Sto caricando...

Cult Of Luna
Salvation

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Il 2004 verrà ricordato, quando critica e fruitori di critica musicale se ne accorgeranno, come l'anno in cui il Post Hardcore - definizione candidamente non esaustiva - raggiunse su più fronti livelli artistici eccellenti, grazie alla coincidente uscita sul mercato discografico di alcuni dei dischi più attesi della scena in questione, sintesi non definitiva di percorsi differenti e intrapresi partendo da posizioni artistiche nonché geografiche estremamente diverse.

Dalla Svezia provengono infatti i Cult Of Luna, ormai giunti al terzo episodio della loro saga, autori di "Salvation", uno dei lavori relativamente più discussi e certamente meritevole di attenzioni, soprattutto da parte di chi negli ultimi mesi ha apprezzato i nuovi album di Isis, Mastodon, Neurosis.
"Salvation" è un album che non rinuncia allo stile heavy della band, andando però più a fondo, nella ricerca di un sound a tratti psichedelico, privo dell'uso dei samples e dei muri di suono del precedente "The Beyond", ma capace di creare atmosfere introspettive direttamente riconducibili alle costruzioni devianti della band di Steve Von Till, senza dimenticare la lezione dei seminali Swans.
Nel gioco di alternanze fra pieni e vuoti, ambienti dilatati seguono devastanti scariche telluriche guidate dalle invettive di Klas Rydberg, come in Leave Me Here, brano portante di un album compatto ed inquietante a cui il 4/5 da me assegnatogli va stretto e anzi grida vendetta. Percussioni tribali, frammenti elettroacustici, distorsioni potentissime ed improvvise consecutive a frequenze basse e stranianti sono il condimento delle otto canzoni di questo album.
L'effetto di stordimento, dovuto probabilmente al contrasto fra la strumentazione tipicamente metal e le scene quasi al rallenty di un pezzo come Crossing Over, oltre a ricondurci ai nomi menzionati in precedenza, stimolano la riflessione su un genere ormai definibile come "Ambient Metal".

Non è essenziale il raffronto con i precedenti capitoli del gruppo: i Cult of Luna reggono il passo degli altri grandi artisti che, ancora una volta nel 2004, hanno date alle stampe opere imprescindibili e illuminanti per il futuro di un genere che forse ha ancora molto da esplorare attorno a sé, e che, sebbene in relativamente pochi se ne siano accorti, è vivo oggi, ed è oggi che va vissuto.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Dodici)

ZiOn
ZiOn
Opera:
Recensione:
"The Beyond" è bellissimo, e l'ho anche recensito, ascolterò anche questo! Bella recensione!


Moonchild
Moonchild
Opera:
Recensione:
La seconda rece che preparo e mi trovo pubblicata...:) 3pouds non me ne volere ma stavolta la pubblico lo stesso!!!


ZiOn
ZiOn
Opera:
Recensione:
Cazzo ma sti diski non se li fila nessuno eh? :/ Comunque l'ho ascoltato, grande disco, molto più psichedelico di "The Beyond", più raffinato ma mi piace comunque :)


ZiOn
ZiOn
Opera:
Recensione:
Anzi se vogliamo essere pignoli: "The Beyond" 4,5, "Salvation" 4 :)))


open mind
open mind
Opera:
Recensione:
grazie per avermi fatto scoprire un gruppo favoloso.......


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
the beyond è inarrivabile..ma anche quest'ultimo cd è fenomenale,anche se non come i due dischi precedenti!ad ogni modo grandi cult of luna e grazie x la volontà che avete nel regalarmi ogni volta emozioni così forti da farmi quasi piangere!!!!!!!!!


Styx
Styx
Opera:
Recensione:
Io lo definisco post "post-metal". A me è piaciuto anche "The Fire In Our Throats Will Beckon The Thaw" dei Pelican. Chissaà se qualcuno l'ha già recensito?


Hybris
Hybris
Opera:
Recensione:
Nello stesso anno mi sono usciti Panopticon e questo discone qua. Cazzo. La recensione è bella, anche se è un po' troppo poco presa dal punto di vista emotivo, per quelli che sono i miei gusti. Ma poi, de cazzibus. Il disco lo sto finendo di ascoltare ora per la prima volta, mi ha regalato sensazioni spaventose.


Triumph
Triumph
Opera:
Recensione:
Gli svedesi Cult of Luna. "Salvation" è un album catalogabile sotto l'etichetta post hardcore che si presenta dilatato,riflessivo ma allo stesso tempo essenziale e diretto. In certi passaggi vengono raggiunti climax di catarsi "rumorista" veramente notevoli che lo rendono davvero un ottimo disco di una piccola grande band. Non è annoverabile tra i capolavori del genere, che sono pochi, ma rientra di diritto tra i migliori esempi di come le sperimentazioni post-rock possano sposarsi con sonorità più estreme. Emozionante.


Appestato mantrico
Appestato mantrico
Opera:
Recensione:
Lo sto ascoltando molto ultimamente, il pezzo d'apertura è una favola.


Sprinkler
Sprinkler
Opera:
Recensione:
Il migliore, molto probabilmente.


seagullinthesky
seagullinthesky
Opera:
Recensione:
Ma questi qui che fine hanno fatto??? Li rivoglio in tour porca boia, maledetto quel giorno della primavera 2008 quando ho fatto testa e croce con loro e gli Shai Hulud!!!


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Salvation è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link