Sto caricando...

Converge
You Fail Me

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Devastato e morente, prossimo alla sconfitta perfetta: You Fail Me segna inequivocabilmente il passaggio dei Converge nell'anno del Signore duemilaquarto, marchiato a fuoco da una stretta cerchia di band americane, equidistanti necessariamente dai circuiti mainstream che ne inquadrerebbero in maniera distorta la scena di provenienza. Stiamo parlando di Isis, Dillinger Escape Plan, Old Man Gloom, Mastodon, gli stessi Neurosis, ed alcuni altri eroi di un sottosuolo tutto fuorché stantio e rassegnato.
D'altronde in Italia siamo abituati a calarci appassionatamente nel trend solo quando questo è già esploso ed emana appena gli ultimi bagliori di un fuoco domato più dal tempo che dall'aggravarsi del profilo artistico degli attori in questione, per cui a maggior ragione in questo caso, sarà faticoso per i più avvicinarsi a musica difficile e sofferente, di impatto emotivo lacerante ma apparentemente volgare.
I Converge propongono un hardcore di perfetta fusione punk/metal, indice di una crescita interna al gruppo passata attraverso cambi di formazione, etichette, ed esperienze diverse che ne hanno valorizzato il taglio e la disposizione artistica, maturatasi intorno alle figure di Jacob Bannon e Kurt Ballou.

Confezionato in un digipak dove dominano i colori del sangue e del buio, You Fail Me si presenta come il dovuto seguito al successo underground di Jane Doe, proseguendo in un percorso di estrema sofferenza, urlata in faccia al primo interlocutore che capiti a tiro. I Converge sono supportati da un'ottima sezione ritmica, che guida le chitarre attraverso la furia punk e i cambi di tempo improvvisi, costretti entro l'accorata disperazione di qualcuno che viene abbandonato a se stesso, e non riesce a trattenere la paura della solitudine. Drop Out, Heartless, Eagles Become Vultures sono ennesimi segnali della carica agonistica di questa band schizofrenica.

E' pressoché futile passare in rassegna i singoli brani di questo disco, perché è il tutt'uno a lasciare il segno, i trentacinque minuti della sua durata a costringere l'ascoltatore a voler assolutamente venirne a capo, e assorbire facendole proprie, sensazioni tanto furiose e devastate.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Trenta commenti su TrentaQuattro

puntiniCAZpuntini
Opera:
Recensione:
Dei Dillinger invece, c'è poco da dire, secondo molti hanno fatto un passo indietro rispetto a Calculating Infinity, perchè è più vario e meno violento, secondo me invece è l'opposto, hanno maturato parecchio. Certo, il migliore loro rimane Irony Is A Dead Scene... ma vabèh, c'è al microfono Mr.Allan :)


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Jane Doe m piaque parecchio, speriamo che questo sia ancora meglio


3poundsoflove
3poundsoflove
Opera:
Recensione:
secondo me stefano astratto non sa manco chi sono i converge


kosmogabri
kosmogabri
Opera:
Recensione:
"The Shape Of All Punk..." dei Refused... eheheheh Caz :))


puntiniCAZpuntini
Opera:
Recensione:
...Can I Screm?... for a New Noise!


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Xkè non dovrei saperlo scusa? Ho appena detto ke ho Jane Doe!!


Moonchild
Moonchild
Opera:
Recensione:
BEEEEEEEEEEEEEEEEEEELLLLLLLLLLLLLLL OOOOOOOOOO!!!!


ZiOn
ZiOn
Opera:
Recensione:
Disco bellissimo, la title-track è stupendaaa


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Porca cagna svaginata questo si che è un disco metal del cazzo............ beccate stò 5


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Ragazzi,c'e' di che stare allegri con bands come queste,del resto si rischia di restare seriamente in imbarazzo leggendo stupidaggini come quelle di quel puntinicazpuntini di sopra...
Se sei un tuttologo perche' non ci fai sentire la tua di band e rispetti capolavori come Leviathan?Un po' di umilta' non guasterebbe di tanto in tanto.Scusate ma non ci reggo davanti a coglioni senza pudore come quello.
Ah,il 25 febbraio al rainbow si che suonano i mastodon,per la puntini cazpuntini band aspetta il prossimo turno.


Moonchild
Moonchild
Opera:
Recensione:
Scusa caz non avevo visto i tuoi commenti ...Stai fuori?:D gusti son gusti ma non usciva un disco come quello dei Mastodon da.....l'ultimo dei Mastodon!!! Cmq Kosmo vai sicura con loro...non per niente alcuni stavano nei Today is The Day, ovvero IL miglior gruppo Post-qualcosa mai apparso sulla terra


_Teskyo_
_Teskyo_
Opera:
Recensione:
é una mazzata, ma le mazzate alla lunga mi rompono i coglioni. Prese una a una tutte belle, prese tutte insieme girano le balle. Troppo ... aspè, copio incollo e faccio prima: "Oh, non è che è munnezza, e ben prodtto suonato e vario e cattivo e potente e parabà, però manca di varietà nei pezzi, pochi cambiamenti, secondo me con un produttore serio poteva uscire qualcosa come questo, che indubbiamente gli fa il culo a tarallo ai Mastodon :D " . Questo dei Coverge è molto meglio, questione di gusti, se uno vuole le mazzate a ripetizione dovrebbe gradire più i Mastodon. Aristide, non riesco a collegare il tuo commento al mio... quest'anno sono usciti tanti bei dischi di questo genere, magari nel 2003 avrei gradito di più i Mastodon, ma dopo questo, dopo Panopticon, dopo i Neurosis... sono arrivati anche i Mastodon e credevo meglio, soprattutto perchè in tanti gridano al miracolo. ti ripeto, prese una a una tutte belle, ma troppo simili fra una e l'altra per poter gradire l'intero cd./// Ho sentito il disco dei Remix Ambient di Oceanic degli Isis... altro gran disco, c'è pure Fennesz in mezzo.


Moonchild
Moonchild
Opera:
Recensione:
ehm "Remission", il vero loro capolavoro è arrivato ormai tre anni fa...


puntiniCAZpuntini
puntiniCAZpuntini
Opera:
Recensione:
Si, sò che ne hanno fatto uno prima, ma non l'ho mai sentito. Ma è sempre mazzate una in fila all'altra? a me, ti ripeto, è quello che non piace... dopo un po' tutta stà violenza mi rompe le balle. Forse stò invecchiando, booohh...


Moonchild
Moonchild
Opera:
Recensione:
bè anche la violenza va fatta con cognizione di causa, allora non stanca:D


puntiniCAZpuntini
puntiniCAZpuntini
Opera:
Recensione:
FRESCA DI OGGI - MASTODON - Il maltempo che imperversa un po' in tutta Europa ha reso impossibile ai Mastodon e all'attrezzatura necessaria per il loro show di giungere in tempo a Milano per lo show. Per cui, a malincuore, la band è costretta a cancellare lo show del 25 febbraio programmato al C-Side di Milano.
La band si scusa per il disagio provocato e quanto prima tornerà in Italia per recuperare lo show cancellato. Chi fosse già in possesso del biglietto può farselo rimborsare presso il punto vendita presso il quale lo ha acquistato. / Avevano venduto 14 biglietti in prevendita...


puntiniCAZpuntini
puntiniCAZpuntini
Opera:
Recensione:
Secondo me è Moon che porta sfiga...


Moonchild
Moonchild
Opera:
Recensione:
certo, venerdi' sono al concerto dei tuoi amichetti e siccome Brann mi vuole un sacco di bene m'ha spostato il concerto...trovamente uno come Brann dico io...poveri quelli con la prevendita...ma c'è ancora gente che precompra:(!?!?!?!


puntiniCAZpuntini
puntiniCAZpuntini
Opera:
Recensione:
Ma allora sei andato di lusso, Zeke + El Thule a Bassano... e poi magari ti becchi pure i Mastodon quando tornano. Comunque preparati che il mio amichetto (io conosco solo il bassista) pesta duro eh, non ti immaginare un Kyuss style, loro son sparati a mille. Io ti proporrei la tecnica gomiti alti, e ti porti a acsa gli incisivi di qualche spettatore. Possono sempre servire un paio di denti in più. Ah, quando suonano loro è obbligatorio alla fine di ogni canzone gridare W LA FIGA. Guarda che carina l'home page del loro sito ---> <-- Figurati che una testa di cazzo di non ricordo che sito gli voleva dare 4 su 5 come voto, ma gli ha messo tre perchè c'è troppa figa nell'artwork... nota bene, il recensore di un sito metal eh, mica il corriere dei piccoli. Cioè, il tizio preferisce spade castelli e dragoni al nodo centrale della vita. Come se lui fosse spuntato su questa terra grazie a un drago...


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
in ordine crescente di gradimento...
dillinger escape
converge
mastodon
isis
b urst
neurosis

anno meraviglioso!!!!!
Comunque la seconda traccia di u fail me e' la canzone del millennio..mi e' piaciuta troppo..mi sembra quasi di vedere bannon che si trasforma alla fine!!!

viva l'hard core!!!


Moonchild
Moonchild
Opera:
Recensione:
Ritorno di fiamma, Kurt Ballou fa perepepè


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Minchia sto cd mi mette una curiosità bestiale. Lo ascolterò. Prima o poi lo ascolterò.


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Comunque i Dillinger Escape Plan mi fan cagare a manetta. Non so perchè non riesco ad apprezzarli, ma hanno un modo di suonare che mi straccia il cazzo all'inverosimile.


MORPHEO 33
MORPHEO 33
Opera:
Recensione:
bah...gusti...ma cmq...questo cd è bellissimo...ce l'ho da quasi 2 anni e ancora qualche volta mi viene di ascoltarlo ...stupendo ...a breve escono gli ultimi lavori dei converge(il 23 di ottobre e si intitolerà no heroes) e l'ultimo degli isis (il 31 dello stesso mese e si intitolerà in the absence of truth)...
cmq...per quanto riguarda i mastodon...nemmeno io in leviathan ci avevo visto sto popò di cose,molto meglio il primo,e si...ma l'ultimo...madòòòòòò...l'ultimo blood mountain....madòòò...amore cieco!!!bellissimo...è moooolto + bello di leviathan,mooolto meno hardcore però,+ prog e più schizzato...dategli un'ascolto chi non l'ha già fatto...è pazzesco!!!CAZ dico anche a te...fidati...
byebye...vediamo,se mi viene faccio la rece di blood mountain...


Tepes
Tepes
Opera:
Recensione:
io ci sento molto i machine head in questo disco


seagullinthesky
seagullinthesky
Opera:
Recensione:
Quando il tuo disco preferito di sempre s'intitola "Mi deludi" c'è poco da commentare. Ringrazio i Converge che hanno fatto un disco che vale un'intera vita.


Don_Pollo
Don_Pollo Divèrs
Opera:
Recensione:
Keep breathing, keep living, keep searching, keep pushing on, keep bleeding, keep healing, keep fading, keep shining on. This is for the hearts still beating.


TheNoiseIBreath
TheNoiseIBreath
Opera:
Recensione:
Il disco che mi ha fatto diventare una persona meglio.


proggen_ait94
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
Quasi mi sfuggiva


gigantic
gigantic
Opera:
Recensione:

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di You Fail Me è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link