Sto caricando...

Crosby, Stills, Nash & Young
Ohio / Find The Cost Of Freedom

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Quanti modi ci sono di reagire al dolore?
Come reagireste se all'improvviso veniste privati di qualcosa o qualcuno a voi molto caro?

Il 4 maggio 1970, alla Kent State University dell'Ohio quattro giovani studenti furono privati della loro vita. Tutti gli altri del bene più prezioso, la libertà. Perché nello stesso istante in cui qualcuno ne viene privato, tutti ne vengono privati. La libertà è una sola, ed è di tutti.
Quattro ragazzi fuorno uccisi dalla Guardia Nazionale durante una delle numerose manifestazioni di protesta contro la guerra del Vietnam, ennesimo fronte di battaglia della terza guerra mondiale, dove governi fantoccio, burattini in balia delle due superpotenze, coordinano la carneficina in quella che agli occhi del mondo doveva sembrare soltanto una guerra civile.
Quattro ragazzi furono uccisi durante una manifestazione in cui a sfilare sono coloro i quali non hanno imparato a mettere a tacere la propria coscienza di fronte ad un massacro senza fine, di fronte ad immagini che bruciano - se possibile - più del napalm sulla carne viva; immagini che scuotono le coscienze di una generazione troppo intenta a cantare che i tempi stavano cambiando per accorgersi che i tempi erano cambiati davvero.

A scuotere le coscienze di Crosby, Stills, Nash e Young fu il reportage fotografico del Life magazine su quello che fin da subito fu ribattezzatto come il Kent State massacre. Immagini indelebili come il giovane Alan Canfora che sfida solitario la Guardia Nazionale in assetto da guerra (e che riporta alla mente il rivoltoso sconosciuto di Piazza Tian'anmen), e strazianti come l'urlo disperato di Mary Ann Vecchio inginocchiata di fronte al cadavere di Jeffrey Miller, che valse a John Filo il premio Pulitzer.

Nash è esterrefatto. Non si può essere uomini ed ignorare quanto è appena accaduto. Young è indignato. Scrive "Ohio" di getto, in pochi minuti. La sera stessa i quattro si trovano nei Record Plant Studios di Los Angeles, e la registrano in presa diretta in un paio di take. Crosby non si dà pace. Dopo la registrazione scoppia in un pianto sconsolato. L'atmosfera è intensa. Il singolo deve essere pubblicato immediatamente, ma manca ancora il lato B. Stills è disilluso. Sta per partorire una delle più grandi canzoni contro la guerra di sempre. Nello studio vengono disposte quattro sedie, quattro microfoni, quattro chitarre. In meno di un'ora viene data alla luce "Find The Cost Of Freedom".

"Ohio" è un brano claustrofobico e martellante, sorretto da un riff sincopato a cadenza militare, dove le chitarre graffiano quasi quanto le parole stesse. "Find The Cost Of Freedom" è un gioiello acustico etereo ed impalpabile nel quale le chitarre si rincorrono prima di lasciare spazio ad intrecci vocali di rara bellezza.
"Ohio" è un brano rabbioso, pervaso da un forte sentimento di dolore, intriso del sangue appena versato, che punta minacciosamente il dito contro l'amministrazione Nixon e i suoi soldatini di piombo. In "Find The Cost Of Freedom" il cielo plumbeo ritratto da Neil Young si stempera: Stills riesce a sublimare il dolore, trascendendo l'evento particolare, rendendolo per sempre attuale, immortale.
"Ohio" altro non è che la trasposizione in musica dell'urlo disperato di Mary Ann Vecchio, di tutta la sua frustruzione, e del senso di impotenza e ingiustizia che pervade quello scatto. "Find The Cost Of Freedom" è invece la trasposizione in musica della bandiera di Alan Canfora come unica arma da contrapporre ad un plotone d'esecuzione pronto a far fuoco, e che di lì a poco finirà inevitabilmente e ineluttabilmente per colpirlo.

Quanti modi ci sono di reagire al dolore?
Per me solo due: "Ohio" e "Find The Cost Of Freedom", due facce della stessa medaglia, due lati dello stesso singolo.


Il singolo verrà pubblicato ad appena dieci giorni di distanza da quel fatale 4 maggio. Sulla copertina listata a lutto compariranno soltanto i testi delle due canzoni, a firma Young e Stills. L'esplicito riferimento a Richard Nixon e alla sua amministrazione comporterà il boicottaggio dalla maggior parte delle stazioni AM. Il circuito radiofonico FM invece non farà altro che trasmetterlo in loop. La magia di Crosby, Stills, Nash & Young si ripeterà per l'ultima volta in "Four Way Street", prima che le quattro strade si separino - questa volta sì - per sempre.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Trenta commenti su SessantUno

c'è
c'è
Opera:
Recensione:
caro pi-airot, questa recensione non è stata postata in questo periodo per caso. diciamo che è un sasso nello stagno ;D


currahee72
currahee72
Opera:
Recensione:
Complimenti per questa stupenda rece.Qui si parla di musica vera.


Kurtd
Kurtd
Opera:
Recensione:
Bellissima recensione...ps: ma poi sei uscito con la cugina di quello del 94?


azzo
azzo
Opera:
Recensione:
Rece politica. Bellissima. Ogni commento è ultroneo, anche se quel "uno dei singoli più significativi della storia del rock" di Don, col quale, ovviamente, sono d'accordo, mi stuzzica assai. Evito. Vado a mettere su 4 way street.


iside
iside Divèrs
Opera:
Recensione:
ma scusate Obama che crema abbronzante usa?


Festwca
Festwca Divèrs
Opera:
Recensione:
Link aggiustato. Ohio, eh beh. La recensione, eh beh. Devo però miseramente confessare che Crosby, Stills & Nash mai li sopportai più di tanto. Verrò fustigato?


c'è
c'è
Opera:
Recensione:
fustigato no, verrai fatto abbronzare fino a diventare come Obama. In effetti CSN&Y rappresentano un periodo abbastanza circonciso (mi si passi il termine), e riproposti oggi suonerebbero piuttosto obsoleti. A livello compositivo però hanno rappresentato uno dei picchi di quel periodo, non a caso nacquero come risposta americana dei Beatles


blechtrommel
blechtrommel
Opera:
Recensione:
Fra le consigliate


47
47
Opera:
Recensione:
un po' retorica si, ma anche un bel po' bella


gerontas07
gerontas07
Opera:
Recensione:
M'inchino. Avendo vissuto, ovviamente dall'Italia, quegli anni, sottoscrivo in pieno quanto segnalato da Pi-Airot. Ragazzi, non fatevi fregare. "We won't get fooled again"...


Oo° Terry °oO
Oo° Terry °oO
Opera:
Recensione:
In ritardo, spiace. Niente da dire, complimentoni a C'è, bellissimo scritto.


katharsys
katharsys
Opera:
Recensione:
Non pensave che c'è si sarebbe mai smentito. E invece l'ha fatto nel migliore dei modi. Assolutamente. Adoro Neil Young, conosco meno i lavori con la band o i compagni... questo mi manca. Me lo procuro. P.S.: lascio da parte i miei commenti su Obama o sulla guerra in Vietnam. C'è, ancora bravo!


Opel
Opel
Opera:
Recensione:
"Deja Vu" e "Four Way Street" splendidi, questo è tanto che lo voglio ascoltare.


Kyrielison
Kyrielison
Opera:
Recensione:
Cinque abbondante.


Lewis Tollani
Lewis Tollani Divèrs
Opera:
Recensione:
Lewis Tollani
Lewis Tollani Divèrs
Opera:
Recensione:
Finalmente è arrivato dagli USA... non vedo l'ora di ascoltarlo con quel magico fruscio...


Joe Polpetta
Joe Polpetta
Opera:
Recensione:
recensione di merda, disco idem con patatine fritte e contorno di maionese


c'è
c'è
Opera:
Recensione:
vedi commento numero 19.


bluespower
bluespower
Opera:
Recensione:
recensione ridicola, musicalmente non dice nulla...si capisce solo che la specialità della casa di c'è è tirare in ballo i morti.


speedsound
speedsound
Opera:
Recensione:
4 dead in Ohio.....


Rock Antologya
Rock Antologya
Opera:
Recensione:
Crosty, Still, Tango&Cash, furono unguppo country-folk-blus-rock, all'avanguardia ne finger-piking. il contributo di Nill Yang fu senzasionale, ma di certo casuale e non banale, nel suo controllo posticipato del rock acustico di drrivazione neo zelandese, ai confini col canada e la germania post-muro. Piazza Tienammen, fu però come simbolo di lotta pacifista ancora più notevole e lodevole, con lo sconosciuto ragazzo disarmato da solo contro i carrammati giganti, un vero grande pacifista. Questi atteggiamenti delle gramdi band dimistrarono la influenza degli evnti storici nella musica delle composiazioni contemporanee e lodevoli spunti di riflessione, non solo della luce, ma anche delle ombre, oltre al fenomeno di rifrazione e riscaldamento autoindotto per convezione. Il recessore dal piccolo nome, ma dalla glande abilità sintattica si colloca ai vertici delle classifiche di recessori europri, in contrasto con queli della rivista Rollenston, che è pur sempre importante, ma non di certo l'unica ad assaporare il buon gusto dei gamberetti arrostiti in salsa di vongole con crema di asparagi.


katharsys
katharsys
Opera:
Recensione:
Bluespower, Polpetta, quanto siete ignoranti da 1 a 10?


il giustiziere
il giustiziere
Opera:
Recensione:
e tu quanto sei ingenuo da 1 a 100?


sadeyedpocahontas
sadeyedpocahontas
Opera:
Recensione:
brusko
brusko
Opera:
Recensione:
recensione copiata da Rockgay.org. Ecco il link link rotto


c'è
c'è
Opera:
Recensione:
l'invidia è una brutta bestia, e rimanda ai commenti 19 e 28. Ambo secco sulla ruota di DeBaser


Den Vlaams
Den Vlaams
Opera:
Recensione:
Den Vlaams
Den Vlaams
Opera:
Recensione:
Però musicalmente "Find the Cost of Freedom" non vale granché...


hellraiser
hellraiser
Opera:
Recensione:
"Find The Coast of Freedom" fu composta da Stills per la colonna sonora di "Easy Rider", ma Dennis Hopper la rifiutò... Grandi canzoni che han fatto storia e ottima rece.


Stanlio
Stanlio
Opera:
Recensione:
U$Antidemocratica prima, adesso & speriamo non in futuro...


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Ohio / Find The Cost Of Freedom è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link