Death
Human 20th Anniversary Edition

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Sapete già come la penso sull'album "Human" dei Death.

Più volte ho espresso la venerazione totale per questo disco, pubblicato nel 1991, che rappresenta il personale vertice di tutto il Death Metal ed in generale dell'estremismo in musica. La massima espressione della creatura plasmata dal compianto Chuck Schuldiner: otto brani per poco più di trenta minuti. Una devastazione sonora impressionante. Velocità esecutiva mortifera, tecnica oltre ogni livello immaginabile, precisione negli stacchi e nei continui cambi di registro musicali. Una bomba ad orologeria.

Purtroppo per oggi le buone parole qui terminano perchè voglio occuparmi della ristampa, edita dalla label "Relapse Record", uscita nel 2011 per il ventennale dell'opera. Ad occuparsi del remixaggio di tutti i brani è stato Jim Morris presso i Morrisound Studios di Tampa (Florida); il produttore, in molte interviste, ha affermato di aver usato le note dello stesso Chuck, ottenendo in questo modo una produzione "stravolta" rispetto all'originale. Giurando anche che questo era il risultato che il leader dei Death aveva in mente. Ma siamo davvero sicuri che una pulizia del sound, così evidente nell'ascolto, avrebbe soddisfatto Chuck? Per quanto mi riguarda non ne sarei così sicuro.

Nel 1991 il budget usato dalla band per produrre il disco non era elevato; i mezzi a disposizione in studio per la parte tecnica non erano dei migliori. La qualità finale dell'opera, dal punto di vista dei suoni, è in qualche modo carente soprattutto per quanto riguarda il lavoro al basso di Steve DiGiorgio ed anche di Sean Reinert alla batteria. Ne risulta un suono "chiuso", compresso ma perfetto per quei tempi. La bellezza di "Human" sta proprio nelle sue imperfezioni; lo stesso Chuck ha sempre dichiarato che si poteva fare meglio.

Invece nella ristampa tutto è perfetto, tutto suona al meglio. Certo è sublime sentire in netta evidenza il lavoro inumano del basso di Steve, ma alle volte mi sembra di ascoltare una band tributo e non i Death veri. Anche la voce di Chuck in alcuni momenti, ad esempio nel secondo brano "Suicide Machine", assume degli effetti distorsivi che mi fanno schiumare rabbia.

In aggiunta all'opera sono presenti la cover di "God of Thunder" dei Kiss ed un secondo cd con le versioni strumentali ed i demo delle otto canzoni; anche in questo caso pollice verso perchè siamo sempre dalle parti di una pulizia cristallina irritante. Cazzo stiamo parlando dei demo originali!! Come è possibile una perfezione simile. Provare per credere.

Mi tengo molto ben stretto il lavoro del 1991: quando lo metto sul mio fedelissimo impianto stereo della Kenwood da 250 + 250 watt ed alzo il volume lo sfacelo ha inizio e tremano le finestre della casa proprio a causa della grezza e pesantissima produzione che ti annienta.

Secondo voi tutto ciò avviene nella ristampa?

Il voto è una via di mezzo tra il valore comunque assoluto del disco e questa operazione per me assolutamente negativa.

Ad Maiora.

Questa DeRecensione di Human 20th Anniversary Edition è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/death/human-20th-anniversary-edition/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Dodici)

Pinhead
Opera: | Recensione: |
Oh, e che cacchio, ho appena mandato una recensione sul nuovo di CJ Ramone, e aspetta a mandare le tue schifezze, no???
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Già commentato CJ zozzone...Trecate stiamo arrivando!!!
Pinhead: Aaaaarrrrrggggghhhhh!!!!!
nes
nes
Opera: | Recensione: |
Marco Orsi
Opera: | Recensione: |
Dovrei prima sentirlo. Ma da ciò che scrivi , sembra che non valga la pena. Io mi tengo stretto la copia originale.
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: E' "Human" non ci piove; però anch'io mi tengo ben stretto l'originale. Che ancora resiste...SECRET FACE...
IlConte
Opera: | Recensione: |
Caro grande Dema, ti capisco eccome! Mai sopportato le "pulizie". Ma pulitevi il culo voi e lasciate il suono grezzo e pure con errori ma puro e spontaneo (e con pochi mezzi, bravissimo a sottolinearlo!). Però scusa, non sapendo nulla, qualcuno che ha i diritti avrà autorizzato?! E comunque il vil denaro, purtroppo, compra tutto. Ma non noi! Fankulo tutti! @[Pinhead] (5)
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Non ho troppo indagato in internet riguardo l'operazione; la Relapse ha acquisito i diritti di tutta la discografia dei Death e tempo che ci sia anche lo zampino della famiglia di Chuck. Ma ti ripeto nn mi interessano nemmeno troppo notizie a riguardo; avrei preferito una ristampa dell'opera fedele all'originale a livello di suoni. Human è straordinario così come è stato composto, pensato e suonato da Chuck nella primavera del 1991...COSMIC SEA...
nes
nes
Opera: | Recensione: |
l'unico disco che sarebbe cosa buona e giusta rimixare è holy mountain, figurati se lo fanno.
BËL (01)
BRÜ (00)

Harlan
Opera: | Recensione: |
Sfortunatamente, capisco quello che provi Dema, tempo fa acquistai una versione rimasterizzata di "The Deluge" dei Manilla Road e il suono era pulito, troppo pulito! Il 90% delle volte grezzo significa passione nel riascoltare un disco e rivivere le stesse emozioni di quando lo si ascoltava la prima volta. E con i Death, di cui ho avuto il coraggio una volta sola di ascoltare "Scream Bloody Gore", penso valga il doppio questo ragionamento!
BËL (01)
BRÜ (00)

nes: minchia: scrim bladi gor! non ne ricordo mezza note (forse avevo una casetta duplicata, ma ne dubito). onomatopeicamente parlando è uno dei titoli che ho trovato più fighi nella storia della "musica con i titoli che non so cosa vogliano dire". poi ho scoperto che con un vocabolario l'inglese era più facile da tradurre del latino e boh, ho trovato assurdo quanto onomatopea e significato si potessero fondere. me ne ero dimenticato cavolo di 'sto disco. la cosa più pazzesca fatta da chuck non è un disco, son 3 parole messe in fila.
De...Marga...: La cosa più pazzesca fatta da Chuck è "Human"!!
De...Marga...: Sono operazioni che non reggo Harlan; che senso ha stravolgere e rendere molto più "udibile" gli strumenti, quando la versione del 1991 suonava in maniera diversa? Soldi, soldi e soltanto soldi.
nes
nes
Opera: | Recensione: |
ma la storia del logo dei death qualcuno la conosce? io son curioso: ho sempre avuto l'impressione che il primo fosse stato disegnato da Chuck durante un'ora di Geografia. ed è splendido. poi si è tutto infighettato.
BËL (00)
BRÜ (00)

De...Marga...: Allora leggenda vuole che il logo dei Death, quello originale con tanto di sangue colante, sia opera di Kam Lee menbro della primissima formazione della band della Florida. Da Human il logo viene reso più "asciutto" e nei crediti dell'opera lo stesso Chuck ne reclama l'assoluta paternità: "DEATH logo by Chuck Schuldiner". Per buona pace di Kam che credo non l'abbia presa troppo bene.
joe strummer
Opera: | Recensione: |
Anche per me come sound è il migliore dei Death. Stupendo
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: E' il quarto album disco della band al quale faranno seguito altre due bombe spettacolari come "Individual..." e soprattutto "Symbolic".
algol
Opera: | Recensione: |
Fiochissima la copertina anatomica
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Ancora più figherrimo è il sovrastante logo della band.
ziltoid
Opera: | Recensione: |
Li ho conosciuti con questo, quindi gli voglio bene a priori, poi ci sono quei suoni taglievoli, c'è lack of comprehension, paul masvidal, giorgio, e nella prossima ristampa voglio anche the marg nei crediti (ps non saprei ancora quale preferisco, forse symbolic per affezione)
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Disco da vera paura; il trittico iniziale è ancora un qualcosa di inarrivabile per tutti!!! E poi Masvidal e Reinert al momento delle registrazioni erano appena maggiorenni o poco più...FLATTENING OF EMOTIONS...
Safet Osmanovic
Opera: | Recensione: |
Invece a me ha fatto sempre abbastanza sdubbiare il suono di questo disco, troppo piatto, compresso. Digiorgio come hai detto è a malapena udibile (tranne ovviamente quando fa gli stacchi). Parimenti non ho mai apprezzato troppo il disco in sè: i riff non mi hanno mai fatto saltare dalla sedia (eccezion fatta per quello di Together as One), e mi è sempre sembrato un po' carente a livello di songwriting, con le varie parti delle canzoni che non si amalgamavano bene. Opinione mia che sono un buzzurro eh, visto che il mio preferito rimane Leprosy. Ah, poi c'hai Masvidal in formazione e gli fai fare tre assoli a mò di contentino? Come se uno avesse il land rover e lo usasse per fare la spesa al conad! Meno male che qui ci sono fra i migliori assoli di Chuck
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Bella analisi al tua Safer che condivido in parte; inutile cercare di convincerti sulla bontà assoluta, anche con i suoi difetti, di Human visto che il tuo preferito dei Death resta Leprosy. Con il disco del 1991 Chuck è costretto ancora una volta a ripartire da zero, visto che la band di Spiritual Healing è allo sfascio; quindi decide di puntare sul sicuro, su cavalli per così dire di razza scegliendo il trio delle meraviglie Masvidal - Reinert - DiGiorgio che conosceva già da qualche anno. Chuck è sempre stato il padre-padrone della band, lasciando solo tre assoli di numero all'amico Paul.
De...Marga...: ...Safet...AZZ!!
Safet Osmanovic: Eh lo so che era il padre padrone...però in Spiritual Healing a Murphy qualche assolo in più l'aveva fatto fare, così come negli altri lascerà un po' di spazio a Larocque, a Koelble, ecc. Certo, la maggior parte della roba continua a farla Chuck. Questa cosa di raccattare grandi solisti e fare lo stesso la parte del leone con gli assoli non l'ho mai capita: a quel punto invece di fuoriclasse prendi degli onesti mestieranti...o dico male?
Elfo Cattivone
Opera: | Recensione: |
Concordo in pieno.
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Chiuque conosce i Death dai loro esordi la pensa allo stesso modo: sono operazioni per me inutili.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: