Sto caricando...

DJ Muggs The Black Goat
Dies Occidentum

()

Voto:

DJ Muggs The Black Goat ‎– Dies Occidendum (Sacred Bones Records 2021)

Genere: Hip Hop

Il produttore discografico Lawrence Muggeroud, in arte Dj Muggs, è un musicista poliedrico che da anni collabora con grandi artisti, Beastie Boys, Tricky, Janet Jackson e tanti altri, ma va ricordato, innanzitutto, per aver dato vita, nei primi anni 90, ai Cypress Hill seminale gruppo rap. Louis Freese e Senen Reyes lo affiancano in questa prima avventura in cui ci racconta la sua adolescenza randagia, vissuta pericolosamente per le strade di Cypress Ave, a South Gate, Los Angeles. La collina dei cipressi, Cypress Hill, appunto.

Dal 1997 pubblica dischi e singoli da solista esplorando e cercando di alzare sempre più l’asticella della musica rap/hip-hop. DIES OCCIDENDUM è il suo ultimo lavoro e mi sembra particolarmente interessante sin dalla copertina in stile basso medievale, quasi a voler profetizzare alla civiltà ormai smarrita, un ritorno a tempi tragici segnati da miserie e sventure. Il disco è composto da dieci brani strumentali perfettamente amalgamati che miscelano al meglio atmosfere dark hip-hop, ambient e psych rock con elementi moderni di trap, una varietà stilistica veramente unica nel suo genere. Oscuro e inquietante, dominato da sintetizzatori bass-heavy e batteria sincopata. Ai cori dolorosi di “The Chosen One” delimitati da loop di piano stile horrorcore si alternano voci e richiami ad immagini di vecchi film horror. L'intero disco suona come un 45 giri fatto girare a 33.

"Nigrum Mortem" ha una cadenza più distorta in quanto incorpora il suono di chitarre doom stoner e una base di organo che si intreccia con una linea di batteria free jazz dal suono smorzato. “Transmogrification” che chiude l’album è caratterizzato, in gran parte, dal frinire dei grilli e dal crepitio di qualcosa che brucia, probabilmente legna in un camino di un antico maniero.

C'è un po' di Burial e un po' di DJ Shadow nello stile di Muggs, lo stesso tipo di energia; e se riusciamo a mettere da parte alcuni pregiudizi (lo dico anche per me) nei confronti di alcuni tipi di musica, collochiamo tranquillamente, e spesso, DIES OCCIDENDUM nel giradischi, nel lettore CD nell’iPod o qualsiasi altro riproduttore di musica vi aggrada. Ne vale la pena.

Commenti (Tre)

ZiOn
ZiOn
Opera:
Recensione:
Collocherò questo lavoro dell'iperattivo Muggs da qualche parte. A me piaceva anche "Dust".

BËL 00
BRÜ 00

ZiOn: Ad ogni modo, il titolo corretto è "Dies Occidendum".
Embal
Embal
Opera:
Recensione:
Zione, hai ragione è stato un refuso. Cmq nella recensione è sempre citato correttamente.

BËL 01
BRÜ 00

Embal: Ho scritto con whatsapp e il tuo Nick è diventato Zione, scusa.
ZiOn: Va benissimo anche ZiOne, no problema!
puntiniCAZpuntini
puntiniCAZpuntini Presidénte onoràrio
Opera:
Recensione:
Minchia l"ultimo, ne ha fatto SETTE dopo questo, mica uno, sette. Forse 6 dai, non ricordo se Kilo è uscito prima o dopo di questo. Comunque 2021 sono questo, Kilo, Holy Ghost. Nel 2022 Gold e Cartagena EP 22, adesso esce Soul Assassins 3 e il singolo è fuori da un mese.

Tra l'altro, questo è senza dubbio il più brutto di tutti gli 8 (sí, otto) del 2021, con Rammellzee e Magician capolavoroni

BËL 00
BRÜ 00

puntiniCAZpuntini: Sopra 2021 mi son dimenticato di citare tutti gli LP (rammellzee, cartagena LP, winter 2) usciti dopo questo. Ho citato gli EP

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera