Negli anni 2000, i Coil hanno vissuto una trasformazione che li ha portati a superare i confini dell'underground, accedendo a una platea più vasta grazie a opere come "Musick to Play in the Dark". Questo percorso li ha visti evolvere da sonorità industriali a esplorazioni elettroniche più atmosferiche e mistiche. "The Remote Viewer" rappresenta un apice di questa evoluzione, un viaggio sonoro che invita l'ascoltatore a un'esperienza tanto introspettiva quanto cosmica. L'album si dispiega come un rituale ipnotico, con tracce che sembrano intessute di una quieta potenza, capaci di avvolgere e trascinare chi ascolta in un abisso di suoni fluttuanti. Ogni brano è una porta verso una dimensione alternativa, dove i ritmi lenti e le manipolazioni elettroniche si fondono in un tessuto sonoro che pulsa di vita propria. Non è semplicemente musica di sottofondo, ma una sorta di colonna sonora per un viaggio interiore, un'iniziazione a mondi paralleli. I Coil, in "The Remote Viewer", hanno affinato l'arte di creare ambienti sonori che fungono da specchi dell'anima. Le loro composizioni sono costellate di loop mistici che evocano un senso di eterno ritorno, una danza ciclica tra la realtà tangibile e l'ineffabile. Questa musica non si limita a essere ascoltata; richiede di essere vissuta, sentita nelle viscere, come un rituale che si compie ogni volta che ci si immerge in essa. L'esperienza di ascolto diventa quasi tattile, un viaggio che inizia all'interno del corpo e si espande verso l'infinito. Le improvvisazioni elettroniche dei Coil sembrano scaturire dall'anima stessa, attraversando e trascendendo i confini del fisico. Questa è musica che esplora l'essenza dell'essere, che sfida la percezione e offre nuove prospettive su cosa significhi esistere. Le tracce di "The Remote Viewer" non sono semplici brani, ma veri e propri paesaggi sonori. Ogni ascolto rivela nuovi dettagli, nuove sfumature, come se la musica fosse viva e in continua evoluzione. I Coil hanno creato un'opera che è al tempo stesso accogliente e aliena, un paradosso sonoro che affascina e disorienta. In questa opera, i Coil raggiungono il culmine delle loro esplorazioni rituali. "The Remote Viewer" è un ponte tra il sacro e il profano, tra l'interiore e l'esteriore, un percorso che ci invita a esplorare la nostra dualità e a riscoprire il potenziale della nostra essenza. Non siamo solo un corpo, ma attraverso questa musica, percepiamo la nostra esistenza in modo più profondo e autentico. In conclusione, "The Remote Viewer" dei Coil è molto più di un album; è un'esperienza trasformativa. Con le sue trame sonore intricate e le sue evocazioni mistiche, rappresenta un punto di riferimento nella musica elettronica contemporanea. È un'opera che continua a risuonare, offrendo nuovi significati e intuizioni a ogni ascolto, rendendola un capolavoro visionario.


Carico i commenti... con calma