Sto caricando...

Dark Day
Darkest Before Dawn

()

Voto:

Non sapevo nulla di questo terzo capitolo targato "Giorno Nero" e guidato dall'enigmatico Robin Lee Crutchfield (già attivo con i DNA).

Ho apprezzato il cupissimo "Exterminating Angel", il più accessibile "Window" ma credevo che tutto fosse finito lì. E invece la vita ti sorprende.

TI sorprende perché, oltre a questo disco, vieni a sapere che il buon Robin ha dismesso i panni del cupo cerimoniere "dark" ormai da anni, per diventare una sorta di elfo , un elfo con tanto di finte orecchie e pizzetto, un elfo che ha prodotto tanto altro materiale. Materiale sonoro comunque distante dall'esistenzialismo straziante delle sue prime due opere.

Ma veniamo a "Darkest Before Dawn". Il genere può essere classificato come minimal synth pop, e fin qui nulla di nuovo, ma c'è dell'altro in questi trentasei minuti di musica.

Le melodie si fanno più ariose, certamente meno opprimenti e su tutto aleggia un non so che di arabeggiante ed esotico.

Musica suonata per sognare o per suscitare visioni di epoche ormai perdute.

Già dall'iniziale "Meadowlands..." si ha questa impressione.

Si prosegue con "Darker Days", stupenda e introspettiva, e si va avanti con altri brani dello stesso tenore: brevi ma efficaci. Un esempio su tutti, l'ipnotica "The Haunted Child".

Sono le tastiere a farla da padrone e , sinceramente, non avverto vistosi cedimenti in tutta l'impalcatura sonora che compone il disco.

Certo, non ci troviamo dinnanzi al genio delle due opere menzionate a inizio recensione, ma che ci volete fare? Anche Robin aveva bisogno di staccare un po' e di dedicarsi a musica in buona parte diversa.

Consigliato ai seguaci della creatura in questione. Per gli altri è d'obbligo procurarsi i primi capitoli del nostro affezionatissimo e strambo amicone.

Commenti (Sei)

ZiOn
ZiOn
Opera:
Recensione:
Non conosco. Recensione un po' minimal, ma efficace.

BËL 01
BRÜ 00

ZiOn: Purtroppo sono un po' allergico ad alcune sonorità sintetiche degli anni Ottanta, che trovo datate e un filino ingenue. Più che al synth-pop lo accosterei ai Dead Can Dance. Sbaglio?
Marco Orsi
Marco Orsi
Opera:
Recensione:
Beh è un synth pop minimale che si sposa con sonorità darkeggianti. Effettivamente si sente che è datato. Ma il debutto è tutta un'altra cosa.

BËL 01
BRÜ 00

ZiOn: Allora seguirò il tuo consiglio e recupererò senza dubbio i primi due album.
Marco Orsi: Anche il debutto dimostra la sua età, intendiamoci, ma è un concentrato di follia e oscurità che ha pochi pari (forse "Closer" dei Joy Division o certe cose dei Sucide)
Conteverde
Conteverde
Opera:
Recensione:
Molto interessante, c'è più di qualche immagine medioevale e pagana in quella tastiera che pare suonare al contrario. È tutto molto eccentrico e un po dead _ca_denzato, ma va giù che è un piacere.

BËL 01
BRÜ 00

Marco Orsi: Concordo.
lector
lector Evangelìsta
Opera:
Recensione:
Lontano dai miei gusti, ma recensione che invoglierebbe all'ascolto.

BËL 01
BRÜ 00

withor
withor
Opera:
Recensione:
Recensione forse "minimal" come detto, ma centrata. Non conosco il "prodotto" e quindi non lo voto

BËL 01
BRÜ 00

Radioactive Toy
Radioactive Toy
Opera:
Recensione:
Mai sentito nulla. Quale disco consiglieresti per iniziare?

BËL 01
BRÜ 00

Marco Orsi: Per iniziare "Exterminating Angel".

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera