Death in June
The Wall of Sacrifice

()

Voto:

"The Wall Of Sacrifice" non è forse il miglior disco della Morte in Giugno ma di sicuro è il più sofferto in quanto nelle intenzioni del suo autore doveva essere l'ultimo e porre cosi' fine alla carriera di Death In June cosa che per fortuna non succederà : nasce da un sogno-incubo fatto da Douglas P. in cui vedeva un muro di sangue ( appunto "Il Muro del Sacrificio" che da' il titolo all'album ) in cui il destino di ogni uomo era legato allo scioglimento e allo scorrere di lacrime congelate sul muro, anche se ogni individuo aveva la possibilità di scegliere il "percorso" dello scorrimento dei liquidi entro un determinato periodo temporale e quindi di scegliere la propria sorte. Di sicuro un "concept" pregno di una simbologia decadente che conferma la statura di poeta e ultimo cantore delle rovine del nostro tempo di questo moderno "Chansonnier".

La copertina è una delle più efficaci, d'altronde Douglas P. ha sempre voluto curare in maniera maniacale la grafica dei suoi progetti : mimetizzato da una maschera e con in mano una lama e una rosa con un lugubre corvo nero sulla sua sinistra, l'impatto visivo è potente ed esemplifica tutta la poetica di questo artista, diviso fra bellezza e morte, fra dolcezza e violenza, ispirato in questa tematica dallo scrittore giapponense Yukio Mishima.Un' altra immagine lo ritrae mentre legge assorto il "Brown Book -War and Nazi Criminals in", il libro pubblicato durante la guerrra fredda da parte della propaganda sovietica che faceva i nomi di tutti i criminali nazisti che si erano riciclati con successo nella nuova Germania dell'Ovest.

L'album è suddiviso idealmente in due parti.La title-track "The Wall of Sacrifice" è un lungo e lugubre pezzo martial-ambient in cui si possono ascoltare svariati campionamenti fra cui inni delle SS e si pone sulla scia di "Death of a Man" influenzando artisti successivi della scena martial come Der Blutharsch : questo "collage" sonoro può ricordare alcune cose dei primi Current93, d'altronde non va dimenticato che in questo periodo era molto stretto il legame con David Tibet che partecipa attivamente al disco come ospite assieme all'inquietante Boyd Rice, sorta di Angelo della Morte e della distruzione.La successiva "Giddy Giddy Carousel" è uno dei brani più efficaci dove, sui consueti accordi ci chitarra acustica, uno stile che alla lunga risulterà stucchevole ma che qui lascia ancora il segno, viene immortalata senza compromessi la tragica epopea dell'Europa, uno dei temi chiave di Death In June.Gli altri pezzi forti del disco sono "Fall Apart" e "Hullo Angel" composti assieme a Tibet ( che verrà riproposta anche su "Swastikas for Noddy" dei Current93 ), che diventeranno due classici del gruppo e del neo-folk.Chiudono l'album la sperimentale e rumorista "Death is A Drummer", che riesce ad inquietare con i consueti campionamenti di fanfare militari e che si caratterizza per un'atmosfera putrescente e lugubre e la brevissima nenia "Heilige Tod" ( Santa Morte ) che già compariva in "Brown Book"

In conclusione non resta che sottolineare come ascoltare Death In June sia sempre un'esperienza estrema, il materiale trattato è scottante e senza compromessi e non piacerà certo a tutti, ma consiglio di avvicinarsi alla musica di questo poeta, molte volte a torto boicottato e frainteso.

Questa DeRecensione di The Wall of Sacrifice è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/death-in-june/the-wall-of-sacrifice/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sette)

luludia
Opera: | Recensione: |
trovo i Death in June grandiosi, questo però mi manca...
BËL (01)
BRÜ (00)

Carlos
Opera: | Recensione: |
Un quattro invece a mio parere se lo merita. E' tra quelli che preferisco del gruppo.
BËL (01)
BRÜ (00)

Nico63
Opera: | Recensione: |
Questo e "Nada!" sono i miei preferiti. Bravissimo per la recensione.
BËL (01)
BRÜ (00)

Johnny b.
Opera: | Recensione: |
Non in cima alle mie preferenze Death In June ma sempre di un buon lavoro si tratta. Quattro stellette per eccesso.
BËL (01)
BRÜ (00)

ALFAMA
Opera: | Recensione: |
Brown Book, Nada, e questo sono molti interessanti, la totale svolta acustica mi rompe dopo un pezzo
BËL (01)
BRÜ (00)

CosmicJocker
Opera: | Recensione: |
Devo dire che li conosco poco..potrebbe essere l'occasione per approfondire..
BËL (01)
BRÜ (00)

Marco Orsi
Opera: | Recensione: |
E' un disco abbastanza complesso e tormentato. Preferisco altre uscite della Morte in giugno.
BËL (01)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: