Sto caricando...

Channel One Russia
Ciao 2020

()

Voto:

Versioni: v1 > v2

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Nel ventunesimo secolo il mondo è diviso inequivocabilmente in 2:da una parte ci siamo noi, i supercaliespansionistispaghettomafioso che negli anni abbiamo accolto modelli da ogni parte del mondo, dai fast food americani al kamasutra e dall'hip-hop al curry e nonostante ciò rimaniamo attaccati ai nostri modelli come un gatto ai coglioni. Dall'altra c'è la Russia, il paese dove la vodka scorre a fiumi, il comunismo esiste ancora e che nessun uomo sulla terra è mai riuscito a conquistare. Ora, immaginate se queste due potenze mondiali si unissero in un unico orgasmico elemento, se Berlusconi e Putin facessero un figlio che mangia pasta e ragù lottando contro un orso, se i carri armati con turbopotenza diesel che possono fare in poche ore l'Appennino si fondessero con il mezzo più tattico e inespugnabile: il PANDINO. Quel giorno, signori miei, è arrivato. Quel giorno è stato il 31 dicembre 2020. Dopo un anno notevolmente catastrofico sbucò dal nulla una scintilla. Poi il fumo. Poi, come il genio della lampada di Aladino, sbuca un uomo che sembra venuto dagli anni 80 italiani, che parla italiano meglio di molti altri italiani. E' lui, la mente schizzofrenica e geniale. E insieme a lui, ballerini e ballerine e una scritta a caratteri cubitali:CIAO 2020

Abbiamo già delle informazioni fondamentali e non fondamentali prima della visione:trasmesso in diretta nazionale su Channel 1 Russia (praticamente Rai 1) e ideato e condotto da colui che porta lo pseudonimo di Giovanni Urganti. Basta, questo è ciò che è necessario e non necessario sapere. Per essere precisi e imprecisi.

Dopo l'introduzione del buon Giovanni, seguono i co-conduttori e innalzatori di siparietti:il comesco Matteo Crustaldi, che prese il taxi e andò in coma sul como da solo, il gurulento Alessandro Gudini detto l'uomo colbacco per il suo taglio di capelli...a cappella.Ed infine, la sola ed unica Allegra Michele, colei che attrae i più avidi giocatori italo-russi di bocce. E dopo questa introduzione comincia ufficialmente la serata, con una hit conosciuta ormai in tutto il globo:Crush di Niletto Niletti in duetto con Claudia Cocca. A fare da comparsa ballerina:nerd random, la versione normale di Venditti, Rihanna tarocca e il fratello dell'uomo colbacco.

ATTENZIONE:LA PARTE CHE SEGUE NON E' ADATTA AI PIU' SENSIBILI, CHI NON VUOLE RIMANERE SCONCERTATO LA SALTI A PIE' PARI. Dopo questa esibizione caposlavoresca, un'intervista: Giovanni Urganti a tu per tu col regista pornografico Alessandro Pallini, che mostra in anteprima mondiale il suo nuovo film dalla portata rivoluzionaria: in esso sono presenti SOLO UOMINI, che probabilmente si esercitano nella mossa del pitone depravato mettendoci troppo orgoglio masculo. Alla visione partecipano anche l'uomo del coma su Como e l'uomo colbacco che in segno d'apprezzamento ballano la rumba con le signorine con la barba.

Seconda canzone, secondo artista:Jony, nonchè il Pieraccioni proveniente da una dimensione parallela, ci diletta con la sua La cometa ed è subito giubilio nello studio. I ragazzi vaporati e le ragazze col pacco sono estasiati, i poliziotti paganti applaudono felicemente, i capish urlano come fossero ad un concerto di Mozart.

E dopo l'arrivo della benemerita soubrette Ornella Buzzi, famosa per aver messo Fedez al concerto degli Slayer ad Assago, la terza prova canora:Arti e Asti con Bambina balla, dove la versione giovane del Conte debasico fa il disk-jockey circondato da un mucchio di pollastre...certe cose non cambiano mai.Inoltre tra le comparse danzanti si segnala la presenza del pronipote di Totò Rina, intento a ballare con più alcol che sangue in corpo che con degli occhiali da sole che fanno concorrenza con quelli del Martello studente del liceo.Dopodichè, una scappata al bar ad ubriacarci fino ad onorare lo sbagliato per dire addio a questo anno puzzolente, alla maniera dei francesi e l'incontro del mastro colbacco con Milanka detta la vaporosa vaporella e Gerolomo Paffuto, intenti come tutti gli altri spettatori paganti a consumare il buffet e a ballare cose dubbie provenienti dagli anni 80.

Quarta artista:Crema de la soda, nome che può competere con i Pinguini tattici nucleari, che porta la sua Piango al tecno. Special featuring:il giovane Papa, appena tornato dalla vacanza di due settimane a Venezia e in preda ad una bella botta di coca, l'arbitro sgomento che balla per un cartellino rosso dato ad Ibrahimovic e il team di scuola di polizia intento a suonare per la suddetta Crema de la soda. Il risultato è quanto di più italianamente russo si può immaginare.

Segue un evento di vitale importanza per lo show:il bingo, dove partecipa lo sfortunato Gigi. Che povero Gigi, escono tutti i numeri che vanno da 60 a 69 e porello alla fine s'attacca. Ogni volta che Allegra Michele pesca un numero inquadrano le sue tette...cosa vorrà dire codesta inquadratura sospettosa?

A seguire, una visione:una Milva nata del 93. Una rossona capellona che tanto può dare:La Dora che per rispetto chiamerò L'adora che porta la sua Innamorata che porta con se il suo stuolo di bodyguard, tutte quante con un taglio di capelli che evoca l'antisesso.Però lei L'adora. E se La Dora l'adora noi che ce potemo fa? Ovviamente mandando la PUBBLICITA'

Anche tu vorresti un amante ma non hai mai il tempo per trovarlo? Non fartene una colpa! Prova il nuovo Detersivo Buono, rimuove le macchie anche nei luoghi più insidiosi e sporchi e può essere anche un ottimo l*b*i*i*a*t*. Detersivo buono:tanto tempo per amhore!

Benritornati a Ciao 2020. Ora ci godiamo la sesta canzone, ovvero La baldoria, dove Nicola Bascha duetta con il lirico Daniele Milocchi. Featuring intrigante, approvato dal comin-deb! A coronare il tutto anche i danzatori abusivi di zumba, che subito dopo verranno fucilati per mancato acquisto del biglietto. Subito dopo arriva a ruota libera Giorgio Criddi con la sua Ragazza copertina che a parte per le danzatrici di Striscia la notizia non dice granchè.

Che Dio ci benedica! L'unione italo-sovietica in questi 30 minuti ci ha dato un patrimonio da tenere negli annali per molto tempo. Come rendere questo patrimonio ancor più imponente? Con un'altra intervista di Giovanni, stavolta con le tre attrici della famosa sitcom Quattro putane (errore non casuale), tre perchè la quarta in questo momento è a lavorare. Comunque Giovanni, da buon galante qual'è, gli fa un paio di domandine innocue, come per esempio il loro tipo di pastasciutta preferito. Ma l'uomo colbacco, in preda agli effetti della speedball, prepara un trofeo di pasta da finire entro un tempo limite. Da buon gentleman qual'è, Giovanni invita le tre delle quattro putane ad aiutare il povero uomo colbacco a finire questo enorme agglomerato alimentare con solo una bottiglia di vodka alla ciliegia ciascuno.Dopo di ciò le tre putane se ne vanno, probabilmente in camera d'albergo dove Giovanni le sta attendendo in compagnia dell'amica mancante.

Dopo la comparsa della versione russa e platinata di Carella denominata Giovanni Dorni che porta la sua Cicchi in compagnia dell'aeronautica spaziale russa e l'arrivo della Ida Gallicci nazionale è il momento di stendere i panni: purtroppo da essi ne esce Julia Ziverti con le sue sorellastre cattive cantando Credo ed è subito festa. I tavoli volano, le luci si muovono in una danza ipnotica. Ed è subito godimento.

Ma in fondo l'Italia è, e cosa sarebbe l'Italia senza i cantautori? Perciò per accontentare il pubblico più anziano e Gianni Boncompagni ecco Giovanni a tu per tu col cantautore Enrico Carlacci, che ci propone una versione totalmente acustica e improvvisata di Canti e balli. Il pubblico ride. Non c'è più rispetto per le canzoni di una volta. Astenetevi però dal cambiare canale! E' arrivato il momento di rievocare un vecchio demone.

Piccolo Grandi (nome farlocco degno di Galileo Galilei) ci delizia in compagnia della copia alticcia di Marilin Manson e di Elettra Lamborghini con uno dei capolavori universali di questo millennio:MAMMAMARIA RIARRANGIATA IN CHIAVE TECHNO-RUSSA.Un'eiaculazione di bassi, balletti hanno reso un pezzo dei Ricchi e poveri un capolavoro. Non l'avrei mai detto. Eppure è successo. Russia, sei il mio nuovo idolo.

Ma poi, dall'alto dei nostri cuori, arriva lui:Pippo il secondo, in accappatoio dorato, inaugura il 2021 accendendo con una ciabatta un albero di Natale. Tra il pubblico c'è commozione, volano reggiseni, i maschi meno dignitosi urlano come delle checche. E come se fosse niente è subito cresima.

In un batter d'occhio siamo giunti alla fine. Giovanni ci saluta cantando con una signora fulva vestita di verde un'ultima canzone e come pagine di Chrome appaiono tutti gli ospiti che sono apparsi nella serata. In un colpo è un altro anno. In un istante, un anno muore

Ma purtroppo è arrivato il momento più doloroso: bisogna interrompere quest'unione. Sono stati 53 minuti di follia, danze, battute, gioia e di commozione, tra techno russa, anni 80, spaghetti, putane e porno con solo uomini. Ci siamo divertiti molto ma adesso bisogna dirsi addio: noi torneremo a lamentarci dei politici, mangiando pecorino e pasta con fare memefreghista, la Russia tornerà a fare le cose che fa di solito, ignara che per quasi un'ora il loro mondo si è disintegrato. Questo show deve essere un monito per tutti:un giorno l'Italia si unirà con la Russia, ma quel giorno non è oggi. Siamo capaci di molto insieme, ricordiamocelo. E andiamo in pace. Amen

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Tredici)

JonatanCoe
JonatanCoe
Opera:
Recensione:
Ommadonna, da dove inizio?? Beh, facciamo che per il momento te becchi er votaccio, anche solo per 'supercaliespansionistispaghettomaf ioso' che da solo è na figata. Poi m'o leggo bbene e te dico.


Martello: s'aspetti cose
Martello: tantissime cose. Nate dall'unione dell'Italia con la Russia.
JonatanCoe: E qui m'accenne er zuccotto!
JonatanCoe: Letto. Devo dire che manco il maestro Fellini è riuscito a metter su un barraccone-freakshow così strampalato. Se è tutto reale, corro a procurarmi un pacchetto che comprende tutte le tv dell'est.
Martello
Martello
Opera:
Recensione:
Modifica alla recensione: «cose». Vedi la vecchia versione Ciao 2020 - Channel One Russia - recensione Versione 1


Ditta
Ditta
Opera:
Recensione:
Ahahahahahahahaah
#caposlavoro assolutissimo, darei anche 6 stelle se potessi..


Martello: Bela idea
Matcele16
Matcele16
Opera:
Recensione:
Ribadisco che per quanto mi riguarda ci troviamo davanti a un idea geniale, considerando che hanno detto che è stato organizzato il tutto in tre settimane.


TataOgg
TataOgg
Opera:
Recensione:
Per capire di cosa stessi parlando, perdonami "(quoque) tu, fili mi", sono andata a leggerlo anche da altre parti.... 🙄
Al ché capii, e solo allora capii, fosti seriamente serio. Ma probabilmente é a causa di un mio handicap recentemente acquisito sull'informazione

Bello! Hanno fatto bene! Nella TV itagliana si é sempre visto ridicolizzare tutto l'est Europa, anche sul fatto che ascoltassero il nostro trash più improbabile (o quello che é diventato trash nel tempo) e ora finalmente ci rendono partecipi della visione che hanno loro di noi. Son cose GIUSTE.
Tra l'altro, a quanto pare, sbattendoci di fronte (ancora non so se o quanto volontariamente) l'evidenza dei fatti, ovvero quanto siamo antiquati proprio qua in itaglia, dato che il varietà itagliano, quello da prima serata "per tutta la famiglia", é sempre la solita merda fumante.
Forse me lo vedrò, mi sembra ne valga la pena.


TataOgg: In verità ne ho anche già guardato un pezzetto...
TataOgg: Fa tanto Ruggero dei Timidi, qualcuno dovrebbe timidamente presentarli per fare nascere un grande timido amore.
TataOgg: ❤️
ZiorPlus
ZiorPlus
Opera:
Recensione:
Ho visto il programma per curiosità anche se per farlo fino alla fine ho dovuto inserire uno di quei cosi che ti tengono aperti gli occhi a forza tipo Arancia Meccanica.
Una bella presa per il culo che l' Italietta post Berlusconiana probabilmente si merita.


TataOgg: Se é pure noioso e ti fa calare la palpebra é proprio in linea con quel tipo di TV itagliano che credo sia stato studiato proprio per mandare tutti a letto. Tipo una botta in testa.
sfascia carrozze
sfascia carrozze Divèrs
Opera:
Recensione:
Mi rivolgo à Lei chè mi è un DeRagazzo informato:
stamane ho letto una notizia che mi ha lasciato assai interdetto:
ma è vero che Dua Lipa non gestirà più in proprio i propri social(s) e che li darà in mano a terzi?
Sono un po' preoccupato, mi aiuti.


Martello: chi?
sfascia carrozze: Ah, ecco.
Allora non sono l'unico a non sapere chi sia.
123asterisco
123asterisco
Opera:
Recensione:
Quand'è che la smetti co' 'ste stronzate e prosegui il tuo long-life work di recensione degli utenti del Deb?


Martello: A nuovo avviso, quindi boh
JOHNDOE: non dargli retta è un consumatore abituale di NOIA!
IlConte
IlConte
Opera:
Recensione:
Io sono rimasto a Ciao2001 da ragazzino... gli ho anche scritto penso offendendo tutto e tutti già a 15 anni più o meno...
Non so nvlla ma deve essere tvtto notevolissimo, in primis le pollastre vicino al Conterussoitalico, savansadir


Martello: E poi ci sono che a 15 anni spacciavo i CD di De Andrè...ma ognvno ha la propria gioventù. Comvnqce il Conte rvsso italico ci serviva
Flame
Flame
Opera:
Recensione:
Martè, ma pecchè ... metti a frutto la tua pazzarielleria per parlar di robbabbbbuona, non ste vaccate bolsceviche
eppoi si fa in fretta a dire La Dora ... quale Dora? La Baltea o la Riparia? precisione, precisione santiDDDDIo


Martello: L'adora, santarello bolscevico maledetto. E comunque il mondo è pieno di vaccate e qualcuno le deve mettere sotto un riflettore paxerello
Flame: vadbbbuò!
... ma sei il cugggggino/fratello di Tataoggi?
Martello: legalmente il "figlioccio"
Flame: ah quindi sarebbe la tua matrigna cattiva, ho capito.
Martello: circa
Caspasian
Caspasian
Opera:
Recensione:
Ahahahah! M'è piaciuta, sembra quel trash che mi piace tanto nella sua inverosimile presenza. Quando c'ho un attimo me lo guardo.
Спасибо (spasiba).


JOHNDOE
JOHNDOE
Opera:
Recensione:
io ho sentito lunghi spezzoni alla radio di questa cosa russa mezzo geniale, molto divertrash


Eneathedevil
Eneathedevil Divèrs
Opera:
Recensione:
Davvero gustosa e ispirata questa tua ultima (il soggetto sicuramente fa la sua parte... pensavo fosse una bufala). Punteggiatura maltrattata a cui devolvo il mio uno per cinque.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Ciao 2020 è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link