Sto caricando...

Danava
UnonoU

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Mi capita ormai sempre più spesso di essere fermato per strada, al supermercato o mentre il cane mi porta a fare i bisognini, da gente che mi pone più o meno le stessa domanda:

"Perché, Bartleboom, all'alba del terzo millennio, ti ostini ad ascoltare muffa-rock?"

Finora mi sono limitato a trincerarmi dietro un ostinato "No comment", oppure a mimetizzarmi tra i culatelli del reparto salumi, ma oggi ho deciso di infrangere il bozzolo di silenzio in cui mi sono autorelegato e dire cosa penso.

Io penso che certe cose, in musica come nella vita, sono come le tette.
O le vongole nella pasta con le vongole.O i soldi. O lo spazio in casa. O i GB liberi nell'hard disk. O la carta igienica. O il vino. O la benzina nell' auto. O i parcheggi, gli pseudoparcheggi o le aiuole parcheggiabili in centro. O i colleghi che ti diano cambi turno. O le osterie. O le sagre paesane.**
Insomma: non ce n'è mai abbastanza

Puoi anche conoscere a memoria Led Zeppelin I, II, III, IIII; IIII, IIIII e IIIIII.
Puoi anche aver chiesto al tuo amico chitarrista di insegnarti come si suona "Smoke On The Water" e tutte le volte che lo vai a trovare ti metti lì con la faccia da tonto a fare "Da! Da! Daaaa! ...Da! Da! sdleeeng! - cazzo ho sbagliato!" mentre lui ti parla dei suoi problemi.
Puoi anche avere lo zio fricchettone che ha visto dal vivo Hendrix senza avere assunto allucinogeni.

Poi, però, dalla piovosa Portland, stato dell'Oregon,  arrivano sti quattro pulciosi con certi baffi, ma certi baffi, che ti viene voglia di buttare per sempre le lamette.

Li guardi, e nella testa ti si forma tutto un nugolare di pensieri e parole, opere e omissioni: "Sudore, whiskey, petto nudoGilda Texter che va in moto nuda in "Vanishing Point", sigari puzzolenti, scritte oscene sui muri del bagno, tramonti, peli pubici femminili rasati a forma di stella marina, risse da bar, stanze di motel, donne di facili costumi a tariffe popolari".

Ascolti questo quasi palindromico "UnonoU" ('08), che dei Danava è il secondo full length, e ci puoi quasi giocare a "Indovina Chi?".
Ci sono distorsioni telluriche à là Blue Cheer ("A high or a low"), ma anche tastieroni a dir la verità un po' invadenti e cafoni ("Where beauty and terror dance") e qualche trombetta che un po' fa storcere il naso e un po' no. Ci trovi brandelli di dell'hard rock tirato e un po' oscuro della Flower Travellin Band e qualche reminiscenza dell'heavy medal primordiale, quello anni '80, che a volte assomiglia tanto ad un miscuglione ben riuscito di hard rock, punk e distorsioni pesade ("The emerald sword of sleep"). Qualche effettuccio space (nemmeno troppi a dir la verità) e il 4/4 in battere, fotonico e stordente, degli Hawkwind ("Spinning Temple Shifting") E, ancora, i giri di Iommi, qualche linea vocale presa in prestito dall'Ozzy d'annata e un plagio-omaggio clamoroso ad "Achilles Last Stand" ("One mind goes separate ways").

Insomma: un vero e proprio manifesto del muffa rock più voncio e polveroso.
Il manuale del perfetto rockettaro reazionario.
La guida pratica alla calligrafia della musica rocciosa anni '70.

Assolutamente non indispensabile.
Ma quante volte ti sarebbe piaciuto avere ancora una vongola nel piatto? O spazio in casa? O GB liberi nell'hard disk. O carta igienica? O vino? O benzina nell' auto? O parcheggi, pseudoparcheggi o aiuole parcheggiabili in centro? O colleghi che ti diano cambi turno? O osterie? O sagre paesane?

 

** Un sentito ringraziamento a Jurix e Alfredo.

 

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Trenta commenti su SessantaQuattro

MorgueOfAbsinth
MorgueOfAbsinth
Opera:
Recensione:
Minchia, sei un genio. Loro, mai sentiti. Ma andrò, mi lascerò riempire di muffa. Complimenti, ziocan


Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera:
Recensione:
Chiedo sinceramente scusa a tutti se non passo a ringraziare come dovrei. Purtroppo domenica stavo facendo una ricerca sull'impatto ambientale della passera proveniente dall'est europa e il mio pc s'è preso 50 mila virus. Roba che c'è mancato poco che mi ammalassi anch'io. Insomma: non mi arrivano la mail di notifica. E voi mi direte: ma come fai a scrivere, allora?! beh, ho il pc di un mio amico, ma non mi ricordo più la password per la casella di posta con cui sono iscritto a debasio. E voi mi direte: ma allora sei un coglione. Beh, si, ma non fatelo sapere ai miei genitori che hanno speso un sacco di soldi per farmi studiare.


santalessio
santalessio Divèrs
Opera:
Recensione:
già, spero di impattarvi presto io pure, ambientalmente parlando..


LuKaPiz
LuKaPiz
Opera:
Recensione:
Questi tipi li hai beccati su Stonerobixxx, dì la verità... ;))) Io almeno li ho presi da lì giusto una settimana fa, e li ho trovati interessanti ma nulla per cui strapparsi i capelli (o i baffi). Credo di avertelo già suggerito: se nn li conosci, prova i Graveyard ADESSO!!!! 5 perchè citi pure uno dei miei film preferiti in assoluto...


Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera:
Recensione:
Ennò!! Eh eh eh! Lo sapevo che prima o poi qualcuno avrebbe notato la loro presenza su Stonerobixx! :) In realtà questi li ho beccati per sbaglio/culo qualche mesetto fa su youtube (li avevo pure messi un paio di volte sulla playlist del Debasio più o meno a luglio, ma potrei sbagliarmi...) Anzi, avevo in mente di segnalarli al buon Robixxx per caricarli sul suo blog, ma poi ho avuto qualche "impedimento". Però deve ammettere che la coincidenza è stata piuttosto curiosa! Per i Graveyard: caro, tu mi sottovaluti! Non solo li conosco, ma li ho anche recensiti su queste pagine più o meno un paio di anni fa, insieme agli altri due vertici della sacra triade di Orebro: Dead man e Witchcraft. Piuttosto, per tornare al discorso di qualche giorno fa: Ritual Abuse dei Cough mi sta piacendo (Electric Wizard a manetta, ma con delle aperure melodiche che non mi dispiacciono), e se ti piacciono gli Earthless, ti consiglio la loro versione portoghese: i Black Bombaim! ;)


nes
nes
Opera:
Recensione:
lukapiz: i graveyard per alcuni su deb sono imprescindibili... credo bartle rientri tra questi alcuni dato che li ha recensiti lui su deb. sparandogli 4 (meritatissime se non addirittura poche ) palle


Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera:
Recensione:
Si, vabbeh, imprescindibili...


LuKaPiz
LuKaPiz
Opera:
Recensione:
OK; strano nn mi fossi mai accorto della loro presenza su questi lidi... sarà perchè li ho scoperti da relativamente poco... @BARTLE: ADORO gli Earthless e dei Cough ho il primo (Luciferus qualcosa) che è piuttosto figo ma derivativo a mille (certo, se sei derivativo dei Wizard per quanto mi riguarda un ascolto lo meriti lo stesso)... l'ultimo è differente? E' quello con la cover rossiccia con tipa e falce di luna, no? Indovina dove l'ho visto giorni fa? ;)))) OK, ci riprovo: Humo del Cairo (amici dei Los Natas), Whitebuzz e Viaje A 800. I primi due li trovo MOLTO in stile OM/Yob e sono davvero belli. Ah, BLACK MASSES ha finalmente bussato alla mia porta, alla fine era venuto fuori che la Riseabove si era persa la mia spedizione e me l'hanno rimandato al volo!!! A breve la rece!!!!!


nes
nes
Opera:
Recensione:
che ne so per me sono un buon gruppo, tra i vari commenti letti in girop mi sembrava ci fosse chi ci spruzzasse sopra... alla fine resta sempre muffa rock, buona , ma è sempre muffa rock... Poi un giorno qualcuno mi spiegherà che è invece la lagna rock.


nes
nes
Opera:
Recensione:
lukapiz non fermarti a stonerobixxx vai pure da mercenario, angrychairs, doomed to be stoned in a sludge swamp ( che solo per il nome che si ritrova si merita una visita) e poi non puoi prescindere da soulseek. o meglio puoi evitare tutti i consigli che ti ho dato, però se li segui trovi e ascolti più roba. Beh c'è da dire che a volte ascolterai un sacco di roba inutile...


Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera:
Recensione:
Degli Humo del Cairo avevo un disco salvato in un vecchio hard disc. Però confesso di non averne alcun ricordo! Whitebuzz e Viaje A 800, invece, mai sentiti: magari ci butto un padiglione. Tieni conto, però, che di stoner non ascolto più moltissimissimo: diciamo che mi tengo buoni quei 5-6 gruppi che conosco bene e non ne cerco altri. Ad esempio, di quest'anno ho apprezzato il disco dei Samsara Blues Experiment: pensavo mi sarebbe durato un cazzo e invece mi capita ancora di ascoltarlo (soprattutto per il buon lavoro in fase assolistica). Poi però ho provato i Sungrazer (che dovrebbero venire in Italia a febbraio insieme a Colour Haze e Rotor - il loro "4" è altro bel disco) e non mi hanno detto veramente nulla. Sempre di quest'anno sto apprezzando il blues grassuttello tirato per le lunghe fino ai confini dello stordimento degli Endless Boogie e lo psych-ironmaiden sound del nuovo Titan.


LuKaPiz
LuKaPiz
Opera:
Recensione:
Più che altro, c'è da dire che finisco sempre per procurarmi più roba di quanta ne possa fisicamente ascoltare... ho sempre FISSO almeno 3-4 album al giorno in download e sto iniziando a scremare solo ora roba che ho dal dopo-estate... poi è un casino, perchè certa roba che aspettavi da tempo arriva, ottiene la precedenza sugli altri e monopolizza lo stereo fermando il ciclo ;)


nes
nes
Opera:
Recensione:
lukapiz scusa forse l'hai già detto, ma a ufomammut come sei messo?


LuKaPiz
LuKaPiz
Opera:
Recensione:
Degli Ufo ho tutto, ma devo dire che non sono tra quelli che li idolatra a priori... oddio, alcuni (secondo me "Idolum" in primis) sono MERAVIGLIOSI, ma sinceramente per esempio l'ultimo "Eve" nn mi ha detto nulla. Poi ripeto, al di là dei gusti TUTTA LA VITA gruppi che in una scena musicale come quella italiana hanno i COGLIONI di proporre un certo tipo di musica. Gli Ufi li ho visti dal vivo un mesetto fa qui a Londra (a proposito: di supporto c'erano i Bong, se nn li conoscete dategli un'opportunità perchè sono strani veri ma interessantissimi) e ho avuto il piacere di scambiare 4 chiacchiere con Urlo al loro BELLISSIMO banco del merchandising e mi ha praticamente detto come le bollette le paga principalmente con i lavori dell'art studio Malleus (che è già qualcosa in questo paese) e la band è praticamente il loro hobby... come nn fari piacere un tipo così? ;)))


LuKaPiz
LuKaPiz
Opera:
Recensione:
sorry, ultima frase era "come nn FARSI piacere un tipo così?"


nes
nes
Opera:
Recensione:
lukapiz i bong sarebbero i king bong, o sono l'ennesimo gruppo che ficca la pipa ad acqua nel proprio moniker? Se sono i king bong li conosco mi piacciono abbastanza. Per quanto riguarda la bancarella ci hai comperato qualche cosa? Io quando li vidi la prima volta presi il poster di eve e quello dell'hellfest con le zanne. la seconda avrei acora preso poster vari ma i 40 euri per vinile + dvd + cd mi sono bastati come spesa. Non li idolatri? male molto male...


LuKaPiz
LuKaPiz
Opera:
Recensione:
No no, i Bong si chiamano Bong e basta... fanno tipo Ritual Doom minimale tipo OM ma se possibile ANCORA più "liturgico"... Per capirci, i loro pezzi sembrano presi pari pari una messa nera, il cantante praticamente recita dei mantra su un tappeto di basso e (sporadicamente) chitarra... mammamia, detta così sembrano ORRIBILI, ma ti consiglio il loro disco "Bethmoora", giusto se sei curioso.. Difficilmente diventeranno il tuo ascolto preferito in cuffia ma io li uso come sottofondo quando disegno e sono abbastanza affascinanti. Il banchetto dei Mammut offriva un ben di Dio, ma i loro poster erano tutti serigrafati a mano e quindi partivano da un minimo di 40-50 sterline l'uno. Però ho preso la maglietta con le due sirene che si baciano che da lontano sembrano (ma guarda) un mammut, forse è l'immagine "con le zanne" di cui parlavi tu? Semplicemente non idolatro TUTTI i loro lavori, ma li stimo MOLTISSIMO come artisti a tutto tondo, su questo siamo d'accordo;)


nes
nes
Opera:
Recensione:
proverò ad ascoltarli anche se con la storia della messa nera non è che tu me li stia vendendo troppo bene :) In italia la roba dei mammut ai concerti parte dai 20 euri, capisco perfettamente che 60 sterline siano una cifra priva di logica (poi dipende dalle finanze ovvio). Il poster che dicevo io è questo. Page not found | LinkCuts a me le tipe sembrano più zanne che sirene ma ( cioè la coda di pesce proprio non la vedo) ma forse tu hai un'altra immagine sulla maglietta, nel qual caso ti chiederei di passarmi qualche link perchè due sirene malleusesche che slinguazzano non le ho ancora viste e l'idea mi sembra promettere bene. Sul non idolatrare tutti i lavori posso capire: esclusi lucifersong, satan ep, idolum, eve, snailking e godlike snake il resto è evitabile :)


LuKaPiz
LuKaPiz
Opera:
Recensione:
NES in effetti hai ragione, la mia descrizione dei Bong era PESSIMA... quello che ti posso dire, per correggere il tiro, è in una parola ATMOSFERA. La loro musica è praticamente un mantra lentissimo prevalentemente strumentale basato su basso e batteria, con una chitarra in riverbero che spunta qua e là.. Se ti piacciono gli OM vai tranquillo, altrimenti... beh, sul loro Myspace c'è un pezzo chiamato tipo Across the Time Streams, se nn ti piace quello lascia proprio perdere ;) Ah, la maglietta degli Ufi è esattamente quella, e io le due sirene ce le vedo: certo, le code sono stilizzate in modo da dare nel complesso l'illusione del cranio di un mammut (o mi sono immaginato pure quello?), oppure sono soltanto io che ho associato automaticamente "donna con parte inferiore allungata=sirena". Tornando agli Ufi, vedo che su di loro la pensi come me sugli Electric Wizard;)))


nes
nes
Opera:
Recensione:
La maglietta è quella? Ok il resto poco importa speravo in un'immagine nuova, pazienza. Gli EW spaccano, purtroppo però i loro migliori pezzi sono su ep e split che a quanto pare non stanno ristampando- a differenza del resto della loro discografia-. di dischi loro imprescindibili non trovo nulla. forse come my fanatic. Riuscissi invece a mettere le mani su supercoven( play.com di merda sono arrivato in ritardo di un giorno) o su chrono.naut o sullo split coi reverend bizarre sarei particolarmente contento.


psychopompe
psychopompe Divèrs
Opera:
Recensione:
mi intrometto per dare le solite 5 palle al buon bartolo (non posso dire lo stesso dei Danava, recuperati proprio al tempo dell'uscita di questo disco, e cestinati dopo poco...sembravano un po' una presa per il culo a moi)e in cerca di consigli. Quest'anno ricordo pochi dischi di valore, di cui molti recuperi del 2009 (se avete tempo/voglia cercate The Voidist di Imaad Wasif edito da Teepee nel 2009, vale la pena). L'ultimo wizard me lo ordino in vinile a breve, sulla scia di Witchcult che mi era piaciuto assai. Vero quello che dice Nes riguardo agli EP degli EW, vado ancora fiero di aver seguito il consiglio dell'utente Roky Erickson e aver preso Supercoven anni fa a Tokyo (ma chrononaut l'ho perso su ebay per poco due anni fa...grrr!)


Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera:
Recensione:
@Psycho: ciao caro! intanto ne approfitto per indicarti - aumma aumma - qualcosa sul nuovo Natale a stelle e strisce ( Simple File Sharing and Storage. ). Il 2010 è stato anno di parecchi ritorni (visto che in casa pagina c'è la rece dle nuovo Dungen? non sapevo nemmeno fosse uscito!), ma di dischi davvero notevoli direi anche io che ce ne sono stati pochini. A distanza di mesi, però, ascolto ancora volentieri Voices of the seven thunders e l'ultimo Brian Jonestown. Il nuovo Titan sollazza decisamente un medallaro fuori tempo massimo come il sottoscritto, ma temo che tu li preferissi fino a un paio di dischi fa. Idem per il nuovo La Otracina, che sembra un disco tech-thrash anni '80!:) Mi mancano da ascoltare il nuovo Monster Magnet, i Tame Impala (che hai recensito, se non ricordo male) e il nuovo Boris... diciamo che, in generale, è stato un anno più di quantità che di qualità!:)


psychopompe
psychopompe Divèrs
Opera:
Recensione:
grazie bartolo! Nuovo Dungen ci avevo fatto un pensiero, interessante son diventati una roba tipo Canterbury sound, gran lavoro di suoni vintage. bella atmosfera ma secondo me mancano un po' i pezzi. Se vuoi stordirti ti consiglio i Daughters of the Sun, sballati ammerecani col trip indologico.


psychopompe
psychopompe Divèrs
Opera:
Recensione:
ah scordai prima di citare i Mondo Drag, che nel loro retrivo muffa rock, secondo me sono notevoli. Sempre per la Alive Recordings i White Noise Sound che invece fanno il verso agli Spacemen 3, ma più a roba shoegazecheduemaroni. Adesso ti saluto che è in corso una gara familiare di "salto metal" con mia figlia (il salto metal per la cronaca è la tipica scivolata sulle ginocchia stile street metal)


Prince_Of_Death
Prince_Of_Death
Opera:
Recensione:
recensione scritta malissimo..il disco non lo conosco e non lo commento


Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera:
Recensione:
Ma io ti conosco! Tu sei quella che ha recensito i Necrolust, il gruppo consigliatomi da Dark lord, autore della recensione sui Phenomena. Ti piace il Rock in Opposition?


Prince_Of_Death
Prince_Of_Death
Opera:
Recensione:
Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera:
Recensione:
Rock O' Siffredi, giovane talento scozzese, esponente di punta del porno medal. Un vero maestro nel cantato a cappella.


SUPERBOIA
SUPERBOIA
Opera:
Recensione:
Basta con questi fake del c! E comunque io preferisco decisamente il genere Non Classificabile


Darkeve
Darkeve
Opera:
Recensione:
citerò un mio idolo di sempre: prins of det, vieni accasa che ciai fame...


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di UnonoU è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link