Sto caricando...

Death
Human

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Il primo passo verso il techno-death. Con questa semplice frase possiamo definire un altro grande lavoro targato Schuldiner.

Uscito nel 1991, anno dell’esplosione del genere, “Human” è il primo album dei Death che va oltre le classiche sonorità death-metal. Questo disco, insieme a “Unquestionable Presence” degli Atheis e a “Testimony of the Ancients” dei Pestilence, inaugura l’inizio del prog/death, più comunemente chiamato techno death.

Techno sta per “technical”, è indica quel genere contaminato da influenze jazz, fusion e prog. La band, originaria della Florida, non cerca di mutare il proprio sound, ma lo arricchisce, evolvendo la tecnica posseduta. Chuck Schuldiner guida i suoi in un intricarsi di melodie e ritmiche complesse e tecnicamente proibitive. Oltre al solito “attacco frontale” che i Death sferrano nei precedenti dischi, si nota un elaborazione musicale molto complicata. Infatti la tecnica assurda e le sonorità “celebrali” rendono l’ascolto del disco affascinante.

Soprattutto nella base ritmica, basso – batteria, si sentono i cambiamenti apportati. Non a caso la presenza del mitico Steve Digiorgio, che esegue linee di basso fuori dal comune. La batteria, diretta da Sean Reinert, sfonda qualsiasi cosa, entrando prepotentemente in qualsiasi pezzo, devastando così, i nostri eccitatissimi timpani! I riff creati da Schuldiner e Masvidal, sono sempre rabbiosi e velocissimi. Chuck, oltre a compiere elettrizzanti assoli, esplode con la sua voce puramente distruttiva. Canzoni come “Lack Of Comprehension” o “Togheter As One”, sono la prova “vivente” della ferocia del disco! Pesantissimi i testi, con contenuti riguardanti le interiorità più profonde dell’anima e della mente umana.

Veloce, potente, malinconico, rabbioso, elaborato, tecnico, psicopatico e devastante! A livello emotivo il miglior album death metal mai esistito. Meraviglioso da ascoltare, ma difficile da interpretare, se non con una buona concentrazione.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Trenta commenti su SettantaCinque

metaldiablo
metaldiablo
Opera:
Recensione:
Oggi sono 3 anni che è morto Chuck... Non ti dimenticheremo


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
I video si possono scaricare al link Empty Words - Downloads fateli girare!!!!

"A condemming fear strikes down
Things they cannot understand
An excuse to cover up weaknesses that lie within"

Evil Simon




EvilSimon
EvilSimon
Opera:
Recensione:
I video si possono scaricare al link link rotto loads.htm, fateli girare!!!! "A condemming fear strikes down Things they cannot understand An excuse to cover up weaknesses that lie within"


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
forse non sapete che paul era un vecchio amico di chuck, e i due hanno suonato insieme in un gruppo thrash core ( stile superjoint ritual solo un tantinello piu pesante )di nome hateshock sotto falsi nomi quali schuldy-boy( ovviamnte chuck) e grey II ( ovviamente per paul )! tutto questo accadde nel 1998 mi pare, e non era niente male unica cosa ...difficile da trovare, non giudicate paul solo per il ruolo che copre negli slipknot perche' il basso lo sa strappare per bene se vuole, e soprattutto lo fa con le dita! zio tibia


metallus90
metallus90
Opera:
Recensione:
Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Grande album!


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
troppa doppia cassa. crea un muro alla lunga un po' fastidioso A mio parere.
rimane sempre un bell'album, ma personalmente e' quello che mi piace di meno.


Fidia
Fidia
Opera:
Recensione:
Capolavoro assoluto


Nargum
Nargum
Opera:
Recensione:
Altro capolavoro del death metal.Qui i death ci degustano con melodia e un gran tcnicismo.Semplicemente SUPERBI


metalmaniac
metalmaniac
Opera:
Recensione:
il mio preferito dei death


Sorrow
Sorrow
Opera:
Recensione:
D'impulso mi sarebbe venuto da mettere 5 solo perchè è dei Death. E un lavoro di Schuldiner non può che essere ottimo. Testi superbi, e riff molto tecnici, anche se non proibitivi... Pecca in ecceso di doppia pedalina, ma per il resto è un ottimo lavoro.
(e anche la maglietta con la copertina di "Human" spacca di brutto)
Un 4, che è un 4.5.


mayhem
mayhem
Opera:
Recensione:
Un disco che continuo ad ascoltare e riascoltare instancabilmente da settimane. Ottimi testi, musica superba: 5 ci sta tutto. Buona rece.


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
solo 4 stelle a questo CAPOLAVORO?!


stormcrystal
stormcrystal
Opera:
Recensione:
i death sono i death e nn ce n'è...cmq x celebrare un gruppo s chiamano artisti ke sn stati influenzato dallo stesso o ke sn in voga ora...io nn impazzisco x slipknot(i mudvayne invece m piaciono parekkio)..ma ki lo dice ke nn sn capaci d'eseguire i pezzi?..nn è gente ke suona da 3 anni eh...


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Ma che,è sempre la solita minestra con sti death.il cantante fa sempre aaaaaahhhh e dopo un po stufa,il batterista non serve,io odio quella batteria tutta trrrrrrrr.Molto meglio Lars Ulrich dei mitici Metallica,quelli sono su un altro pianeta.Le chitarre fanno sempre un rumore inutile che tanto non c'e' differenza con quello di un treno.W i metallica e i dream theater che loro sono si tecnici,no sti qua


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Andrea...vuoi paragonare i metallica ai Death??? forse non ti rendi conto...cioe PARAGONI LARS ULRICH A SEAN REINERT!?!?!! oddio...poi il cantante fa sempre 'ahhh'? ma l'hai sentito il disco? boh
ah il 'batterista che non serve' ha fatto cd oltre che coi death, con i cynic, gordian knot, Æon Spoke e ora lavora coi C-187...proprio inutile non mi sembra ;)


astromat
astromat
Opera:
Recensione:
Ah Ah Ah
Metallica vs Death non c'è paragone...
Reinert devasta Ulrich, Di Giorgio annienta tutti e tre i bassisti dei metallica (ebbene si anche Cliff deve cedere alla grandezza di Steve), e poi Schuldiner e Masvidal vs Hetfield e Hammett è una mattanza:basta la grandissima Cosmic Sea ad annientarli...


paperino
paperino
Opera:
Recensione:
astromat, non credo tu possa paragonare i metallica con i death, è come paragonare un arancia con una spremuta.
e comunque prog death e tecnodeath sono due cose distinte


paperino
paperino
Opera:
Recensione:
e comunque è una cagata dire che i "death fanno cagare che sono tutti aaaaaaah e trrrrr e w i metallica e i dream theater", ma credo che fosse più una provocazione da bambino che un intervento vero e proprio


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
amo entrambi i gruppi, ma i death sovrastano molti per tecnica, tutti nella musica. Chuck era un genio, un grandissimo compositore e musicista. in tutti i suoi album metteva passione. per la questione della voce io personalmente amo il suo stile growl, mi trasmette, come pochi altri fanno, emozioni forti. i death, indipendentemente dalle varie formazioni assunte negli anni, sono per me il più grande gruppo metal mai esistito. (e io ascolto quasi solo metal). riporterò questo mio messaggio in altre recensioni dei restanti album dei death.
CHUCK, grazie per tutto quello che hai fatto per noi amanti del genere e della grande musica, riposa in pace.


ziodimezzomondo
ziodimezzomondo
Opera:
Recensione:
riguardo la storia degli slipknot nn ve la prendete...mo quella mardaccia sono IL METAL per i creaturielli ke vogliono fare i cattivi bimbi e ascoltare sto genere...ma in realta nn capiscono niente...


Hell
Hell
Opera:
Recensione:
Porca *****, disco inconcepibile!!


RussianSpring
RussianSpring
Opera:
Recensione:
è il mio preferito dei death!


Skeletron
Skeletron
Opera:
Recensione:
altro discone.


Skeletron
Skeletron
Opera:
Recensione:
...e la copertina è bellissima.


follia
follia
Opera:
Recensione:
questo e' un grandissimo disco di death metal suonato benissimo!!! e loro x me sono stati il miglior gruppo del genere death metal!!!


De...Marga...
De...Marga...
Opera:
Recensione:
Visto che oggi è il disco del giorno, è doveroso un passaggio mio da queste parti; ma non ho molto da dire, anzi ne avrei di cose da dire. Mi limito a questo: il disco che preferisco dei Death; il migliore del genere Death Metal; uno dei miei dischi in assoluto. Recensione che, essenzialmente, spiega molto bene un capolavoro; ora è necessario un ascolto dell'album. Nell'arco dei suoi 34 minuti il batterista Reinert è praticamente sempre in "doppia cassa": mai ascoltato nulla di più devastante...MERAVIGLIOSO...


teppa
teppa
Opera:
Recensione:
anche per me il capolavoro tra i capolavori di Chuck, grazie anche alla miglior formazione mai avuta della band, incredibile poi come Schuldiner abbia svecchiato il sound mantenendolo fedele all'impronta originale!


casanova40
casanova40
Opera:
Recensione:
anche io sono d'accordo il piu' bello dei Death e uno dei piu grandi del genere se non il piu' grande ...


casanova40
casanova40
Opera:
Recensione:
anche se come ho scritto nella recensione del loro primo album scream bloody gore che io lo ritengo un album grandissimo e a me piace tanto quanto human forse ancor piu avendolo riascoltato da poco ... perche' e' uscito nel 1987 e credo sia stato forse questo il primo vero disco DEATH METAL


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Human è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link