Sto caricando...

Dan Deacon
Mysitc Familiar

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


On air with: Dan Deacon, un simpatico omone pieno di agitazioni esistenziali. La sua arte musicale è trasformista e convulsiva. Egli (Dan) si pone domande grevi sul perché siamo esseri diversamente intelligenti oppure calca quella ch’è la sua ossessione: la morte, la fragilità della vita, la nullità dell’esistenza. Ogni tanto contrappone quest’ottimismo all’intensità del momento vissuto, quasi a voler prendere coscienza del fatto che prendiamo raramente coscienza di ciò che ci accade attorno.

Prendo Sat By a Tree ad esempio, primo singolo estratto da questa sua nuova fatica. Troviamo l’ingrediente principale: l’esistenza priva di significato e la fugacità del vivere ma anche una certa osservazione partecipante dell’attimo cosciente come anticamera della riflessione profonda. Riformulo meglio così capisco. Praticamente Dan siede accanto ad un albero, l’universo attorno a lui si espande e lui non può fare a meno di pensare a quanto la vita sia breve.

Fresco mai banale è impregnato con un senso d’urgenza di abbracciare il circostante invece il secondo singolo: Become a Mountain. Pezzo esclusivamente tastieristico, con arpeggi che creano atmosfere eteree e nebulizzate. Significativo contrasto tra il piano nevrotico e il cantato sommesso e calmo.

L’album è variegato, il musicista di Baltimora è uno spirito libero, mischia psichedelia a classica minimalista, non dà riferimenti e neppure io li darò, che di elettronica non capisco una mazza.

Come in un’esplorazione sonnambula di una realtà priva di senso, i giorni passano pigri nelle similitudini e Dan s’è fracassato: cerca negli elementi naturali e in un certo romanticismo la salvezza. La composizione migliore per il sottoscritto è Weeping Birch, l’intreccio scheletrico dei synth rimanda a qualcosa di più alto, inafferrabile per il comune mortale. Il crescendo finale è polvere cosmica che entra a contatto con l’atmosfera.

Lunga vita a chi fatica a vivere.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sette)

proggen_ait94
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
Bella, grazie. Lui mi aveva colpito 8 anni fa con America ma poi Gliss Riffer m'aveva fatto così cagare che l'avevo abbandonato. Ora sono di nuovo curioso


masturbatio: Oddio a me Gliss Riffer non dispiacque, ma tu prova ci sono pezzi più che validi
ALFAMA
ALFAMA
Opera:
Recensione:
A ME ANCHE AMERICA NON ERA PIACCIUTO.


lector
lector
Opera:
Recensione:
Giusto celebrare Deacon, e tu lo fai molto bene.


Almotasim
Almotasim
Opera:
Recensione:
Caspasian
Caspasian
Opera:
Recensione:
Diciamolo a Dan che l' anima è immortale...


JonatanCoe
JonatanCoe
Opera:
Recensione:
Ho dato un ascolto, veramente interessanti.


CosmicJocker
CosmicJocker
Opera:
Recensione:
I pomeriggi seduto sotto un albero sono stati tra le mie maggiori fonti di luccicanze.. Tu bravo come sempre..


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Mysitc Familiar è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link