Sto caricando...

Clint Eastwood
Gli Spietati

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


"E' una cosa grossa uccidere un uomo: gli levi tutto quello che ha.. E tutto quello che sperava di avere."

William Munny è un uomo cattivo. Un gran bastardo, figlio di puttana. Potrebbe uccidervi tutti: vecchi, donne, bambini. Ma l'ormai stagionato Munny ha spento la scintilla di violenza e sangue nel suo sguardo di ghiaccio, e seppellito da tempi lontani quel killer feroce, spietato. E' riuscito a rifarsi una vita all'ombra d'una misera fattoria, con i suoi due piccoli figli, maiali e galline a cui badare nonostante l'amata moglie morta di vaiolo. L'unica che sia riuscita a strapparlo da un passato di crudele e temuto assassino, e dal vizio del bere che sovente lo tramutava in ‘belva' durante rapine e fughe. L'unica persona in grado di redimerlo, dal percorso segnato di efferato bandito. Dopo anni, l'occasione di tornare alle antiche gesta si presenterà dinanzi a W. Munny sotto forma di mille dollari: la ricompensa (da spartire con altri due ‘soci') per vendicare una prostituta sfregiata e picchiata da cowboy vigliacchi. Quei soldi rappresentano molto per il futuro dei suoi bambini, e Munny (impolverato dal tempo e da una vita ‘normale') parte verso Big Whiskey, nel Wyoming, con il vecchio collega di colore Ned Logan (interpretato da Morgan Freeman) e il giovane pistolero, inesperto e miope, Schofield Kid. Nella piccola e tranquilla cittadina troveranno ad attenderli l'autoritario e sadico sceriffo Little Bill Daggett (uno strepitoso Gene Hackman, premiato con l'oscar), con i suoi sgherri. Sarà un bagno di sangue.

Il crepuscolo del ‘vero' e sporco West, dei molti (anti)eroi che l'hanno attraversato e del ritratto falsamente epico e moralista, denso di stereotipi e folklore, di un mondo in realtà infame e vile. Un mondo in agonia, stanco e cupo, quello in cui si trascinano l'ex bounty-killer Munny e gli altri ‘sopravvissuti': tutti con le sfumature del grigio, nulla è bianco o nero. Nessun personaggio è davvero ‘buono', e nessuno completamente negativo. L'epica western, il suo alone tramandato di storie e figure leggendarie, è una menzogna: anche nel selvaggio e ‘mitico' West la violenza era spesso insensata, e il romanticismo di ‘duelli al sole' o ‘sfide all'Ok Corral' andavano a farsi benedire nella codardia di figure meschine e riprovevoli. Nei colori scuri di una vivida fotografia, nei volti scolpiti nella pietra il regista Eastwood demistifica e cala definitivamente il sipario sull'epopea Western. Esemplari, a riguardo, la dura lezione al celebre pistolero ‘English' Bob (Richard Harris) da parte di Little Bill; e quella di cronaca ‘pura' dei fatti al mediocre scrittore ansioso di mitizzare qualsiasi squallido avvenimento. Forse Leone fu il primo a compiere una decisa inversione a u sulla classicità del racconto western, sicuramente ‘Il mucchio selvaggio' di Peckinpah fu tappa fondamentale nel processo di revisione antieroica e ultra-realistica del vecchio West. Clint Eastwood aspetta qualche decennio per interpretare, con il peso degli anni addosso, William Munny e dirigere ‘Gli spietati'.

Una riflessione amara e lucida, nel fango e polvere dell'America di saloon e sconfinate praterie al tramonto. Un film sulla violenza, e le sue tragiche conseguenze: non esistono innocenti in un mondo che non perdona, è la vita a farti sputare tutto il male che hai dentro. Si uccide per poco, qualche soldo, per vendicarsi, sopravvivere o togliersi per un solo istante il demone che hanno intorno. Supportato da un cast magnifico, Clint firma un moderno capolavoro del più classico dei generi cinematografici; memore sia dell'occhio ‘sovversivo' e mai compiacente dei suoi maestri Sergio Leone e Don Siegel, che del respiro immenso e totale negli spazi infiniti, nel valore dell'amicizia virile e solidale di John Ford e Hawks. ‘The unforgiven' (‘coloro che non hanno perdono', titolo originale) ebbe un grande successo, quando uscì nel 1992, e vinse premi come il Golden Globe, National Film Critics Award, Director's Guild e quattro statuette agli Oscar su nove candidature (tra cui miglior film e regia).

Indimenticabili i caratteri della grande sceneggiatura di David Webb Peoples: come Frances Fisher (all'epoca compagna di Eastwood), che interpreta la tenace tenutaria del bordello, Strawberry Alice. E lo sguardo dolce, immacolato a dispetto del fattaccio, di Faith (‘credere' ancora quando speranza e dignità sono calpestate dal più forte), la puttana vittima di rabbia e frustrazione incontrollata dei due uomini. Niente è gratuito, inutilmente agiografico nelle cicatrici del pestaggio a Munny, nel sangue che bagna il volto umiliato dalla legge impietosa, a Big Whiskey, di Bob l'Inglese e nel corpo massacrato dalle torture e botte di Daggett del povero Ned Logan, ed esibito in una bara come barbaro e macabro monito al ‘killer' in circolazione. Un universo di anime perse alla deriva, la fine del Vecchio Mondo dove l'onore non aveva regole precise, o non le aveva proprio. ‘Motion pictures' di Neil Young sarebbe il commiato ideale al tono crepuscolare di questa storia tragica (fu scritta per Carrie Snodgress, compagna del rocker canadese nei Settanta, e attrice nel ‘Pale rider' eastwoodiano).

‘Gli spietati' è l'ultimo, definitivo film Western. Quel luogo in cui di solito sparavano alle spalle. Quel luogo in cui il viso sfregiato di una ragazza poteva valere qualche cavallo. Un lurido posto, fare un torto grave a William Munny equivaleva a spedirti dritto all'Inferno. Bastava un pò di whiskey, e quella scintilla tornava a brillare nei suoi occhi ora impenetrabili. Nella sua mano salda sul fucile. Perché W. Munny è un uomo cattivo, e non riuscirà la pioggia pesante nella notte a lavarvi dei vostri peccati.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Trenta commenti su CinquantUno

lariana56
lariana56
Opera:
Recensione:
Muffi, secondo Poletti è "Via col vento" il più bel western di tutti i tempi.


lariana56
lariana56
Opera:
Recensione:
kosmogabri, mi piace anche "Un Uomo Chiamato Cavallo" ma trovo che la storia sia un po' tirata per i capelli. Il bianco catturato, da prima viene considerato "cane" alla fine diventa addirittura il capo tribù. (Se non ricordo male) Un bell'esempio di uomo in carriera.


kosmogabri
kosmogabri
Opera:
Recensione:
kosmogabri
kosmogabri
Opera:
Recensione:
prima cavallo da soma, poi sì, alla fine capo tribù. Di quel film mi piaque tanto la ricostruzione meticolosa della vita quotidiana dei Sioux, in quel senso mi prese di più di Balla coi Lupi (che, ribadisco, per altre ragioni mi fa morire...) dove anche sono rappresentati i Sioux...


bjorky
bjorky
Opera:
Recensione:
e bravo blacky... western "Leoniano" all'ennesima potenza. per me invece, il miglior film su un bianco/indiano è Il Piccolo Grande Uomo


Bubi
Bubi
Opera:
Recensione:
Brava bjorky, quello Lariana se l'è dimenticato. Ahh, Lariana...


Bonny91
Bonny91
Opera:
Recensione:
concordo con bjorky.grande film e grandissima interpretazione di dustin hoffman


gbrunoro
gbrunoro
Opera:
Recensione:
grandissimo film, ottima rece.


lupo
lupo
Opera:
Recensione:
Grande film, grande recensione


kosmogabri
kosmogabri
Opera:
Recensione:
dunque: le ragazze preferiscono gli indiani ai cowboy? :)


trellheim
trellheim
Opera:
Recensione:
Dipende dal cowboy :)


NickGhostDrake
NickGhostDrake
Opera:
Recensione:
World SBK Fan
World SBK Fan
Opera:
Recensione:
Il migliore di Eastwood insieme al Texano dagli Occhi di Ghiaccio(titolo completamente diverso dalla versione americana, anche perché nel film Eastwood non interpreta un texano, ma un abitante del Missouri...)

Grande film, bello davvero.


Hetzer
Hetzer
Opera:
Recensione:
Buona recensione, un po' troppo ridontante ed esasperata, un tono più dimesso sarebbe stato più coerente all'opra, a mio avviso.. Un grande capolavoro del western, e uno dei film più melanconici che abbia mai visto. Riesce a rendere l'idea di una violenza efferata eppure ordinaria..


Melissa
Melissa
Opera:
Recensione:
Personalmente preferisco un bel nero d'importazione. Di quelli soppravvissuti alle traversate oceaniche, che erano, molto ma molto dure. Ovviamente l'avrei liberato subito, poi... credo sarebbe rimasto.


Blackdog
Blackdog
Opera:
Recensione:
Piano con l'acido, Melissa..


supersoul
supersoul
Opera:
Recensione:
@melissa allora ti devi vedere Mandingo, film di Richard Fleischer del 1975 con l'ex pugile nero Ken Norton, poderoso stallone nelle piantagioni della Louisiana......


Melissa
Melissa
Opera:
Recensione:
supersoul, già visto. Ma Foreman e Clay erano ben altra cosa (Come pugili) o no? Però scherzavo, spero si possa anche scherzare un po'.


Adriano Bernard
Adriano Bernard
Opera:
Recensione:
Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera:
Recensione:
L'ho rivisto ieri sera, solo per potermi rigodere una scena: quella in cui Munny, dopo che è stato ucciso il secondo cowboy, guarda da lontano il paese mentre una delle prostitute si avvicina a cavallo con la ricompensa.. Dura pochi secondi, ma c'è tutto: il cielo carico di pioggia, Eastwood che per un attimo smette di essere un vecchio un po' rimbambito e pare semplicemente invicibile, colori incredibili, sembra quasi di sentire il vento freddo che soffia.. Di questo film adoro soprattutto il modo in cui mescola epos, dramma e tantissima ironia.. ghignosissima la scena in Morgan Freeman chiede a Eastwood se si fa "Tutto a mano"!:D!


Hellring
Hellring
Opera:
Recensione:
grande film ma dal mio punto di visto non il suo capolavoro


.togg.
.togg.
Opera:
Recensione:
Concordo in toto con l'ottima recensione.
Film stupendo.


teenagelobotomy
teenagelobotomy Divèrs
Opera:
Recensione:
L'unica cosa che posso dire, è che questo è un filmone della Madonna. Forse uno dei più grandi Western in assoluto.


RIBALDO
RIBALDO
Opera:
Recensione:
L'ho rivisto l'altra sera per la terza volta. Per me questo è il capolavoro di Eastwood regista. La recensione è un filo lunga ma davvero ottima. 5 stelle al film e a te.


darth agnan
darth agnan
Opera:
Recensione:
fantastico film e fantastica recensione, tutti d'accordo. giusto mi sembra molto poco credibile che nessuno abbia dato almeno una volta del "negro" a freeman, considerata l'epoca e il contesto.


mal
mal
Opera:
Recensione:
è praticamente l'unico film di Clint che non ho mai visto, ma provvederò. Buona la recensione


ui
ui
Opera:
Recensione:
adoro Clint, ma questo è il film più sopravvalutato di sempre.


RIBALDO
RIBALDO
Opera:
Recensione:
mah... per me è uno dei suoi migliori invece...


ui: ma no dai! Vabbè però non insisto perchè gli voglio bene
aleradio
aleradio
Opera:
Recensione:
il mio voto all'opera c'era già quindi ci sarà qualche altra recensione sul film, ma meglio abbondare, bella


Stanlio
Stanlio
Opera:
Recensione:
Ottimerrimo l'aver citato ‘Motion Pictures' di Neil Young.

Da ricordare che la colonna sonora è firmata oltre che dallo stesso Clint anche da suo figlio musicista/compositore Kyle (così sta scritto su wikipedia e niente...)


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Gli Spietati è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link