Delorean
Subiza

()

Voto:

Deloran, una macchina del tempo che spara le vostre sinapsi direttamente alla fine degli anni '80 quando, d'estate, Ibiza diventava magicamente il centro del mondo...

Sì lo so questa mia affermazione è decisamente paracula e stupida, però mi pareva suggestiva e divertente e non ho resistito. Fra l'altro come avrei potuto resistere al paragone balearico con un gruppo che viene dalla Spagna (fra l'altro dai Paesi Baschi, a Nord, un posto che c'entra una mazza con le Baleari) e fa musica elettronica ballabilissima? Però, vabbè, sono un paraculo altresì perché non ci sono nemmeno mai stato da quelle parti e tantomeno so che tipo di musica ci vada per la maggiore.

Tuttavia, nella mia immaginazione sogno che quei posti, quelle spiagge calienti, quei club enormi e colorati, quelle luci dei dj-set sulla spiaggia, quei colori di enormi cocktails profumati suonino proprio come questo disco.

Subiza (dal nome del paese della Navarra dove è stato registrato) non è un semplice disco di leggera musica elettro-pop-dance-indie (il paragone più prossimo sono i Vampire Weekend più elettronici) bensì è una straordinaria raccolta di suggestioni esotiche: freschissime coloriture di synth, melodie zuccherose, flussi canalizzatori per le vostre chiappe, percussioni crescenti e liberatorie, gioiose vocine riprocessate, versi di gabbiani che si stagliano su un tramonto sonoro da urlo...

E' una musica cristallina, come uno splendido mare tropicale in cui tuffarsi a bomba per schizzare la nostra gioia contagiosa. E' un'opera molto omogenea, sì, ed è questa la sua forza, dall'inizio alla fine non c'è un solo calo di ritmo: basta pigiare il tasto "repeat" e siete in paradiso. Anche se non state ballando, vi potete sdraiare e chiudere gli occhi per seguire le belle trame sonore pluristratificate e immaginare di non stare da soli nella vostra cameretta ma su uno yacht con un/a figo/a sudaticcio/a da urlo al vostro fianco.

Provare per credere: questo disco vi porta nella Ibiza della vostra mente che credo sia sicuramente più bella, economica e priva di malattia veneree di quella vera. E come potrebbe essere altrimenti con titoli che sono tutto un programma come "Endless Sunset", "Warmer Places", "Simple Graces", "Real Love", ecc. 

Però, certo, se lo ascoltate in una situazione poco allegra (tipo a lavoro dopo le ferie, con il condizionatore rotto) proverete la spiacevole senzazione che qualcuno si stia divertendo alle vostre spalle... però chissenefrega: d'estate questo è sicuramente il miglior album che vi possiate portare in vacanza.

Orsù, affrettatevi, zompate in questa speciale Delorean DMC-12 potenziata al plutonio con i suoi 1.21 Gigawatt di sballo danzereccio, che la bella stagione incombe!

 

Questa DeRecensione di Subiza è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/delorean/subiza/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sette)

UhuhPanicoUhuh
Opera: | Recensione: |
Indie Pop di centro-destra? :)
BËL (00)
BRÜ (00)

Yosif
Opera: | Recensione: |
bella recensione per un disco veramente brutto.. 1.5 per "come wander"!
BËL (00)
BRÜ (00)

geb
geb
Opera: | Recensione: |
oh, mi hai incuriosito...plauso per la frase: "questo disco vi porta nella Ibiza della vostra mente che credo sia sicuramente più bella, economica e priva di malattia veneree di quella vera"
BËL (00)
BRÜ (00)

TheJargonKing
Opera: | Recensione: |
bella copertina, nient'altro, credo.
BËL (00)
BRÜ (00)

Frankie89
Opera: | Recensione: |
Dai, Yosif, l'hai visto che bello è il video di Stay Close? Ti fa venire voglia di andare al mare o almeno di gonfiare la piscinetta colorata di quando eri bambino e farci ciaf-ciaf dentro... Certo, ripeto, se sei in sessione d'esami o le ferie le vedi col cannocchiale ti fa solo rosicare abbestia...
BËL (00)
BRÜ (00)

giovanniA
Opera: | Recensione: |
magari provo ad ascoltarlo.. se funziona come stacco tra ascolti più impegnati(vi), potrebbe essere ok
BËL (00)
BRÜ (00)

MAH!
Opera: | Recensione: |
Questiqquì li avevo lasciati che facevano i cloni dei Cure, ora noto che hanno deciso cosa fare da grandi. Sinceramente la tua rece (ottima) meritava un altro disco. Decente solo il pezzo d'apertura, poi una cosetta scialba uniforme fino alla fine.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: