Death
Scream Bloody Gore

()

Voto:

Se venisse un alieno sulla Terra e mi domandasse cos’è il Death Metal, se non svenissi camminerei shockato fino alla mia camera e metterei su questo disco, dicendogli: ”Ecco.QUESTO è IL Death Metal”.
Proprio così. Seminale debutto degli altrettanto seminali Death, maggiori fondatori del Death Metal insieme agli altri soliti gruppi che vi andate a cercare su Internet perché mi sono rotto i coglioni di ripeterli e poi magari mi prendete anche per arteriosclerotico e ripetitivo, questo discone è una specie di testamento su come il Death DOVEVA suonare al tempo: esattamente come le nostre tormentate orecchie riescono a recepire da questo disco dall’orribile copertina!

Suoni marci, grezzi e brutali, il tutto ovviamente accompagnato da una bella dose di testi Gore/Horror di serie B, che però sono messi fortunatamente in ombra dalla chitarra di Chuck (qui anche alle prese col basso! Provateci voi, cazzo!), ribassata come al solito, che suona veramente potente e pesante mentre la batteria di Chris Reifert (successivamente nei fondamentali Autopsy, di cui ho pure fatto la recensione UAZZZ) è artefice di un’ottima prestazione, penalizzata dalla scarsa produzione che rende purtroppo il suono del rullante troppo incisivo e intrusivo, difetto che in ogni caso non sminuiva la bravura del potente e promettente batterista, un altro dei tanti elementi fondamentali che hanno contribuito al corretto sviluppo del Death. (Data inoltre l’imprescindibile dose di tupatupatupa qui contenuta, dopo un po’ vi troverete a bestemmiare dietro al produttore, proprio com’è successo a me).

Merita più di una nota il cantato (eeeh? cantato?), ovviamente nell’innovativissimo Growl, caratteristica nuovissima che scandalizzò al tempo i Thrasher più puristi che si aspettavano una voce, aggressiva sì, ma pulita, alla Tom Araya per intenderci. Proprio gli Slayer devono aver sorriso all’uscita di questo disco: il tupatupa rimanda a loro, gli assoli rimandano a loro, i riffs rimandano a loro: non aspettatevi un disco sullo stile di “Symbolic” o “The Sound Of Perseverance”, qui c’è solo violenza e storia del Death: il disco è MOLTO cattivo. Pezzi legati imprescindibilmente alla più feroce tradizione Thrash (King e Hanneman sono sempre dietro l’angolo) conditi da sbudellamenti, budella vomitate e battesimi nel sangue (qui i riferimenti sono ai Venom) che sarebbero diventati lo standard dei testi dei gruppi Death Metal di lì a poco (Cannibal Corpse non vi dice niente?) rendono i Death di “Scream Bloody Gore” assolutamente irriconoscibili, lontani centinaia di chilometri da "Opere d’Arte" epocali quali “Human”, “Individual Thought Patterns” e soprattutto “The Fragile Art Of Existence”: tutti elementi che rendono però bene l’idea del genio del grande Chuck, capace di passare dal Death Metal più puro (questo e il successivo “Leprosy”) al Death intelligente (“Spiritual Healing”/“Human”/”Individual Thought Patterns”/”Symbolic”/”The Sound Of Perseverance”), al Classic contaminato (“The Fragile Art Of Existence”) e chissà quante altre cose ancora, se non fosse stato per la fottuta avarizia del sistema sanitario americano.

Il discone si apre alla grande con il purissimo Death di “Infernal Death”, che passerà alla storia come una delle canzoni d’apertura più violente per un disco. Puro Death Metal! Passando per le altrettanto eccezionali “Zombie Ritual”,”Regurgitated Guts”,”Baptized In Blood” si può notare la mancanza tecnica di Chuck che comunque si attesta su buoni livelli, mentre lascia a bocca aperta l’innovatività del riffing. Un lavoro perfetto, troppo grossolano magari, ma eccellente: un assoluto Masterpiece del Death Metal, che dal gruppo di Chuck prese il nome. Magari, se volete un consiglio per “digerire” meglio i primi Death, non avvicinatevi al loro magnifico mondo multidimensionale con questo disco (come ho fatto io) perché data la violenza assoluta delle Songs e la morbida delicatezza delle vostre vergini orecchie potreste essere tentati di mollare tutto etichettandolo con un generico “casino”o potreste metterci più tempo a buttarlo giù: partite invece con cose più "leggere" quali "Symbolic" e "The Sound Of Perseverance", percorrendo così a ritroso la più gran maturazione Death Metal mai vista.

Che altro dire? Ah,sì,quasi dimenticavo: il disco è reperibile anche in versione pornografica,con i gemiti al posto del growl:vi basterà andare in un sexy-shop qualsiasi e domandare di "Screma Bloody Whore"! Uahahahahaaa!

Questa DeRecensione di Scream Bloody Gore è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/death/scream-bloody-gore/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (QuarantaCinque)

djd
djd
Opera: | Recensione: |
che palle peró jigoro: parli sempre di "marcio, budella, marsterpiece..."
BËL (00)
BRÜ (00)

Anonimo
Opera: | Recensione: |
il migliore dei death per me.grandioso una mazzata sui denti.
BËL (00)
BRÜ (00)

Anonimo
Opera: | Recensione: |
djd jigoro ha usato le parole giuste per questo disco.e' primordiale e marcio.insieme ai possessed questo cd e' servito a plasmare il death dettando tutti i canoni del genere
BËL (00)
BRÜ (00)

djd
djd
Opera: | Recensione: |
quelle parole le ripete in quasi tutte le sue recensioni, dopo un po' diventa noioso.
BËL (00)
BRÜ (00)

zzzzzzzzzzzzzzzzzzzz
Opera: | Recensione: |
jigoro, riesci a mettere un sample del tupatupatupa? Sono curiosa... Accidenti peccato esserci persi la festa Gore a Lugano!
BËL (00)
BRÜ (00)

jigoro
Opera: | Recensione: |
Semplicemente djd,non ci sono altri aggettivi per descrivere questo tipo di musica.Se non ti garbano,nessuno ti obbliga a leggere o commentare.
BËL (00)
BRÜ (00)

jigoro
Opera: | Recensione: |
MA CAZZO!!!MA NEANCHE QUESTA RECENSIONE è COMPLETA!!!!MANCA LA BATTUTA:"ESISTE PURE LA VERSIONE PORNOGRAFICA DEL DISCO SOTTO IL TITOLO DI SCREAM BLOODY WHORE"NANI COSA CAZZO COMBINATE!!!!!
BËL (00)
BRÜ (00)

turkish
Opera: | Recensione: |
Anche qui, una svista del nano editor di turno. Te comunque c'hai poco da incazzarti: falle meno lunghe e dai un occhio alla spaziatura. Inoltre il povero djd ha tutti i diritti di lamentarsi, perché anche se non gli garbano le tue recensioni se le deve leggere, per pubblicarle.
BËL (00)
BRÜ (00)

djd
djd
Opera: | Recensione: |
Io sono certo di non aver tagliato nulla jigoro, sei sicuro di averla scritta quella battuta nel testo che ci hai mandato ? Comunque la mia voleva essere una critica costruttiva, visto che quegli aggettivi li usi (troppo) spesso e conseguentemente, quando leggo le tue recensioni, ho la sensazione di leggere sempre la stessa.
BËL (00)
BRÜ (00)

jigoro
Opera: | Recensione: |
Scusa djd,allora ci siamo capiti male...Credevoi che la tua fosse una provocazione...Comunque prova ad ascoltartelo il disco,e dimmi se trovi altri aggettivi...
BËL (00)
BRÜ (00)

djd
djd
Opera: | Recensione: |
I Death non mi sono mai piaciuti, se non ricordo male a causa di quella voce lacerante (magari mi confondo con un altro gruppo) e dei riff troppo caotici. A quei tempi preferivo Obituary, Terrorizer (mitici), Dismember, Carcass, Entombed. Oggi il Grindcore non mi attira più, fatta eccezione per i nipponici Greenmachine (a proposito: in Giappone é uscito il loro nuovo disco, vedró di procurarmelo).
BËL (00)
BRÜ (00)

Norvheim
Opera: | Recensione: |
Ottima ancora la rece...Però non riesco a dare 5 al disco. Te l'ho gia detto jigoro io preferisco il Death intelligente e così vale anche per i Death!
A proposito riesci a consigliarmi qualche CD death che non parli necessariamente di sangue,marciume e sbudellamenti? (escludi quelli dei Death perchè è stato uno dei primi gruppi Metal che ho sentito e ho tutti i Cd..)
BËL (00)
BRÜ (00)

jigoro
Opera: | Recensione: |
Mmmmh mmmh,bella domanda Norv!Bè posso consigliarti i Pestilence in primis,poi i Sepultura...poi non asprei proprio dirti...ma alla fine...che te ne frega dei testi?Ps di dove sei?Quanti anni hai?Io ho 16 anni e sono da Vicenza
BËL (00)
BRÜ (00)

jigoro
Opera: | Recensione: |
E comunque,sempre meglio che parlino di "innocenti" sbudellamenti e cadaveri volanti piuttosto che invochino Satana o quelle troiate blackettose là...O no?
BËL (00)
BRÜ (00)

puntiniCAZpuntini
Opera: | Recensione: |
Ma Ciac come è morto? Perchè dici "la fottuta avarizia del sistema sanitario americano" ? ajo, spiega tutto :)
BËL (00)
BRÜ (00)

Norvheim
Opera: | Recensione: |
Abito in provincia di Bergamo e ho sedici anni anche io...Sulle cagate black è un pò un discorso simile, dipende molto dallo stile che hanno i vari gruppi...
BËL (00)
BRÜ (00)

jigoro
Opera: | Recensione: |
In pratica,non aveva i soldi per curarsi!!Tutto qui!AHAHAHA!!!!!
BËL (00)
BRÜ (00)

BathoryAria
Opera: | Recensione: |
Un saluto a tutti dalla Svizzera, qui fa un freddo fottuto, meno male che c'è Scream Bloody Gore a riscaldarmi le orecchie. Bravo jigoro, ci sentiamo quando torno: cmq a me questo cd mi sa molto di thrash che di death.....certo il growl, il riffing tutte cose nuove, ma l'aria che c'è in questo cd mi sembra molto thrash......HALO'
BËL (00)
BRÜ (00)

Anonimo
Opera: | Recensione: |
questo album è della serie: se ascolti metal devi averlo. . .
ci manchi tantissimo Chuck. . .Il cancro ci ha portato via una delle persone che più sono state fondamentali per la creazione di un genere che ha preso il nome del suo gruppo
BËL (00)
BRÜ (00)

jigoro
Opera: | Recensione: |
Già....Dovrebbeb esserci sempre gente come chuck4ever su debaser...allora perchè non ti iscrivi chuck4ever?
BËL (00)
BRÜ (00)

cliffburton86
Opera: | Recensione: |
che energia che c'hai messo!
BËL (00)
BRÜ (00)

jigoro
Opera: | Recensione: |
Ehehehe sappi che non metto energia solo sulle recensioni... ;)
BËL (00)
BRÜ (00)

BathoryAria
Opera: | Recensione: |
eh eh eh, infatti, non solo in quelle.....
BËL (00)
BRÜ (00)

The_Bassist
Opera: | Recensione: |
Yeah, disco grezzo e ignorante, così li voglio, capisco il 5 per quello che significa il disco, ma preferisco valutarlo solo dal punto di vista musicale, cioè poco tecnico e acerbo, anche se si sente già qualcosa quello che poi sarebbero diventati i death una decina di anni dopo
BËL (00)
BRÜ (00)

The_Bassist
Opera: | Recensione: |
cazzo però c'è zombie ritual
BËL (00)
BRÜ (00)

kosmogabri
Opera: | Recensione: |
Userà sempre gli stessi aggettivi, comunque le rece di jigoro sono sempre molto istruttive....
BËL (00)
BRÜ (00)

Anonimo
Opera: | Recensione: |
jigo ma davvero esiste la versione porno?no perche io ci sto riflettendo sul serio:)
BËL (00)
BRÜ (00)

metaldiablo
Opera: | Recensione: |
Questo cd non sarebbe da 5 ma glielo do perche ho provato a immaginarmi che botta sulle palle fosse stato questo cd appena uscito
BËL (00)
BRÜ (00)

Anonimo
Opera: | Recensione: |
jigoro for president!
BËL (00)
BRÜ (00)

Big D
Opera: | Recensione: |
se non fosse il debut album dei leggendari DEATH lo userei come sottobicchiere
BËL (00)
BRÜ (00)

Anonimo
Opera: | Recensione: |
Un capolavoro senza mezzi termini. MASTERPIECE. Comunque ragazzi ascoltatevi WORLD DOWNFALL dei TERRORIZER (citati da DJD), UN ALTRO MASTERPIECE DEL DEATH / GRIND.
BËL (00)
BRÜ (00)

andreus90
Opera: | Recensione: |
brutale e marcio proprio il vero death metal di una volta...magari oggi fosse ancoracosi'.(RIP) chuck.
BËL (00)
BRÜ (00)

metalmaniac
Opera: | Recensione: |
un esordio che spacca di brutto!!!
BËL (00)
BRÜ (00)

evileye9000
Opera: | Recensione: |
scusa jigo..forse mi sbaglio pure ma il Death metal non prende il nome dalla canzone dei Possessed da Seven Churches (1985)??!?! anzi non credo di sbagliarmi...

BËL (00)
BRÜ (00)

Anonimo
Opera: | Recensione: |
Disco divertente ma, onestamente, troppo rozzo
BËL (00)
BRÜ (00)

Corax
Opera: | Recensione: |
Disco fondamentale ma ancora molto acerbo.
BËL (00)
BRÜ (00)

Hoglan
Opera: | Recensione: |
Disco stupendo, insieme a "Leprosy" lo preferisco ai dreamtheateriani "Symbolic" e "The Sound of Perseverance". Bei dischi, per carità, ma privi del vero concetto death metal: l'aggressività! Comunque il nome del genere non deriva dal gruppo, esistono varie teorie ma questa è da escludere.
BËL (00)
BRÜ (00)

Anonimo
Opera: | Recensione: |
rendo omaggio al mio gruppo preferito .Chuck era un genio, un grandissimo compositore e musicista. in tutti i suoi album metteva passione. per la questione della voce io personalmente amo il suo stile growl, mi trasmette, come pochi altri fanno, emozioni forti. i death, indipendentemente dalle varie formazioni assunte negli anni, sono per me il più grande gruppo metal mai esistito. (e io ascolto quasi solo metal). riporterò questo mio messaggio in altre recensioni dei restanti album dei death.
CHUCK, grazie per tutto quello che hai fatto per noi amanti del genere e della grande musica, riposa in pace.

BËL (00)
BRÜ (00)

rive
Opera: | Recensione: |
Se non sono dischi da 5 questi... Regurgitated Guts e Beyond The Unholy Grave sono magnifiche
BËL (00)
BRÜ (00)

Anonimo
Opera: | Recensione: |
il death metal prende nome dalla canzone del 1985 ''Death Metal'' dei Possessed, nel cd ''Seven Churches'' primo cd death metal, COGLIONE!!
BËL (00)
BRÜ (00)

teenagelobotomy
Opera: | Recensione: |
uno dei dischi più devastanti di sempre. pochi cazzi, questi sono i death, altro che symbolic ecc...
BËL (00)
BRÜ (02)

teenagelobotomy
Opera: | Recensione: |
The Decline
The Decline Divèrs
Opera: | Recensione: |
Disco della madonna 1 di 7.
BËL (00)
BRÜ (00)

De...Marga...
Opera: | Recensione: |
E' l'esordio della band del mai troppo lodato Chuck Schuldiner; un disco che il recensore è riuscito a descrivere egregiamente, puntando sull'immediatezza di un sound ai tempi innovativo, che ha dato il via ad un autentica rivoluzione estrema chiamata Death Metal; e chi meglio del gruppo originario della Florida può rappresentare un genere dove la brutalità delle liriche e della Musica stessa è caratteristica fondamentale. "Zombie Ritual" mi attende ora per il suo ennesimo distorto ascolto, facendomi compiere il solito viaggio a ritroso nel tempo quando furono proprio i Death ad illuminare e tracciare il mio percorso verso l'estremismo sonoro...Sui miei bei tempi ormai passati.
BËL (00)
BRÜ (00)

casanova40
Opera: | Recensione: |
a me e' piaciuto molto questo album forse e' quello che preferisco insieme a human che tecnicamente e' piu' evoluto ma questo e' davvero incredibile anche per l'epoca in cui usci' 1987 ... lui chuck shuldiner era davvero un grandissimo chitarrista e compositore ...
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: