ritengo niente..ho detto soltanto che il poletti è sempre più palloso..la cosa non sembra arrestarsi,tutto qui
BËL (00)
BRÜ (00)

nofake
Opera: | Recensione: |
@hugoniot se l'ultimo tuo post è rivolto a me (come mi sembra), tranquilizzati. Non ce l'ho con nessuno in particolare, tanto meno con te. Voglio soltanto dire questo: ma insomma diamo ognuno il voto che vogliamo, sentiamoci liberi di esprimere la nostra opinione in merito alle opere recensite. Se per me questo è un capolavoro e per un altro è una schifezza non credo che cambieremo opinione perché dobbiamo attenerci alla scaletta dei voti. Ecco. Tutto qui.
BËL (00)
BRÜ (00)

GiovanniNatoli
Opera: | Recensione: |
Una volta la si pensava diversamente da queste parti (chi sa intenda)...comunque; ritengo che un minimo di oggettività nel commentare un film sia richiesta, sia piaciuto o meno il film. Anch'io rido e di gusto (sempre quando c'è Mario Brega, poi) ma se penso a questo film non come uno dei miei preferiti ma ad un chief d'oeuvre (il francese rende meglio l'idea di "capolavoro") ecco io penso che non è a capo di nessun genere cinematografico,non è un vertice, men che meno della commedia all'italiana. Verdone è bravo e simpatico ma penso che in questa pellicola abbia sfruttato il successo precedente di Un Sacco Bello, che in un qual modo è un'attualizzazione del film ad episodi incrociati iniziato in Italia con "Una domenica d'agosto" di Emmer (grazie, Mereghetti). Non basta l'arguzia di un autore/attore (la cui simpatica verve era già esaurita nel primo film fino ai tentativi parzialmente riusciti ma coraggiosi di Iris Blond e Maledetto il giorno), non bastano le frizzanti battute e nemmeno l'indubbia capacità di mescolare riso con commozione, satira e patetismo secondo la scuola classica della commedia italiana a dare le 5 stellette. Una sufficienza piena, un 6 e mezzo non è un voto da gettare via...visto che poi, di tutti i protagonisti della commedia italiana dei disagiati e smarriti anni ottanta Verdone fu quello meno innovativo e originale.
BËL (00)
BRÜ (00)

Birbabirba
Opera: | Recensione: |
Poletti ma fammi il piacere, film splendido
BËL (00)
BRÜ (00)

Birbabirba
Opera: | Recensione: |
Giovanni Natoli è un capolavoro comico, secondo cercate un pò troppo di fare gli intellettuali.
Verdone The Best
BËL (00)
BRÜ (00)

GiovanniNatoli
Opera: | Recensione: |
Temo che un ragionamento sia ben più onesto e umile di una sentenza
BËL (00)
BRÜ (00)

mista
Opera: | Recensione: |
Io sono il primo a sbattermene dei voti, tanto è vero che non li metto quasi mai. Ma richiedo quanto meno un'apparente concordanza tra voto e contenuto della rece, in questo caso mi è sembrato che il voto non rispecchiasse il giudizio espresso nella rece. Ma forse perchè io leggo il 2 come un'insufficienza, e mi sembra indiscutibile che aldilà di tutte le (ottime) ragioni di HappyNatoli che non consentono di definirlo capolavoro, sto film, nel suo genere ed anche alla luce delle considerazioni di Poletti, meriti quanto meno la sufficienza.
BËL (00)
BRÜ (00)

GiovanniNatoli
Opera: | Recensione: |
sì la merita: sei e mezzo
BËL (00)
BRÜ (00)

M.Poletti
Opera: | Recensione: |
Qui la questione dei voti si fa complessa. Io la vedo così: 1=4; 2=6; 3=7; 4=8; 5=10. Qualora non dovessi votare (non è mai successo, però, se mi deciderò a recensire qualcosa del genere) il voto sarebbe meno di 4, decide voi se 3, 2 o 1. Sarà sbagliato, ma io la vedo così. A questo film ho dato 6. Onestamente, di più non mi sentivo di dargli.
BËL (00)
BRÜ (00)

MuffinMan
Opera: | Recensione: |
BRAVO POLET BRAVO!!!!!
BËL (00)
BRÜ (00)

GiovanniNatoli
Opera: | Recensione: |
io, ad esempio, nonvoto. credo che i voti siano un male non sempre necessario. Anzi. Tanto, basta quello che uno scrive per innescare una discussione (8vero scopo dei post). Dei 3 4 5 6 7 8 9 me ne fotto. Voto nei post per un discorso di media, magari qualcuno ci tiene, e per esprimere tutta la mia cattiveria e il mio astio nei confronti del genere umano
BËL (00)
BRÜ (00)

mista
Opera: | Recensione: |
Beh, se comunque intendevi dargli una sufficienza direi che il tuo voto ci sta.
BËL (00)
BRÜ (00)

Blackdog
Opera: | Recensione: |
Povero Carlo..L'homo-ciervello ha colpito ancora.
BËL (00)
BRÜ (00)

Workhorse
Opera: | Recensione: |
Neanche paragonabile ai filmastri "comici" di oggi di Boldi/De Sica.
BËL (00)
BRÜ (00)

Deneil
Opera: | Recensione: |
ma vaffanculo.
BËL (00)
BRÜ (00)

Blackdog
Opera: | Recensione: |
Il 10 è l'assoluto, Poletti..Quindi 5=9, ok? Giovà, c'hai ragione tu:
dupalle 'sti voti; figurati, dopo, alla voce 'voto al disco' quando invece
si dovrebbero giudicare films :) -Un pò Kandinskij, 'astratta' la cosa no?! ;)
BËL (00)
BRÜ (00)

GiovanniNatoli
Opera: | Recensione: |
detournement direi black dog!!1 ;-)
BËL (00)
BRÜ (00)

GiovanniNatoli
Opera: | Recensione: |
Stamattina, alla cassa del Billa, davanti a me c'era Milena Vukotic, che abita a Venezia, verso corte dei pali). Ho fatto due chiacchere. Non le ho chiesto del pelo, ovviamente, e neanche di Fantozzi. E' gentile ma la vedo un po' triste ultimamente
BËL (00)
BRÜ (00)

M.Poletti
Opera: | Recensione: |
Secondo me è un pò giù perchè prendere i soldi per fare un medico in famiglia è come rubare le caramelle ad un bambino. Che dici?
BËL (00)
BRÜ (00)

Blackdog
Opera: | Recensione: |
Ricordo la giovane Vukotic cameriera nel 'fascino discreto' del sommo
Bunuel, e nn era mica male. Altro ke moglie d Fantozzi..
BËL (00)
BRÜ (00)

Blackdog
Opera: | Recensione: |
Ah, d'accordissimo col Natoli anke sulla razza umana da sterminare. ;)
BËL (00)
BRÜ (00)

GiovanniNatoli
Opera: | Recensione: |
mi spiace comunque è un tesoro; è un mestieraccio e s'à da campà anche per un'artista come lei. AH IN AMERICA è USCITO FILM DEI SIMPSON...IN 2 D
BËL (00)
BRÜ (00)

M.Poletti
Opera: | Recensione: |
Il film dei Simpson arriverà in Italia a settembre. Non vado al cinema da una vita, ma stavolta faccio un eccezione. Per dirla alla Benigni: "Vaffanculo la maggioranza!".
BËL (00)
BRÜ (00)

Deneil
Opera: | Recensione: |
secondo me sarà na ciofeca mostruosa il film dei simpson..le cose sono2:o è una serie di battutacce e scenette alla homer simpson(ma ne dubito fortemente perchè il film dovrà esser adatto anke ad un pubblico di bambini e quindi le migliori cose saranno saltate..)oppure sarà una di quelle storie dei peggiori simpson con morale alla fine dove niente fa ridere(propendo per questa..)..in ogni caso correrò a vederlo e ne rimarrò al90%profondamente deluso..tra l'altro groening ha affermato che questa sarà la prova per vedere se continuare i simpson..secondo me il film farà ottimi incassi i primi giorni e se si rivelerà una bufala come credo crollerà malamente subito dopo.
BËL (00)
BRÜ (00)

M.Poletti
Opera: | Recensione: |
Ho una vaga idea Deneil che te dei Simpson ci hai sempre capito poco o niente. E' così: se in un cartone viene detto "La società è una merda" tutti a dire "com'è trasgressivo", se invece la stessa frase la si dice non in maniera esplicita ma in maniera metaforica (come nei simpson) tutti a dire "ma non fanno ridere". Poi, sai perchè non ti fanno ridere? Perchè secondo me, le cose più belle, cioè le citazioni filmiche, non le afferri. E francamente, è pure difficile farlo. Però ci si può arrivare. Se ci si arriva fanno ridere un pò. La morale scontata? Bhè, non è che se la morale è aggressiva si tratta di un cartone rivoluzionario, magari è più rivoluzionaria un finale moralistico, oggi come oggi. Ma si sa, per capire bene (non tutta) una puntata dei simpson bisognerebbe rivederla almeno cinque/sei volte. Come diceva qualcuno qui su debaser, i simpson sono multistrati: a 9 anni si capiscono certe cose, a 18 altre, a 30 altre ancora. O meglio, si dovrebbero capire. Ma non è sempre così.
BËL (00)
BRÜ (00)

M.Poletti
Opera: | Recensione: |
Un altra cosa: ma dove è scritto che i simpson debbano fare ridere? quello è lo scopo dei griffin, di south park, non dei simpson. Paradossalmente, i cartoni considerati più cattivi, vedi griffin o south park, piacciono di più ai teenagers, i simpson piacciono di più a chi ha qualche anno in più . Ci sarà un perchè?
BËL (00)
BRÜ (00)

Deneil
Opera: | Recensione: |
allora..la maggior parte delle puntate dei simpson le so a memoria..le avrò viste non5-6volte ma 10-20.le citazioni filmiche le afferro al90% quindi non fare il supponente"Però ci si può arrivare" lo puoi dire a tua sorella se ne hai una.detto questo(cazzo ma quanto minchia ti credi intelligente rispetto all'umanità?) certe puntate dei simpson fanno letteralmente cagare(vedi musical, puntate fatte con spezzoni vecchi e puttanate del genere)...tutta questa metafora che tu vedi nei simpson c'è ma ti prego non farla passare come così nascosta e difficile da scovare..poi non so quanti anni credi che io abbia ma ti dico io che non sono un teenager..semplicemente le ultime serie dei simpson sono per la maggior parte senza idee..ma proprio senza e si va avanti per citazioni(certe puntate sembra di vedere scary movie per carità..)e gli preferisco i griffin che almeno non hanno altra pretesa che far ridere."ci hai sempre capito poco o niente"anche questo lo puoi dire a tua sorella..
BËL (00)
BRÜ (00)

M.Poletti
Opera: | Recensione: |
no, non le sai a memoria. nelle puntate musical sono gli stessi autori a prendersi letteralmente in giro. chi sparla dei simpson è un pò come chi sparla dei beatles, traine tu le considerazioni. comunque, la maggioranza sta col sottoscritto, visto quanto male ho letto (anche in questa pagina, specie i primi commenti) sui griffin, se vogliamo metterla giù così.
BËL (00)
BRÜ (00)

Deneil
Opera: | Recensione: |
si i simpson ricordo che in una puntata musical dicono..non c'è niente di peggio di una puntata fatta di spezzoni e musichette..eh be..a parte che non me ne fotte un cazzo della maggioranza e che io non sparlo dei beatles(vedi discussione su sgt peppers ancora in corso) non sparlo neanche dei simpson..obiettivamente bisogna dire che le ultime serie dei simpson sono prive di idee ma essendo tu un fan non arriverai mai a capirlo mi dispiace.
BËL (00)
BRÜ (00)

happypippo
Opera: | Recensione: |
himè è vero che i simpson sono in secca...speriamo (ma temo il peggio) che il lungometraggio sia buono (esce il 27 luglio negli stati uniti). certo è che i Griffin hanno il grave torto di avere delle sceneggiature ridondanti (vedi gli eterni flashback laddove i simpsons sono veloci e fulminanti)e battute fini a se stesse: il loro scopo è uguale a quello dei Simpsons, la satira della società americana, pochi cazzi!!!
BËL (00)
BRÜ (00)

Deneil
Opera: | Recensione: |
evvai happypippo!diglielo a poletti!
BËL (00)
BRÜ (00)

happypippo
Opera: | Recensione: |
Sì ma guarda che ce n'era anche per te deneil. Nessuno ha bisogno di nessuno, men che meno gli altri di me
BËL (00)
BRÜ (00)

Skyvalley
Opera: | Recensione: |
aggiungerei che oltre a essere fini a sè stesse certe battute dei griffin sono delle puttanate stucchevoli e ripetitive (poi minchia veramente ricorrere ai flashback ogni due minuti mi sembra il quattordicenne che azzecca una battuta, si esalta perchè gli altri ridono e continua ad infinitum)
BËL (00)
BRÜ (00)

Deneil
Opera: | Recensione: |
a me fan ridere i flashback cazzo!e poi non sono scene già viste i flashback quindi la tua osservazione fa caca
BËL (00)
BRÜ (00)

happypippo
Opera: | Recensione: |
vabbè farà da cacà perchè a te fan ridere...ottimo argomento
BËL (00)
BRÜ (00)

dennigi
Opera: | Recensione: |
Secondo me "Compagni di scuola" è almeno da tre...Alcune battute sono entrate nella storia del cinema italiano,secondo me. "Guardate com' eri, guardate come sei...mè pari tu zio!". "Se le zinne sò viola...de che colore c' avrà il culo?". MITICO
BËL (00)
BRÜ (00)

TheCraziness
Opera: | Recensione: |
Randolph Chandler
Opera: | Recensione: |
ma compagni di scuola è il capolavoro della maturità di verdone, se spargiamo merda pure su quello addio
BËL (00)
BRÜ (00)

Galakordi Urtis Krat
Opera: | Recensione: |
i Griffin non altro altra pretesa che far ridere? ne siete proprio sicuri? casomai è nei Griffin che c'è ciò che afferma il Poletti.
BËL (00)
BRÜ (00)

GiovanniNatoli
Opera: | Recensione: |
MI RICITO: Ahimè è vero che i simpson sono in secca...speriamo (ma temo il peggio) che il lungometraggio sia buono (esce il 27 luglio negli stati uniti). certo è che i Griffin hanno il grave torto di avere delle sceneggiature ridondanti (vedi gli eterni flashback laddove i simpsons sono veloci e fulminanti)e battute fini a se stesse: il loro scopo è uguale a quello dei Simpsons, la satira della società americana, pochi cazzi!!!
BËL (00)
BRÜ (00)

M.Poletti
Opera: | Recensione: |
Guarda Galakordi, i griffin e south park piacciono ai teenager, i simpson vengono adorati specialmente dagli adulti, un perchè ci sarà, ed è semplice: ai teenager fai vedere un pò di battute sul sesso e quattro parolacce e sono contenti, non amano la profondità, e i simpson (purtroppo per loro), ne hanno a quintalate.
BËL (00)
BRÜ (00)

a
a
Opera: | Recensione: |
vinia
Opera: | Recensione: |
molto molto melgio un sacco bello...questo è un pò deludente..
la moglie di furio organizza concerti rock?? O_O
BËL (00)
BRÜ (00)

andrewramone
Opera: | Recensione: |
personalmente io preferisco un sacco bello, ma tutti i film sono belli con MARIO BREGA
BËL (00)
BRÜ (00)

cappio al pollo
Opera: | Recensione: |
Due? Io il due lo do a te solo per il voto. Basta il cast, o la colonna sonora, o il monologo/lo sproloquio finale di Ametrano, per il cinque. Pur magari, come dici tu, non essendo un capolavoro, rimane a mio avviso un passo obbligatorio nel suo genere. Se poi dobbiamo stare a sindacare sul cinque dato ad un film comico, beh, naturalmente è contestualizzato.
BËL (00)
BRÜ (00)

El Nadador
Opera: | Recensione: |
Ma sto film è spettacolare, perchè l'hai stroncato così?
BËL (00)
BRÜ (00)

hjhhjij
Opera: | Recensione: |
Film storico, uno dei più riusciti e divertenti di Verdone
BËL (00)
BRÜ (00)

Loconweed
Opera: | Recensione: |
L'unico difetto del film è l'accento di Pasquale Ametrano nel monologo finale al seggio che è più vicino al calabrese che al lucano.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: