Della Porta - Ezzu - Ursus
No Strange e sogni correlati

()

Voto:

Versioni: v1 > v2 > v3

A metà anni ’80 seguivo in maniera maniacale la cosiddetta scena neo ’60: incominciavo ad affinare i miei gusti musicali e, sentendomi lontano dalle sonorità post-punk e new wave, trovai naturale buttarmi a capofitto in gruppi che mi sembravano vitali e freschi. Collezionavo tutti i dischi di garage-punk e neo-psichedelia che potevo. Anche l’Italia vantava gruppi di tutto rispetto: in particolare, in ambito psichedelico, mi piacevano molto i Birdmen Of Alkatraz e i No Strange . Poi le mode sono cambiate, e la musica negli anni ‘90 ha preso altre direzioni. Tuttavia qualcosa è rimasto: la riscoperta di quella che era la cultura degli anni ’60 mi ha aperto un mondo e, proprio grazie ai No Strange, mi sono poi interessato dei Corrieri Cosmici tedeschi e del progressive italiano meno allineato, quello per intenderci del primo Battiato, del primo Alan Sorrenti, di Claudio Rocchi e degli Aktuala. I No Strange in realtà, a parte qualche pausa, non hanno mai cessato di esistere a testimonianza del loro essere al di sopra di qualsiasi moda del momento: il loro è stato ed è un approccio filosofico all’esistenza che nasce da un brodo culturale che affonda le proprie radici nella cultura psichedelica: un universo cangiante fatto di filosofie orientali, di colori e suoni, di disegni psichedelici, di musica “progressiva” nel vero senso della parola. Il gruppo di Salvatore D’Urso “Ursus” e Alberto Ezzu ha sempre rifuggito le etichette musicali, spesso limitanti e vuote, anche se appartiene a buon diritto alla psichedelia, vista però non come la solita parola usata magari per ingabbiare qualcosa di cui si fatica a capire i riferimenti culturali ma come “un metodo per approfondire la conoscenza del proprio io”, per citare le parole che stesso Salvatore D’Urso ha usato rispondendo a una domanda sull’argomento nel libro “No Strange e sogni correlati”. Si tratta di un volume – pubblicato dalla meritoria Area Pirata di Tiziano Rimonti - che ripercorre tutta la loro storia a partire dalle prime incarnazioni del gruppo denonimate Ra-Gebel e No Strani. Le testimonianze di Salvatore D’Urso e Alberto Ezzu sono ricche di aneddoti e ci portano alla riscoperta di un’epoca non così lontana in cui la spontaneità, la voglia di sperimentare e la creatività erano il modo naturale con cui approcciarsi all’arte. Si parla di Timothy Leary e di Albert Hoffmann, di fumetti e di fantascienza, di musica di avanguardia, del beat italiano, delle Stelle di Mario Schifano e della musica tedesca dei ‘70. Il libro è uno spaccato della vita culturale nel nostro paese in un particolare periodo: il contesto storico in cui hanno vissuto i membri dei No Strange è ben delineato così come le loro radici culturali. Oggi non esiste più nulla di simile, tutto è omologato e viviamo un un’epoca oscura: tuttavia, per chi ne ha voglia, esiste sempre la possibilità di essere se stessi. “No Strange e sogni correlati” è un libro imperdibile e un regalo alla Cultura. Il testo è arricchito da numerosi disegni e foto oltre che dalle testimonianze di personaggi importanti fra cui, fra gli altri, Jutta Taylor Nienhaus, la cantante degli Analogy, Lodovico Ellena, storico leader degli Elefanti Effervescenti, Matteo Guarnaccia, artista psichedelico, Cosimino Pecere, boss della Psycht-Out Records, Twink, mitico personaggio della psichedelia inglese, Peter Daltrey dei Kaleidoscope britannici, Brian Godding dei Blossom Toes, James Lowe degli Electrc Prunes e Marco Conti dei Technicolour Dream. Ci sono poi interventi di giornalisti come Aldo Chimentie Roberto Calabrò e Antonello Cresti. Le interviste sono a cura di Fabrizio Dela Porta. Comprate assolutamente “No Strange e sogni correlati”, di sicuro vi fare più cultura che in tanti anni di scuola.

Questa DeRecensione di No Strange e sogni correlati è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/della-porta-ezzu-ursus/no-strange-e-sogni-correlati/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Dieci)

Kotatsu
Opera: | Recensione: |
Bella rece che invoglia alla lettura. Magari lo metto nella lista desideri... :)
BËL (01)
BRÜ (00)

caesar666
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «Il libro puo' essere richiesto ad Area Pirata. Ecco il link link rotto Vedi la vecchia versione link rotto
BËL (00)
BRÜ (00)

luludia
Opera: | Recensione: |
Amo i no strange e mi piace pure il brodo...
BËL (01)
BRÜ (00)

caesar666
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «Ecco il link del sito di Area Pirata: link rotto Vedi la vecchia versione link rotto
BËL (00)
BRÜ (00)

CosmicJocker
Opera: | Recensione: |
Non conosco ma scrivi cose sempre molto interessanti..
BËL (01)
BRÜ (00)

TheJargonKing
Opera: | Recensione: |
La vita musicale di ognuno di noi ha sempre risvolti interessanti
BËL (01)
BRÜ (00)

lector
Opera: | Recensione: |
Grande gruppo i No Strange!
BËL (00)
BRÜ (00)

caesar666
Opera: | Recensione: |
Sopra il link per chi fosse interessato ad acquistare il libro a visitare il sito di Area Pirata
BËL (00)
BRÜ (00)

Pinhead
Opera: | Recensione: |
Come per gli Elefanti Effervescenti. In aggiunta, citerei Technicolour Dream e filiazione.
BËL (01)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: